Il mio nome è…

Dove eravamo rimasti?

Cosa fa il protagonista? Una telefonata cambia il corso della serata. (62%)

IrmaScuoto la testa per dimenticare quella voce, prendo una boccata d’aria profonda e mi preparo psicologicamente per la serata che mi attende. Ho deciso, non voglio più rinviare, per quanto attempata, Giulia è una donna affascinante. Lasciarmi sfuggire questa occasione sarebbe folle.
Bevo l’ultimo sorso di vino e mi alzo in piedi, ignorando il senso di intorpidimento che mi pervade. Nello stesso istante parte “Call me maybe” dalla tasca posteriore dei miei pantaloni. M’irrigidisco, osservo l’espressione sbigottita di Giulia e tento, con un gesto disperato, di fermare la suoneria del cellulare prima che tutti i presenti scoppino a ridere. Nella foga il telefono cade sul tavolo e l’effetto vibrazione fa aumentare ulteriormente il frastuono. Non c’è una sola persona nella sala che non mi fissi, chi infastidito chi sdegnato.
“Penso dovresti rispondere”, enfatizza Giulia, sistemandosi un ciuffo di capelli dietro l’orecchio. Ha l’aria seccata tipica di una professoressa davanti lo studente impenitente, in effetti mi ricorda l’insegnate di italiano che avevo alle medie: odiosa ma con una scollatura da urlo.
Rispondo all’apparecchio con un “ciao” stentato, so molto bene chi è: Irma. È stato Giorgio ad abbinare quella suoneria a lei dopo averla vista sul pianerottolo dei miei. È la vicina di casa di mia madre, una zitella oltre la cinquantina che non deve aver avuto nemmeno un uomo fisso in tutta la sua vita. Acida, volgare, pettegola e perennemente arrapata. Da ragazzino, io e i miei amici amavamo spiarla di nascosto attraverso la finestra del bagno; se ne andava in giro con vestaglie trasparenti e grossi bigodini, sempre circondata da una nuvola di fumo. Ancora oggi penso che lo sapesse, si metteva in mostra soltanto per noi e, negli anni, non è minimamente cambiata… una sola cosa si è trasformata: ora sono il suo schiavo.
“Sì, lo so”, rispondo piano, coprendomi la bocca con una mano. “Non stasera, sono impegnato.”
“Problemi?” chiede Giulia visibilmente scocciata.
Sono problemi e belli grossi. Io e Irma abbiamo un accordo: lei fa sparire i numeri di PostalShopping dalla cassetta delle lettere dei miei genitori, io le ubbidisco. Da bravo lacchè, devo essere disponibile a soddisfare ogni suo desiderio, e molto spesso i suoi desideri sono di una sola natura. La cosa peggiore è che ogni volta che m’intrufolo nel suo appartamento devo fare attenzione a non incrociare i miei, impresa ardua considerando che le porte d’ingresso sono una di fronte all’altra.
La voce, rauca dal tabacco, intima una sola, improrogabile richiesta: “Ti voglio vedere ora”. A nulla servono le mie scuse; la minaccia la conosco fin troppo bene e, ancora una volta, maledico il mio “ex” amico per avermi fatto partecipare a quella stupida selezione. “Devo finirla con questo lavoro e con una vita simile, non ne posso più”, penso, ma le parole di Giulia mi fanno tornare immediatamente alla realtà.
“Fammi indovinare, una zia gravemente malata ti vuole subito al suo capezzale.”
“Volevo dire nonna al posto di zia”, ammetto, arricciando di poco le labbra in un sorriso stentato.
“Beh”, continua lei, dando la carta di credito al cameriere, “spero che tua nonna ne valga la pena.”
Non riesco a capire se vuole uccidermi o se è davvero comprensiva, ma questa reazione mi lascia basito. “In realtà no, ma non ho scelta.” Abbasso il capo sentendomi improvvisamente in colpa, poi continuo: “Preferirei restare qui, credimi.” In parte è vero, anche se la voce di quella ragazzina non fa altro che amplificarsi nella mia testa. Mi aveva chiamato vecchio e, dopotutto, non aveva torto.

Cosa succede?

  • La madre del protagonista lo vede entrare nell’appartamento della vicina (79%)
    79
  • Il protagonista va da Irma, ma si ribella alle sue richieste (21%)
    21
  • Il protagonista ha una notte di fuoco con Irma (0%)
    0
Loading ... Loading ...

Categorie

Lascia un commento

144 Commenti

  1. Io avevo optato per il pianto disperato, ero proprio curiosa di vedere come ne uscivi.
    Ma ti toccherà la scena del vomito mi sa… una bella figuraccia poverino!
    Certo che se i tuoi personaggi maschili potessero metterti le mani addosso, passeresti un brutto quarto d’ora! XD

  2. Ah, Lorena, provo a salvarti dal vomito, ma vedo che la percentuale del bacio è bassa…! XD Io l’ho votata perché troverei molto ironico il fatto che, proprio quando può togliersi dai guai e sfuggire alle catene che si è creato, lui si incasina ancora di più, andando a casa di lei, come un cane che si morde la coda.

  3. perdonami… capisco che per l’autore sia la più complicata ma l’hai servita su un tappetino.. hem volevo dire un piatto d’argento.
    Del resto dopo quella batosta essere sballottato in un’auto sportiva non è esattamente il massimo

    Ora son curiosissimo di leggere il prossimo

  4. Pover’uomo! Penso sia l’unico personaggio dei vari racconti di incipit a farmi tenerezza!è da dargli un abbraccio fraterno e dirgli che andrà tutto bene! Anche se la tentazione di scegliere di farlo chiamare dalla madre è stata troppo forte.Ma sono sicuro se la caverà egregiamente. Va a braccetto col protagonista di “bad karma”! dovreste mettervi in contatto per fare insieme una storia con tutti e due xD

  5. Sono troppo curiosa di leggere le scuse che si inventa il nostro incasinato protagonista per giustificare a “mamma” la sua visita alla vicina :D!
    La suoneria di “Call me maybe” m’ha fatto morire XD, un simpaticone l'”ex”amico!

  6. In quanto autrice puoi decidere pure di sopprimere il protagonista, cosa già vista e mai perdonata in altre tue opere… ma qua lo devi sopprimere in modo divertente per lo meno ;P E cmq sono curiosa di vedere come prosegue la storia di questo “povero uomo” assediato da donne che ci provano…. Con la carestia di figoni che c’è in giro mi pare pure normale che se ce n’è uno tutte si fiondino… 😉

  7. Gran calma signori e signore, conoscendo l’autrice si sta solo scaldando… a breve ne vedremo delle belle, ne sono sicura! Solo l’idea di uno che fa il modello di biancheria intima e viene perseguitato da donne assatanate è esilarante!

Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi