Il cammino di Morgana

Dove eravamo rimasti?

Dove andrà il mattino dopo Alba? In stazione (100%)

La stazione

Il mattino dopo Morgana uscì di casa, con il suo passo cadenzato e il suo umore volubile.
Quel giorno, una strana sensazione di incompletezza e di vuoto la faceva sentire inquieta, allora si fermava e si metteva a tamburellare freneticamente le dita sui muri delle vie.
Morgana rifletteva: non riusciva proprio ad accettare il grigiore della vita, non poteva credere che la vita fosse solo quel perpetuarsi di gesti meccanici e di passioni consumate in fretta.
Così, a volte usciva di casa senza meta, alla ricerca di “altro”, di qualcosa di stupido forse, ma che rompesse la monotonia e la monocromia della sua vita.
Se c’era una cosa che  amava molto fare era osservare le persone, si sedeva sempre sulla stessa panchina davanti alla stazione e vedeva continuamente gente andare e venire: amanti che si salutavano calorosamente e coppie che si separavano senza voltarsi, madri in lacrime e ragazzine impaurite strette nel loro cappotto con una valigia vistosamente straripante e infine, vedeva uomini soli che, volgendo lo sguardo verso l’orizzonte, erano in procinto di compiere – secondo la sua immaginazione- un viaggio straordinario.
Le stazioni le avevano sempre dato l’idea di una porta aperta sul mistero, un luogo da cui partire per andare verso ciò che non si conosce e, un luogo in cui tornare, quando si sente bisogno di certezze e di sguardi familiari.
Un giorno, mentre se ne stava lì seduta cercando di seguire il filo dei suoi pensieri , notò che qualche metro più in là, su una panchina, un libro era stato dimenticato. Si alzò incerta, si guardò intorno per accettarsi che nessuno la stesse osservando e, con improvviso scatto, afferrò il libro, si voltò e se ne andò a passo lesto. Tornata a casa tirò fuori dalla tasca il libro, non aveva né titolo né autore ma una copertina nera lucida sulla superficie della quale Carla, fece scivolare lentamente la mano.
Aprì il libro e…

Cosa vedrà nel libro?

  • Una pagina completamente nera (25%)
    25
  • La storia della sua vita passata (50%)
    50
  • Una pagina bianca (25%)
    25

Voti totali: 4

Vota la tua opzione preferita

Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

14 Commenti

  1. @ Nickleby

    Ciao e grazie per l’interessamento!
    La figura di Morgana è molto complessa, contraddittoria ed è stata soggetta a moltissime interpretazioni dagli studiosi. Dunque, ho deciso di seguire l’istinto. 🙂
    Non voglio anticiparti nulla, ma Morgana nel suo viaggio farà molti incontri interessanti.
    A presto il seguito… 🙂

  2. Molto interessante l’interpretazione di Morgana, non sembra la solita faccendiera crudele di tante versione, appare molto più pietosa e umana… il ciclo dei miti britannici mi piace particolarmente, spero ci sarà anche un confronto con Merlino (in una sua versione cupa e non amorevole stile Disney) e ti seguo volentieri!
    P.S. voto per il popolo dell’aria! ^_^

Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi