Oltre la Nebbia – Morte e Rinascita

Dove eravamo rimasti?

Tempo di tornare a casa... Scott non potrà vivere amando sia Livaine che Ashley: ritornerà ad essere Duane O'Brienn, dimenticando tutto (50%)

12/11/2014, 17.30 – Samsara

 E cosi era finita. Scott, appoggiato a un albero di fronte alla sua tomba, guardava la foto sulla lapide. Era finita, aveva chiuso con il passato, tutto quel che rimaneva ora era la tomba. Dopotutto era per quello che era venuto a Midtown: mettere la sua vecchia vita al sicuro, sotto a quella lastra di marmo.

Guardò verso l’alto nell’inutile tentativo di guardare i suoi capelli: la uisge beatha non aveva solo fatto scomparire la cicatrice al ventre, ma aveva anche restituito ai capelli il loro colore originario: il nero corvino “Lo strige nero” aveva commentato allegramente Lucius.

Scott Hardok tirò fuori da una tasca dello spolverino una fiaschetta di whisky: un Talisker Port Ruighe. Bevve un piccolo sorso… Quale momento migliore per bere, se non prima della propria morte? Un senso di malinconia crebbe in lui fino a diventare un nodo alla gola. Che mai aveva fatto Scott Hardok per meritare di vivere? Era un figlio di nessuno, abbandonato da sempre. Si era fatto da solo: aveva studiato, si era allenato, si era fatto una posizione… Tutto era stato pesante, faticoso, stancante, la vita non gli aveva mai regalato niente. Solo Livaine era stata il suo premio, ma ora era tutto rovinato: non poteva amare due donne e lo sapeva. Quindi che fare? L’unica soluzione era morire di nuovo, dare la possibilità a Duane O’Brienn di continuare a vivere la vita che aveva perso ingiustamente per colpa del criminale che era stato Scott.

Bevve un altro sorso, gli occhi gli si inumidirono.

Aveva vinto, aveva tutto, aveva conquistato la sua vita con le unghie e con i denti solo per poi sporcarsi le mani con gli eventi che avevano portato a quel momento… Aveva rovinato tutto. Quella consapevolezza bruciava più del distillato che stava bevendo. Si morse il labbro inferiore per trattenere le lacrime e bevve un altro sorso.

Ormai era tutto pronto, mancava solo di salutare.

Un sorso per Juliet, che si era sacrificata per lui.
Uno per Carl, che lo aveva avvisato prima che fosse troppo tardi, sacrificandosi a sua volta.
Uno per Henry, perché era stato Scott a portarlo su quella strada.
Uno per Lucius, che nonostante tutto gli aveva salvato la vita.
Uno per Drake, un amico che aveva usato e abbandonato. A quest’ora probabilmente si stava bevendo il suo caffè.
Uno per Livaine che giaceva nell’oblio, forse Scott l’avrebbe ritrovata li.
Uno per Duane O’Brienn <Tocca a te, ragazzo>

Scott si spense: le sue vite gli passarono davanti agli occhi. Ogni fotogramma di memoria, ogni suono, ogni sensazione che attraversava la sua coscienza per l’ultima volta veniva cancellata da Strix, che l’afferrava per portarla con sé nel sonno.

<Mamma, papà, ci mancate…> Disse Duane O’Brienn, bevendo l’ultimo sorso. Era tempo di ritornare a casa.

<Ashling…> Duane non si aspettava di trovarla a casa. Lasciò a terra la valigia e andò ad abbracciarla.
<Sorpresa…> Sussurrò lei. ricambiando l’abbraccio e baciandolo <Bentornato, come è andata?>
<Bene, bene> Rispose lui stanco.
Ashley capì che mentiva, ma lasciò perdere, sapeva benissimo quanto Duane ed Ellie odiassero anche solo pensare alla loro vecchia vita a Midtown <Ti preparo qualcosa di caldo, tu siediti, ok?>
Si sedette sul divano <Grazie Ash…> Si strofinò gli occhi, tornando in treno aveva fatto un sogno orribile che non riusciva a ricordare.

Ricordava un angelo custode che lo seguiva passo passo, un uomo alto e magro fissato con lo zucchero e sangue, molto sangue. Ricordava molto sangue sulle sue mani.

<Il concerto è andato bene, sai?>
Duane sorrise <Non avevo dubbi, non sai quanto ho odiato non esserci>
<Ellie ha fatto qualche video… E’ la mia fan numero uno, c’è d’aver paura che diventi una mia groupie!>
L’interlocutore rise <Ma dai! A proposito… Dov’è?>
<Non sta bene, ha un po di febbre, è di là che dorme. Mi ha detto che saresti tornato oggi, così sono venuta qui ad aspettarti>
Le baciò la guancia <Che tesoro> Bevve un lungo sorso <Come farei senza di voi…>
Gli appoggiò la testa sulla spalla <A volte non sembrate nemmeno fratelli, vi volete così bene… Anche io vorrei un fratello come te!>
<Eheh, quando verrai a vivere qui ti accorgerai che non siamo tutto rosa e fiori, semmai fuoco e fiamme!>

Sentirono il rumore di una porta che si chiude.
<Ecco, hai svegliato Ellie> Disse Ashling sorridendo al suo uomo, che ricambiò il sorriso per poi voltarsi verso sua sorella, che stava entrando.

Era pallida e camminava lentamente, avvolta in un morbido accappatoio da casa. Disse, con voce tremolante <Sei tornato, Scott?>

Categorie

Lascia un commento

109 Commenti

  1. Nuuu non può finire così ç__ç Lui dimentica e lei ricorda… O__O chissà che casino che viene fuori in quella casa adesso!!! Se ha culo si trova con due fidanzate che coesistono e lo amano contemporaneamente… se gli va male si scannano a vicenda come due galli in un pollaio…

  2. Ed anche questa avventura è finita. E’ davvero finita? No. Ho con me la versione integrale e intendo espanderla per poi continuare la storia, che spero verrà un giorno stampata su carta. Ad ora siamo solo arrivati all’inizio della fine…

    Altro da dire? Si: alla fine mi è dispiaciuto aspettare una settimana per capitolo, non sono uno abituato a star dietro ai tempi altrui, tutt’altro, sono sempre stato per il “chi mi ama mi segua, e stia al passo!” La mia fidanzata sa benissimo che io sono così 😉

    Ringrazio tutti per avermi seguito fin qui, se vi ho fatto divertire vi chiedo solo di farmi qualche critica costruttiva, qui o sulla mia pagina Facebook (https://www.facebook.com/oltrenebbia?ref=hl)

    Grazie di tutto, a breve partirò con altri racconti qui su The Incipit, e spero di vedervi li 😉 Un ultimo saluto da Scott Hardok…

  3. Ciao Michele, sono molto indecisa con le opzioni ma credo che vorrei si costruisse voto quella. Appena finisco tutte le letture che ho da fare per migliorarmi ( mi sono data alla manualistica per imparare a scrivere solo stamattina ho divorato in 3 ore 900 pagine di Feltrinelli su come fare i dialoghi) sei il primo della lista di cui debbo recuperare tutto. Per adesso mi piace tutto, cavoletti se sei bravo questo gusto noir lo apprezzo particolarmente. Rimango una fedele fun.

  4. Dagli occhi di Drake, perché stavo per votare Scott, ma di punto in bianco mi è venuto in mente Lupin III in cui danno spazio anche a Jigen, e visto che me lo ricorda un po ho deciso di dargli lo spazio che merita ^_^ spero di non aver offeso Drake però >__>

  5. Tutte le vicende di Oltre la Nebbia partono il 07/11/2014 e sono narrate nella “prima serie” che trovate a questo link: https://theincipit.com/2014/09/oltre-la-nebbia-michele-dottor-gonnella/

    Tuttavia quella data si sta avvicinando anche nel mondo reale, e vorrei festeggiarla con un piccolo evento sulla mia pagina Facebook…
    https://www.facebook.com/events/902784846405840/
    Cliccate sul link per maggiori informazioni, spero vogliate seguirmi anche li: buona lettura!

  6. Che dire dottor Gonnella… ho recuperato la prima puntata e letto e votato con entusiasmo la seconda. Chiaramente mi mancano le 10 puntate precedenti, ma per ora va bene così. Ho subito avuto la sensazione di tuffarmi in un fumetto in bianco e nero. Penso proprio che ti starò attaccata alla gonnella 🙂

    • Tu non lo sai, ma mi hai fatto il complimento giusto al momento giusto XD Se ti piace già così allora anche un po di storia passata ti farà piacere… Magari avrà quel fascino di aver visto prima il sequel e poi il prequel!

      E comunque occhio a starmi attaccato alla gonnella: io porto il kilt alla maniera tradizionale

  7. incerta tra file coperti da password e lei non è fuggito da solo…… trovo che i file non protetti sia una leggerezza troppo alta per dei documenti nascosti che sembrano importanti. indi la mia indecisione si basa sul fatto che vorrei sapere cosa c’è nei file ma anche che vorrei sapere se Drake ha visto Lucius nel video *__*

    • Grazie, e io che temevo fosse troppo “piatto” come capitolo XD Ho deciso di smorzare un po i ritmi… E come ho scritto, un po di “metastoria” mi piaceva (anche perché pare che quasi nessuno clicchi sul link alla mia pagina sulla mia biografia, ed ho escogitato l’espediente, lo ammetto… d’altronde voglio che gli extra sulla trama che scrivo siano visibili)

  8. Avevo provato a leggerti ora non trovo neanche il racconto precedente….Mi sarò trasformata forse in un cane pasticcione ? Volevo vedere che c’era nella nebbia, ma l’ho trovata alta non ho capito tutto questo incipit, lo so, sono limitata…Non ho capito neanche perché ti chiami Gonnella (amore o passione per le gonne delle donne)? Il ritmo giusto di pubblicazione è quello che ti ha suggerito Serena, ma se vai più lento per me è meglio, seguiamo moltissime storie e quindi è difficile correre dietro agli autori, sono tanti. Personalmente mi stanco se si pubblicano i capitoli di fretta, specie con chi lo fa dopo due o tre giorni, ancora devo digerire le 5000 battute mi sto leggendo altre 4 storie e già mi spunta il capitolo ? Non mi puoi fare questo, non ho il mantello del super eroe, però potresti prestarmelo. L’altro racconto “sotto la nebbia” ti dicevo mi si è perso su TI, c’era troppa nebbia, fitta la tagliavi con le mani e potevi pure impacchettarla, quindi non ti meravigliare se non ti ho visto. Ora siccome nella nebbia mi ci hai messo tu, vorrei tirarti un poco fuori, ti do un passaggio su un caterpillar, passa da me. Hai le letture giuste per capire dove vado a parare, potresti darmi ottimi consigli, visto il tuo diritto del lavoro, la psi-psi-psi…In diritto non tanto ci prendevo ero più per turismo e cazzeggio…. Ora basta, se poi ti annoio qui, rischio che manco vuoi vedere la mia di gonnella e quindi per farti contento taccio. Non posso dirti cose ipocrite che non penso, l’incipit è scritto bene, ma ancora non ho capito se mi piace o meno…però ti seguo, accendi i fendinebbia, se sbatto me la prendo con te…

  9. Il buon Thommy, autore de “La Mia Gemella” Mi ha detto giustamente di non correre troppo. Al che mi sono chiesto “qual’è il ritmo giusto di pubblicazione?” E mi sono risposto “Quello che piace a voi”

    Dunque… Come vorreste che fosse pubblicato Oltre la Nebbia? 2 volte a settimana? In quali giorni? Ditemi voi, cercherò di accontentarvi tutti!

Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi