La ragazza dalle scarpette rosse

Dove eravamo rimasti?

Cosa succederà ora? Mary Smith si recherà dalla sua rivale affrontandola a viso aperto. (89%)

La resa dei conti

Patrick deciso le alzò la sottana e infilò un dito nella parte più umida di lei, voleva godere della sua carne… in fondo non capitava tutti i giorni di venir pagato per scoparsi una bella donna.
<< Guardami stronza! ti farò piangere come una bambina!>>
Lei alzò gli occhi e sorrise sfacciata, cosa aveva da ridere quella lurida bianca? Furioso sfilò le dita dalla sua intimità, la sollevò di peso e la costrinse spalle al muro. Voleva farle male, vederla chiedere perdono per la sua insolenza. La prese da dietro facendo sparire la sua possente erezione dentro di lei, la vide inarcare la schiena e aggrapparsi alla parete buttando la testa all’indietro. Quel gesto lo fece impazzire e continuò a infilarsi selvaggiamente in lei tirandola per i capelli e mordendole il collo. In quell’istante Paul richiamò l’amico.
<< Voglio giocare anch’io, non divertirti solo tu!>>
L’uomo gli fece cenno di avvicinarsi ma quando fu di fianco a loro rimase sorpreso, la nobildonna si mordeva le labbra e gemeva silenziosamente.
<< Patrick esci subito da lei!>> ordinò veloce al suo complice.
<< Che succede cazzo?>> imprecò l’uomo uscendo veloce.
Quello che vide gli mozzo il fiato, nemmeno una goccia di sangue. Questo significava una sola cosa, nonostante la passera strettissima, la giovane era già stata violata.
<< Oddio e ora?>> chiese senza fiato.
La fanciulla si voltò in tutta la sua bellezza e poggiando le mani ai fianchi.
<< Vi aiuterò io miei signori. Vi fornirò delle false prove e vi pagherò.>>
<< Cosa vuole in cambio?>> replicò il più intelligente.
<< Vorrei finire di godermi i vostri servigi, se per voi non è un problema.>> esclamò seducente la giovane mordendosi le labbra mentre afferrava tra le mani le due virilità. I due uomini gemettero soddisfatti, la giornata si era conclusa nel migliore dei modi..
Il giorno Mary Smith aveva mantenuto la parola, gli aveva consegnato una borsa piena d’oro, un panno pieno di sangue e delle foto. I due uomini afferrarono gli oggetti e si recarono dalla donna.
<< My lady le sue prove.>> pronunciò Paul con un inchino.
<< Grazie mie cari, avete fatto un ottimo lavoro.>> si complimentò strofinandosi le mani gioiosa.
Pagò gli scagnozzi e li congedò velocemente, doveva portare a termine il suo piano. Chiamò una delle sue lavoratrici e infilando tutto in un pacchetto le consegnò una lettera.
<< Recati a casa Dupon e consegna questa. Suona e scappa, non farti notare.>>
La ragazza afferrò la scatole e corse via.
Cindy si chiuse nello studio, accese il grammofono e si rilassò al suono delle dolci melodie di Chopin, presto avrebbe avuto la sua vendetta.

Nel frattempo nei quartieri alti di New York la, bruna festeggiava la sua vittoria con i nuovi amici, tra un bicchiere di vino e una palpatina. In fondo suo marito rincasava sempre tardi la sera e li poteva divertirsi come più le piaceva. Alzò il calice gioiosa e propose un brindisi.

<< Alla disfatta di Lady Bombon e alle nostre meravigliose scopate!>> annunciò sedendosi cavalcioni sul nerboruto al suo fianco. 

Chiuse gli occhi e si fece travolgere dalla lussuria, ne aveva proprio bisogno prima di incontrare quella donna.

Qualche ora dopo Cindy si sentiva in ansia, perché Stuart non si presentava all’incontro? Non vedeva l’ora di vederlo e potergli sbattere in faccia che aveva sposato una donnaccia che giocava a fare la donna rispettabile. Era così presa dai suoi pensieri che appena sentii lo scricchiolio della porta pronunciò altezzosa.

<<Finalmente sei arrivato!>>

<<Mi dispiace deluderti Bombon ma Stuart era molto impegnato, dovrai accontentarti di me!>>

Al suono di quella voce si girò di scatto, quello che vide però per poco non le tolse il respiro. Mary Smith avvolta in un candido vestito di seta rosa, lo scollo casto e le spalle coperte da uno scialle. Ad occhio sembrava una dama casta e pura, ma Cindy scorse una scintilla di perversione nei suoi occhi.

<< Donnaccia domani tutta Londra saprà che sei stata sverginata in un fienile!>>

La mora rise sguaiatamente coprendosi la bocca con l’immancabile ventaglio.

<< Povera illusa… Stuart non ti crederà mai, ho venti testimonianze che ieri dopo la messa sono tornata a casa.>>

<< Ho dell foto che lo provano!>> urlò lanciandole delle copie.

<< Sciocca guardale bene! Non noti niente di familiare?>>

Cindy riprese i fotogrammi tra le mani e le osservò con attenzione quando noto un particolare agghiacciante.

<< ODDIO! Ma è Stuart l’uomo della foto!>>

<< Non è colpa mia se il tuo amato confonde del semplice mestruo con una prova di purezza. Per lui io sono stata solo sua… a differenza di te che la dai per quattro spiccioli!>>

<< Vuoi dire che tu e lui?>> chiese incredula.

<< Bisogna provare la mercanzia prima di acquistarla mia cara!>>

Cindy rimase senza fiato, non poteva finire così.

Cosa succederà ora?

  • incastrerà Alfred costringendolo a sposarla (33%)
    33
  • Indagherà sul passato di Mary (67%)
    67
  • Cindy si recherà in fabbrica da Stuart (0%)
    0
Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

95 Commenti

  1. Ciao! 🙂 ho letto tutto d’un fiato anche quest’ultimo capitolo e, onestamente, non vedo l’ora che tu scriva anche l’ultimo per sapere come va a finire la vicenda! 🙂 mi piace davvero molto, bravissima! Voto per Cindy che assassina il capo di stato e ribalta la situazione. Lo ammetto, sono una romanticona, ma nelle storie amo da morire il lieto fine! 😀 al prossimo!

  2. Ciao! 🙂 Ho letto tutto d’un fiato la storia fino a questo capitolo e devo dire che mi ha preso tantissimo! L’epoca in cui è ambientata, gli intrighi e la maestria con cui hai intrecciato la vicenda a personaggi storicamente esistiti, come Roosvelt..bravissima! Non vedo l’ora di leggere il seguito e soprattutto sapere come andrà a finire! Voto per “passerà l’ultima notte di sesso con Alfred prima di smascherarlo”. Al prossimo! – See more at: https://theincipit.com/2014/10/la-ragazza-dalle-scarpette-rosse-stilosina-impertinente/8/#sthash.btUKinBs.dpuf

  3. Recuperato i due episodi. Ti dirò per un gusto personale non mi è piaciuto il sesto episodio. Perché c’è già Lady Borbone a aver cambiato atteggiamento, adesso c’è pure Mary. L’avrei vista più come vittima che come attivista. Ma ti ripeto è più una questione di gusti, che di critica tecnica.
    Comunque, ho votato per Alfred e Mary come amanti.

  4. Allora ho letto fino al terzo capitolo!

    Premesso che non era minimamente come mi aspettavo, devo dire che è stata una bella sorpresa! 🙂

    Finora ti faccio i miei complimenti per lo stile semplice ma efficace! L’idea dei dialoghi effettivamente dentro i grassetti mi sa che te la copierò se non ti spiace!

    Ho notato che così si vedono meglio ma non ho scritto il commento proprio per questo.

    Il tuo stile è piuttosto abile. Scrivi semplice nello stile “parla come mangi”. Ti capirebbe anche un bambino (non è un’offesa anzi) e parli e parli facendo parlare la storia.

    Penso tu sia la seconda storia più bella dell’ultima mezza giornata! Penso ti seguirò senz’altro nonostante ti debba ancora finire gli altri tre. Ti prego di aspettarmi prima di pubblicare!

    Un appunto piccolo vorrei fartelo.

    Avevi detto all’inizio dell’episodio che aveva labbra sottili anche se invitanti. Com’è che sono diventate qua magicamente carnose ?

    Ho pensato che fosse per il fatto che descrivi la situazione dal Monsier (sonodisgustosamentericco) Dupont però mi ha fatto un attimo tralasciare!

    Brava nella lettura! Adesso ti proseguo! 🙂

  5. Ciao! =)
    Storia carinissima, mi ricorda un pò Jane austen non so perchè, in realtà lei scrive storie diverse ma forse per i personaggi, l’amore complicato, cioè sono rimasta colpita quando poi alla house of pleasure (?credo) è arrivato il padre e devo dire questa coppia mi piace molto di più 😛 Cindy sta cambiando, all’inizio provavo anche pena per lei, ma ora inizia a usare anche lei persone…magari, tutto sommato come ha detto lei, tutti mi crederanno sempre una puttana allora sarò una grande p xD forse dopo tutto quello che ha subito, le è concessa questa ribellione, e sotto quest’aspetto, ha un carattere interessante ..volevo votare per “la violentano e basta xD” ma voto per mary che va ad affrontare la sua rivale a viso aperto =)

  6. Letto tutto, sono rimasta sorpresa dal cambio di atteggiamento di Cindy. Mi ha fatto pensare che non fosse poi così pura d’animo, ha impiegato poco per rimpiazzare Stuart. Di per sé la storia non è male. Alcuni punti però non mi tornano. Più che altro per il contesto storico di fine ottocento (es. le scarpe regalate da Alfred).
    Alla fine ho votato per il faccia a faccia tra Mary e Lady Bombon. Immagino che Mary abbia scoperto chi le ha teso la trappola. Sono curiosa di vedere come si svolgerà il confronto.

  7. Brava. Bel capitolo qualche refuso per la fretta …Molto scenico, crudele e criminale…Me lo immagino ambientato negli anni 20. Lo hai riempito di immagini che rendevano l’azione più bella. Anzi, ho visto grossi miglioramenti, specie nella formattazione e nel uso del grassetto. Mi è piaciuto tantissimo. Ma hai una mente “diabolica”, un cuore in una scatola …Oh mamma!

  8. Ti seguivo dall’incipit, però non ho lasciato commenti. Allora, lo faccio adesso…E’ una buona storia, si ci sono delle cose che non vanno ma è all’inizio e puoi riprenderti del resto qui, siamo anche per imparare. Non so dove vuoi arrivare, Però mi piace, l’ambientazione e anche l’emozione che trasmette. Ovviamente lei vuole sbarazzarsi di Money…. Se decidi di leggere la mia storia lasciami un piccolo commento, ne ho bisogno per capire se piace o meno e come posso procedere.

Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi