Degahr

Dove eravamo rimasti?

Che forma ha il problema che Venorik ha appena scoperto di avere? Il cadavere di un giovane guerriero particolarmente avvenente ma molto morto. (50%)

Lil alurl velve zhah lil velkyn uss – Il miglior pugnale è quello non vistoIl nostro problema aveva le fattezze avvenenti, il fisico scolpito e la straordinaria dotazione di piacere di Kyil, l’attuale patrono della Casa. Significava che la Ilharess, quando avesse visto le interiora fuoriuscire dall’eccitante muscolatura addominale del suo giocattolino, si sarebbe infuriata parecchio e, dato che il cadavere del giocattolino si trovava nelle stanze di sua figlia, bello nudo e decisamente pronto a dare il meglio di sé (nell’unico campo in cui poteva competere), ne veniva la certezza che la Secondogenita e anche il sottoscritto, ormai coinvolto, erano davvero in guai seri.

Il titolo di Patrono in una Casa è di quelli che non mancano mai di creare problemi.
Essendo di fatto attribuito (e ritirato) dalla Ilharess a sua esclusiva discrezione, generalmente in base alle preferenze copulative del momento, accade che elevi improvvisamente di rango personaggi per nulla meritevoli in alcuno degli ambiti che prevedono di tenersi addosso le braghe. La conseguenza di ciò è che l’accettazione del titolo risulta puramente formale e l’unica regola empirica a cui attenersi nel (mal)trattare gli stalloni della Ilharess, è assicurarsi che lei non lo venga a sapere. Ucciderli è una mossa un tantino troppo audace.
Kyil, recente nel favore della Ilharess e quindi nel pieno della sua fase ascendente, era talmente ottuso e inutile che c’era da chiedersi come avesse potuto superare illeso i lunghi anni di Accademia. Scrutando meglio il cadavere, mi convinsi che doveva aver avuto solo insegnanti femmine.

-Yathrin – dissi scattando di nuovo in ginocchio – è qui nella nicchia che lo avete trovato?
-Sì – rispose asciutta Rill alle mie spalle – l’ho trovato io quando ho ispezionato le nicchie.
-Lo fai sempre? – con Rill potevo essere meno formale, ma nel caso la Secondogenita avesse voluto rivolgermi di nuovo la parola, era più comodo che rimanessi inchiodato al pavimento.
-Trovare cadaveri? – la guerriera ci pensò su – Capita spesso in effetti. Di solito però sono io che li ho ridotti così, quindi la situazione è priva di misteri – concluse con voce atona.
Mi piaceva, decisamente.
-Ispezionare le nicchie, Malla – sperai che buttare lì un titolo onorifico la rendesse mansueta. Ma qualcosa, tipo tre dita di lama gelida sul retro del collo, mi dissero che non era sensibile alle lusinghe.
-Non ho tempo per domande stupide. – mi sibilò nell’orecchio – Ispeziono queste nicchie ogni volta che lei entra. Ogni. Volta.
-Ed hai ripulito il sangue?
-No – rispose asciutta – non ce n’era.
Ora tutti e tre guardavamo lo squarcio che disegnava un generoso sorriso di stupore sullo stomaco del Patrono. Di sangue da quella ferita dovevano esserne usciti barili eppure lì intorno non c’era neanche una macchiolina. Un lavoretto pulito.
Yathrin – avrei bevuto una purga alchemica piuttosto che farle quella domanda – l’ospite – accennai con una mano alla salma – era atteso da voi?
Sì – annuì lei – era atteso vivo e funzionante – precisò sprezzante e annoiata.

-Dove lo portiamo? – chiese Rill in tono efficiente, dando voce al mio stesso dubbio e pungolandomi perchè mi alzassi.
-Dove nessuno se lo aspetta. E stiamo a vedere chi si stupisce di più.
-Una cosa non capisco – replicò lei, stringendo sui miei lineamenti quegli intelligenti occhi scuri che, almeno, potevo fissare – come potevano credere che non prendessimo qualche provvedimento?
Aveva ragione.
-Probabilmente speravano di coglierti in fallo.
Non aveva senso. Non si uccide un rango così alto per far dispetto ad una guardia. L’obiettivo era Valshareen.
-Idee? – aggiunsì a mezza voce.
-Una ovvia – rispose stringendosi nelle spalle.
Solo una persona molto potente e con forti interessi si sarebbe assunta quei rischi. Magari Una che si sentisse a rischio per una sorella minore ingombrante. Tesi non facile da dimostrare e appena un po’ rischiosa. Tanto, il collo, era il mio.

Il cadavere fu scoperto nella sala d’armi poco più tardi.
Ed eravamo ben pronti ad osservare da vicino le reazioni di tutti.

Chi conosceremo nel prossimo episodio?

  • Due alchimisti un po' ridicoli, ma non per questo innocui. (65%)
    65
  • Il primo inquisitore che al contrario non ha fatto un frizzo. (20%)
    20
  • il maestro di guerra (capo militare della Casa) che era il più stupito al rinvenimento del cadavere. (15%)
    15
Loading ... Loading ...

Categorie

Lascia un commento

61 Commenti

  • Per leggere del Popolo, è necessario che la tiepida notte della superficie sia alla cuspide della curva del buio. Sai che ti preferisco a Salvatore, papà narrativo degli Ilythiiri. Ma è giusto così, visto che solo una Jalil può sentire e restituire i mille fili della Tessitrice. E come sempre, seguo, riottoso di fronte alla pura matriarcalità, ma felice di rileggerti in questa veste.

    • Mi piace moltissimo cambiare registri.
      Ovviamente, da brava dilettante, non sempre tendo ad essere efficace 🙂
      Qui siamo solo all’inizio, ma accetto proposte per il racconto successivo.
      Dovrei buttarmi sul rosa pastello (senza neanche la vena storica)?

  • Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

    Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

    Chiudi