Un’estate indimenticabile

Dove eravamo rimasti?

Giulia adesso cosa fa? Gli racconta degli episodi negativi del suo passato (60%)

Ricordi dolorosi

Giulia ha fatto della sofferenza una forza, ha trasformato attimi di terrore con attimi di vita normale. Ha dovuto imparare a farsi coraggio da sola quando tutto attorno a lei era solo buio e tenebra. Ci sono giorni in cui rivive di nuovo quell’orrore, suo padre che picchia sua madre e poi solo un dolore infinito. Quel dolore è riuscito a penetrare la sua barriera di bambina, facendola crescere troppo in fretta.

-So cos’è la sofferenza Alessio, so cosa vuol dire sentirsi soffocare dal dolore e ti capisco, ma devi reagire non devi lasciarti abbattere.

Alessio guarda verso il mare, verso quelle onde che sembrano portare via le voci e i dolori.

-È più forte di me, il senso di colpa è troppo grande per non lasciarmi abbattere.

-Alessio ci sono sbagli che ci cambiano la vita ma se ci lasciamo andare è finita, tu devi reagire.

-Non ce la faccio.

Giulia gli prende le mani e gliele stringe forte, gli vuole fare sentire la sua presenza e tutto il suo affetto. Perché quando si ama si dividono anche i dolori, quando si ama la paura non esiste.

-Ci sono io con te, non sei solo.

Alessio è smarrito dentro all’angoscia che sente dentro, non sa come si deve comportare. Per la prima volta nella sua vita si sente perso, ha solo una certezza e, quella certezza si chiama Giulia.

-Cosa devo fare Giulia?

Giulia sa che non ci sono molte soluzioni, che per sconfiggere certi demoni interiori l’unica cosa da fare è abbandonarsi alla vita senza riserve, senza paure.

-Vivere Alessio, devi solo vivere.

Adesso sulla spiaggia non è rimasto quasi più nessuno, l’unica cosa ancora accesa è il falò che continua a bruciare come la speranza. Alessio si accende una sigaretta e guarda in viso quell’angelo perfetto seduto accanto a lui.

-Hai detto che conosci anche tu la sofferenza, come mai?

-Non è facile parlarne, sono cresciuta con un padre violento che quando beveva diventava un mostro.

Immagini durissime da ricordare affiorano nella mente di Giulia, la accompagnano da quando è bambina, ancora oggi quelle immagini diventano incubi terribili. Alcune lacrime scendono sul suo viso delicato, non riesce a trattenerle, non le vuole trattenere. Lasciandole andare lascia andare anche tutto quel dolore che le ha spezzato la voglia di vivere. Alessio le asciuga le guance, poi le fa appoggiare la testa sulla sua spalla.

-Mi dispiace Giulia, mi dispiace tantissimo, se solo potessi distruggerei tutti i tuoi ricordi negativi.

-Ma lo stai già facendo con i tuoi sorrisi, i tuoi baci, e quel modo solo tuo di farmi sentire bene.

Alessio si abbassa verso di lei e la bacia dolcemente prendendosi tutto il tempo del mondo. Lo vorrebbe davvero fermare quel tempo, vorrebbe rimanere semplicemente così sospeso tra la vita reale e quella immaginaria, dove il male non esiste.

-Sei davvero una persona speciale Giulia.

Giulia si immerge negli occhi dell’unico ragazzo che la capisce e la ama sul serio, l’unico che la fa sentire speciale. Forse è stato davvero il destino a farli incontrare, forse si sono incontrai per pura combinazione, l’unica cosa certa è che vuole Alessio nella sua vita. Va incontro di nuovo a quelle labbra che promettono passione e amore e si lascia andare a tutte quelle emozioni che la stanno travolgendo, impetuose e forti come un uragano. Lì tra quelle braccia è in grado di sognare senza incubi, è di nuovo se stessa.

Cosa succede adesso?

  • Giulia deve tornare nella città in cui vive perché sua mamma si è sentita male (25%)
    25
  • Alessio cambia per amore di Giulia (0%)
    0
  • L'amore tra Giulia e Alessio è di nuovo messo alla prova (75%)
    75
Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

104 Commenti

  1. Hai sfruttato al meglio la possibilità di avere la completa scelta degli eventi: grande! La tua è una “storia indimenticabile”. Non soltanto per parafrasare il titolo, ma davvero ci hai saputo trasmettere emozioni forti. Alla prossima 😉

  2. Ciao Emma! Scelgo il segreto di Alessio, è dallo scorso episodio che voglio sapere cosa nasconde!
    Onestamente a me pare che l’atmosfera ci sia tutta, e te lo dico perché sono una lettrice che i capitoli se li legge tutti….e non solo il primo 😉
    Baci.

  3. Bella storia, lineare. Mi sono letto quattro capitoli in fretta, uno dopo l’altro, con estremo piacere. Io ho votato per Luca, e sono scioccato di essere in netta minoranza. Ero sicuro che nessuno volesse dare un’altra opportunità ad Alessio visto il suo carattere fedifrago e violento…

  4. Per me c’è un problema di atmosfera. Mi spiego: non scrivi male, ma non riesco a percepire quello che prova la protagonista. Ricorda che i sensi sono cinque, usali tutti: non descrivere la stanza, fammi sentire.il suo odore. Il tatto.
    Il tatto è fantastico, perchè non me lo fai avvertire?
    Che odore c’è su quel letto? E il fresco dell’acqua di mare? Il calore del sole?
    Usa il punto di vista del protagonista: non descrivere, fammi avvertire.

    Te lo dico perchè penso tu ne abbia le capacità. Buon lavoro 🙂

    Ps: Gelosia!

  5. Per me c’è un problema di atmosfera. Mi spiego: non scrivi male, ma non riesco a percepire quello che prova la protagonista. Ricorda che i sensi sono cinque, usali tutti: non descrivere la stanza, fammi sentire.il suo odore. Il tatto.
    Il tatto è fantastico, perchè non me lo fai avvertire?
    Che odore c’è su quel letto? E il fresco dell’acqua di mare? Il calore del sole?
    Usa il punto di vista del protagonista: non deacrivere

Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi