Metal World

Dove eravamo rimasti?

La prossima canzone sarà... Freezing Moon (Mayhem) (50%)

Freezing MoonMentre Chris e gli altri due si dirigevano verso le fiamme la luna fece capolino tra lo strato di cenere che copriva il cielo. Era la prima volta che la vedevano dalla fine del conflitto, e per un attimo i loro sguardi furono rapiti da quella luce fioca e gelida che quasi non ricordavano più. In cuor loro speravano che la luna fosse di buon auspicio; Chris non poté fare a meno di pensare alle serate romantiche passate con sua moglie sul belvedere della collina che sovrastava la città. Pianse una lacrima di rabbia e disperazione: sua moglie era morta, la collina era stata rasa al suolo e la luna, nonostante fosse rispuntata, non sembrava più quella dolce e romantica che ricordava. Adesso la sua luce ricordava la morte e le ombre che risvegliava danzavano lente ed inquiete tra le macerie.

Le fiamme si facevano sempre più alte man mano che i tre si avvicinavano. L’ansia cresceva, ansimavano senza riuscire ad accelerare il passo, bloccati dal terrore di quel che avrebbero potuto trovare. E la luce della luna, sempre più intensa e bianca, pura come lo splendore delle anime innocenti morte a causa del conflitto, risvegliava ricordi orrendi. La luna sorgeva e la speranza tramontava, le illusioni dell’uomo finivano stritolate sotto le macerie sempre più visibili. Chris rimpianse il buio: man mano che la luce si allungava sulla città la distruzione sembrava sempre più grande, sempre più irreversibile. Il passo si faceva pesante, sembrava di camminare su una interminabile distesa di cadaveri.

Dalle macerie spuntò un’ombra fugace appartenente ad un essere la cui carne si aggrappava disperatamente allo scheletro, senza tuttavia evitare di scivolare a terra. Il volto era squarciato da mille tagli, i bulbi oculari pieni di vermi. Il respiro era un sibilo lungo e monotono. I tre si scansarono sentendosi in colpa, pur essendo coscienti di non poter far niente per quel corpo che brancolava sotto la luce impietosa della luna, che ne rivelava tutto l’orrore. Il sibilo divenne un gorgoglio, la carne decadde e la morte tornò ad abbracciare il mondo.

Chris accelerò il passo mentre uno dei due compagni si fermò a vomitare e l’altro si accanì sul cadavere. A cosa poteva servire quello sfogo, se non a dimostrare tutta la propria debolezza? Il calore delle fiamme si faceva sempre più intenso e per un attimo Chris benedisse il fuoco. Venne ricondotto alla realtà dalle urla di uno dei due uomini che erano con lui: il suo insediamento era stato devastato dall’incendio e l’odore di bruciato sempre più forte non lasciava spazio alla speranza. Chris tremò ed impiegò qualche secondo prima di voltarsi verso il suo insediamento. Era quasi intatto, ma qualcosa giaceva a terra. Si avvicinò di corsa, ma la luna si mosse più rapida di lui ed illuminò la testa mozzata di sua madre. Cadde in ginocchio, e per rispetto degli altri due che urlavano per la morte dei figli e delle mogli, singhiozzò delicatamente.

Prossima canzone

  • Hypocrisy - Abducted (25%)
    25
  • Metallica - Leper Messiah (50%)
    50
  • Death - Flesh And The Power It Holds (25%)
    25
Loading ... Loading ...

Categorie

Lascia un commento

32 Commenti

  • Confesso, non senza un po’ di vergogna, che non sono in grado di votare sensatamente perchè non conosco nessuna (ma nemmeno una #_#) di queste canzoni.

    Ma la prosa, mi piace parecchio. E’ ben respirata, ben costruita, semplice, in qualche punto lirica. E con un ottimo uso della punteggiatura, il che, lungi io dal darlo per scontato, rende tutto comodamente masticabile ed esalta i sapori.
    Belle le ombre pallide, evocate dalla luna, che danzano sulle macerie.

    Ci sono parecchie cose che non ho capito bene, ma confido che mi saranno chiare più avanti (tipo l’essere con i bulbi oculari verminosi, che non è certo scampato a un incendio).
    Concordo con Locullo sull’avverbio nella chiusa. Io avrei scelto una perifrasi “senza rumore”. La delicatezza è stridente.

  • Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

    Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

    Chiudi