Country Lil Love Story

Dove eravamo rimasti?

Non si sono esplicitamente dichiarati, ma ci sono andati vicino. Litigano (63%)

Rebel Tour Iowa

Il cugino di Paul, Luke. Quando ti guarda sembra un incantatore, quasi che ti voglia ipnotizzare. La cosa che però lo differenzia davvero da Paul è il carattere: allegro, socievole, cordiale.Io e un paio di amiche andiamo al cinema a vedere un film romantico. Si aggrega anche Luke. Si siede vicino a me….storto un pò il naso.La prima metà del film la passo scomoda…per non appoggiare i gomiti al bracciolo dove li tiene Luke, mi tocca tenerli stretti contro di me. Mi capita un paio di volte di sbirciare Luke e, secondo me, si sta annoiando da morire!Durante l’intervallo mi avvicino e sussurro

“Ti stai annoiando a morte, vero?”.

“Proprio a morte no”.

Dopo il film andiamo a cena e alla fine lui vuole pagare per me! E no, non è così che funziona! Questo non è un appuntamento! Almeno per me! Anche se le altre e Luke sono d’accordo, per me non è niente, quindi Non Deve Pagarmi la Cena.Fuori del ristorante, le altre si defilano in fretta con la scusa di un appuntamento lì vicino con i loro ragazzi. Me l’hanno combinata proprio bene!

Luke, comunque, è una compagnia piacevole, è sciolto nel chiacchierare, basta che capisca che è solo un gioco!

Mando un sms alle amiche – me la pagherete! –

“Le stai minacciando?” chiede vedendomi messaggiare con un faccia truce. Cerca di curiosare sul display e poi ride.

“Mi avete fatto proprio un bello scherzo! Tutti insieme!” ringhio, ma non sono veramente arrabbiata.

“Era l’unico modo! Hai sempre Paul intorno!”

“Ricordati che questo non è un appuntamento, anche se sei sempre lì che cerchi di prendermi la mano!”Mentre sfarfallo la mano per evitare la sua.

“No, no! Me lo ricordo! Il tuo sguardo è sufficiente per far scappare un leone!”

“Non ho lo sguardo così truce”  Cerco di rilassare i muscoli facciali, facendo smorfie terribili. Ride come un matto.

“Sei uno spasso, Cath!”

Al tramonto arriva Paul. Io e lui ci sediamo sul dondolo del portico.Chiacchero mentre lui beve…gli racconto la storia della sera prima, del cellulare. Non fa una piega.Finisce la birra e poi, guardandomi, mi chiede:”Viene a prenderti lui, stasera?” infastidito.

“No, perché?” che razza di domanda.

“Dopo l’appuntamento di ieri, poteva essere ovvio!”

“Non era un appuntamento!”non capisco.

“Allora perché me l’hai raccontato?” Casco dalle nuvole!

“Perché ti ho sempre raccontato tutto, è solo una cosa che mi è capitata e mi andava di raccontartela”

“Già, certo! So tutto…fino a che non sei andata via” Ma dà i numeri? Cosa sta dicendo? Non riesco proprio a seguirlo!

“Ma sei ancora arrabbiato per le mail?” non so che altro pensare!

“No! Però, se hai intenzione di uscire o divertirti con lui, non chiedermi di farti da autista e farti scarrozzare! Chiama le tue amiche o chiama lui!”.

Mi alzo in piedi  offesa.”Per ora non ho intenzione di uscire con Luke, e non capisco perché fai tante storie per quello che ti ho raccontato! In realtà pensavo che ti saresti fatto una risata e che mi avresti presa in giro! E scusami se fin’ora ti ho ‘costretto’ a venirmi a prendere e portarmi in giro”

Col cavolo che me ne sto a casa! Chiamo le amiche che mi vengono a prendere. Al solito locale io e Paul ci ignoriamo. Anche se ho affermato di non avere intenzione di uscire con Luke, lui è sempre li vicino a scherzare e ridere ed è divertente. Balliamo per gran parte della serata. Alla fine le ragazze se ne sono andate con i ragazzi lasciandomi nuovamente a piedi!

“Belle amiche”

Luke mi sta a fianco in silenzio. Ora sono veramente incazzata: mi hanno di nuovo piantata li da sola con Luke. Ora come faccio a tornare a casa? Mi tocca chiedere a Luke.”Ti posso accompagnare io, se ti fidi!” e mi fa quegli occhi da mozzare il fiato. Non voglio più uscire con quelle traditrici e invece la sera dopo arriva Luke di sua iniziativa a prendermi. Ha 2 biglietti per un concerto rock a circa 40 miglia da noi. Sicuramente non sono la prima scelta, perlomeno è questa la sensazione che ho! “Ah si, hanno una lunga storia!” fa un sorriso “Me li ha dati Mike” il fratello maggiore di Paul? “Doveva andarci con la sua ragazza, ma non ha potuto, così li ha dati a me stamattina! Volevo chiamarti per invitati, ma poi ho pensato che avresti trovato mille scuse per non venire, sapendolo in anticipo” ha pure ragione…cavolo mi ha già inquadrata! “Veramente i biglietti li ha comprati Paul la settimana scorsa!”Una tegolata in testa! Li ha comprati Paul?”E con chi voleva andarci?””Ah non lo so! Nessuno di noi era d’accordo per andare al concerto con lui! Li ha dati ieri a Mike, perché lui non ci andava più!”Ma guarda! Ironia della sorte!Quasi quasi domani ricomincio a parlargli e gli dico che al concerto ci siamo andati io e Luke, alla faccia sua! Che iena!Il pomeriggio dopo tutti sanno che sono andata al concerto con Luke. Probabilmente anche Paul, perché è venuto in fattoria ed è più scontroso del solito.

Dopo il concerto le cose si complicano...

  • Cath è costretta ad andarsene (14%)
    14
  • Paul cerca doi fare pace (43%)
    43
  • Luke insiste (43%)
    43

Voti totali: 7

Vota la tua opzione preferita

Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

63 Commenti

  1. Ma brava, Cat, mi sei piaciuta…. molto figurativa la scena del dialogo tra il nonno e Paul. Molto sincero lui come personaggio… vero che hai qualche problema sintattico di tanto in tanto ma, d’altro canto, possiedi un ottimo spirito di osservazione che concede aria e verità a trama e personaggi. E non è cosa scontata né diffusa. Per cui consiglio di limare la struttura, perché la fantsia c’è tutta. 🙂 alla prossima, ti seguo.
    Qui ho votato Cath è costretta a partire.

    • Grazie mille dei complimenti! Eh si! Ho davvero qualche problema di sintassi! Se tu potessi leggere la versione estesa mi farebbe molto piacere e magari potresti lasciarmi qualche commento costruttivo! Chiedi a Lucia (in privato visto che questa non è una cht) dove trovarmi, se ti incuriosisce un pó!
      Ciao

  2. Stamattina mi son svegliata nervosa e, quindi, litigano… Scherzo, scherzo. Ho scelto quell’opzione così smuoviamo un po’ le acque. Se si mettono subito insieme, altri 4 capitoli che facciamo? 😀
    P.s.leggevo il tuo commento sotto che vuoi concludere la storia, beh, allora falli pizzicare ancora un po’ e poi ti conservi il lieto fine. 😀
    Un bacio

    • Nella versione ‘ufficiale e quasi completa’ (pubblicata su efp e wp) quasi ogni capitolo ha il titolo di una canzone che, spero, renda l’atmosfera che voglio dare in quel momento. Sono tutte canzoni che mi piacciono (tranne una, ma era quella con le parole che si adattavano maggiormente) e, anche se a volte il testo non è proprio ‘fedele’ al capitolo, il titolo che la musicalità rendono bene.

  3. Mettiamo un pò di pepe nella storia, ho votato per l’opzione di Cath che scopre Paul con la ragazza. Se posso… vorrei farti solo un paio di piccole osservazioni: ho notato che l’inizio del primo episodio è scritto al passato e poi sei passata bruscamente al presente, forse io avrei scelto di cominciare tutto il racconto con questo tempo, un’altro passaggio repentino è sul finale dove dal punto di vista della ragazza si passa ai pensieri di lui senza nessuna descrizione del tipo: … Pensa Paul mentre guarda la ragazza… Non so, le mie sono impressioni molto personali, prendile così… 😉

    • Si avrei dovuto rifare il primo, perché tutta la storia è al presente. Però non so se qui posso cancellae e rifare tutto…è stato un mio errore imperdonabile!
      Per i pensieri di Paul nell’originale sono scritti in corsivo e l’ho fatto apposta a non indicare ‘Paul pensa….’ perché così si entra maggiormente dentro il personaggio. Avessi scritto che Paul stava pensando diventavo narratore in terza persona, mentre è Cath che, più che raccontare, vede le sue vicende.

  4. Voto per lui che non si fa più vedere.
    Ehm… detesto suggerire correzioni, ma trovo che questo racconto abbia un buon potenziale ed è un peccato trovare apostrofi invece di accenti e virgolette. Anche le abbreviazioni le avrei evitate (comp. per computer, avresti potuto usare la sigla PC a questo punto).
    Mi permetto di scrivertelo perchè io per prima lascio un sacco di refusi nei miei racconti, e mi accorgo di essere cresciuta parecchio grazie ai consigli degli utenti di questa piattaforma.
    Spero che il mio commento non ti abbia infastidito.
    A rileggerti!

    • Nessun fastidio! Grazie dei suggerimenti, sono sempre ben accetti se si vuole migliorare! Per gli apostrofi al posto delle virgolette…è che quando l’ho scritto non ero ancora pratica della tastiera del tablet…. 😉 ….anche se preferivo un sltro tipo di voto….mi state spiazzando completamente….

Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi