Il mondo di DataCom – EnN 3

I – Sotto controlloIsabella si inginocchia di fianco al cadavere del ragazzo che ha appena ucciso. Chiude gli occhi, scuote la testa, li riapre. Quando si sporge in avanti per abbassargli le palpebre, deve reprimere un conato di vomito. Ai tempi in cui si trovava sotto il controllo del nanochip DataCom, era diverso. Ora fa male: non c’è nessun impulso cerebrale che soffochi il dolore.

Gli fruga nelle tasche dei pantaloni: non ha nulla. D’impulso alza gli occhi a dove dovrebbe trovarsi la cassa, ma si ricorda che ormai i contanti sono fuori corso. Derubarlo dello smartphone sarebbe inutile: la scansione biometrica dell’apparecchio la segnalerebbe e si ritroverebbe una squadra di ricerca addosso dopo pochi minuti.

Gli strappa dal collo la catenella d’oro, prende il cibo, lo infila in un sacchetto e, circospetta, lascia il locale. Non appena svolta l’angolo della strada, nota due veicoli parcheggiati davanti al portoncino dello stabile da dove è uscita. Mario! L’hanno catturato, ne è certa. Ma come ha fatto DataCom a individuare la nostra posizione? Si guarda attorno e prosegue; attraversa la strada e si dirige in un vicolo dal quale può rimanere a osservare senza essere vista.

Numerosi agenti entrano ed escono dal portoncino. Il cuore le batte forte. D’istinto vorrebbe intervenire, ma sa di non aver scampo contro due squadre di uomini armati.

Nessuno dei passanti sembra badare al movimento degli uomini. Alcuni, dopo aver gettato uno sguardo furtivo alla scena, tornano a concentrarsi sui propri smartphone. Si augurano solamente di non essere i prossimi a essere catturati. Sono tutti terrorizzati!

Isabella è consapevole di doversi allontanare il più presto possibile. Mario è una causa persa.

Una mano le si posa con forza sulle labbra. Ne riconosce l’odore della pelle. Non può essere, pensa, quasi sentendosi mancare dalla felicità.

“Shhh, seguimi,” le dice Mario, prendendola per mano e conducendola nelle profondità del vicolo.

“Ma come…?”

“Ero alla finestra: volevo assicurarmi che nessuno ti stesse seguendo; ho visto arrivare i due camioncini e sono fuggito dalla scala di servizio. Mi sono nascosto. Quando ti ho visto attraversare la strada, ho perso del tempo per fare il giro dell’isolato. Ora andiamo!”

Si dirigono verso la periferia. Il movimento ordinato e la compostezza delle persone che incrociano li fa rabbrividire. Persino i barboni hanno degli apparecchi smart in mano o sul naso.

“Fermiamoci, ti prego. Non ce la faccio a continuare se non mangio qualcosa.” A digiuno da troppi giorni, Isabella si sente mancare le forze. Si siedono a terra, tra due cassonetti dell’immondizia. Marito e moglie si dividono kabab e falafel, in silenzio.

“Dove possiamo andare?” chiede Isabella.

Mario scuote la testa. “Non lo so. Non possiamo dormire per strada. Forse dovremmo cercare una vecchia fabbrica abbandonata.”

“E se provassimo a uscire dalla città?”

“Non credo sia una buona idea. Il controllo aereo DataCom è molto preciso. In città possiamo nasconderci, ma se vagassimo in luoghi isolati, rischieremmo di essere individuati e fermati per un controllo. Ehy… hai sentito?”

Ha l’impressione che qualcuno si stia avvicinando. Col dito fa segno a Isabella di rimanere in silenzio.

Due ragazzi di colore avanzano verso di loro, guardinghi e sospettosi. “Ehy, e questi due chi cazzo sono?” esclama uno.

“Ah, altri due barboni che vengono a pascolare nella nostra zona. Oh guarda… questa ha proprio un bel visino,” risponde l’amico, chinandosi verso Isabella. “Uhm… mi sembra troppo pulita per essere una barbona. Dev’essere una troia che ha fatto incazzare il suo protettore.”

“Cazzo! Una troia tra le mani non è esattamente quello che mi sarei aspettato, in questi tempi di merda,” dice l’amico, avvicinandosi a Isabella. “Non ti dispiace se ci sbattiamo un po’ la tua amichetta, vero?” domanda, con fare minaccioso, a Mario.

Mario è pronto a scattare. Isabella nota che i due ragazzi non sembrano avere uno smartphone con sé: potrebbero essere dei ribelli...

  • I due ragazzi desistono dalle proprie intenzioni (12%)
    12
  • Mario si avventa contro di loro (51%)
    51
  • Isabella si offre spontaneamente ai due (37%)
    37
Loading ... Loading ...

Categorie

Lascia un commento

1.068 Commenti

  • Finito anche questo capitolo!
    E il IV? Io tifo per Mario, ma se proprio Isabella non vuol saperne, trovargli qualcuno che lo apprezzi poverino… 😀 😀
    Comunque bravo Luca,se mpre imprevedibilie ed emozionanti le tue storie…

  • Devo dire, personalmente, che questo risvolto non è che mi sia piaciuto molto… ma dopotutto è il bello dei colpi di scena e alla fine, il matrimonio tra Mario e Isabella era combinato. E’ pur logico che lui non rappresenti il tipo di persona che possa piacerle e che anche molti anni di matrimonio non abbiano fatto scattare la scintilla. Dopotutto i gusti sessuali, personali sono anche dettati dalla chimica, dal feeling e da tantissimi altri fattori.
    Però, devo dire che mi aspettavo delle risposte XD volevo sapere chi fossero queste Antiche Civiltà e che soluzioni avessero per Mario e tutti coloro che si ribellano a DataCom.
    Beh, mi toccherà aspettare la nuova serie XD e l’aspetterò con ansia ^^

    PS – Faccio sempre il tifo per Mario! ^^

  • Un finale come già detto “inaspettato”. Sarebbe stato sicuramente interessante sapere qualcosa subito sulle antiche civiltà, ma anche così si crea suspense per l’eventuale EnN4.
    Molto ben descritta la scena di sesso, i miei complimenti.
    Beh… Non ci resta che aspettare EnN4 per poterne forse capire di più, sempre se vorrai 😀

    • L’ho appena scritta poco sopra (o sotto) a YouAreHere. Avevo scritto quest’episodio a giugno. Era qualcosa di così strano (viaggi nel tempo, reincarnazioni…) ecc. che alla fine ho sentito il desiderio di soffermarmi dalle nostre parti ancora un po’.
      Forse le osservazioni di chi, leggendo le nostre opere, scrive che a leggerle tutte d’un fiato si vede che cambiamo scenari troppo spesso ha influito.

  • Nella mia recensione di Energie della Galassia su Amazon ho scritto:

    “Leggi e le parole ti scivolano sulle labbra con crescente desiderio. Per chi ama la fantascienza, il fantasy e l’eros… il tutto sapientemente fuso dalla “penna” di un giovane autore che ama il suo lavoro. Luca Rossi lascia ai lettori il sapore frizzante dell’eccitazione, i suoi racconti danno la possibilità di vagare tra viaggi astrali, scene di pura sensualità e mondi paralleli, arricchendo la fantasia di tutti noi.”

    Con questo “ultimo” episodio può solo confermare l’emozioni provate!

    A quando il prossimo racconto???

  • Wèèè Luca, proprio ieri ho recuperato gli arretrati e oggi mi ritrovo il tanto agognato ultimo episodio. La storia è sempre più bella e avvincente, l’opzione delle antiche civiltà era una bomba ad orologeria, tuttavia non mi sarei aspettato che sarebbe finito con una bella scopata, che fa sempre bene all’umore, intendiamoci. Ma quasi sicuramente non c’è nessuna fine qui, ma solo il preludio del prossimo capitolo. Si parte con EnN 4 🙂
    Complimenti carissimo, alla prossima.

  • Mi rivogo all’autore, dopo questo interminabile silenzio, dovuto credo, al periodo festivo. Quali sorprese ci attenderanno per questo finale? Ormai l’ attesa si sta facendo snervante. Mi chiedo se i tuoi progetti, prevedono tali colpi di scena, da lasciarci, in seguito, ancora più sbalorditi!
    Aspettiamo Luca, deciderà di sfamare la nostra curiosità?

  • Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

    Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

    Chiudi