Imago Mentis

Dove eravamo rimasti?

Damian e Dominic sembrano aver trovato un percorso, ma sarà sicuro? La natura della bestia (60%)

Accordo

Le linee di luce sono percorse da un tremito. La visione di Damian è miope, la testa comincia a dolergli. Più si sforza di rendere nitide le immagini più la stanza diventa opaca. L’unica figura che riesce a distinguere è il suo socio.
Eppure è qui davanti a noi!
Dominic porta le mani dietro la schiena passandole sotto il cappotto.
“Buongiorno a lei” dice con un sorriso. La sua mano sfiora l’impugnatura della pistola infilata nei pantaloni.
Una figurina si appiattisce per passare tra i due in piedi davanti alla porta. Appena il braccio di Damian viene toccato delle linee arancioni compongono il contorno di un personaggio basso e minuto, ma quando il contatto si interrompe scompare. Riesce comunque a sentire i passi frettolosi di un paio di scarpette.
Gradualmente la sua vista torna alla normalità.
L’uomo dietro al bancone china la testa verso alla bambina che gli sussurra qualcosa. Da sotto i capelli castani le spunta un fiocchetto rosso, chiusura del nastro che le benda l’occhio sinistro.
Damian si avvicina e gli tende la mano destra “Damian Wickermann”
“Ho già avuto il piacere.” risponde Ulrich staccandosi dalla bambina “Solo, di’ al tuo amico di lasciar stare la pistola.”
La bocca di Dominic si apre leggermente, molla l’arma e lascia che le braccia gli ricadano sui fianchi.
Solo formalità.
L’occultista lascia il pensiero libero di vagare e il suo interlocutore sorride, dando l’idea di averlo percepito.
Con un gesto della mano li invita a seguirlo nel retrobottega.
La stanza è ampia e polverosa. Una luce soffusa illumina i grandi scaffali ricolmi di barattoli. A terra sono stesi due materassi flosci ricoperti di panni.
Ulrich si inginocchia e sposta alcune assi del pavimento tirandone fuori un involto che appoggia su una grossa cassa di legno.
Dominic capisce che si tratta dell’urna cineraria di Bolton.
L’uomo si appoggia alla cassa mentre la bambina si va a sedere su un materasso.
“Questo è quello che cercate” appoggia la mani sull’involto.
“Cosa vuoi in cambio?” chiede Dominic.
“Le informazioni che contiene. In fondo è quello che volete anche vuoi, no?”
Il negromante annuisce “Credo sarà necessario divinarlo.”
“Non saltiamo a conclusioni affrettate.” interviene Damian “A cosa ti servono?” chiede a Ulrich.
“E a voi?”
“Questioni personali”
“Eh, bella risposta…” si massaggia una tempia con una mano callosa “Ho collaborato con Bolton per quasi un anno, prima che morisse. Non posso dirti altro.”
Di sicuro un lavoro nello stile di Howard…
“Più tempo passiamo nell’ignoranza, più i pericoli a cui siamo esposti aumentano”
“Siamo?” Dominic incrocia le braccia.
“Se uno come me si è accorto di voi due… Comunque vada a finire oggi siete potenzialmente coinvolti.”
“Analizzeremo le ceneri e ti terremo aggiornato” Damian allunga il braccio verso di lui.
Ulrich lascia il fagotto all’occultista “Abbiamo un accordo.”

