Tifo

Il pranzo della domenicaL’esofago di Arianna è invidioso della Trachea fin da quando era bambina.

– Burrrrrrrrrrrp! –

Del resto è un cilindro, lo stomaco gli da aria, lui amplifica per sentirsi più importante.

– C’è del male dentro te… –
– No! Solo un inizio di indigestione, mangiamo troppo pesante la domenica. –

Marina, la sorella minore di Arianna, è invidiosa di indole. Sarebbe pronta ad uccidere pur di avere una briciola della cazzimma della sorella.

– Se non ti gusta, qui sotto c’è il ristorante “A prua: Nefandezze di pesce”–

Caterina, la fidanzata di Arianna, è originaria del Sudan, è un’ottima cuoca, tifa Napoli ed è invidiosa degli uomini perché hanno il pene.

– Non si mangia mica così male qui sotto?! Anche se il tuo maialino croccante era esagerato Caterì! –

Gennaro è il vicino di casa di Marina, è innamorato di lei da 3 anni e mezzo, ci scopa da 15 anni e mezzo, non ha un lavoro, tifa Napoli e prova una sottile invidia per chi crede in Dio.

– Ed ecco la bojata delle 14.52! Il ristorante ha riaperto da un paio di settimane dopo mesi di chiusura. I NAS nell’ultima visita pare avessero trovato resti umani. –

Pietro è il marito di Marina, un manager di successo, un padre non presente e tifa Roma. Non ha senso dell’ironia e si scopava la cameriera del ristorante “A Prua” prima che cambiasse gestione.

– Gennà! Cominciano le partite! Vieni! –

Ettore Maria è il figlio di Marina e Pietro, o almeno dovrebbe. Ha 12 anni è appassionato di dinosauri, colleziona accendini e tifa Lazio.

– Nghé –

Questa è Elena, la bambina Zande adottata da Arianna e Caterina.

– Roooooonnf –

Ettore è il nonno, il padre di Pietro, tifa Milan, invidia chi ha i denti e se la russa di brutto da prima che Arianna cominciasse la sua digestione.

Din Don!

Alla porta ci saranno in ordine di bassezza: Robertino, Nicolino, Italo, Angioletto, il più alto di tutti.
Sono gli inseparabili amichetti di Ettore Maria che al momento è troppo impegnato a seguire le partite per andare alla porta.
Oggi il suo calciatore preferito potrebbe festeggiare le 100 partite in serie A e indossare per la centesima volta il suo polsino colore ocra. Al momento siede perfettamente al centro della panchina per quattrocentotrentaduesima volta invece.
Arianna invidia un po’ tutti i tifosi della sua famiglia, invidia quella passione per qualcosa che lei trova terribilmente futile e poco divertente, il calcio.
Dopo aver preso dal congelatore quattro cremini al cioccolato, alla porta ci va lei, ma non trova i quattro ragazzini…

Chi ha bussato?

  • Amelia, la pazza del palazzo (44%)
    44
  • I carabinieri (28%)
    28
  • Il prete del quartiere per la benedizione della casa (28%)
    28
Loading ... Loading ...

Categorie

Lascia un commento

43 Commenti

  1. Ciao, ho recuperato adesso i capitoli precedenti.
    Indescrivibile la confusione che c’è in quella casa😂
    Per quanto riguarda l’opzione, ho votato affinché Caterina trovi in cucina Amelia che la danza della pioggia intorno agli avanzi del ragù… sento già delle urla in arrivo😅
    Al prossimo capitolo!

    • Mi sa che se non lo si legge tutto di un fiato ci si perde facilmente 😛

      sono stato poco continuo ultimamente, però ti ringrazio di cuore; nel caso la tua sia la scelta più votata, vedrò di far uscire molto sangue in rispetto al grande Quentin

  2. Mi piace un sacco. La scrittura è scorrevole, e la descrizione dei personaggi è originale e davvero efficace. Anche le scelte finali sono tutte e tre validissime: ho votato per i carabinieri, ma sarei sinceramente curioso di leggere anche le altre possibilità. Chissà, magari alla porta ci sono tutti e tre insieme!
    Ti seguo volentieri. Sono molto molto interessato.

    • Gentile davvero da parte tua,
      questo secondo racconto si distacca di parecchio dal primo, volevo sperimentare diciamo, speriamo bene 😛

      Al momento non tutti hanno dimostrato lo stesso interesse per i carramba, ma non si sa mai.

      a presto!

Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi