New World Technology

Dove eravamo rimasti?

Il prossimo capitolo si concentrerà sull’evoluzione del progetto ScanAlfa: Boris cerca di capire per vie traverse se i vertici della NWT conoscano gli effetti collaterali del progetto (non sa da che parte stare) (54%)

Potere alla tecnologia

Europa, anno 2060

Simon recuperò dalla banca dati unificata tutte le informazioni possibili relative al progetto ScanAlfa, il fiore all’occhiello della New World Technologies. Il progetto, ambizioso per l’epoca, era stato avviato nel lontano 2033 e la sperimentazione aveva preso avvio alla fine del 2034: la prima memoria criminale inserita nella rete apparteneva al pluriomicida chiamato Rogers, che era accusato di aver ucciso cinque coetanei durante una festa universitaria. Quella sera gli amici avevano alzato troppo il gomito e complice una mistura di droghe all’epoca poco conosciute, avevano perso la ragione. Le allucinazioni di gruppo erano sfociate in un efferato omicidio da parte del giovane Rogers: era convinto di trovarsi di fronte a mostri alieni e li aveva uccisi tagliando loro la testa.

I suoi ricordi erano stati scandagliati dalle forze di polizia, che avevano redatto in poco tempo un verbale ricco di dettagli che fu elogiato dal Giudice che seguì il caso. In due mesi il tribunale chiuse la causa e il giovane Rogers fu condannato all’ergastolo.

Questo avvenimento portò alla ribalta il progetto ScanAlfa: i principali uffici di polizia di tutto il mondo acquistarono il software. Centinaia di casi vennero risolti in questo modo in quegli anni. Nel 2040 la Lega degli Avvocati insorse: il proliferare dell’utilizzo di questo sistema evitava il ricorso agli avvocati, che iniziarono a subire ingenti perdite. Difendere i presunti criminali era diventato impossibile, sostenerli era pressochè inutile: il 40% dei casi veniva risolto direttamente dagli uffici di polizia e gestito per direttissima dai tribunali.

Un articolo del 2047 attirò l’attenzione di Simon: parlava di un uomo che aveva brutalmente ucciso una donna. Le prove raccolte dalla polizia locale erano schiaccianti. Dimostravano che il delitto era stato effettivamente commesso dall’uomo: il DNA non mentiva. L’uomo decise di sottoporsi al progetto ScanAlfa, al fine di dimostrare completamente la sua innocenza: l’esito fu sconcertante. I ricordi mostravano la sua estraneità all’omicidio. ScanAlfa aveva battuto l’analisi del DNA. L’uomo fu scagionato. Si chiamava Luca Spagis.

Simon annotò sul suo inseparabile taccuino queste parole:

Luca Spagis – anno 2047 – DNA vs ScanAlfa

Chiuse il tablet e recuperò il collega Beker, intento a chiacchierare con una collega. “Credo sia giunto il momento di fare visita al nostro amico Boris” disse Simon al collega passandogli accanto senza fermarsi. Beker salutò di fretta la donna e consegnò un foglio a Simon: “Ecco l’indirizzo della casa di cura dove è ricoverato. Al telefono mi hanno detto che non ci sta molto con la testa: spesso straparla ma ha ancora diversi momenti di lucidità”.

I due salirono in macchina e partirono verso la loro prossima meta.

Europa, anno 2035

Erano settimane che Boris parlava con Laura. Decise che era giunto il momento di capire se alla New World Technologies sapessero degli effetti collaterali. Optò per una indagine indiretta: non voleva esporsi troppo. Contattò un suo vecchio collega nella speranza che lavorasse a qualche parte del progetto. Si diedero appuntamento in un bar del centro l’indomani a pranzo.

“Vecchio mio, quanto tempo!” disse l’uomo toccando sulla spalla l’Ing. Boris, prima di proseguire: “Cosa fai di bello nella vita?”

“Continuo a sviluppare software. Da quando ho terminato il mio impiego alla New World Technologies ho lavorato per aziende più piccole, mi piace variare i progetti che seguo: il cambiamento mi permette di allargare la mente e sviluppare nuove idee” rispose Boris mentre sorseggiava del vino.

Il cameriere li interruppe per le ordinazioni. Boris decise di andare subito al sodo: “Volevo proprio parlarti di un progetto che sto seguendo per un cliente. E’ molto simile al software memories che sviluppammo anni fa, ricordi? Vuole creare una specie di intelligenza artificiale che immagazzini ricordi rielaborabili nel tempo. Credo sia pura fantascienza, ma prima di rifiutare l’incarico, sarebbero dei bei soldi, volevo parlarne con te”. L’uomo, impassibile, prese il suo bicchiere e iniziò a far roteare il contenuto rosso. “Beh, non ho mai sentito nulla di tutto ciò, forse modificando il software si potrebbe fare, ma ci vorrebbero anni di sperimentazioni” rispose. Posò il bicchiere, si sporse verso Boris e guardandolo dritto negli occhi disse: “Credo sia meglio rifiutare questo incarico: troppo lavoro per poi vedere naufragare il progetto”.

Da quel momento non parlarono più del progetto e non si sentirono più. Boris non seppe mai se l’uomo sapeva qualche cosa o meno.

Una notte si svegliò di soprassalto, pronunciando queste parole: i ricordi possono essere manipolati. Sapeva cosa avrebbe fatto il giorno dopo. 

L’Ing. Boris ha deciso di sfruttare la situazione a suo vantaggio. Iniziamo a trarre delle conclusioni. Cosa accadrà nel prossimo episodio?

