La scelta del mago

Dove eravamo rimasti?

Tempo di uno scontro! Come si difenderà il nostro Seren? Con quel che c'è dentro a un sacco (60%)

L’aiuto delle fiabe

“Non ti conosco, e dire che non sono molti a entrare qui.” mi ha sussurrato la Gente.

Mi sono sentito le mani sudate.

“E’ da poco che mi sono trasferito” ho replicato incominciando a pensare intensamente a bollette, case al mare e fumetti, mentre il mio vero pensiero incominciava a accatastare possibili soluzioni alla domanda Come faccio a tornare a casa con tutti i pezzi al loro posto.

“Strano, perché i figli di Magog li conosco tutti…”

Magnifico! E ora avrei sicuramente potuto chiarire l’equivoco spiegandogli che appartenevo all’altra fazione, quelli che vivevano nascosti e che i figli di Magog si divertivano a bastonare, ma, per qualche motivo, ero convinto che questo non avrebbe aiutato… Ma è stato lui a venirmi incontro. Letteralmente!

“… E se non ti conosco, non sei un figlio di Magog. Però sei riuscito a trovare la bancarella, dunque sei un mago e se non sei dei nostri, sei parte di quei ratti che vivono sotto terra!”

A onor nostro, va detto che Sette Oscuro è molto più poetico. Non ho fatto in tempo a farglielo presente perché mi ha preso una mano e ha incominciato a stringerla. La presa aumentava di intensità, la sua mano era come una pressa e le mie ossa se ne stavano dolorosamente accorgendo.

“Niente scontri!” se ne è uscito il venditore. Oh, grazie al Cielo!

“Almeno, non qui.” ma possibile che nel mondo magico ognuno segua la regola del vivi e lascia vivere? Dov’è finito il sano altruismo… Ma mi sono reso conto che questo pensiero, formulato da uno che aveva deciso di tenere nascosto ogni suo progresso ai compagni, non aveva molto senso.

“Nessuno scontro, Gep!” ha detto il mago oscuro. Un bel momento per apprendere il nome del venditore! “Sto solo salutando un vecchio amico, vedi?”

Ed è stato come tenere la mano tra due auto che fanno un frontale.

Sono caduto sulle ginocchia, mentre il mio avversario non mollava la presa. Che cosa poteva fare un mago alle prime armi, il cui unico potere era quello di impedire che altri leggessero la sua mente, di fronte alla magia da guerra che possedeva il suo avversario?

Soccombere, ovvio!

Il bullismo non è bello, meno che mai quando si fa uso di magia! Eppure, magico o meno, aveva sempre la stessa caratteristica: nessuno interveniva. Non dico i passanti, che forse nemmeno potevano vederci, ma il negoziante qualcosa, oltre che pensare alla sua merce e a non avere guai, avrebbe potuto farla!

Le esplosioni di dolore non accennavano a smettere, e io ero ormai steso sul marciapiede, mentre stringevo i denti con una forza tale che mi stupisce che non siano rientrati nelle gengive e speravo che, in un modo o nell’altro, smettesse.

Un altro spasmo. Quanto ancora poteva andare avanti? E soprattutto, in che condizioni avrei trovato la mano, ammesso che fossi rimasto in vita?

E quel maledetto se la rideva come se niente al mondo fosse più bello del vedermi contorcere ai suoi piedi. Non riuscivo nemmeno più a guardarlo… Ed è stato allora che ho visto il sacco. Era appoggiato a una gamba del tavolino, e da esso spuntava un grosso randello!

Ho allungato la mano ma non ce l’ho fatta, perché un’altra esplosione di dolore mi ha scatenato contrazioni su tutto il corpo. Non so con quale forza di volontà, sono riuscito a usarle per portarmi più vicino al sacco.

La mia mano si è chiusa sul randello.

Con un ghigno l’ho estratto pronto a difendermi… O meglio, l’avrei estratto, non fosse che per qualche motivo era come bloccato.

Maledetti oggetti fatati! Che cos’era? Excalibur dei poveri? E io non ero un povero abbastanza degno?

Pazzesco quanti pensieri stupidi vengano in mente mentre si soffre come dei cani.

E intanto, uno rideva e l’altro si lamentava. Il negoziante, non io, che stavo così male da non riuscire nemmeno a parlare!

Un altro tentativo, con tutte le forze non impegnate a resistere al dolore… E un altro fallimento.

Mi sono aggrappato al pezzo di legno tirandolo e scuotendolo.

“Accidenti a te! Bastone, esci dal sacco!”

E poi… Un miracolo! O meglio, magia!

Il bastone si è librato in aria, schizzando come un proiettile verso il mio assalitore, tempestandolo di colpi in ogni parte del corpo esposta, mentre io, finalmente libero, rimanevo sdraiato per terra, troppo spaventato per osservarmi la mano.

Il mago oscuro è scappato via con il randello che ancora gli spolverava le spalle e zone senza la “S”. Solo allora il pezzo di legno ha fatto ritorno nel sacco e tutto è tornato silenzioso.

E la mia mano era in ottime condizioni! Il dolore era stata una suggestione della mente! Ecco la prima falla nel mio incantesimo! Non ho pensato che le intrusioni potessero essere anche suggestive! Ci dovrò lavorare.

Rialzatomi, di fronte a uno sconvolto Gep, passandomi una mano sul viso ho ansimato:

“Tre Euro diversi per quell’anello? Bene! Te li trovo! Ma il sacco con il bastone me lo prendo come risarcimento danni, visto che non hai fatto nulla per salvarmi!”

Furto?  In un mondo in cui i maghi si odiano, la mia memoria è inesistente per colpa di qualcuno che, probabilmente, vive in una carta da gioco?

Che cosa farà ora Seren?

  • Incontra qualcuno (18%)
    18
  • Cerca le monete per l'anello (73%)
    73
  • Visto quel che è successo, impara un nuovo incantesimo (9%)
    9
Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

95 Commenti

  • Voto il sacco, ovviamente, perché così puoi stupirci a più non posso!! ^^
    Bella la descrizione della bancarella, sono curiosissimo di vedere come continuerà e se sarà in gradi di pagare. Anche se un euro del ’97… XD
    P.S. Mi mandi in privato i gesti ed i passi del rituale per andare nell’Altra Porta Palazzo? Volevo farci un giro!!! 🙂

  • Ok, ho letto sia la storia precedente che questa in un attimo… scorrevoli, simpatiche, intriganti, e colgono la magia della nostra città in maniera molto forte! Complimentissimi! Seguo sia te che la storia, ma questo è quasi ovvio! ^^

    Per quanto riguarda la scelta, sono amante della magia nel suo aspetto misterioso, QUINDI opto per fargli imparare qualche nuovo incantesimo! Ma anche le altre due scelte sono ugualmente interessanti, qualunque vincerà farà proseguire la storia alla grande!! Complimetoni!

  • Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

    Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

    Chiudi