L’alba di un nuovo inizio

Dove eravamo rimasti?

Come procediamo? Chiara decide di non andare al locale, ma... (67%)

Affetto fraterno...?

Lo scricchiolio del vecchio dondolo arrugginito mi fa sorridere. Non so come siamo arrivati in questa posizione, io sdraiata con la testa sulle ginocchia di Giuseppe, ma poco importa. Mi godo la brezza leggera che mi accarezza il viso, mentre Peppe gioca con i miei capelli, accarezzandomi una spalla.

<<Perché sorridi?>>

<<Stavo pensando che proprio su questo dondolo, abbiamo fumato la nostra prima sigaretta. Ti ricordi?>> mi giro appena per poterlo guardare, sta sorridendo anche lui. <<Come posso dimenticarlo? Tua nonna non mi ha permesso di vederti per un mese. Pensava che ti portassi sulla cattiva strada>>. Sogghigno divertita <<È vero! E pensare che avevo organizzato tutto io!>>. Balzo in piedi, e mi stiracchio sbadigliando. <<Adesso sto molto meglio, grazie a te! Non so, come ci riesci?>>

<<A fare cosa?>> incurva le sopracciglia distratto.

<<Ad essere così speciale. Sai sempre come prendermi e cosa fare per tirarmi su il morale. In tutti i momenti, sia bui che felici, tu ci sei sempre stato. Come farei senza di te?>>

<<Farò in modo che tu non debba mai scoprirlo, te lo prometto!>> mi aggancia per un polso, e con uno strattone mi fa cadere sulle sue gambe. Mi stringe in un abbraccio stritolante <<Ti voglio bene!>>

<<Anche io!>>

Indosso un vestitino bianco, con un cinturino in vita color smeraldo. Peppe, puntuale come sempre, mi porta in un ristorantino sul mare. Mangiamo qualcosa a base di pesce,  e brindiamo in nome dei vecchi tempi con un bianco frizzante. Per digerire facciamo una passeggiata sulla spiaggia. A quest’ora il mare è stupendo. La Luna regna dall’alto circondata da milioni di stelle. Le onde accarezzano il bagnasciuga, portandosi via con sé  ad ogni passaggio la mia voglia di partire. Scenari così, su, me li sogno.

<<Sei pensierosa…>>

<<Già, pensavo alla casa>>

<<Sei indecisa? Se non vuoi venderla io…>> non lo lascio finire <<Non a quella della nonna. A casa mia, a Bologna>>

<<Ah>>

Proseguiamo in silenzio. Lascio che l’acqua fresca mi accarezzi i piedi. Peppe si ferma a raccogliere un sasso. Lo lancia in aria ripetutamente, per poi scaraventarlo in acqua facendolo rimbalzare più volte. Ogni volta lo guardo affascinata, è una cosa che non ho mai imparato a fare.

<<Hai fretta di tornare?>>

<<Devo riprendere a lavorare>> dico semplicemente.

<<Capisco>>

Dalla strada proviene un miscuglio di musica, diffusa dai locali sul mare, insieme al chiacchiericcio frivolo della gente.

<<Mi è venuta un idea. Ti va di andare al ManDan? C’è mio fratello che suona con la sua band>>

<<Da quando tuo fratello suona in una band?>>

<<Lascia perdere. Sono un gruppo di adolescenti in fase di ribellione, pieni di piercing e capelli sparati a caso>>

<<Andata!>>

ManDan, dove l’ho già sentito?Poi ricordo. Manuele. Sono sul punto di fermare Peppe e chiedergli di non andare, ma non mi sembra un comportamento maturo. Dopotutto mi vedrà arrivare in compagnia, sono proprio curiosa di vedere la sua faccia.

Il locale è zeppo. Prendiamo posto in un tavolino vicino allo spazio allestito in palco. Una ragazza viene a prendere le ordinazioni. Il locale ha mantenuto poco del vecchio Macao, noto con disappunto con il mio accompagnatore. A quanto pare il vecchio Nino non ce la faceva più a gestirlo da solo, e l’ha venduto. <<Quanti ricordi!>> sospiro.

<<Già>> mi indica un angolo del locale, coperto da una tettoia di paglia. <<Li sotto ci siamo baciati. Ti ricordi?>> nel momento stesso in cui lo dice, immagini repentine mi invadono la mente. Era qualche giorno dopo il mio primo bacio. Credevo che, Manuele non fosse tornato da me, perché non sapevo baciare. Supplicai Giuseppe di insegnarmi a baciare; lui aveva più esperienza di me. Dissi che un bacio tra noi non significava nulla, perché eravamo come fratelli. Eravamo così piccoli…

Due occhi scuri attirano la mia attenzione. Manuele mi osserva da sotto al gazebo; sta preparando una birra alla spina. Non mi fermo a riflettere più del dovuto. Afferro Peppe per la camicia <<Faresti qualsiasi cosa per me?>>

<<Cosa ti prende?>>

<<Si o no?>>

<<Certo!>> ha lo sguardo smarrito.

<<Baciami ti prego! Poi ti spiego!>>. Non se lo fa ripetere, mi blocca la testa e mi bacia. Il suo tocco è lieve, gentile…premuroso. Senza rendermene conto affondo le dita tra i suoi capelli attirandolo di più a me. Sposto la testa di lato per approfondire il bacio. Un brivido di eccitazione mi percorre tutta. Spaventata dalla mia stessa reazione mi allontano bruscamente. Ci guardiamo sconvolti, con il fiato corto.

<<È stato come baciare mio fratello>> dico in fretta, per autoconvincermi e ridurre la tensione.

<<Boom! Questo si che è un colpo basso!>>

Bene, bene. Abbiamo lasciato qualcuno a guardare...come continuiamo?

  • Cosa ci importa di Manuele e Giuseppe? Chiara sembra piuttosto confusa, diamole la possibilità di sfogarsi (8%)
    8
  • Andiamo a vedere quale sarà la reazione di Manuele. (42%)
    42
  • Riprendiamo da dove abbiamo lasciato... (50%)
    50
Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

138 Commenti

  1. Con ritardo ma sono riuscita a leggere il finale.Sai me lo aspettavo che lei non avrebbe scelto nessuno dei due pretendenti. È bene vederci chiaro quando di tratta d’amore. Quando lo incontri non ci sono incertezze, ma solo tempeste di emozioni che ti avvolgono il cuore di passione.L’amore,quello vero è come un incendio in un bosco,anche se la vita vuole cancellare,lui ha dispetto di tutto rinasce sempre dalla cenere,più rigoglioso di prima, è eterno.Comunque la protagonista non ha riconosciuto l’amore vero, in realtà era solo semplice e profonda amicizia legata al passato. Ti seguirò in una tua prossima avventura.

  2. Hai scritto dal cellulare?! Ti ci vorrebbero dei punti in più solo per questo XD
    Ad ogni modo non si vede, nel senso che se gli errori ci sono la storia ti prende abbastanza per non notarli. Almeno per me è così 🙂
    Mi è piaciuto il finale che hai scelto. Più o meno come me lo aspettavo, un po’ triste, malinconico, ma rivolto in avanti.

  3. anche se crollo di sonno ho voluto leggerlo il tuo finale.
    innanzi tutto gli abbiam dato praticamente lo stesso titolo 🙂
    a parte gli scherzi, mi è piaciuto da morire e credo che effettivamente dovesse finire proprio così.
    brava, brava, brava!

  4. Miriam, che bel finale, mi è piaciuto molto.
    Non sono d’accordo col modo di vedere l’amore, ma essendo una cosa soggettiva e peculiare non si può certo discutere 🙂 brava, spero di rileggerti.
    ps – hai scritto col cell?? io non ci avrei neanche provato…

  5. Mi dispiace se gli ultimi due capitoli sono stati scritti con molta fretta. C’è l’ho fatta giusto in tempo. Perdonatemi errori di battitura e sviste, perché non ho il pc a portata di mano e ho scritto con il cellulare. Il tempo era davvero poco. Grazie per aver seguito la mia storia. Mi sono divertita insieme a voi, e Grazie a voi! Come prima esperienza, è assolutamente positiva. Spero di iniziare presto un nuovo racconto-gioco insieme a voi, e ovviamente continuerò a leggere i vostri. Con affetto. Miryam.

  6. Non sceglierà nessuno, andrà via, lasciando la sua vecchia vita

    Fra i due sceglierei Giuseppe, anche se adesso sappiamo che Manuele con è ‘sto mostro profittatore, però… boh… ormai la sua vita è altrove da tempo. Forse se uno dei due si decidesse a seguirla, invece di pretendere che lei resti, potrebbe funzionare.

  7. Non sceglierà nessuno secondo me, l’alba di un nuovo inizio non sarà con il passato ma con un nuovo futuro,chissà un nuovo incontro le farà prendere questa decisione.si sa tra i due litiganti……….buon finale.

  8. a questo punto ho sorpreso perfino me stessa votando per : nessuno dei due, per un semplice motivo: se una persona è indecisa significa che non ama nessuno dei due, altrimenti non avrebbe alcun dubbio, perciò ….. via verso la nuova vita, nuove avventure e forse finalmente l’amore, ma quello vero!

  9. allora… da dove inizio?
    numero 1 wowwwww e stra wowwwwww
    non c’è l’opzione che volevo io……….. molla Manuele e corre da Giuseppe
    ho sccelto la mezza verità per ora, se è confusa come fa a dirglielo? prima deve fare chiarezza .
    comunque bellissimo capitolo, la scena del bacio emozionantissima, sembrava di vederli! brava!!!

  10. Ho votato per la reazione di Manuele, lui nonostante tutto la invita a ballare, sfrontato un vecchio lento e lei non può fare a meno di stare al gioco…..sto viaggiando troppo? Mi piacerebbe leggessi il mio numero 7,grazie.Buona scrittura….

  11. Ohhhhh! ti ribecco ora: avevo dimenticato di cliccare segui la storia ecco perché non mi arrivavano notifiche! va be’ ho rimediato. Comunque ho letto tutto insieme e mi sono goduta la storia!
    ho votato per riprendere dove avevamo lasciato… ormai mancano pochi capitoli! 🙂

  12. Purtroppo ho fatto la parità col mio voto, diamo la possibilità a Chiara di sfogarsi.
    Ora faccio la bacchettona: Chiara è un pò stronza eh? Ma povero Peppino, non è che baci uno, così addirittura con le mani intrecciate tra i capelli, ad un’età che queste cose sai benissimo che effetto fanno, solo per stuzzicare un cretino che ti ha paccato durante l’adolescenza!! Chiara cattiva, meriti la A scarlatta.
    😀 scusa mi divertivo!, brava comunque, sempre ben scritto.

  13. Voto per Chiara che decide di non andare al locale, ma… qualcosa ce la porterà sicuramente. Chissà che non sia proprio Giuseppe. Se Chiara si deve proprio vendicare, Giuseppe potrebbe prestarsi al gioco.
    Questo episodio mi è sembrato come la quiete “prima” della tempesta, mi aspetto faville nel prossimo. 😉

  14. Considerando che le mie esperienze adolescenziale sono vive e ancora in fase di maturazione, credo che l’ipotesi che Manuele se ne sia andato lasciandola sola sia la più realistica. D’altra parte erano due ragazzi ad una festa e di certo lui non immaginava neanche lontanamente cosa lei provasse e avesse provato precedentemente nei suoi confronti. Bella storia, complimenti!

  15. Sarò un po’ malinconico, ma la mia opzione preferita è quella che vede Manuele andarsene via. La storia riprende dei modi classici, che non leggevo da tempo, e perciò ho scelto questa opzione per continuare proprio su questa strada. Bene così 🙂

  16. Un incipit davvero interessante, ci sono tutte le premesse per una gran bella storia. Ho votato per la prima cotta al liceo, sperando in qualche riscontro particolare. In bocca al lupo e buona fortuna per i prossimi episodi 🙂 Se ti va, poi passa da me a darmi qualche consiglio 🙂

Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi