Inevitabile

Dove eravamo rimasti?

Come reagisce Emma alla situazione? Tenta la mossa disperata di rubare una pistola e di farsi spazio tra tutti e andarsene con Jack (44%)

Inevitabile.“Yago, sei arrivato al momento giusto! Legate anche lei: meglio tenerla sempre controllata” Ken stava impartendo gli ordini ai suoi due uomini mentre con un asciugamano inzuppato d’acqua ghiacciata cercava di lenirsi il dolore. Alla vista di Jack buttato per terra con le mani e le caviglie legate insieme sentì un sussulto nascerle dal cuore e arrivarle fino al centro del cervello. Ripensò a tutti quegli anni passati con lui, a come lui abbia sempre lottato e aspettato per stare con lei; alle sue parole, al suo voler esserci sempre, al suo modo di farle perdere la cognizione spazio-temporale quando la toccava e quando la baciava. Pensava a come si era innamorato follemente di lei vedendo ciò che lei era realmente dentro e pensò che non poteva perderlo, non poteva lasciarlo neanche per un istante.

Quando sentì le mani dell’uomo di suo marito prenderle i polsi si fece coraggio e con una mossa disperata gli tirò una gomitata e prese la pistola che aveva infilato dietro nei jeans. Ken e il serbo furono colti di sorpresa e non poterono impedire a Emma di prendere un coltello nel mobile della cucina dietro di lei, spostarsi verso Jack e di mettere in mezzo a loro l’uomo disarmato. “Jack ti prego chiama la polizia!” Anche lui era rimasto shockato a vedere la determinazione della sua amata e tremante ci mise un po’ a tagliare le corde; ma nel momento in cui si alzò in piedi anziché chiamare immediatamente prese Emma per un gomito e la trascinò fuori da quella casa per mettersi in salvo. Solo che mentre stava attraversando la porta di casa sentì un sibilo arrivare da dietro la schiena e poi un gran caldo all’altezza della spalla destra. Vide il sangue iniziare ad affiorare sui suoi vestiti e si sentì mancare l’equilibrio cadendo per terra sugli scalini davanti a casa. Emma vide suo marito e Yago avanzare verso di loro con la pistola ad altezza della sua testa quando Jack le sussurrò “Ti prego prendi il mio telefono e chiama! Mettiti al sicuro!” Ma alla visione del suo corpo che si stava ricoprendo di sangue chiuse gli occhi e impugnando l’arma con entrambe le mani sparò verso la pancia del serbo che venne così sbilanciato e fece partire il colpo in aria. Vide l’altro uomo darsela a gambe uscendo dalla finestra e rimase quindi con Ken davanti a lei e coi due uomini feriti distesi per terra. “Ti prego Emma non farlo!” lei non lo ascoltò minimamente e mentre si chinava per prendere il telefono di Jack non gli tolse gli occhi di dosso nemmeno per un istante. “Sì pronto? E’ un’emergenza, ci sono dei feriti con arma da fuoco, mi chiamo…” Appena chiuse la chiamata Ken le sussurrò “Emma ascoltami, io” “Zitto! Non ti voglio ascoltare! Lasciami andare via, voglio essere libera da oggi, voglio non dover pensare più a niente di tutto questo!” Furono interrotti dai lamenti del serbo che si facevano sempre più acuti e che stava riempiendo di rosso l’ingresso della casa. Fu allora che Emma si girò per guardare Jack e vide che aveva gli occhi chiusi e non si muoveva più di un centimetro. Iniziò a scuoterlo dalla parte senza la ferita e a chiamarlo ripetutamente ma non dava segni di vita. Sentì le sirene in lontananza avvicinarsi sempre di più a loro e quando finalmente vide l’ambulanza con ampi cenni fece capire che la situazione era critica. I paramedici caricarono subito lui e Yago sulla barella e corsero subito al pronto soccorso mentre la polizia fermò Ken e Emma. Alla vista delle forze dell’ordine un paio di vicini prese coraggio e uscirono per raccontare alla polizia quanto avevano visto e sentito.

Dopo una giornata passata in questura a Emma fu permesso di andare a trovare Jack, il quale dopo l’operazione di rimozione del proiettile stava decisamente meglio. Sorrise, lei gli prese la mano e avvicinò le labbra alle sue per baciarlo con delicatezza e spettinargli i capelli come era solita fare e gli sussurrò “Avevi ragione sai: ciò che siamo è davvero inevitabile”. E si sedette al suo fianco a guardare in silenzio l’inizio di un nuovo tramonto.

Categorie

Lascia un commento

90 Commenti

  • un finalone positivo 🙂 ! non immaginavo sarebbe riuscita a prendere le redini della situazione… e invece, donna d’azione questa Emma 😀
    bella storia, con un intrigo alle spalle che meriterebbe una seconda stagione 😛

  • Cavoli!!! Finalmente so cos’è l’Exodus! E… L’intreccio che s’è creato mi piace davvero tanto! Sono davvero in un bel casino però adesso 😀 E il tutto sta accadendo in una sola notte! Io però ho votato per il tentativo di prendere una pistola: voglio il colpo di scena finale e un’ultima ondata di imprevidibilità (e anche perchè sono romantica e voglio vederli insieme! 🙂

  • ah! scelta difficile quest’ultima, complimenti!
    direi il baratto della testimonianza. ok, non è la migliore, la più coraggiosa, ma forse è la più verosimile… (a rubare una pistola non ci proverei proprio, il serbo è troppo abile).
    è una bella storia, con questo velo di tristezza e rassegnazione.

    • Beh, rassegnazione… Caaaalma! 😉 Questa storia è stata costruita passo per passo, episodio dopo episodio, e siete voi che mi avete fatto arrivare fin qui… D’altronde se avessi messo tra le alternative “Jack e Emma vivono felici e contenti” e altre due opzioni più traumatiche non ci sarebbe stato il giusto equilibrio. La vita di tutti i giorni ci insegna che le storie alla “Mulino Bianco” non esistono e che le vere felicità possono arrivare solo dopo situazioni difficili e/o prezzi da pagare… Per la prima volta in questa avventura ho già in mente i tre episodi e per la prima volta posso divertirmi senza pensieri a leggere le vostre congetture 😀

  • Chiede a Ken di andare insieme in Cina per cominciare una nuova vita..
    In questo modo salva Jack.. e magari, dopo qualche tempo, potrebbe farsi viva..
    Secondo me sarebbe bello, nel caso vincesse questa opzione, lasciare il finale un po’ aperto e lasciare presagire un riavvicinamento tra Jack ed Emma..

  • riga dopo riga temevo venissero ricatturati! strana scelta quella di tornare alla casa… o forse è l’ultimo posto dove li avrebbero cercati?
    comunque ho votato per farli arrivare a casa di Emma, ma con Ken che è lì ad aspettarli.
    hey, il finale si avvicina!

    • beh tenendo presente che nello spazio temporale del racconto sono circa le 4 e mezza di mattina, tenendo presente che non vogliono andare dalle forze dell’ordine perchè non possono farlo, tenendo presente che hanno una voglia matta di stare da soli…! 😉 Che possa essere una scelta “a sorpresa” quella di andare a casa perchè sembrerebbe una cosa troppo scontata… Beh, ci può stare: mai dare le cose per scontato ;-P
      Già, tra due episodi deciderete come andrà a finire!

  • uuuuuh! Finalmente la chiave! Anche se adesso c’è il mistero Exodus (mi sa che dovrò aspettare l’ultimo episodio per avere tutti i misteri svelati 😀 )
    Per me (anche se vedo di essere in netta minoranza) Jack non vuole più scappare ma cercare di risolvere la questione all’istante. Anche se immagino che adesso che è di nuovo insieme ad Emma sarà difficile lasciarla nuovamente da sola…

  • Beh se io fossi Emma, vorrei che Jack trovasse un computer per capire meglio di cosa si tratta, e quindi agire di conseguenza con più informazioni possibili..
    Jack non mi sembra il tipo che agisce senza uno scopo preciso..
    Storia avvincente… Mi piace.

  • Io voto per vedere il sito subito più che altro perchè sono troppo curiosa di vedere una volta per tutte che cosa c’è dentro questa maledetta “chiave” 😀 Se Emma voleva consegnarla a Jack in qualche modo c’entra la loro relazione e se sono minacciati di morte dev’essere qualcosa di davvero importante!

  • prima il computer, fossi in Jack vorrei capire cosa c’entra Emma, in che guaio sono finito. anche perché il Serbo mi sembra tutto tranne che una figura con cui si può trattare.
    complimenti al sangue freddo di Jack comunque, grande azione con quel coltello!

  • non posso che votar la chiave USB, anche perché lascia spazio a tantissime possibilità visto il contenuto che potrebbe custodire. spionaggio industriale? spionaggio militare? terrorismo? nomi? numeri di conti bancari?
    questo serbo non lo vorrei incontrare neanche per sbaglio 😀

  • bellissimo episodio! ormai non posso più staccarmi dalla storia 🙂 sono nel bel mezzo della trama, e chi mi leva più? 😀
    voto che lei ha la chiave, sicuro. infatti la ferita più grande per Jack sarà capire che Emma non è sincera, o pulita, come lui ha sempre pensato. e in quell’attimo di tentennamento verrà di nuovo sopraffatto. i due si ritroveranno all’MI

    • grazie emme! E’ un onore ricevere i tuoi commenti dato che è stata proprio la tua storia a stimolarmi a mettermi in gioco! 😉
      Abbiamo scoperto qualcosa in più della psicologia di Jack in questi episodi, quella di Emma è ancora avvolta nel mistero. Ovvio, tutto adesso fa pensare al fatto che lei possa essere l’indiziata per capire questa storia (la nostra “chiave” 😛 ) ma come detto… Siete voi a scegliere il corso della storia 😉 Spero davvero di avere più riscontri possibili per vedere un feedback sempre maggiore 😀

    • ciao Luca! Grazie per i complimenti 🙂 sono felice che la mia storia continui ad appassionarti! E grazie anche per lo “spam” 😀 vedo sempre racconti con centinaia di punti e il mio rimane in un cantuccio… 😛
      Sì, concordo col fatto che sia un episodio cruciale… anche se io cerco sempre di rendere cruciale ogni capitolo! 😉

    • Grazie Pamela per avermi seguito anche in questo episodio! Mi piace questo tuo spirito direi quasi “romantico” per il quale tu dici che Jack conosce fin troppo bene Emma! 🙂 Magari i suoi due sequestratori sono stati colti alla sprovvista dal ribaltamento delle parti e adesso temono per la loro incolumità… Chi lo sa! Rimani con me e continua a seguire la storia!

    • 😀 beh io sono contenta se esprimi il voto in base a quello che sei te, perchè è proprio ciò che voglio: far sentire al lettore la storia propria e incanalarla verso la sua preferenza 🙂
      Jack deve scegliere in fretta cosa fare!

  • Sta salendo un’ansia incredibile…! Questo racconto mi piace un sacco. Ho votato per fingere che sappia dove é la chiave, ma non sarà semplice: deve inventarsi qualcosa, passare all’azione se no sarà anche peggio quando ai accorgeranno che ha mentito. Il serbo non scherza

    • Grazie grazie grazie per i complimenti emme! sono davvero onorata! Il serbo sta spaventando a morte Emma e soprattutto Jack, che deve sempre e comunque stare attento a distinguere atti di coraggio da vere e proprie cavolate che potrebbe fare. E’ difficile mantenere la lucidità in situazioni come queste se non si è abituati!

  • mi piace il racconto! E’ avvincente! Chissà se Ken diventerà parte integrante della storia o resterà solo marginale! Comunque sia io ho voluto premiare la sincerità seguendo anche i commenti di crideca! Non vedo l’ora che esca il quarto episodio!

    • Grazie Pamela per aver scoperto e iniziato a seguirmi! Ken potrebbe diventare parte attiva della storia, dipende dalle scelte che prenderete voi lettori! 😉 Per il quarto episodio devi solo aspettare qualche giorno: non smettere di seguirmi!

  • Brava Crideca! Lo stile non si sente, quindi vuol dire che è perfetto e lascia che ci si concentri sul contenuto. Nel corso dell’episodio cresce la tensione. E l’azione la descrivi molto bene. La tensione finale poi è davvero palpabile. Mi è piaciuto moltissimo.
    Secondo me lui DEVE prendere tempo, quindi dirà che sa dove si trova, ma è moooolto lontana.
    E mentre cercheranno la chiave, troverà un modo per liberarsi. La difficoltà aguzza l’ingegno. E il desiderio di salvare la moglie super qualsiasi cosa.

    • 🙂 grazie Giulia per aver giocato col mio racconto! Jack è in difficoltà e deve capire cosa può fare. Di certo non sopporta l’idea di assistere inerme al pestaggio di Emma (memore anche di quanto gli è stato detto in stazione). Sono curiosa di vedere cosa vogliono i lettori! 😀

  • più leggo questa storia più riesco a visualizzarla, immagino la stazione, Emma che cammina…
    molto intelligente lei a intrufolarsi nel cancello aspettando il passaggio di qualcun altro. ma non mi aspettavo che venisse tramortita a sua volta!
    il povero Jack, pieno di botte, non lo invidio proprio.
    voto per mandare l’sms a emma, e potrebbe chiederle aiuto, dicendo alla polizia di tracciare il suo cellulare. mi sembra la soluzione più furba.

    • E’ difficile evidenziare ogni sfaccettatura della psicologia dei personaggi, la si scoprirà ad ogni episodio. Ma di certo la scelta di far andare Emma a casa di Jack le dona quel tocco di intraprendenza che di certo non la fa bloccare davanti ad un cancello chiuso 😉
      Entrambi i protagonisti in questo episodio subiscono violenza fisica: volevo accentuare ancora di più lo shock per ritrovarsi in una situazione non prevista.

  • Complimenti Crideca, un inizio da vera autrice! Sembra l’inizio di un romanzo. L’incontro alla stazione è preparato molto bene. Penso che sia più probabile che lei decida di andarsene, mal interpretando l’assenza di Jack. Ma non sempre votiamo quello che pensiamo… quindi ho votato perché la protagonista vada a controllare a casa di Jack, che è quello che vorrei che accadesse!

    • grazie luca! sono contenta che l’inizio ti sia piaciuto! Questa è un’avventura tutta nuova per me e spero di non perdermi via tra gli episodi! Comunque la mia prerogativa è rendere i personaggi i più umani possibili… A volte si fanno scelte dettate dall’istinto, a volte non si riesce aspettare di ragionare a freddo: tutto dipende da come il lettore interpreta la storia.
      Spero tu abbia stimoli per seguirmi nelle prossime puntate!

      • Assolutamente sì!
        Questa è stata la prima volta che mi sono reso conto di aver ritenuto corretta una risposta, ma di averne votata un’altra (anche se sicuramente l’ho già fatto in precedenza).
        Ho posto questa questione anche sulla pagina FB di The Incipit… dai un’occhiata!
        Sono d’accordo con te che la nostra umanità ci fa reagire spesso più con l’istinto, che con la logica e aggiungo… meno male!

  • Bell’incipit, mi piace!
    Stavo leggendo curioso immaginandomi le parole che si sarebbero detti Emma e Jack, quando é arrivata quella pistola alla schiena. Imprevista per Jack quanto per me, giuro!
    E ora? Avrei votato per far aspettare Emma, ma direi che poco dopo va subito a controllare a casa di Jack.

    • grazie per il commento e per il tempo speso a leggere l’inizio della storia! Beh è cruciale cosa decide di fare Emma, perchè ogni è una decisione che in ogni caso mescolerà le carte. Emma abbandonando la stazione “rischia” di lasciare il luogo dove doveva incontrare Jack… Non è così scontata come decisione, e m’interessa proprio sapere cosa la gente vorrebbe che faccia.

  • Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

    Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

    Chiudi