All’ Interno dell’ Aria

Una Sorpresa ScomodaLa sala era stracolma di gente, e ancora, ospiti continuavano ad entrare fermandosi ad ammirare il gigantesco quadro che raffigurava Poseidone e il suo leggendario tridente dominare il mare: tra galà e perle giganti, al Garden Palace Hotel, nonostante la serata fosse tremendamente fredda e piovosa, si stava celebrando la cerimonia annuale per la premiazione del miglior chef della città. Erano presenti molti ‘big’ della città, rigorosamente accompagnati dalle loro mogli che super agghindate dai soliti gioielli da first lady , scrutavano dettagliatamente tutto e tutti. Jimmy si trovava lì per sbaglio, quel giorno il capo della sua vicina aveva ceduto l’invito cosi da poter scrivere lo scoop sul First Time Magazine, la rivista per cui Hellen lavorava. Lei aveva bussato qualche ora prima all’appartamento di Jimmy e concesso a Forward quindici minuti di tempo per essere il suo accompagnatore a quello che era l’evento più discusso quella sera in città: le doveva un favore e andò. Da quando era arrivato lì, non aveva più parlato con Hellen per più di due minuti:lei conosceva tantissima gente e si fermava a dialogare, uno dopo l’altro, con i moltissimi personaggi della serata, con le loro mogli, di tutto e tutti. Jimmy si era ritagliato il suo angolino vicino il tavolo del buffet, con il suo abbigliamento semi disordinato si chiedeva quando avrebbe avuto inizio la cerimonia, teneva dello champagne in mano e ogni tanto mangiava un oliva. Il brusio della sala era divenuto quasi fastidioso, la gente si era moltiplicata rispetto a quando lui ed Hellen erano arrivati, la premiazione infatti sarebbe dovuta iniziare a momenti. Jimmy stava mangiando l’ennesima oliva quando notò due uomini dal fare losco,erano anch’essi in smoking, catturarono la sua attenzione perché camminavano a passo svelto uno dietro l’altro, guardandosi intorno con fare goffo e sospetto, non erano per nulla convincenti: quei due stavano tramando qualcosa, Forward decise che sarebbe stato meglio tenerli d’occhio. Con molta nonchalance e il suo bicchiere di champagne si diresse verso il piano di sopra, da lì avrebbe goduto di una vista migliore., incrociò lo sguardo di Hellen, che stupita dai suoi movimenti fece come a chiedergli che stesse facendo, Jimmy fece il segnale della cornetta e inizio a salìre le scale, senza perdere d’occhio i due strani tizi.
Si appoggiò al corrimano centrale, da lì poteva vedere l’intera sala: i due uomini dopo essersi bisbigliatosi qualcosa presero improvvisamente a camminare, in due direzioni diverse. Uno dei due, quello più tozzo e pesante, andò verso l’uscita mentre l’altro quello che sembrava più trasandato, si infilò in mezzo la platea e si avvicinò ad un uomo sussurrandogli qualcosa all’orecchio: alla notizia l’uomo spalancò di colpo gli occhi, pareva inorridito, qualunque cosa gli avesse detto, quella non era per niente una notizia felice. Jimmy sapeva chi era, aveva visto quel viso in un articolo: Roger Murdok, amministratore delegato di un importante catena alberghiera era stato prosciolto dall’accusa di frode, l’articolo però sosteneva il contrario. Murdok scambiò due parole con la donna che era seduta accanto a lui, si alzò e raggiunse il tipo dall’aria trasandata e la loro discussione si accese, anche se con molta calma e freddezza per non farsi notare: sicuramente c’era in ballo qualcosa di grosso.

Cosa ha sussurrato quello strano tipo all'orecchio di Roger Murdox ??

  • Che la Tigre del Sudan era appena rientrato in città! (44%)
    44
  • Che la Polizia stava quasi per risalire alla loro organizzazione che riciclava denaro sporco. (22%)
    22
  • Che la sua catena alberghiera rischiava il collasso per uno scandalo che era appena avvenuto. (33%)
    33
Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

19 Commenti

Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi