L’alba di un nuovo inizio

Dove eravamo rimasti?

Chi è lui, e che ruolo ha avuto nella sua vita? la sua prima cotta al liceo (67%)

Serendipità

Improvvisamente mi accorgo di essere troppo poco vestita. Stranamente non ho nemmeno più freddo, mentre un calore che parte dalla bocca dello stomaco mi invade tutta. Mi passano davanti agli occhi come flash cinque anni di scuole superiori. Cinque lunghi anni di amore platonico. Dio che stupida che ero. Mi rendo conto che ci stiamo ancora guardando e imbarazzata gli volto le spalle. Perché di fronte a lui mi sento ancora un adolescente alle prime armi? Al diavolo! Sono una donna adesso. Non ho più sedici – diciotto anni. Vado per i trenta, ho una carriera soddisfacente e una vita completa. Guardo di sottecchi dietro le mie spalle, lui non c’è più, meglio così. Forse non guardava nemmeno me, ma l’orizzonte. Che illusa che sono. Mi si è annebbiato il cervello. Semplicemente non mi ha riconosciuta. Sono cambiata molto dall’ultima volta che l’ho visto. Rumori metallici mi partono dall’addome… stomaco traditore. Dicono che l’apparato digerente sia il nostro secondo cervello, e il mio è particolarmente sensibile. Mi siedo sul bagnasciuga a giocare con la rena, ma non mi sento più rilassata come prima, e lo dimostra la mia schiena dritta e il leggero tremore delle mani. Mi voglio illudere che ogni ragazza nella propria vita abbia avuto un amore platonico come il mio. Questo mi fa sentire meno stupida. Sono stata cotta di Manuele Guiaro per tutta la durata del liceo. All’epoca non ero una di quelle ragazze che interessano ai ragazzi  più belli della scuola, diciamo pure che nessuno mi notava, e attiravo solo i secchioni e gli sfigati. Indovinate? Esatto, lui era il più bello della scuola, purtroppo non solo per me. Il classico bullo: bello, spavaldo e misterioso che andava in giro con anfibi e giubbotto di pelle. Io com’ero? Occhiali  grandi che mi coprivano metà viso, capelli sempre legati sulla testa  e  vestiti antichi come mia nonna (dopotutto mi ha cresciuta lei, vi lascio immaginare), circondata da amici secchioni e anonimi. Odiavo essere al centro dell’attenzione, perciò c’ero o non c’ero non faceva la differenza. Mi vergognavo anche della mia ombra. Per fortuna a metà del secondo anno ho incontrato Claudia, la mia migliore amica. Ho avuto una metamorfosi che si è conclusa l’ultimo anno di liceo. Non ero più così trasparente. Senza gli occhialoni sul naso, adesso spiccavano i miei occhi verdi, che evidenziavo ulteriormente con una matita color smeraldo. I Capelli ricci e vaporosi non più sacrificati in uno chignon  mi davano un aria più selvaggia. Iniziavo ad avere i miei primi corteggiatori, ma ovviamente non lui. Non mi ha mai notata, fino a quella sera.  Mi sono dovuta lavorare mia nonna per quasi un mese per avere il consenso di partecipare alla festa di fine anno che si teneva in una delle discoteche più In della zona. Quella sera Claudia ed io ci abbiamo messo due ore piene per prepararci, senza contare i preparativi dei giorni precedenti. Indossavo una minigonna di jeans con un top bianco ricamato sul davanti e completamente trasparente dietro. Mi sentivo così a disaggio, non avevo mai osato tanto. Meglio non parlare del trucco, a fine preparativi sembravamo più grandi di almeno due anni.  La discoteca era affollatissima. Per camminare bisognava strusciarsi uno contro l’altro, e la cosa non era tanto gradevole quando dall’altra parte trovavi gente impregnata di sudore. Non so come, mi ritrovai sulla pista a ballare energicamente. Mi stavo divertendo davvero tanto, e dopo aver passato almeno un ora e mezza a cercare di scovare Manuele tra la folla, mi ero rassegnata al fatto che non ci fosse. Chiamatela fortuna, coincidenza o serendipità ma proprio quando non lo stavo pensando, mi trovai imprigionata dal suo sguardo. Stava guardando proprio me. E stava venendo verso di me. Chiara mi pizzicò il braccio per darmi forza a modo suo. Occhi scuri come la notte mi avvolsero in un abbraccio. Con un sorrisetto sicuro mi afferrò un braccio e mi cinse la vita. Ero diventata marmellata tra le sue braccia, non sentivo nemmeno più il ritmo della musica. Non riuscivo a staccare gli occhi dai suoi. <<Sei bellissima>> non aggiunse altro, mi attirò a sé e mi baciò. Era il mio primo vero bacio. Non ho avuto il tempo di pensare a cosa dovessi fare, come muovere la lingua o cose del genere. Mi trovai a seguirlo con una naturalezza e un trasporto che non sapevo di avere. Non posso negare di aver immaginato il mio primo bacio in modo diverso. Romantico, dolce e tenero. Ma fu l’opposto, mi risucchiò l’anima. Eccitante, passionale, sensuale. Le sue mani iniziarono ad accarezzare sapientemente zone che nessuno aveva mai sfiorato. Prima scivolarono sui fianchi e poi risalirono sui seni. Lo lasciai fare, annebbiata dalle sensazioni che stavo provando. Non stavo mantenendo le promesse che avevo fatto a mia nonna, ma mi importava poco. Adesso era mio, voleva me, stava baciando me. Povera piccola stupida ingenua. Se solo avessi saputo in anticipo come sarebbe andata a finire…

Cosa è successo dopo quel bacio?

  • Manuele l'ha derisa per la sua inesperienza (42%)
    42
  • hanno passato tutta la sera insieme (0%)
    0
  • Manuele se n'è andato lasciandola sola (58%)
    58
Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

138 Commenti

  1. Con ritardo ma sono riuscita a leggere il finale.Sai me lo aspettavo che lei non avrebbe scelto nessuno dei due pretendenti. È bene vederci chiaro quando di tratta d’amore. Quando lo incontri non ci sono incertezze, ma solo tempeste di emozioni che ti avvolgono il cuore di passione.L’amore,quello vero è come un incendio in un bosco,anche se la vita vuole cancellare,lui ha dispetto di tutto rinasce sempre dalla cenere,più rigoglioso di prima, è eterno.Comunque la protagonista non ha riconosciuto l’amore vero, in realtà era solo semplice e profonda amicizia legata al passato. Ti seguirò in una tua prossima avventura.

  2. Hai scritto dal cellulare?! Ti ci vorrebbero dei punti in più solo per questo XD
    Ad ogni modo non si vede, nel senso che se gli errori ci sono la storia ti prende abbastanza per non notarli. Almeno per me è così 🙂
    Mi è piaciuto il finale che hai scelto. Più o meno come me lo aspettavo, un po’ triste, malinconico, ma rivolto in avanti.

  3. anche se crollo di sonno ho voluto leggerlo il tuo finale.
    innanzi tutto gli abbiam dato praticamente lo stesso titolo 🙂
    a parte gli scherzi, mi è piaciuto da morire e credo che effettivamente dovesse finire proprio così.
    brava, brava, brava!

  4. Miriam, che bel finale, mi è piaciuto molto.
    Non sono d’accordo col modo di vedere l’amore, ma essendo una cosa soggettiva e peculiare non si può certo discutere 🙂 brava, spero di rileggerti.
    ps – hai scritto col cell?? io non ci avrei neanche provato…

  5. Mi dispiace se gli ultimi due capitoli sono stati scritti con molta fretta. C’è l’ho fatta giusto in tempo. Perdonatemi errori di battitura e sviste, perché non ho il pc a portata di mano e ho scritto con il cellulare. Il tempo era davvero poco. Grazie per aver seguito la mia storia. Mi sono divertita insieme a voi, e Grazie a voi! Come prima esperienza, è assolutamente positiva. Spero di iniziare presto un nuovo racconto-gioco insieme a voi, e ovviamente continuerò a leggere i vostri. Con affetto. Miryam.

  6. Non sceglierà nessuno, andrà via, lasciando la sua vecchia vita

    Fra i due sceglierei Giuseppe, anche se adesso sappiamo che Manuele con è ‘sto mostro profittatore, però… boh… ormai la sua vita è altrove da tempo. Forse se uno dei due si decidesse a seguirla, invece di pretendere che lei resti, potrebbe funzionare.

  7. Non sceglierà nessuno secondo me, l’alba di un nuovo inizio non sarà con il passato ma con un nuovo futuro,chissà un nuovo incontro le farà prendere questa decisione.si sa tra i due litiganti……….buon finale.

  8. a questo punto ho sorpreso perfino me stessa votando per : nessuno dei due, per un semplice motivo: se una persona è indecisa significa che non ama nessuno dei due, altrimenti non avrebbe alcun dubbio, perciò ….. via verso la nuova vita, nuove avventure e forse finalmente l’amore, ma quello vero!

  9. allora… da dove inizio?
    numero 1 wowwwww e stra wowwwwww
    non c’è l’opzione che volevo io……….. molla Manuele e corre da Giuseppe
    ho sccelto la mezza verità per ora, se è confusa come fa a dirglielo? prima deve fare chiarezza .
    comunque bellissimo capitolo, la scena del bacio emozionantissima, sembrava di vederli! brava!!!

  10. Ho votato per la reazione di Manuele, lui nonostante tutto la invita a ballare, sfrontato un vecchio lento e lei non può fare a meno di stare al gioco…..sto viaggiando troppo? Mi piacerebbe leggessi il mio numero 7,grazie.Buona scrittura….

  11. Ohhhhh! ti ribecco ora: avevo dimenticato di cliccare segui la storia ecco perché non mi arrivavano notifiche! va be’ ho rimediato. Comunque ho letto tutto insieme e mi sono goduta la storia!
    ho votato per riprendere dove avevamo lasciato… ormai mancano pochi capitoli! 🙂

  12. Purtroppo ho fatto la parità col mio voto, diamo la possibilità a Chiara di sfogarsi.
    Ora faccio la bacchettona: Chiara è un pò stronza eh? Ma povero Peppino, non è che baci uno, così addirittura con le mani intrecciate tra i capelli, ad un’età che queste cose sai benissimo che effetto fanno, solo per stuzzicare un cretino che ti ha paccato durante l’adolescenza!! Chiara cattiva, meriti la A scarlatta.
    😀 scusa mi divertivo!, brava comunque, sempre ben scritto.

  13. Voto per Chiara che decide di non andare al locale, ma… qualcosa ce la porterà sicuramente. Chissà che non sia proprio Giuseppe. Se Chiara si deve proprio vendicare, Giuseppe potrebbe prestarsi al gioco.
    Questo episodio mi è sembrato come la quiete “prima” della tempesta, mi aspetto faville nel prossimo. 😉

  14. Considerando che le mie esperienze adolescenziale sono vive e ancora in fase di maturazione, credo che l’ipotesi che Manuele se ne sia andato lasciandola sola sia la più realistica. D’altra parte erano due ragazzi ad una festa e di certo lui non immaginava neanche lontanamente cosa lei provasse e avesse provato precedentemente nei suoi confronti. Bella storia, complimenti!

  15. Sarò un po’ malinconico, ma la mia opzione preferita è quella che vede Manuele andarsene via. La storia riprende dei modi classici, che non leggevo da tempo, e perciò ho scelto questa opzione per continuare proprio su questa strada. Bene così 🙂

  16. Un incipit davvero interessante, ci sono tutte le premesse per una gran bella storia. Ho votato per la prima cotta al liceo, sperando in qualche riscontro particolare. In bocca al lupo e buona fortuna per i prossimi episodi 🙂 Se ti va, poi passa da me a darmi qualche consiglio 🙂

Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi