Macchie rosse su un pavimento di sanguE

Dove eravamo rimasti?

Qual è il prossimo frammento della vita di Mina? Ora Mina ha ventiquattro anni ed è la sera della mostra. (78%)

DueOra Mina ha ventiquattro anni.
La sua stanzetta non è più arancione perché non è più quella dove ha vissuto per tanto tempo.
Il soffitto è alto e la stanza fredda. Il termosifone troppo piccolo. Il corridoio troppo lungo. In fondo, la porta di legno dell’ingresso scricchiola sempre. Anche il pavimento in alcuni punti sembra fatto di gomma: affonda leggermente. Ernesto le ha detto che in molte case di San Salvario i solai sono ancora fatti di legno perché le case sono vecchie e rimaneggiate e questo le farà scricchiolare per sempre. Così la notte quando tutto dorme, ogni più piccolo rumore nelle altre stanze della casa è giustificato così da non far paura.

Il vecchio scricchiola sempre.

Alla mostra di Giorgio, Mina arriva con Giulia. Giulia ha i tacchi alti e si regge a Mina quando scendono delle scalette metalliche illuminate dal basso con dei neon. Un unico suono accompagna ogni gradino fino ad arrivare ad un pavimento rosso. Un linoleum soffice dove i tacchi di Giulia affondano come unghie nella carne. Il soffitto è basso, troppo basso. Mina è costretta a camminare con la schiena piegata come se sopra di lei ronzasse una sciame di mosche. Lo spazio è largo, ma basso. Il suono è continuo, insistente e scava dentro. Giulia dice qualcosa, ma è impossibile sentirsi. Allora indica qualcos’altro e Mina vede in fondo alla stanza persone tagliate a metà. Ne percepisce l’interezza: i piedi, le gambe, i fianchi, ma poi all’altezza della pancia, succede che le vede spezzate.
Lo sciame di mosche e il suo ronzio, le persone spezzate e Mina.
L’unica cosa da fare è camminare. Camminare.

Poi Mina capisce tutto. Un trucco.

Il soffitto smette di essere basso e diventa alto d’un colpo, come un gradone alla rovescia. Il suono diventa meno intenso e la gente spezzata smette di essere spezzata. Le persone tengono in mano i loro bicchieri e chiacchierano davanti a quadri e sculture, il pavimento non è cambiato. Mina lo guarda: è di un rosso intenso.

Due ragazzi si avvicinano e Giulia smette di reggersi a Mina. I loro odori si mischiano a quelli delle ragazze, i loro fiati si attorcigliano a mezz’aria. Mina si allontana.

Il quadro.
All’estremità destra una figura dalle proporzioni impossibili: una marionetta che allarga le braccia lunghe e scheletriche come a voler dire: ogni cosa, morirà sotto di me. Dall’altra parte, esseri goffi e grotteschi, parodie acquatiche squamose, metà uomini e metà bambini, volgono i loro lamenti ciechi verso nubi liquide nere e rosa. A separarli geometrie precise: alternanze di neri e bianchi come su una scacchiera e schemi numerici ingrassati di fango e imbrattati di sangue.

Mina è davanti a Macchie rosse su un pavimento di sangue, olio su tela 3 metri per 1.

Dietro di lei un uomo esiste, immobile.
Il suo vestito nero, elegante, impeccabile. La posizione dei piedi precisa, corretta, stabile. La perfezione dei suoi denti allineati, senza spazi tra l’uno e l’altro.

Le sue braccia lentamente si staccano dal corpo, ruotano intorno alle spalle come tirate verso l’alto da fili invisibili e si dispongono in orizzontale rispetto al pavimento e i polsi tesi si alleggeriscono di colpo, come spezzati.
Mina si gira di scatto e lo vede in faccia. La sua bocca aperta è un buco nero nel suo volto.
Lo sciame di mosche è come se fosse pronto a ritornarle addosso dal fondo di quella tana che è il buio profondo della sua gola, i suoi occhi sono bianchi e senza pupille. Mina mette le mani davanti, piega la schiena, fa un passo indietro e chiude gli occhi.
Forse urla.

Qual è il prossimo frammento della vita di Mina?

  • Ora Mina ha ventidue anni ed è il giorno della sua laurea. (18%)
    18
  • Ora Mina apre gli occhi. (47%)
    47
  • Ora Mina ha diciotto anni ed è il suo compleanno. (35%)
    35
Loading ... Loading ...

Categorie

Lascia un commento

147 Commenti

  • Lo stile con cuil scrivi da al racconto il ritmo di una tetra litania … strisce di sicuro l’effetto di incutere nel lettore disagio e paura. Non facile scrivere storie del genere horror sì cade spesso nel comico se non sì rispettano alcuni canoni e registri di scrittura. Ritengo ché tu sia riuscito a trasmettere la giusta dose di angoscia e paura… Bravo! Voto per la terza opzione.

  • Dopo l’amabile conversazione sui Masters non ho potuto non leggerti 🙂 non so, dalla foto e dai commenti mi aspettavo fosse un racconto horror/ironico, invece mi fai davvero cagare sotto!!! Con queste atmosfere cupe, queste visioni tremende, complimenti!! Inizialmente ho pensato a lei in casa da sola, poi ci ho ripensato e volevo darle un po’ di vita sociale e chiacchiere, allora ho votato con l’amica…
    Complimenti!

  • Devo confessare che non amo i racconnti horror, ma questo che ho aperto per curiosità e ho letto tutto di seguito mi ha presa mio malgrado. Anzitutto è scritto bene e non è poco. Insomma quando ci sarà il prossimo episodio? Anche se ho vtato in netta minoranza, ciò non vuol dire che non abbia diritto a sapere come procede ‘sta storia…

  • Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

    Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

    Chiudi