Damian posiziona l’urna metallica al centro del cerchio protettivo tracciato da Dominic e rimuove il coperchio.
Nonostante a livello fisico la cenere sia immobile le psicoparticelle che esala salgono dal contenitore sotto forma di un fumo azzurrino, attratto dalla fiamma della candela rossa posta sul perimetro del cerchio.
“È incredibile, esala ancora parecchie particelle.”
L’occultista svita i rivetti che saldano la chiusura d’ottone del guanto destro e lo sfila lentamente. Le bianche ossa della mano e del polso sono collegate fra loro da un sottile esoscheletro in iridio, i numerosi pezzi sono tenuti insieme da piccoli ingranaggi e pistoni, fili di rame sono connessi alle falangi.
Immerge la mano nell’urna e si concentra.
Le linee di luce che compongono la stanza si dissipano lasciando solo le pulsazioni azzurrine delle psicoparticelle provenienti dal calore delle candele e dal corpo di Dominic.
Lucciole azzurre danzano intorno alla sua mano, fluttuano per tutta la stanza attraversando le pareti e il metallo dell’urna, dirette verso le ceneri.
È impossibile che siano così attive, sono passate alcune settimane. Potrei provare con la psicometria.
Viene avvolto dalla nebbia grigia che accompagna le visioni ma non si compone nessuna figura.
La sostanza si contorce e ondeggia liquida, generando forme umanoidi prive di consistenza che esplodono come bolle. Ombre serpentiformi nuotano sotto al fumo.
Uno strillo acuto lacera il silenzio.
Damian viene sbalzato all’indietro e cade dalla sedia, a scatti la visione ricompone la stanza.
“Dom…”
Il negromante appoggiato alla parete scivola a terra premendosi le orecchie con le mani.

***

Dalla cima del campanile grida la sua ira e il suo trionfo.

Nel prossimo episodio...

  • Fuga nella notte (17%)
    17
  • Divinazione (33%)
    33
  • Passiamo a Ulrich e alla sua piccola compagna, presentandoli come si deve e rivelando alcune cose... (50%)
    50
Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

45 Commenti

    • Grazie per i complimenti, ma soprattutto grazie per la scelta dell’opzione, la preferisco (:D).
      Mi piace parecchio l’occulto (scommetto che non lo avresti mai detto), ma se mi dici che avevi pensato anche tu ad un negromante mi incuriosisci… Se in futuro riprenderai il racconto potresti aver già trovato un lettore, o un rivale, dipende.

  1. Davvero notevole, innanzitutto per il linguaggio, fluido ma ricercato, poi per questo approccio che mi sembra fantasy ma con qualche elemento “pseudo-scientifico” (che io personalmente adoro) che riesce a rendere concreta una narrazione fatta di prodigi e immaginazione. Bella la citazione della mano della gloria, è uno degli elementi di occultismo che ho sempre voluto utilizzare in qualche racconto.
    Ti seguo assolutamente!

    • I miei più sinceri ringraziamenti per questa incredibile sequela di complimenti, spero di riuscire a mantenere il tono.
      La mano di gloria è un oggetto che mi ha sempre affascinato, sfortunatamente è poco conosciuta, mi fa piacere trovare altra gente che mastica un po’ di queste materie, ho un sacco di altre cose da mostrare e questo è solo il terzo capitolo. Spero di non deluderti.

  2. La ringrazio infinitamente per avermi prestato il rinomatissimo fumetto “A come ignoranza”, questo magistrale giornaletto ispirante di tale incompresa genialità segna una tappa fondamentale nella storia della letteratura contemporanea e il grandissimo autore può essere paragonato allo scrittore medioevale Johan Huizinga, inferiore a lui solo in ignoranza, ma alla pari in erudizione. Concupisco una sua risposta, buonsalve e ancora grazie.

    • Salve Sir e grazie per aver commentato!
      Sfortunatamente il prestigioso volume non mi appartiene, sono solo colui che lo ha scovato (e ne sono felice). Difficilmente si trovano prodotti di così alta qualità, soprattutto nelle cerchie della “nona arte”
      Messo in chiaro questo le consiglio comunque di tenersi aggiornato tramite il suo ben noto compagno di classe, mio socio e araldo occasionale, lo informo sempre sulle mie scoperte.

    • Grazie mille!
      Sono felice che qualcuno abbia scelto quell’opzione. Sto già lavorando al nuovo episodio e non mi pento di aver aspettato fino ad oggi, sappi comunque che la tua richiesta non verrà ignorata, Dominic e Damian hanno diverse cose da raccontare, ma ogni cosa verrà detta a tempo debito.
      Grazie anche per il commento sullo stile, non sono ancora soddisfatto e farò del mio meglio per migliorare.

  3. Anche se solitamente preferisco distinguermi dalla massa, ammetto che l’opzione della “caccia all’uomo” era troppo allettante, per essere ignorata.

    Bell’incipit, ottimo lo stile.

    p.s. sono sconvolta dalla tua descrizione. Ogni parola spesa su te stesso mi rispecchia completamente 😉

Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi