Una buona dose di musica

Dove eravamo rimasti?

Da dove iniziamo l'episodio finale? Da quel che sta succedendo fuori dal vecchio carcere (45%)

Abbracci che fanno la storia, fra odori di piombo, di zagare e cedro

Odore di spirito adolescenziale dappertutto.
Nonna portami a casa.
Il sindaco tornerà presto.
Se non vi importa vorrei respirare.
Gli strali nelle spalle bruciano come stelle comete.
Non tornerò indietro.
Datemi la mia chitarra o un fucile.
Mia figlia mi ricorderà come un pezzo grosso o come uno spacciatore del cazzo.
La sabbia scorre.
Arrendersi è facile.
Arrendersi in una scatola a forma di cuore.
Con in bocca il sapore di Seattle e le mani che sanguinano sulle corde.
Nonna portami a casa.
Fuori da questa prigione.
Sanguino e attiro insetti.
Zanzare la mia libidine.
Sento dei passi in corridoio.
Sono impaurito e rasato.
Bagnassi il mio letto ora non sarebbe divertente?
Avrei solo bisogno di un’amica tranquilla, che mi stia a sentire; magari mi sta aspettando fuori da qui.
Il sindaco è tornato: mi sistemo il maglione a righe, mi sposto i capelli biondi dalla faccia e lo invito a farsi avanti: sarò pure uno zimbello, ma quello che sente signor Sindaco è il mio mormorio amoroso. E nemmeno lei lo potrà fermare.
Mi mancherai, regina del mio cuore.
Mi guarda con desiderio, come un pesce dello Zodiaco, poi carica la balestra.
Ci fermiamo tutti, bloccati da una sensazione nuova, un brivido che incendia l’encefalo, ormai dimenticato dai troppi anni di clandestinità.
Il sindaco arranca verso la finestra e sputa bestemmie in dialetto.
La confusione è tale che anche io posso avvicinarmi ed osservare; l’ho detto: Nirvana.

Fuori dalla vecchia prigione pare si sia radunata l’intera popolazione iblea.
Una decina di figure sono in primo piano, gli altri assistono da dietro, come un elegantissimo coro.
Un pianoforte a coda occupa il centro della scena, mentre la luna illumina quel palcoscenico tanto surreale.
Un amico di M.J. inizia a suonare il contrabbasso al quale è abbracciato, con lo sguardo ammaliatore ed il ciuffo impomatato da cantante rockabilly.
Waitwaitwait. Suonare? Musica? Vera?
Sono troppo fatto per capirlo davvero. Sono un balordo irrecuperabile e sono fatto.
A quel punto M.J. entra in scena, con lo sguardo concentratissimo ed un vestito da sera bordeaux: si siede al pianoforte ed inizia una melodia struggente, accompagnandola con una canzone in siciliano.
Mi aveva detto di saper suonare e cantare, ma mai avrei pensato a qualcosa del genere.
Le altre persone sono i suoi amici di sempre: Sofia, il Lupo bis, Carola e tutti gli altri. Ognuno con uno strumento in mano: stanno suonando cazzo. Stanno davvero facendo musica.
M.J. ha un trucco azzurro leggerissimo sugli occhi, le mani finemente decorate con l’henné ed accarezza il piano con una passione che mette i brividi, mentre canta della bellezza di Catania, che fa battere il cuore più forte,della dolcezza di Catania, madre che culla i suoi figli.
La folla alle loro spalle fa il coro, uniti da una canzone che scorre loro nel sangue, mentre raccontano in musica di una Catania che può diventare rabbia forte come vulcano o bambola dalle labbra carnose.
Quando la canzone inizia a parlare di come Catania benedice gli innamorati e del suo profumo di piombo, di zagara e cedro la folla si avvicina alla recinzione e comincia ad aprire varchi con delle cesoie idrauliche, senza smettere di cantare.
Stanno facendo la rivoluzione, la stanno facendo a ritmo di musica.
Finalmente.
Le guardie in cortile sparano lacrimogeni e minacce in siciliano strettissimo, ma la canzone non si ferma, la gente non si ferma.
Questa sera c’è tutta Ibla; ognuno ha portato la sua musica e la sta facendo salire fino alle stelle.
La recinzione è solo un lontano ricordo. M.J. è sparita. Il piano è sparito.
Gli altri ragazzi continuano a suonare, imperterriti come l’orchestra del Titanic.
Stanno facendo musica. Da non crederci.
Il dottore è stato il primo a lasciare la cella.
Il sindaco e la guardia stanno discutendo animatamente sul da farsi, ma non riesco ancora a capire distintamente quello che dicono: quella dose pura di musica che mi sono sparato mi ha quasi steso.
Prima di poter giungere ad una decisione la porta della cella esplode, sotto la spinta di un terzetto di coristi figli del testosterone e della palestra: nessuna rivoluzione purtroppo conosce solo buone maniere.
I due vengono condotti fuori in corridoio e la porta resta aperta: del povero pasticcere, scampato al destino funesto per poche battute, non fotte proprio niente a nessuno?
Ho la bocca ancora cementata dalla dose e le gambe non mi reggono: troppo incredulo per uscire. Troppo debole per staccare la schiena dal muro.

M.J. entra nella cella senza fare rumore, leggera come una Musa, bella come una primavera su Pechino.

Fuori continua la musica, continua la rivoluzione; M.J. si avvicina, mi sorride e mi sussurra quelle parole che avevo bisogno di sentire, poi mi abbraccia (scena da film tenera ed epica che sa di gelsi ed eterno, con il mio mento che non tocca la sua testa) ed insieme componiamo un’immagine indelebile, illustrazione per i libri di storia.

Categorie

Lascia un commento

363 Commenti

  1. Ho sempre ammirato i tuoi commenti, ma solo oggi passo da te. Non chiedermi come mai, ma per ogni cosa c’è il suo tempo; e questo è il tempo per la tua meravigliosa storia. L’ho letta tutta d’un fiato, così bella, scritta bene, mi hai lasciato senza parole.
    Grazie a te, per una volta!!
    Adele

  2. Datemi una chitarra… o un fucile.
    Una perfetta dose di musica, che stordisce, disorienta, ma non fa perdere il colpo sulla Regina del tuo cuore che mai dimenticherai.

    Sì, sei riuscito ne a compiere una magia, sei un Mago davvero. La magia di una scrittura che arriva, colpisce, lascia il segno.

    Sei a Londra. Non svanire come fanno i maghi alla fine dello spettacolo. Noi mortali non sapremmo come fare senza la tua poesia.

  3. Leggerezza, ironia, bello stile e tanta gentilezza. Gentile è la rivoluzione che descrivi, gentile è lo strumento che la fa splodere, gentile è la sostanza che fa viaggiare il protagonista.
    Gentilezza, nel senso di parole non urlate, di azioni non gettate addosso al lettore, gentile è l’ironia delle ultime parole. La tua è una fiaba per adulti che rasserena.

  4. FANTASTICO
    Una rivoluzione fatta con la musica, è la forza della poesia. Kurt Cobain che viene salvato dalla giovane Yoko Ono, perché mi è venuta in mente questa coppia? Ho pensato ai Nirvana sin dalle prime battute, poi l’hai scritto e io l’ho visto che si staccava dal muro con gli occhi nascosti dai capelli e lei che entrava con passo soffice di gatto, arrivando a malapena al suo mento…piccola e importante, con la musica che spaccava tutto, muri e catene.
    Magico Mago, grazie per questo bellissimo finale e per il viaggio sino a qui.

  5. Camminavo a passo svelto sui miei tacchi per via torino, l’odore della brace di carne di cavallo mi entrava nelle narici. Giravo a destra in via Francesco Fusco, attenta a non inciampare con i tacchi nei sampietrini e fui un attimo a via Ibla, lì la musica mi entrò nel sangue insieme al profumo di zagare e cedro. Cantavano tutti e non sapere il siciliano fu l’unica cosa che mi diede fastidio e quel tuo amico al pianoforte cavolo come suona! Per i bassisti ho poi il debole si sa, contrabbasso e bassisti sono stati la rovina del mio cuore infranto. Portami a casa Mago, le tue mani sanno di gelsi e sono venuta a prendermi una carezza.

  6. Sono sicuro di poter dire che sono il primo ad averlo letto dopo il Mago 🙂

    Grandissimo finale, mi è piaciuto davvero tanto. Ci sono espressioni da pelle d’oca (bella come una primavera su Pechino è una delle mie preferite, ma come anche il riferimento al Titanic mi è piaciuto).
    Finale delicato e forte allo stesso tempo, mi piacciono molto i corsivi 😛

    Ci vuole sempre un po’ di musica…

    • Allora…trovo questo commento molto paraculo x alcuni aspetti…e lei sa bene quali sor Diego 😀 😀 😀 😀 😀

      Anche io sn molto legato ad alcune di queste 🙂

      Grazie del supporto tecnico e morale… Un abbraccio 🙂 e …ti devo una vodka…se solo bevessi 😛

  7. Letto tutto. Complimenti! E’ veramente una bella storia! 🙂
    Mi è piace il tuo stile, il modo con cui hai saputo raccontare questa storia. Ci sono state battute che mi hanno fatto morire del ridere. Ad esempio, la battuta su Gigi D’Alessio. O l’avvertimento sull’amico pulito, fa pensare a quello dell’amico sobrio alla guida della macchina. E tante altre.
    Io ho votato per rimanere sul punto di vista di Lupo in piena overdose.
    Complimenti per la copertina!

    • Ciao! Benvenuta (?)
      Felice di averti qui 🙂 mettiti comoda 🙂
      Grazie mille 🙂 felice ti sia garbata ^_^
      Ora vediamo nel gran finale che succede xD

      Le battute…non è colpa mia…é che mi disegnano così (scemo) xD

      Grazie. La copertina è stata una bella sorpresa anche per me. Assurda. Mi ha divertito molto xD

      Ma tu hai delle carte da gioco in foto! (E un nick vagamente esteuropeo, m piace) non credere non me ne sia accorto! :3

      • Riguardo il Benvenuta, grazie. E’ la prima volta che leggo uno dei tuoi racconti. Quindi non ci siamo mai rivolti la parola prima. 🙂
        Giustamente da mago non potevi non notare le carte da gioco. 🙂
        Il nick è un nome serbo (credo e si pronuncia Daniza), io in realtà mi chiamo Daniela. 🙂

        • Allora ci ho preso. Sia sul genere che sulla provenienza del nick 🙂 Sarà fiuto… ho una particina di sangue dell’est :3

          (ho tutto in pdf alla bisogna, a volte la lettura per capitoli online stanca xD )

          E intanto sto capendo come scrivi… 😛

          Molto piacere Daniela. Onorato :3 *inchino et baciamano*

  8. Caro magico amico
    Per un racconto così gentilmente visionario l’ultimo episodio non può non partire dalla visione di un “trip” (gentile) di musica, magari come in “C’era una volta in America” film, Lupo (De Niro) ci farà intendere che tutto è stato una visione.

    Perle disseminate, là e qua (King Kong, Poe, Volatili per diabetici) , per paradossale,

    Ora sono fremente e curioso di capire come chiuderai il cerchio: l’ultima parola di un messaggio d’amore.

    p.s. “di minchia” e non “della minchia” o piuttosto si direbbe di “sta minchia”

    • ‘Sera caro 🙂
      mi dispiace, ma ho paura che l’overdose in quanto tale non sarà estremamente gentile…ma staremo a vedere 😛

      uhh… l’occhio da gioielliere… mi fa sempre piacere quando qualcuno coglie 🙂 (e apprezza poi .. è il massimo :3 )

      Per chiudere il cerchio sono onesto: ho un’unico ultimo grande asso da giocarmi, poi mi inchinerò per ringraziare il pubblico…e lascerò a voi ovviamente la facoltà di esprimere il vostro eventuale apprezzamento 🙂

      Grazie del sostegno fino a questo punto 🙂

      p.s. nella mia ultima recente esperienza ho sentito usare più forme… ce n’è una “più comune” ..che vince… o varia da provincia a provincia.. come tutto il resto? 🙂

      Quanto amo l’ Isola bella <3

  9. ehi,fnalmente ripartita connessione!!!!!!
    Però tu non hai spiegato quasi niente, ti tieni tutto per il finale! Mica ho capito ‘sto bacio sul mento! 🙂
    ps. la frase delle vecchiette in siciliano non ho decifrato un h… traduci? 🙂 Aspetto il finale!

    • Il bacio sul mento…. l’ultimo bacio d’addio era una scusa per avvicinarsi a M.J. e metterle in tasca il lettore mp3 con le istruzioni registrate… sul mento per una questione di cavalleria e rispetto 🙂
      Anche se presi dal momento tragico non si bacia un’amica così a tradimento ^^

      Oh caspita! Pensavo fosse intuibile! Traduco subito!

      “Hanno detto che lo portano alla caserma in centro! Gliel’ho chiesto io!-

      Se ti va di leggerlo nuovamente il capitolo, ora che hai questi due chiarimenti, ci terrei a sapere il tuo “nuovo” parere 🙂

      Grazie mille del sostegno 🙂

    • Oooooh *_* Uno dei pareri che aspettavo con più trasporto :3

      Vediamo com’è il mondo attraverso gli occhi di una persona in overdose di musica?
      Proverò a sorprenderla Madame Mas ^_^ , mi segua con attenzione… 🙂

      Ci siamo quasi….grazie per esserci stata finora… il finale è quasi pronto…. spero di riuscire a stupirla ancora… <3

  10. Io per niente al mondo mi sarei perso il punto di vista di Lupo in piena overdose 🙂 però la gente è curiosa (forse perché è il decimo episodio?). quando gli ha detto Ciao caro, non so perché mi sarei aspettato un Ciao caVo 😛

    Incatenato come un king kong d’altri tempi mi è piaciuto 🙂 e anche ora sono volatili per diabetici…

    • Al momento è una delle due opzioni in vantaggio (situazione di parità), quindi potresti essere accontentato fin dalle prime righe 😀 😀 😀

      Mhauahuhahah…sai che ero stato tentato dalla V nobiliare, a mo’ di canzonamento? Poi mi sembrava di complicare troppo il congedo ironico, prima di partire per il trip… 😛

      Ih ih…pensa che ho scritto il capitolo e sono usciti 9.000 caratteri circa: per TI ho dovuto scarnificarlo e anche quel passaggio (meglio descritto) è stato sintetizzato 😉
      Volatili per diabetici è un’espressione di uso comune con amici…quando si vuole fingere garbo eccessivo per descrivere una situazione “complessa” 😀 😀 😀

      Grazie mille per il sostegno fino a qui… c’è un posto in prima fila riservato anche per te… io intanto ripasso la parte in attesa dell’apertura del sipario :3

  11. Fisserei le immagini su quel che succede fuori dal vecchio carcere.
    C’è movimento nei tuoi scritti. A volte poetico, quasi una danza; a volte chiassoso, un parkour. E poi c’è uno sfondo a tratti eplosivo e catastrofico, a tratti silenzioso e bellissimo. Ora, guardare fuori, mi sembra giusto.

    • Iniziamo accendendo le telecamere fuori dal recinto? 🙂
      Ci può stare… c’è tensione nell’aria…i riflettori e la luna illuminano lo spazio intorno… sta per succedere qualcosa… 🙂

      Movimento…mi piace… movimento e musica…e posti bellissimi sullo sfondo. Un riassunto della mia Sicilia 🙂

      Grazie di esserci stata fino a qui. Ti ho riservato un posto in prima fila per il finale 🙂

    • Facciamo respirare sto poveraccio…e vediamo M.J. e gli altri che combinano? 🙂
      Può essere un’idea… 😉

      Il finale è pronto… aspetto che il sipario si alzi, mentre ripasso la parte 😉

      Grazie mille del sostegno fino a qui… ci vediamo per il finale ^^

  12. Bravo, mago. Qualche passaggio è meno fluido del solito, ma il capitolo nel complesso è molto ben riuscito. Noto un’accelerazione verso un epilogo visionario e deflagrante, ma per non calcare troppo la mano, per mantenere una certa lucidità, inizierei da cosa succede fuori dal vecchio carcere. Sono sicuro che riuscirai a mantenere fino in fondo l’originalità di questo racconto.

    • Ciao caro 🙂
      Ci siamo quasi: sono agitato quanto basta… ho l’ultimo asso nella manica, per rendere giustizia alla magia che Ibla mi ha messo nel cuore. Mi gioco tutto con un’unica ultima forte immagine.

      Questo era un capitolo moooolto azzardato, con questi continui cambi di scena “contestualizzati” ( M.J. non trova il Lupo nella caserma in centro – il Lupo viene portato al vecchio carcere. Il sindaco gli chiede delle dosi – M.J. recupera il rotolo scontrini dal registratore di cassa); molto filmico… me la sono voluta giocare, probabilmente a discapito del ritmo in totale, ma mi piace rischiare, per crescere 🙂

      Grazie mille delle tue parole e della fiducia riposta 🙂

  13. “Guardata dall’alto la scena potrebbe ricordare un normalissimo raduno scout”
    mi hai ricordato Doctor Sleep del maestro, quando cita la carovana dei camper guidati dai “pensionati”…niente di più lontano dal vero!
    Sei stato attento a far tamponare le ferite, per non farle suppurare e impedirgli di agire in seguito…hai risvegliato l’acume di MJ per liberare il Lupo, sei bravo, te l’avevo già detto? 😉
    Il finale nelle mani del Lupo in piena overdose, non mi va di lasciarlo in nessun modo.

    • Addirittura King? O.O arrossirò fino alla morte, per questo vago accostamento..sallo :3

      Bravo? Boh xD Forse me lo avevi già detto….ma mica mi convinci xD

      Chissà che vedranno quegli occhi….come sarà il mondo così distorto da una dose massiccia… 😛

      Grazie cara 🙂

  14. Ma che capitolo!!!!!
    inizialmente mi hai fatto venir fame, ero lì bella tranquilla ad assaporare squisitezze e tu…… mi sconquassi tutto in quel modo!
    bellissime descrizioni, ben creata la scena dell’esplosione con la gente che conosce solo una parola: ‘bomba’ mi è parso di udirli bisbigliare e urlare: bomba,bomba BOMBA…..
    e il finale! ricco di sspance sia per il bacio che per i poliziottii! ed ora???

    • una preparazione infame… e BBBUM… a tradimento 😛

      Ecco… .. la doppia questione… SI BACIANO? O.O ma non erano solo amici? che vuol dire quel bacio?

      E sti poliziotti mo’ ? che fanno? dove lo portano? 😀 😀 😀

      Quanti punti di domanda… ih ih…

      grazie cara… felice sia garbato ^^

  15. Tu mi incanti i tuoi capitoli mi piacciono in una maniera assurda. Scorri velocissimo con zeppate sopraffine di classe. Se fossi stato un vicino di casa penso ci saremo fatti una sana birra insieme a parlare di libri e musica. Mi hai prima affogata con pistacchio e mandorle ( sto a dieta! STO!)
    Trascinandomi poi nella piazza di Ibla ho avuto paura che le persone mi schiacciassero mentre si tenevano le mani sulle orecchie.
    Ieri ho appreso che sei in top ten, ho voluto omaggiarti nel gruppo degli scrittori di The incipit su facebook quello creato da Luca Rossi. Mi ha fatto piacere vederti in classifica e ho pensato di spingere un poco perché voglio che anche altri ti leggano.
    Abbiamo in comune noi due che siamo quelli che leggiamo tantissimo gli altri autori ma siccome qui non si tratta di un dare avere solo un terzo di quelle persone che leggiamo ci visitano e commentano. La vita. Ho in serbo una seconda sorpresa per te, tienimi d’occhio.
    Secondo me per come scrivi e per i messaggi che dai sei poco apprezzato ma non ti preoccupare vedo qui sotto al mio commento che hai i miei stessi sostenitori e loro valgono per cinque rispetto a tutti sai perché? Sono lettori con l’em-pathos quindi è di loro che dobbiamo preoccuparci oltre che a divertirci qui sopra per quello che facciamo.
    Bel lavoro, complimenti.

    • Wow.
      Mi ci sono voluti parecchi minuti per scrivere una risposta non banale.

      Per prima cosa mi fa un piacere assurdo riuscire a portare effetti così “forti”, di grande suggestione 🙂
      Pistacchio e mandorla sono il paradiso 🙂
      Per quanto riguarda il discorso ti leggono in pochi, ti votano o non ti votano… ti regalo il mio crudo punto di vista…
      io HO BISOGNO di scrivere alcune cose: raccontare quello che è stata per me la Sicilia in una recente esperienza, raccontare il mio rapporto con M.J. e l’importanza della sua presenza nella mia vita, così come in altri racconti ho esorcizzato brutte esperienze infilandole a tradimento nella storia…
      Io DOVEVO farlo: tutto il resto viene dopo. Anche i feed positivi, sempre inaspettati.
      Per me è tutto un meraviglioso “in più” 🙂
      Quindi sono mago, ma anche primo spettatore stupito quando passano certi miei messaggi o certi riferimenti vengono colti 🙂 o quando passano suggestioni così forti, come nel tuo caso.

      Grazie per la dedizione verso “la mia causa” 🙂 lo apprezzo molto 🙂
      Continuo a tenerti d’occhio allora 🙂

      *inchino e giù il cilindro*

      • Tesoro caro, come avrei potuto non cogliere i riferimenti e tutto il contesto ? Io racconto una storia vera di ingiustizia scolastica…. La racconto con la verve di una che ama il suo lavoro e che ha finito le lacrime…Ieri ho assistito a un altro litigio tra insegnanti, al che una collega bravissima che io definisco l’Alano ha detto alle due Kapò siete delle capre!
        Ora proprio perchè nella lotta si diventa figlie di m…………….ta, stiamo nella miseria più nera io e questa collega a preparare canti di natale che faremo in strada con i bambini a dimostrazione che la scuola vera la fanno gli insegnanti competenti che amano quello che fanno….Non sto scherzando, faremo lezione in strada due classi insieme occupando una pubblica piazza dove prima facevano un mercato…. Vorrei farti vedere il contesto dove stiamo lottando si chiama Villaggio Coppola (area ex cammorra) ai confini con Casal di Principe….. Dove hanno ucciso bruciati gli immigrati. Ti assicuro che portare la bellezza in un posto simile diventa come andare in Africa a insegnare…. Mi inchino a te: grande spessore umano.

  16. Ma questo è un editto bulgaro, non mi era mai capitato di non essere il primo ma vedere il 100%!! Certo che si avvicina a lei, deve darle qualcosa

    Vai alla grande, otto capitoli sono volati. I film da 40 euro di budget sono tipo volcano vs tornado ecc…

    La scena iniziale mi ha fatto venir fame. La scena dell’esplosione realistica, ricordo bene le stesse sensazioni durante gli attentati di mosca

  17. Prima mi hai fatto venire fame… ma sei anche cuoco, oltre che mago e poeta? 🙂
    poi – dice bene napo – mi hai confusa con la variazione silenziosa.
    Infine fai esplodere tutto ( e mi ricordi me, hai dimenticato di leggere che ho fatto eplodere anch’io una piazza con le sue scale, e menomale, o avrei creduto di averti ispirato ahahaha)
    e mi lasci insanguinata e attonita come i presenti, e – come sempre – colpita dall’esecuzione spettacolarizzata ad arte che hai concesso ai lettori.

    • Sono “pasticciante” diciamo 😉

      Mi ripeto anche qui riguardo la variazione silenziosa 🙂

      Ti dico la verità: ero pronto a leggere perplessità al riguardo di quella scelta contrastante (e ci mancherebbe 🙂 )
      Ho optato per un quadro del genere per una particolare personale attrazione da spettatore (parliamo di film ad esempio) per scene di questo genere: evento “forte” e colonna sonora in direzione opposta.
      Mi viene in mente “Leon”, la scena dove il cattivo impasticcato porta a termine un pestaggio cruento, con in sottofondo della musica classica (la gazza ladra di Puccini se non erro) [musica che lui ascoltava negli auricolari nel mentre].
      Ho voluto quindi proporre qualcosa di simile: la scena forte del “post-esplosione”, in un silenzio irreale (gente che urla, ma le urla non si sentono), silenzio giustificato poi da un iniziale stordimento del Lupo, che poi passa ed inizia a sentire tutto 🙂

      Ho voluto rischiare insomma 🙂
      Grazie di aver espresso il tuo parere fino in fondo riguardo ciò 🙂

      Azz! Non è un plagio giuro xD Quando scrivo torno in Sicilia con la zucca…e mi dimentico di tutto il resto…storie degli altri autori di TI incluse xD

      Volevo esattamente questo…un pubblico attonito…bloccato sui sedili del teatro… in necessaria attesa del finale dello spettacolo 🙂 🙂 🙂

      Grazie ancora cara 🙂

  18. Cosa? Hai fatto saltare in aria la scalinata di S. Giorgio? Ma farebbero bene ad arrestare te e non Lupo…
    Molto riuscito anche questo episodio. Ho solo qualche remora personale su quello “scoppia il silenzio” per descrivere l’esplosione: disorienta.
    [Era necessario avvicinarsi a lei per… nascondere una buona dose di musica]

    • Eccomi caro ! 🙂
      Lo so è stata una scelta estrema, ma avevo bisogno di “colpire al cuore” Ibla appunto xD sono atroce lo so xD merito il peggio xD

      Grazie mille 🙂

      Ti dico la verità: ero pronto a leggere perplessità al riguardo di quella scelta contrastante (e ci mancherebbe 🙂 )
      Ho optato per un quadro del genere per una particolare personale attrazione da spettatore (parliamo di film ad esempio) per scene di questo genere: evento “forte” e colonna sonora in direzione opposta.
      Mi viene in mente “Leon”, la scena dove il cattivo impasticcato porta a termine un pestaggio cruento, con in sottofondo della musica classica (la gazza ladra di Puccini se non erro) [musica che lui ascoltava negli auricolari nel mentre].
      Ho voluto quindi proporre qualcosa di simile: la scena forte del “post-esplosione”, in un silenzio irreale (gente che urla, ma le urla non si sentono), silenzio giustificato poi da un iniziale stordimento del Lupo, che poi passa ed inizia a sentire tutto 🙂

      Ho voluto rischiare insomma 🙂
      Grazie di aver espresso il tuo parere fino in fondo 🙂

      (ih ih…vedremo se la tua scelta sarà vincente tra le tre alternative 😉 )

    • Oohhhhh ! Un riferimento vago che ho avuto in fase di creazione, mai esplicitato con metafore o altro… che a qualcuno è arrivato… gioia grande ^^
      Una terra meravigliosa, che mi ha adottato senza domande, quindi in un certo senso lo puoi dire 🙂

      Grazie caro 🙂 il termine mago ha un’accezione molto profonda e complessa per me 🙂

  19. Buongiornooooo Mago! Mi rendo conto di essere la prima e sto in dannatissima difficoltà. Mo dimmi tu come si fa a scegliere?!?
    Ironico realista e sensibile.
    Medito mentre faccio (mi auguro, almeno) due chiacchiere con te.
    P.S. a me il pistacchio fa impazzire. E da quando ho assaggiato la pasta non posso più farne a meno! 😛

    • Buongiorno darling ^^
      Mhuahuahahah ! I miei problemi li affronto in fase di creazione e gestione della storia 😀 scegliere sono problemacci vostri 😀 😀 😀
      Grazie cara 🙂 1 capitolo un po’ meno diverso, 1 po’ meno “ingozzato” di eventi, ma ugualmente movimentato 🙂
      Medita pure e per le chiacchiere se facevi sul serio ho un indirizzo mail 😀
      ilmagotheincipit@outlook.com 😀

      p.s. pistacchio e mandorla sono l’essenza del paradiso. I due sapori che mi fanno impazzire 🙂 se credo 100 parlando di dolci, mangio 2. Sono molto selettivo. Ma qui il discorso cambia 🙂
      E in Sicilia ovviamente trovi il meglio di questi due pregiatezze 🙂

  20. Crisi, sono in crisi con opzioni…. L’omicidio no….A me la signora morte mi ha sedotto abbastanza questa settimana nel reale poi negli horror qui sopra muore troppa gente e c’è pure chi non riesce a morire in qualche racconto quindi omicidio no. Serio problema di droga no, perchè già ci stiamo a fa le dosi di musica altra droga no.
    Ora i riferimenti sul balsamo ( mi è sembrato quasi di vedere il biondo e poi il cane che facevano la rotazione di testa per far vedere la chioma), il super eroe con la panza e mi sono sentita calare nel fumetto di paperino. Poi i balilla….. Ma tu sei si un mago della genialità ti adoro, molto ironico…La catapultata da scarpone pure ha fatto assai scena…. Sta pasticceria fa tanto simpatia e tanto umoristica la pasticceria e se fosse na bomba di dolce…. se fosse una bomba sulla glicemia, se fosse l’esplosione di suono di musica…. stereo a palla e tutto vibra…vibra…vibra….Ho deciso. Bomba.

  21. Eccomi da Mago! Che dire??? Complimenti per lo stile narrativo, l’humor, la simpatia che metti nei tuoi capitoli. Mi piace un sacco. E adesso movimentiamo con una bomba…boom! 😀 😀 😀 Bravo bravo.
    P.s. scusa il ritardo della mia visita. 🙂 Spero di essere perdonata con una buona dose di musica. 🙂 😉

  22. Eccomi Mago!
    Io volevo dare un po’ di pepe in più con un omicidio, ma sono in minoranza e per di più sei ancora in pareggio, avrei dovuto leggere prima le opzioni,mi spiace, non lo faccio mai per non condizionarmi!
    ps.mitico incipit di questo capitolo: Thor ha i capelli lisci e setosi come il protagonista della pubblicità del balsamo.
    Iron Man ha un patrimonio stimato di 12,4 miliardi di dollari.
    Io zoppico come il Doctor House e ho gli addominali di Ciccio di Nonna Papera; diciamola tutta: sono davvero un supereroe del cazzo.
    ihihihih 🙂

  23. “La donna che si è salvata da sola”, “la carrellata iperglimica”, ma soprattutto
    ” i polmoni in riserva”, hanno proprio vinto, amico mago! Ancora ci penso e sorrido.
    Una giornata di ordinaria pasticceria può essere interrotta solo da una bomba… magari alla crema! 🙂

  24. Bravo, mago. Un altro colpo portato a segno. Giochi con il lessico come un prestigiatore con un mazzo di carte, lasciando sfuggire degli “Oh” di sorpresa dalla bocca del lettore. Si nota che ti diverti con i tuoi virtuosismi. Personalmente credo che la prossima sfida che faresti bene ad affrontare dovrebbe essere quella di alleggerire la trama, ora che ti avvii verso il finale, riducendo la mole eccessiva di colpi di scena.

    • Ih ih…grazie Napo :3 felice ti garbi 😛

      Hai ragionissima:P sto lavorando sull’assottigliare gli ultimi capitoli…sia per i colpi di scena che per i “divertissement” …che a sto giro ho un po’ esagerato 😀

      Grazie davvero 😀

      A settimana prossima ^^

  25. Ecco lo sapevo, volevo votare un omicidio perché io sono sempre per gli omicidi, ma alla fine ho puntato sulla bomba e ho fatto bene perché gli omicidi sono a zero.
    Mago, divertente davvero, la scena della pedata è esilarante 🙂 e tutte le altre piccole cose. Bravissimo

  26. Buonasera Magico amico,
    non credo che tu abbia scritto questo episodio in fretta, ma con un dispositivo non esattamente adatto allo scrivere (ho indovinato?).
    Io credo che sia di gran lunga l’episodio più divertente e comico, con un mix tra il slang continentale e sicilianismi (che progrediscono…)
    Fra tutte:
    – Io zoppico come il Doctor House e ho gli addominali di Ciccio di Nonna Papera; diciamola tutta: sono davvero un supereroe del cazzo;
    –Minchia! Si stava meglio quando si stava meglio…-mastico amaro, travolto dal dolore.
    Altra manganellata. Qui il sarcasmo non è di casa.
    Non avrei indugiato così tanto su babbo Natale
    P.s. La bomba

  27. Un serio problema di droga: per rimanere in tema!
    Perdonami la confidenza, ma questo episodio sembra scritto un po’ di fretta, almeno se paragonato agli altri… E si che ti avevo anche “sfidato”!
    Per fortuna i contenuti non deludono, come al solito: ho riso al manganello felino, grazie 😛

  28. Ho perso due episodi ma li ho recuperati, saltando in alto con l’asta e tenendomi stretta alle tue parole. Non ho più alcun dubbio sul fatto che tu sia un poeta. Fai bene a scrivere racconti, però. La sola poesia imbriglierebbe il tuo estro immaginario e vederlo volare alto credo sia una delle esperienze di lettura più significative, qui, dove sono io. L’inno di Mameli, eh?… la corsa, il coro, l’adrenalina condivisa con chi ti legge. E poi, in questo ultimo episodio ci chiediamo con te: lei ne vale davvero la pena? E da lì la descrizione del dolore si fa sentire come fosse viva, qui, in chi legge, in me. wow.
    Ospite atteso, sì.

    • Sono venti minuti che ho il cell sul tuo commento e sono fermo a: wow.
      Grazie mille cara ^^

      La poesia? Si…ci sopportiamo a fatica…il guinzaglio sarebbe cortarello 😛
      Qui mi posso concedere qualche libertà in più, sperando nella clemenza di chi legge xD

      Ecco: Ibla (e la Sicilia) è esattamente un caleidoscopio di emozionicosepersonecoloriparole come quello che hai descritto…e non abbiamo ancora finito.
      Ti senti il cuore battere forte nel petto. Ti fa sentire vivissimo.
      E quando riesco a rendere l’idea di tutto questo in maniera colorata, ma non confusa sono felice 🙂

      Grazie ancora <3

      Ps lei ne vale la pena. Ne sono convinto con ogni fibra del mio essere (mago). 🙂

      • Sono convinta anch’io che lei ne valga la pena. Se ho capito chi sei, lei non può essere da meno. E’ piena di creatività e di poesia, proprio come te. Può sembrare lontana a volte, tristemente sfuggente ma… tu puoi volare alto, talmente alto che prima o poi riuscirai a toccarla. O anche solo a sfiorarla. E’ più vicina di quanto pensi, devi solo saltare. Ops… magari è solo un sogno. Ma perché smettere di sognarlo?
        -:) ehi, mi pare anche di vederla… ahahahaha, è proprio qui! 🙂
        alla prossima, Mago.

        • Per un attimo ho quasi avuto paura che tu conoscessi M.J. nella vita reale…e anche me xD

          Creativa, poetica, tristemente sfuggente, una complice, un sole….
          E un sacco di altre cose…sfugge dalla “definizione”…
          Mi sono pizzicato il braccio diverse volte, scettico anche io…ma alla fine mi sono rassegnato: tutto vero.
          Ho capito definitivamente sfiorandole le mani che esiste. E ne vale la pena.

          Alla prossima cara ^_^

          Grazie davvero :3

  29. la peggiore delle ipotesi: scopre (a sue spese) di essere ospite atteso! 🙂
    Sembra una scena da cinema!
    D’altronde ce lo vedo benissimo col tuo tipo di scrittura:
    Svengo.

    Al risveglio ovviamente il pensiero è solo quello di uscire ed andare a cercare M.J.

    Il dolore alla spalla però morde come una vecchia tagliola per orsi. Chiudo gli occhi e cerco di ignorarlo. Ad occhi chiusi. Al buio. Ritrovo una parvenza di serenità ed inizio a riflettere, convinto che qualcosa mi stia sfuggendo. Abbraccio le tenebre come una madre e ripercorro gli ultimi eventi fotogramma per fotogramma. Riesco a mandare un messaggio dal telefono prima di svenire ancora.
    Immagino la scena fotogramma per fotogramma.
    Bravo Mago!

    • Adoro chi si ferma qui, si toglie le scarpe, si prende una birra e si prende la briga di cogliere le cosette che semino qua e là 😀

      E poi le considerazioni più generali mi fanno un piacere enorme :3 grazie caro ^_^
      Spero di gestire la tensione al meglio…fino allo sfogo finale 🙂

      Grazie ancora :3

  30. Scopre di essere ospite in inatteso.
    Ho saltato un capitolo, peccato, comunque l’ho letto 😉 e il ritmo è sempre il tuo. Mi è piaciuta molto la “pausa”, come un cammeo che comunque non ha inciso sul resto, in cui mostri il gruppo che disegna con l’acqua gli ideogrammi orientali per non contaminare la bellezza del luogo.

  31. Dall’onda d’urto al signore del cardigan…Odore di ospedale, esercitazioni di scrittura sull’asfalto fatte con l’acqua per eco sostenibilità… C’è tanta roba, tra sogno, sballo, casa scassata, amico all’ospedale e video chiamata…Tante frasi belle studiate. Complimenti…. Bravo. Quindi sono riuscita a leggerti perché mi sono ammalata e sto a letto con il mal di gola. Un bacio ti aspetto più in là al SUGGERITE VOI….. ai voti di Facebook e tutte le altre robe…Almeno noi, ci stiamo a divertì, questo è poco ma sicuro.

    • Ih ih…c’è parecchia roba in effetti…cerco di spiegarla nella maniera più chiara e colorata possibile, senza fronzoli che confondono. 😛

      Sai che non seguo molto TI su facebook? Non so a che ti riferisci 🙂

      Rimettiti presto :3

      Grazie mille ^_^

  32. Comincio dalla fine, dall’opzione che ho votato: il fisico non gli regge. Lo so, sarà la meno votata (almeno credo), ma è quella che, a mio avviso, lascia più spazio di manovra all’autore.
    Bello il ritmo, buona la scelta del lessico. Fossi stato in te, avrei fatto a meno di questo elemento di confusione dell’omonimia Lupo-Lupo, a meno che non sia funzionale alla trama (però ricorda che qui la maggior parte degli utenti legge in fretta e poi fraintende).

  33. Dopo una giornata di minchia come questa, “Una buona dose di musica” è quello che ci vuole per rendere disintossicante (e tossico in maniera diversa) il mio viaggio da pendolare.
    Fantastico l’uomo qualunquemente malvagio, col cardigan poi… fantastico.
    Vedo che stai cercando di sicilianizzare di più il linguaggio, ma sul punto potresti fare meglio, perdonami se te lo dico.
    A,presto con l’amico

  34. Mi complimento con te per lo stile in cui a tratti riconosco il mio, secco, deciso, essenziale, senza fronzoli. Mi piace la concretezza delle immagini e il finale ad effetto. Sei proprio, bravo, stavolta il cappello me lo tolgo io. Al capezzale un amico fa sempre comodo. Ciao.

    • Addirittura? *_* ma io arrossisco sotto al cilindro ^^

      Grazie davvero… No fronzoli esatto…voglio che l’attenzione di chi legge rimanga costante…ma allietata da qualche immagine e qualche idea carina 😉

      Grazie ancora 😉

      *inchino*

    • In effetti sono tre opzioni (che portano a tre strade diversissime lo assicuro 😀 ) che lasciano intuire praticamente nulla di quello che accadrà 😉 questa volta è proprio un voto “a sensazione” 😀

      Grazie mille 🙂 è il fulcro della storia la musica come droga…voglio rendere i momenti di consumo al meglio 😀

    • Oooh…grazie 10.000 <3
      È proprio la mia idea…di non "toccare" nulla…per i posti…le persone ecc… Solo gli avvenimenti 😉

      I refusi sigh…scrivendo e pubblicando da cellulare (non mi voglio giustificare assolutam ) tendono a sfuggirmi più che da pc, anche rileggendo xD sarà lo schermo piccino non so xD
      Per i prossimi capitoli mi applicherò con più attenzione xD

      Ih ih…la Giara…mi serviva un "posto specialissimo" 😉

      Grazie ancora…sono davvero felice di rendere giustizia ad un posto magico…le tue parole mi onorano <3

  35. Bello bello…questa volta è stata una decisione difficile. Alla fine ho votato per il risveglio in un posto particolare; è stata la parte che hai messo dopo la virgola a convincermi! Sarà di sicuro un posto mooooolto interessante….

    • Ciao! Benvenuta cara!
      Accomodati e prendi una birra 😀

      Un’altra persona pratica di Ibla…aiuto 🙂

      (Lontana parecchio? Spero tu ci possa tornare presto 🙂 )

      Grazie davvero…spero di non deluderti, di tenerti qui fino alla fine e di rendere giustizia a quei posti magici ^^

  36. O sono il primo a votare o è un editto bulgaro, c’è il 100% sul posto strano 🙂
    Bel capitolo, mi sono piaciuti molto alcuni passaggi (ci ha messo una pietra sopra in particolare). Belle le descrizioni come sempre.
    Ero molto indeciso tra il posto e l’ospite indesiderato (o come l’impressione che queste due scelte siano Maometto che va alla montagna o la montagna che va da lui). O loro vanno da qualcuno o questo qualcuno va da loro 😛
    Scherzi a parte il posto mi incuriosiva molto di più.
    Alla prossima dose.

    • Sei il primissimo ! Premio fedeltà ! 😀

      Grazie caVo ^_^ Tengo molto ai personaggi…al luogo…all’idea di fondo…spero quindi di render loro giustizia sempre 🙂

      Nu nu…sono tre opzioni diversissime…che ho già ben chiare in testa 😛 Vediamo voi che preferite 😀

      Grazie ancora 🙂
      Alla prossima dose ^_^

    • Ih ih…il campo di Livorno è uno di quelli che ha la priorità 😀

      Felice di averti “recuperato” 😉

      Diversa mi piace molto :3
      Grazie caVo…spero di tenerti qui fino alla fine 😉

      E’ lo scenario magico che mi aiuta molto 😉

  37. Certo che ora mi sto innamorando della storia…Capisco il linguaggio e ci sono finalmente dentro…Ora, la scena è nitida, capitolo veramente ottimo, soprattutto perché l’ho capito cavolo! Non c’è una sola frase che non mi sia piaciuta e ti seguo anche come autore, ora che mi hai messo tutta st’adrenalina addosso, mi pare che la corsa l’abbia fatta o la stia facendo insieme ai tuoi personaggi… E pure, ero persa nei primi due capitoli, ora finalmente, mi so ritrovata…spero non nel silenzio, sempre nella musica….

  38. Ancora confusa e cerco di capire cosa si spara e come avviene questo ascolto… Cerco delle stranezze ma penso che alla fine metta solo la chiave usb da qualche parte.. Sarà che sono stanca ? Ho messo il capitolo 4, questo tuo è venuto bene, si legge facile anche se mi era sembrato che i caratteri non sono tutti nello stesso font…Ma forse a quest’ora non ci vedo. Smak

  39. Voto per il modo per fare soldi.

    Molto interessante questo spaccio di musica! 🙂
    Nello scorso commento ti chiedevo se ti eri ispirato a Fahrenheit 451, perché l’idea che la musica sia stata messa al bando mi ricorda l’idea del romanzo per cui i libri sono messi al bando e bruciati da speciali vigili del fuoco. Per questo mi sono chiesto se la tua storia era una sorta di omaggio. 🙂

    • Ciao cara 🙂 grazie 🙂

      Siamo in una continua sperimentazione… Proveremo tante modalità di somministrazione…

      Qualcosa in più sugli effetti? Ih ih… Ci sono altri otto capitoli..mi sa che ti stuferai di saperne al riguardo 🙂

  40. Bentornato Mago!! Una dose di musica mi sembra la strada giusta per iniziare a capire ed entrare nei meandri della tua storia. Certo quando è andato sul gargoyle mi aspettavo che spiegasse le ali e volasse… ma quella era un’altra storia… 🙂

    Bravissimo, bell’incipit, la storia incuriosisce c’è anche una buona dose di humor citazionistico pure. Ti seguo

    • Sor Diego buongiorno ^^

      Che gioia averla da queste parti 😛

      Allora… Manica arrotolata e laccio emostatico al braccio.. 😛

      Ih ih…no no…niente ali stavolta… 😉 ma spero ci siano altri elementi di interesse 😉

      Grazie mille..sempre gentile…spero di non deludere le aspettative 🙂

  41. Buona sera Mago e ben trovato, ben trovato e benissimo scritto, benissimo scritto e piacevolmente letto. C’è una piacevole leggerezza nel tuo stile Interessante lo scenario futurista La Sicilia annunciata per ora è poco siciliana e, in effetti, Ibla (Ragusa vecchia) specie di giorno ha un qualcosa di surreale e poco siciliano se non per il barocco. Vedremo, quindi, vedremo e, pertanto, seguiremo P.s. Spiegare please…

  42. Buona sera Mago e ben trovato,
    ben trovato e benissimo scritto,
    benissimo scritto e piacevolmente letto.
    C’è una piacevole leggerezza nel tuo stile
    Interessante lo scenario futurista
    La Sicilia annunciata per ora è poco siciliana e, in effetti, Ibla (Ragusa vecchia) specie di giorno ha un qualcosa di surreale e poco siciliano se non per il barocco.
    Vedremo, quindi, vedremo e, pertanto, seguiremo
    P.s. Spiegare please…

  43. Ciao, ti seguo e ho votato per capire meglio la storia dello spaccio. Non mi interessa che torni il tizio armato e so cos’è un fotofobico 🙂 – per un po’ lo sono stata anch’io lavorando in sale di registrazione buie ed elettriche per anni.-
    Se tu avessi cominciato il racconto dalla fuga alla parkour da un tetto all’altro, da un muro a una scaletta, e poi – solo in seguito – ci avessi introdotto la situazione, avresti creato una scena da film d’azione.
    Mi piace il tuo stile, la prossima volta, dammi retta – se ti va – inizia con l’azione… 🙂
    A rileggerti.

  44. Oh sono davvero la prima?
    sei tornato Mago, e mi fa piacere seguirti. La tua dialettica ipertecnologica, le tue scene futuristiche, i tuoi nerd…chi se li perde? 😉 Ma che vuol dire “spacciatore di musica”? Un pusher musicale non si è mai sentito.

Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi