Questioni di famiglia

Dove eravamo rimasti?

Non, è facile, ma è ancora tempo di decidere: come agire? Perso per perso, carica contro Mariolina e Lucilla! (100%)

Questioni sulla famiglia

Ancora una volta, l’istinto parlò: anzi, urlò come la folla ad un concerto. A differenza del passato, Marco gli diede retta e caricò.

Saltò addosso a Mariolina e Lucilla, con tutto l’impegno possibile e anche più disperazione. L’amica sorpresa, arretrò scomposta ed inciampò finendo con il gomito sulla faccia di Mariolina. “Tu, piccolo sgorbio”. La faccia dell’infermiera, gonfia di suo e rossa di rabbia, sembrava quella di un clown malvagio. “Sarò io ad ucciderti non la Signora.”

Il colpo la prese alla nuca: Mariolina rimase un attimo a fissare i ragazzi, quasi offesa, poi cadde a terra.

L’uomo tatuato guardo la donna in nero. “Devo colpire anche la piccola?” “Non essere sciocco, Antonio. Mia nipote è ben educata. Vero?” Lucilla era immobile, sospesa tra gioia e sorpresa, il coltello dimenticato in mano “ “Zia Assunta sei tu? Ma…”

“Cosa facciamo qui? Ti abbiamo seguito. Perchè? E’ tempo di chiarire tutto” Un secondo uomo era entrato: zoppicava e si puliva ossessivamente gli occhiali. Questa volta fu Marco a stupirsi “Dottor Landruschis, cosa fa qui?” “Sto male ragazzo”Per un attimo la pulizia si era fermata “Ma è tempo di chiarire le faccende di famiglia”.

“Streghe? Ma non è possibile!” Erano tutti seduti nel salotto di Mariolina. Assunta aveva preso la sedia più comoda e gli altri si erano seduti attorno a lei in religioso silenzio.

Tutti tranne Lucilla, che saltava su e giù da uno scatolone e non smetteva di parlare. “Si, questo siamo.” Zia Assunta quasi immobile e parlava poco, ma le sue parole erano come pietre.

“Prima del Patto eravamo una famiglia di contadini come tanti: devoti, laboriosi, senza speranza e senza nome. Poi, siamo diventati ricchi e potenti con la magia. La gente non sapeva, ma sospettava, e diventammo Gianaria: da Janara, il nome delle streghe”. La vita all’inizio sembra buona: soldi, potere, rispetto dell’aristocrazia. Poi…” una mano scarna uscì dalla tasca, stringendo un rosario di legno. “Le chiacchere del popolo allertarono la giustizia. Subimmo diverse indagini dagli uomini del re, e l’Inquisizione processo e bruciò donna Rachele Gianaria.

E scoprimmo fino in fondo le regole  di chi si vende a Satana”.

Una lacrima scese giù dal volto scavato “Il potere è dentro di noi. Ma cresce con il sangue: per diventare una vera strega, le Gianaria devono uccidere. Come ha fatto tua madre con tuo fratello”. “Io non ho un fratello!” Anche Lucilla piangeva, ma lo faceva abbondantemente. “Lo avevi. Tua madre lo ha ucciso quando eri molto piccola. E sua sorella, la zia Carmela ha fatto lo stesso con la figlia”. Il volto di Assunta era inflessibile come la sua voce. “Noi Gianaria abbiamo la magia, i soldi ed il potere politico e questo ci ha difeso dalla giustizia degli uomini. Nessun processo, nessuna indagine. Ma il Signore ci ha puniti”. La zia inizio a fregarsi le mani sulle braccia, come a rimuovere lo sporco. “Il Dio degli eserciti ha fatto perdere il senno a Carmela, sta facendo lo stesso con tua madre. Ed adesso tocca a te”.

“Sorella Assunta” Il dottor Landruschis emanava calma e rassicurazione. “ Per favore”. La suora si ricompose, tornando alla posizione di statua solenne “Ma il Padre crede anche nella Misericordia. Abbiamo trovato il modo per salvarti. Ho trovato negli archivi il luogo del noce sacro, dove fu stipulato il Patto. Dobbiamo consacrarlo a San Benedetto e tutto sarà finito!”

“Sorella Assunta” il dottore adesso non era tranquillizzante: era deciso “Anche Annalisa può essere salvata! Tu Antonio, cosa ne pensi?” L’uomo rimaneva in silenzio, un silenzio incerto, gravido quanto ostile “Tipico. E tu, giovane?” Il dottore sembrò accorgersi per la prima volta di Marco. “Qual’è il tuo parere?

Ancora una volta, Marco ha in mano il proprio destino. Come si comporterà?

  • Antonio sembra sapere qualcosa di utile: meglio farlo parlare (100%)
    100
  • Anche Annalisa può essere salvata: è giusto schierarsi col dottore (0%)
    0
  • Il rischio è troppo grosso per indugiare: meglio andare al noce sacro (0%)
    0
Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

22 Commenti

  1. Cari lettori, oggi si conclude il mio primo racconto.

    Spero vi sia piaciuto e spero abbiate voglia di commentare. Scrivetemi cosa avete apprezzato e (ancora più importante) cosa non vi è piaciuto. Grazie a tutti per la collaborazione .-)

    Continuate a seguirmi: entro metà settembre, inizierò il mio secondo racconto “Profondo Nero”.

  2. Oh santo cielo, sono confusa! Voto per la carica, mi sembra la reazione più istintiva… Che cosa ci stai raccontando? Temo di essermi persa. Per fortuna hai ancora due capitoli per sbrogliare la matassa e farci capire qualcosa. Aggiorna presto, mi raccomando!

  3. A livello letterario scrivi davvero bene, non c’è che dire. Ho divorato l’incipit e questi primi 6 capitoli alla velocità della luce. Hai uno stile scorrevole e incalzante e dei personaggi ben fatti, anche se appena tratteggiati. Mi ha stupita poi la naturalezza con cui in pochi paragrafi hai raccontato il passato del protagonista all’inizio, ci vuole maestria per farlo così bene.
    La scrittura presenta qualche problema a livello grammaticale e ci sono troppe “d” eufoniche, ma questo non mi ha fermata dal seguirti, perché la trama è interessante. Ti inviterei solo a rileggere con attenzione prima di pubblicare, per evitare refusi e vere e proprie mancanze all’interno delle frasi, che spesso si interrompono all’improvviso o hanno le parole mozzate, rendendo difficile la comprensione.
    Vedo che il racconto è vecchio di cinque anni, forse non hai intenzione di portarlo a termine, ma io voto lo stesso: “via libera”.

    • Valentina, ti ringrazio per i complimenti e (sopratutto) per le correzioni. Da oggi, cercherò di rileggere meglio.
      Grazie anche per il discorso sulle “d”: da solo, non l’avrei mai notato.
      Per quanto riguarda la continuazione della storia ho deciso di portarla a termine. Anzi, conto di offrire un nuovo episodio entro la fine di questa settimana.

  4. ehilà ho votato per : entrano senza permesso!
    Bell’inizio ti seguo,
    Vieni a trovarmi!
    So che il genere nel quale ho inserito il romanzo è un pò particolare, ma sto cercando di creare una trama che richiami anche l’ horror, (perché mi piace) e creare così un mix! se ti va dimmi cosa ne pensi e se ti piace l’idea.
    Grazie

Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi