Il Torneo dei Rock Guerrieri (o il ritrovamento del drago)

Dove eravamo rimasti?

Il drago scomparso è stato ritrovato! Ma tra Ben e il ritorno a casa c'è di mezzo un maledetto lucchetto. Come riuscirà l'impavido giornalista a liberare Neil? Imitando un famoso personaggio televisivo, Ben scassinerà il lucchetto utilizzando una delle quattro chiavette del basso di Liam Igghy. (56%)

Dove tutto è consentitoMi accasciai a terra, disperato, iniziando a parlare con Neil come fosse un caro amico. «Penso proprio che ce ne staremo qui, bello mio» dissi sospirando. Il drago sbuffò, affondando l’enorme testone tra le zampe, sconsolato.
«Almeno non sei più costretto a scavare. Ma poi erano davvero autentici vichinghi? Venivano da lontano per partecipare al Torneo dei Rock Guerrieri?» Neil sbuffò ancora, forse innervosito dalla mia parlantina.
«Senza chiave non posso fare niente». Continuai a parlare, fino a quando non decisi di adoperarmi in qualche tentativo. Osservai meglio il lucchetto che costringeva la creatura alla quasi completa immobilità. Quel marchingegno era grande quanto la mia testa. «Potresti scioglierlo con un soffio d fuoco, che dici, Neil? Non servirebbe nessuna chiave» ma Neil scosse la testa, avvilito.
Era come un grosso cucciolo, bitorzoluto, con un paio di narici che di tanto in tanto spruzzavano nuvole di fumo. I draghi sono creature meravigliose e sorprendentemente mansuete. Non dimenticherò mai Neil, anche perché grazie a lui ritornai a respirare l’aria fresca del mondo.
Centinaia di metri sotto il lago, nudo e solo, trovai il modo di liberare quella mitica creatura. Le chiavette del basso di Liam Igghy erano abbastanza grandi da adattarsi completamente alla serratura del lucchetto. “Scusa, caro Liam, ma è questione di priorità” pensai mentre staccavo una delle chiavette dallo strumento del vecchio rocker. La stringevo forte tra pollice e indice. «Apriti, forza, apriti!»
La chiavetta stava quasi per piegarsi, probabilmente si sarebbe spezzata dentro la serratura, ma quando stavo per perdere le speranze il lucchetto emise un sonoro CLICK e scattò, cadendo per terra con un tonfo.
Gli occhi di Neil si spalancarono all’istante, profondi, gialli. Il drago emise un ruggito liberatorio. Si scosse, sollevandosi sulle zampe grosse quanto colonne di marmo. Lo guardavo tremando, nella speranza che si ricordasse di me, il suo salvatore. «Buono, bello» balbettai, immaginando di comunicare con un cane particolarmente esuberante.
Gli occhi gialli mi fissavano. Neil piegò il capo, esaminandomi dalla testa ai piedi. Mi trovava ridicolo? Voleva mangiarmi? «Buono, bello».

Dopo aver visto morire la sconosciuta e bizzarra Guardiana delle Foglie Verdi, pensai alle ingiustizie, a tutte quelle cose brutte che accadono senza che si possa fare qualcosa per impedirle. Quando il drago spiegò le ali e superò a stento la caverna spugnosa per arrivare alla cascata che dava sul lago, ripensai alle parole di Janis…

Benvenuti viandanti
Nel colorato gorgo
Non fatemi del male

Con una spinta sulle zampe posteriori, Neil si scaraventò verso la cascata. Superò l’acqua con un balzo e finì nei flutti scuri del lago, volando… nuotando verso l’alto. Io ero ancora nudo, stretto attorno al collo possente del drago, trattenendo il fiato. Dopo un tempo indefinito, Neil emerse dal centro del vortice d’acqua, esibendosi in una spettacolare piroetta e in un ruggito rivolto al cielo azzurro.
Ritornai finalmente a respirare.

Il Torneo andò alla grande anche senza Vichinghi, squalificati, almeno per quella edizione. Neil lo affidai a una squadra di esperti, che dopo diversi controlli medici lo riportarono a casa, da qualche parte nelle Terre del Nord. Non lo rividi mai più.
Il mio racconto sul ritrovamento del drago risulta ancora oggi il più letto sulla rivista Tits in Bra. Ero un giornalista sconosciuto, all’epoca, ma quell’avventura fece conoscere al mondo della musica il Torneo dei Rock Guerrieri, meraviglioso e senza limiti, dove tutto è consentito.

Categorie

Lascia un commento

103 Commenti

  • Ehilà! Allora… Al primo capitolo non avevo capito bene il genere del racconto, però poi mi è piaciuto sempre di più, costringendomi a leggere tutti i capitoli uno di fila all’altro! 😉 Quindi complimenti!
    Ah, ho votato per la spugna insonorizzante! Magari se la può addirittura legare sotto i piedi o qualcosa di simile (se ci sono dei punti senza spugna) per non farsi sentire 🙂

    • Avevo in mente altro, ma a questo punto anche a me non dispiacerebbero le ali XD

      Ora che ci sono svelo un piccolo retroscena. Da buon grafomane ho scritto l’episodio superando il limite di battute consentito, e l’ho scoperto solo quando ero in procinto di caricarlo sul sito. Per questo ho dovuto eliminare tutta la scena della battaglia e modificare alcuni punti. Perlomeno tutto fila, credo, e il sondaggio ha lo stesso senso! 😀 dovrei riuscire a inserire la parte eliminata nel prossimo episodio.

      ti ringrazio!

      PS ricevuto! 😉

    • ps: marco, un consiglio, ti conviene cliccare su “Replica” al di sotto dei singoli commenti che ricevi… la tua risposta si anniderà in risposta ai loro, come sto facendo io con la tua, e così riceveranno una notifica via email che gli hai risposto!

  • Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

    Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

    Chiudi