  • Simon non incontra nessuno e continua ad indagare da solo (15%)
    15
  • Simon scopre che l’Ing. Boris è morto la notte precedente. Incontra però qualcun altro (50%)
    50
  • Simon incontra l’Ing. Boris e qualcun altro (35%)
    35
Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

226 Commenti

    Unknown comment type :

      Unknown comment type :

        Unknown comment type :

          Unknown comment type :

    Unknown comment type :

    Unknown comment type :

      Unknown comment type :

        Unknown comment type :

    Unknown comment type :

      Unknown comment type :

    Unknown comment type :

      Unknown comment type :

    Unknown comment type :

      Unknown comment type :

    Unknown comment type :

      Unknown comment type :

    Unknown comment type :

      Unknown comment type :

    Unknown comment type :

      Unknown comment type :

    Unknown comment type :

      Unknown comment type :

        Unknown comment type :

    Unknown comment type :

      Unknown comment type :

    Unknown comment type :

      Unknown comment type :

    Unknown comment type :

      Unknown comment type :

    Unknown comment type :

      Unknown comment type :

    Unknown comment type :

      Unknown comment type :

    Unknown comment type :

      Unknown comment type :

    Unknown comment type :

      Unknown comment type :

        Unknown comment type :

    Unknown comment type :

      Unknown comment type :

    Unknown comment type :

      Unknown comment type :

    Unknown comment type :

      Unknown comment type :

    Unknown comment type :

      Unknown comment type :

    Unknown comment type :

      Unknown comment type :

        Unknown comment type :

    Unknown comment type :

      Unknown comment type :

        Unknown comment type :

    Unknown comment type :

      Unknown comment type :

    Unknown comment type :

      Unknown comment type :

    Unknown comment type :

      Unknown comment type :

    Unknown comment type :

      Unknown comment type :

    Unknown comment type :

      Unknown comment type :

    Unknown comment type :

      Unknown comment type :

    Unknown comment type :

      Unknown comment type :

    Unknown comment type :

      Unknown comment type :

    Unknown comment type :

      Unknown comment type :

    Unknown comment type :

      Unknown comment type :

    Unknown comment type :

      Unknown comment type :

    Unknown comment type :

      Unknown comment type :

      Unknown comment type :

    Unknown comment type :

      Unknown comment type :

    Unknown comment type :

    Unknown comment type :

      Unknown comment type :

    Unknown comment type :

      Unknown comment type :

    Unknown comment type :

      Unknown comment type :

    Unknown comment type :

      Unknown comment type :

    Unknown comment type :

      Unknown comment type :

    Unknown comment type :

      Unknown comment type :

        Unknown comment type :

    Unknown comment type :

      Unknown comment type :

    Unknown comment type :

      Unknown comment type :

    Unknown comment type :

      Unknown comment type :

    Unknown comment type :

      Unknown comment type :

    Unknown comment type :

      Unknown comment type :

    Unknown comment type :

      Unknown comment type :

    Unknown comment type :

      Unknown comment type :

    Unknown comment type :

      Unknown comment type :

    Unknown comment type :

      Unknown comment type :

    Unknown comment type :

      Unknown comment type :

    Unknown comment type :

      Unknown comment type :

    Unknown comment type :

      Unknown comment type :

    Unknown comment type :

      Unknown comment type :

    Unknown comment type :

      Unknown comment type :

    Unknown comment type :

      Unknown comment type :

    Unknown comment type :

      Unknown comment type :

    Unknown comment type :

      Unknown comment type :

    Unknown comment type :

      Unknown comment type :

    Unknown comment type :

      Unknown comment type :

    Unknown comment type :

      Unknown comment type :

    Unknown comment type :

      Unknown comment type :

        Unknown comment type :

    Unknown comment type :

      Unknown comment type :

    Unknown comment type :

      Unknown comment type :

    Unknown comment type :

      Unknown comment type :

    Unknown comment type :

      Unknown comment type :

    Unknown comment type :

      Unknown comment type :

    Unknown comment type :

      Unknown comment type :

    Unknown comment type :

      Unknown comment type :

        Unknown comment type :

    Unknown comment type :

      Unknown comment type :

    Unknown comment type :

    Unknown comment type :

      Unknown comment type :

    Unknown comment type :

      Unknown comment type :

    Unknown comment type :

      Unknown comment type :

    Unknown comment type :

      Unknown comment type :

    Unknown comment type :

    Unknown comment type :

      Unknown comment type :

    Unknown comment type :

      Unknown comment type :

    Unknown comment type :

      Unknown comment type :

    Unknown comment type :

      Unknown comment type :

    Unknown comment type :

      Unknown comment type :

    Unknown comment type :

      Unknown comment type :

    Unknown comment type :

      Unknown comment type :

    Unknown comment type :

      Unknown comment type :

      Unknown comment type :

      Unknown comment type :

    Unknown comment type :

      Unknown comment type :

    Unknown comment type :

      Unknown comment type :

    Unknown comment type :

      Unknown comment type :

    Unknown comment type :

      Unknown comment type :

    Unknown comment type :

      Unknown comment type :

    Unknown comment type :

      Unknown comment type :

    Unknown comment type :

      Unknown comment type :

    Unknown comment type :

      Unknown comment type :

    Unknown comment type :

      Unknown comment type :

    Unknown comment type :

      Unknown comment type :

    Unknown comment type :

      Unknown comment type :

    Unknown comment type :

      Unknown comment type :

    Unknown comment type :

      Unknown comment type :

    Unknown comment type :

      Unknown comment type :

        Unknown comment type :

    Unknown comment type :

      Unknown comment type :

    Unknown comment type :

      Unknown comment type :

    Unknown comment type :

      Unknown comment type :

    Unknown comment type :

      Unknown comment type :

    Unknown comment type :

      Unknown comment type :

    Unknown comment type :

      Unknown comment type :

    Unknown comment type :

      Unknown comment type :

    Unknown comment type :

      Unknown comment type :

Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi