Lie

Dove eravamo rimasti?

Come si conclude la storia? Finale aperto (56%)

Paradiso – Inferno – LimboSemafori verdi che diventano rossi.
Semafori rossi che diventano verdi.
Le auto ripartono.
Trevor capisce cosa sto per fare, vorrebbe fermarmi, ma non ci riesce.
Il tempo rallenta, fino a fermarsi.
Immagini di Emily mi scorrono davanti agli occhi mentre vengo colpita da un’auto.

“Signora, si sente bene?”
Apro gli occhi, “Dove sono?” mi guardo intorno, la ruota panoramica.
Santa Monica.
Nessuna traccia di Trevor.
“E’ svenuta, vuole che le chiami un’ambulanza?”
“No, grazie.”
“E’ sicura di sentirsi bene?”
Sorrido, “Non mi sono mai sentita meglio.”
“Alice!” mi sento chiamare, è Scott con Emily per mano.
“Mamma, mamma!” mia figlia corre verso di me.
L’abbraccio. L’abbraccio fortissimo.
“Ehi, piccola.” mi sorride lui, “Emily si era persa nella libreria. Ho provato a chiamarti sul cellulare, ma era staccato. Hai trovato Trevor?”
Scuoto la testa, “Credo di essermelo immaginato.”
“E’ stata una lunga giornata. Che ne dici di tornarcene a casa?”
“Non facciamo un giro sulla ruota panoramica?” Emily mi guarda con i suoi enormi occhi blu, “Certo, tesoro, possiamo fare tutto quello che vuoi.”

A volte, vediamo solo quello che vogliamo vedere.
Crediamo solo a quello a cui vogliamo credere.
Quando una cosa ci sembra troppo bella per essere vera, di solito, lo è.
Io, Scott ed Emily.
E’ tutto perfetto, ma non è reale.
Dopo il giro sulla ruota panoramica, compro ad Emily un enorme porzione di zucchero filato.
Guardo mia figlia, è perfetta, ma non è mia figlia.
Però sono una madre, almeno in questa realtà.
Ripenso a quando non sapevo dove fosse Emily.
Un’altra donna, in un’altra realtà, sta patendo le pene dell’inferno.
Non sa che sua figlia si trova nel palazzo di Trevor, con un uomo che vuole rimpiazzare la sua bambina.
Come posso ignorarlo?
Come potrei vivere la mia vita come se niente fosse?
Certo, se restassi qui, con Emily e Scott, col tempo, potrei dimenticare.
Potrei continuare a mentire a me stessa e vivere una vita perfetta.
Il prezzo da pagare, però, sarebbe troppo alto.
Avevo fatto una promessa mentre ero distesa sull’asfalto.
Avevo promesso di cambiare, di non accontentarmi di sopravvivere, ma di vivere davvero.
Lo voglio ancora.
Voglio vivere.
Vedo Trevor in mezzo alla folla.
Do un bacio a Scott sulla guancia, “Arrivo subito.”
Cammino verso Trevor senza voltarmi mai indietro.
Non dico niente, lui annuisce.
Ci siamo sempre capiti anche senza parlare.
Siamo spiriti affini.
Gli prendo la mano e mi lascio condurre fino al molo.
L’acqua del mare è nera come la pece.
Non ho paura.
Volevo una seconda possibilità.
Ora che so come potrebbe essere la mia vita, voglio viverla.
Questa volta per davvero.
Prendo la mano di Trevor e annuisco.
Accenno ad un sorriso che lui ricambia.
Poi ci buttiamo… nel vuoto.

“Ed ora Alice Milholland ci leggerà alcuni brani tratti dal suo primo libro che, scommetto, sarà un successo!” Trish mi sorride passandomi una copia del mio libro.
E’ la mia agente ora, la morte di Trevor ci ha molto unito.
Sono nervosa, ma non voglio darlo a vedere.
Mentre tutti applaudono, Scott mi fa un cenno col capo ed un sorriso di incoraggiamento.
Ricambio il sorriso ed inizio a leggere mentre uno dei bambini scalcia.
Ebbene sì.
Sono incinta.
Gemelli.
Maschio e femmina.
Siamo ricorsi alla fecondazione in vitro, finalmente potevamo permettercela.
Non abbiamo ancora deciso i nomi.
Per il maschio ci piace Trevor.
Trevor mi ha salvato la vita, letteralmente.
Mi piacerebbe che mio figlio gli somigliasse.
Non so se Scott ha mai creduto del tutto al racconto della mia vita nel limbo.
A volte, non ci credo nemmeno io.
Mi dico che è stato tutto un sogno.
Un effetto dell’anestesia.
Eppure nessuno riesce a spiegare come facessi a sapere che il vicino di casa di Trevor avesse rapito una bambina di sei anni.
Giro la pagina. Qualcosa cattura la mia attenzione. Un biglietto.
Riconoscerei quella calligrafia tra mille.
Scott.
Che ne dici di Claire?
Mi accarezzo la pancia, Claire è un nome carino, ma io preferisco Emily.

Categorie

Lascia un commento

248 Commenti

  • Letto gli ultimi capitoli tutti d’un fiato e… beh. Geniale. Posso dire con esplicita invidia che vorrei averla scritta io, questa storia.
    Il finale mi ha ricordato molto Inception, mi pare che anche Luca più giù abbia espresso la stessa impressione.
    Complimenti, davvero. Forse la miglior storia letta qui.

  • Arrivo in ritardo, ma meglio tardi che mai. Condivido il pensiero di Luca, è una delle storie più belle e intriganti che ho letto qui su theincipit. La cosa che mi fa strano è che lo hai chiuso esattamente allo stesso modo in cui lo avevo immaginato.
    Complimenti vivissimi 😀

  • La vita perfetta nel limbo di Emily si inserisce in un finale perfetto. Una tensione pazzesca. Un capovolgimento di fronti incredibile. Mi ha ricordato quel recente film con Di Caprio in cui diverse realtà influiscono l’una sull’altra. Davvero un finale magistrale, emozionante, bello, intenso. Uno dei più bei racconti brevi che abbia letto.

    Luca, EnNEnN 2

  • aaaaaa che finale… bellissimo :)!
    lo so, lo so. avevo votato per una chiusura più drammatica, ma ora che leggo come hai scritto il finale aperto… beh, sono contento abbia vinto quell’opzione 😀

    mi ci voleva, ho amato “Lie” fin dall’inizio.
    bravissima Giulia!

    e vedo che parli di una futura nuova storia, te lo stavo già per chiedere 🙂

  • Grazie a tutti quelli che hanno giocato con la mia storia.
    Spero che il finale vi sia piaciuto.
    Mi sono divertita a scriverla cercando di non superare l’odiato limite dei 4000 caratteri, tagliando tutto il tagliabile e restando comunque abbastanza soddisfatta del risultato finale..

    Da gennaio ho intenzione di tornare con una nuova storia…

    Nel frattempo, mi piacerebbe comunque approfondire Lie, arricchire il racconto di un po’ di particolari che ho dovuto tagliare..

    Fatemi sapere se c’è qualche punto che vorreste che approfondissi/spiegassi meglio, se qualche scena stonava nell’insieme, cosa cambiereste..
    Attendo vostri commenti..

  • Sarebbe piu’ giusto votare per il finale aperto, oppure per un lieto fine come puo’ essere un risveglio dal coma, cosi’ da regalarci una storia che lascia del dolce in bocca al posto dell’amara realta’, ma proprio perche’ la realta’ e’ amara, la vita vera non ha sempre un lieto fine, voto per il coma. se poi riuscirai a creare lo stesso un finale da sognatrice, di quelli che ti fanno sperare, allora sarai per sempre una grande scrittrice, sicuramente una delle mie preferite.

  • Alice si sveglia e cerca di salvare la piccola Emily…quella vera e con la consapevolezza che nulla avviene per caso…ci sara’ il lieto fine?Mi auguro proprio di si’.Brava Giulia anche questo capitolo mi ha tenuta incollata al monitor!

  • beh ma non vale, questa domanda finale è difficilissima! ci lasci in mano davvero TUTTO 😀
    ho dovuto rifletterci sopra davvero tanto tempo, alla fine (non odiatemi) ho votato per Alice che non si sveglia dal coma, che resta con Scott e Emiliy in questa non-realtà che si è creata. ok, lo so, sarebbe un finale triste, però hai raccontato così bene questa sofferenza di Alice lungo i capitoli che mi sembra il finale più giusto.
    sei stata bravissima comunque, perché sei sempre stata in grado di gestire dei repentini cambi di trama e alla fine hai confezionato una storia che si chiude perfettamente, senza incoerenze o parti deboli. chapeau!

  • Wow, divorato! (Deglutisco mentre lo dico) Te l’avevo detto che sarei stato presente per il gran finale. Hai un’abilità sorprendente nell’alternare alti e bassi, senza mai far scemare la tensione. Stessa cosa per i cambi di prospettiva. Mi hai praticamente imprigionato nella narrazione, non ho avuto la forza di dire: “questo episodio lo leggo più tardi”. Anche il tema è molto affascinante, spesso mi domando se questi stati di alterazione mentale siano transiti momentanei (o permanenti) in dimensioni parallele. Lode a te ragazza. Davvero notevole. Bravissima!
    Adesso vorrei dare il mio contributo al grande epilogo, non ho ancora deciso, ma credo che opterò per il finale aperto. Vediamo se hai altre sorprese in serbo. Magari questa NDE non è effettivamente quello che sembra 🙂
    Ancora brava.

  • Che dire? Davvero complimenti per questo episodio.. sempre più colpi di scena!! vedrei bene anche una trasposizione cinematografica!! ehehehe.. Cmq ho letto più racconti interessanti qui che in libreria ultimamente!!! Ragazzi siete strepitosi!! Lie, La sedia, Gelidi Enigmi, Ladri di anime… e mi leggo volentieri anche tutti i rosa…

  • wow, che colpo di scena, è vero. e sta benissimo!
    questa storia merita tutti gli incipoints che ha, mi tiene bene incollato allo schermo 🙂

    ho votato per l’incidente d’auto, come a chiudere un cerchio, come se fosse un tema che torna. ma vedo che il suicidio è quello che va per la maggiore; altrimenti avrei votato proprio quello.

  • (Certo che il personaggio di Alice è proprio sfigato…! XD)

    E quindi, con chi sta parlando Alice? Una persona reale che si è spacciata per Trevor, o è ancora tutto frutto della sua immaginazione, della sua pazzia? E se, invece, è realmente Trevor, ma ha finto il suo suicidio?
    Con tutti questi continui colpi di scena, questo racconto è proprio conturbante! ; )

  • Credo che l’unico psicopatico sia Trevor. La freddezza con cui ha accolto il furto del libro mi fa pensare a un piano di vendetta pianificato nel migliore dei modi. Può aver fatto del male ad la figlia e Scott ed inscenato tutto questo per vendicarsi e riappropiarsi nel peggiore dei modi della paternità del suo libro.
    Dunque, mi auguro che Alice fugga e scopri tutto… prima che sia troppo tardi.

  • A questo punto direi che il fulcro della vicenda sta nell’incidente e in quel che si sono detti poco prima Scott e Alice….come scoprire se Alice e’ davvero prigioniera della sua pazzia?..oppure se Emily esiste veramente?..Parlando con Scott…voto quindi per Scott
    sopravvissuto all’incidente anche se paralizzato….Aspetto ulteriori sviluppi…Lodi,Lodi e ancora Lodi!

  • Mamma mia. Scrivi proprio bene, i miei complimenti.
    E la storia è… è… destabilizzante, ecco. Come suppongo tu voglia che sia. 😉
    Io anche sono dello schieramento che vuole Alice sana di mente… oalmeno ci spera! Però stavolta non so proprio cosa votare… mi prendo ancora un po’ di tempo. Complimenti ancora, comunque! 😀

  • Ogni volta mi sento sballottato nella storia. Mi sembra di capire lo stato di Alice. Povera. Chissà quando realizzerà che Scott è morto nell’incidente. O forse sarà l’inizio della sua rinascita e l’inizio di un nuovo libro.
    Pensate se Alice migliora e decide di scrivere una storia su THe iNCIPIT 😀

  • Non so ancora quale sia la realtà e quale la finzione, ma vorrei che Alice avesse ragione e che la sua verità fosse reale. Comunque ho votato per Scott non sopravvissuto, mi sembra meno doloroso del fatto che sia paralizzato e il divorzio non mi intriga.
    Brava Giulia, bello questo racconto!!

  • Bello. Spiazzante. Brava Giulia, anche secondo me tutto va in un crescendo di tensione. Mi piace tanto questo racconto, perché affronti un tema (come anche nel mio racconto) dove in tanti hanno già scritto, ma lo fai con inventiva. Nel senso che non si ha la sensazione di leggere qualcosa di già letto, e questo vuol dire tanto. Aspetto con ansia il prossimo capitolo (anche tu sei veloce vedo) 🙂 io sono un po’ cattivo, ho votato per Scott paralizzato…morto mi sembrerebbe naturale, divorziati possibile, ma paralizzato angosciante (quasi peggio che morto in alcuni casi)…
    continua così. Mi piace molto anche la tua grammatica 🙂

  • Mentre lo leggevo continuavo a sperare. Non riesco a togliermi dalla testa che vorrei che fosse Alice ad avere ragione. Vorrei che fosse la sua realtà quella veritiera. E vorrei che i cattivi fossero quelli intorno a lei, che stanno facendo tutto solo per oscuri interessi. Ma forse mi rende conto che non possa essere così.
    Mi spiace per Scott, ma credo non sia sopravvissuto all’incidente.

  • Direi che il mio é il primo voto !! Ho votato per Scott paralizzata .. Che questa sia realtà o finzione non mi va di sentire di coppie divise…Quale sarà la realtà ?? Sono curiosissima !!!! Il tuo stile migliora ogni volta .. Avvincente, incalzante !!! Bellissimo !!

  • che brutta cosa ha fatto Alice, immaginavo fosse quello 🙁
    comunque mi piace come rendi questa confusione mentale, mi ricorda i personaggi sdoppiati Sliding Doors anche se magari non c’entra moltissimo 😀

  • Trama calibrata alla perfezione. Gli ha davvero rubato il libro? Esiste o no la figlia? Sta succedendo di nuovo? Le domande si affollano nella mente del lettore.
    Infatti ho votato a favore della comparsa dello psichiatra, con la speranza che ci aiuti a capire. Ho però un brutto presentimento: che saremo scaraventati in dubbi ancora più amletici.

  • bello questo quarto episodio, ho immaginato tutta la scena.
    direi che non trova Trevor, tira fuori il telefono per chiamare Scott, o la polizia, sta alcuni secondi a guardare lo schermo, poi lo mette e via e decide di indagare da sola. è testarda, e crede di risolvere meglio la cosa… ma non sarà facile come pensa.

    complimenti per il primo piano in homepage! meritato!

  • Uffa fremo di curtiosità e voglio un dialogo con Trevor! quindi ho votato “trova Trevor”!! inoltre bisognerebbe capire questi flash che ha Alice..inizio ad avere un dubbio ;))) sempre più avvincente!!!! aspetto la quinta parte! stile incalzante, bravissimaaaaaa!!!!!!!

  • Bellissimo il passaggio da una scena all’altra.. prima è all’ospedale.. poi, il buio.. e si risveglia con trevor… mi piace molto questo passaggio su “più livelli” della storia…
    Io voto perchè trovi trevor… ma magari Emily non è con lui!!

  • Ho letto tutti insieme i primi tre capitoli!!! Parte leggermente lento (perché c’è da spiegare bene il carattere dei protagonisti e la situazione, e tu lo fai egregiamente), creando personalità complesse in poco spazio (4000 battute, io sforo di continuo, e non so perché, ma penso anche tu sia costretta a tagliare, vero?) 🙂 ma piu’ leggi,piu’ vieni preso da un vortice, la situazione peggiora, restano gli interrogativi (cosa avrà visto nel computer di Trevor) e soprattutto, perché le ha detto bugiarda? chi è Trevor? Trevor esiste? molti interrogativi aperti. Sono contento di averti iniziato a leggere, aspetto il quarto capitolo 😉

  • Ottimo anche questo terzo capitolo, la trama si infittisce e aumenta il mistero e la voglia di leggere ancora.. mi piace molto il tuo stile.. le frasi breve, le pause della punteggiatura e dell’andare a capo.. le sfumature del carattere della protagonista, sempre fragile ma con un nuovo look sofisticato..
    Ah mi sono trovata molto indecisa sulla scelta… sarei curiosa di sapere cosa preferiresti come prossimo scenario!

  • Anch’io ho votato perché lei rimanga da sola col portatile! secondo me non lo apre subito, ma in un momento di debolezza ruba il pc nella speranza di trovare idee per finire quel suo romanzo. Ovviamente Trevor non la prende bene anche perché ci sono informazioni molto personali che non devono sapersi

  • Brava! Scrivi molto bene!
    Io voto per lei che rimane chiusa nello studio con il portatile… ma verrà scoperta. Oppure lei scoprirà qualcosa che avrebbe preferito non sapere. Si pentirà di aver varcato la soglia.

  • sempre più avvincente!!! anch’io ho votato per il tradimento …siamo un branco di filo-fedifraghi !!! però possibile che capiti il tradimento ed il furto del romanzo? Trevor nutrirà qualche sentimento per lei? ;))

  • Intrigantissimo l’inizio e la protagonista che prega sull’asfalto….bello, bello, bello!! chi é questo Trevor? ho votato per il flashback però anche un dialogo non mi sarebbe dispiaciuto!!! non vedo l’ora di leggere il secondo episodio!

  • bel soggetto, mi piace
    anche io sono in minoranza, votando Alice che parla con Trevor
    non vedo l’ora di capire che si nasconde dietro a quel suo “Bugiarda”.
    e la figura di Scott è davvero così perfetta e innocente? 🙂

  • Bella! Questa storia promette bene!
    Ho votato Alice che cerca Trevor ma lui non c’è… però sono in minoranza 🙂
    Secondo me c’è qualche mistero intorno all’incidente. E lui comincera a ricattarla

  • Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

    Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

    Chiudi