Destiny chronicles I

Dove eravamo rimasti?

Cosa accadrà nelle ore successive ad Aron ed al cacciatore Gomis? I Vex, stanchi dell'insolenza di Jalal, prendono in pugno la situazione. (49%)

Pianeta rosso sangue

«Signore, abbiamo un problema! Dovremmo attuare il protocollo di sicurezza nel più breve tempo possibile» interruppe bruscamente uno dei due titani di guardia davanti la porta dello stanzone degli interrogatori. «E adesso cosa diavolo succede?» rispose stizzito Jalaal. «Pare che i Vex vogliano il ragazzo: stanno avanzando velocemente verso il nostro accampamento, noncuranti del patto siglato, signore» precisò l’imponente guardiano con aria preoccupata. «Maledizione. Preparate la nave! Al ragazzo penseremo dopo, per adesso resterà con noi!» concluse poi il leader della Dead Orbit. Aron si limitava ad ascoltare, afflitto, le sfaccettature di una storia che non riusciva ancora a credere appartenesse proprio a lui.

Jalaal ed i suoi fidi uscirono finalmente allo scoperto, trascinando con loro il giovane umano. Aron, non aveva mai visto niente di simile: mentre sentiva sgretolarsi sotto le suole il terriccio rossastro che calpestava, cercò di guardare tutt’attorno per capire dove si trovasse, ma vide solo un deserto rossastro. Poi, delle ombre, sagome oscurate dalle nubi polverose della stessa terra, diventavano più nitide ad ogni passo: enormi palazzi, probabilmente un tempo insediamenti umani, scabrosamente abbandonati a loro stessi. D’un tratto Aron capì dove fosse: il pianeta rosso. Sua madre gli raccontava spesso del quarto pianeta del sistema solare: gli uomini avevano da sempre desiderato esplorarlo, ed esso fu il primo ad essere colonizzato prima dell’Età dell’Oro; grazie alla luce del Viaggiatore, infatti, Marte divenne abitabile e l’uomo ne approfittò costruendo sulle sue terre deserte numerose metropoli e città. Secoli dopo Marte venne conquistato dai Cabal che distrussero con le loro armate la maggior parte delle città umane sulla superfice. I Cabal rasero al suolo qualsiasi infrastruttura umana e costruirono grossissime basi di controllo e crearono la loro Zona di Interdizione nella quale qualsiasi essere vivente “non-Cabal” passi di lì viene immediatamente terminato. Con l’arrivo dei Cabal, arrivarono anche i Vex a conquistare parte delle città ed entrarono in guerra con i Cabal. L’umanità si trovò in conflitto con due fazioni nemiche che costrinsero gli ormai pochi umani ad una disperata ritirata. Adesso, il giovane umano aveva capito anche perché si trovassero lì: probabilmente la Dead Orbit era in cerca di accordi con i Vex per poter ampliare le proprie basi sul pianeta rosso, in vista dell’imminente abbandono della Terra e lui, per qualche oscuro motivo, era la pedina divenuta ormai fondamentale.

Arrivarono in uno spiazzale dove ad attenderli c’era una imponente nave spaziale decorata da svariati emblemi riconducibili alla Dead Orbit. Jalaal fece segno di aprire la porta posteriore e, non appena questa toccò il suolo, entrò seguito dai due Titani che sollevarono il ragazzo legato come un salame e lo scaraventarono sul liscio pavimento del vano passeggeri. «Torniamo alla torre! Facciamo capire a questi ammassi di ferraglia chi è che comanda, qui!» tuonò rabbioso l’Insonne generale. I motori cominciarono a riscaldarsi in un assordante turbinio, la nave cominciò a sollevarsi da terra in pochi istanti. Erano sospesi ad una ventina di metri del suolo, in attesa di accendere gli altri due motori e abbandonare Marte, quando un boato risuono in tutta la nave: sembrava provenisse dalla parte posteriore, che si inclinò paurosamente sfiorando terra. Un altro colpo, la nave fu costretta ad atterrare in malo modo, scaraventando Aron e i suoi rapitori da una parte all’altra della cabina; Jalaal era adesso visibilmente preoccupato, ed i Titani prepararono i propri fucili puntandoli verso il portellone principale, che cominciava ad emettere strani cigolii: un’altra esplosione lo fece definitivamente saltare in aria e i due guardiani si avventarono fuori senza pensarci un secondo di più; non ebbero neanche il tempo di capire chi e quanti fossero lì fuori, prima che quelli li colpissero violentemente alle ginocchia ed infine alla testa mentre si accasciavano al suolo. Poi entrarono nella nave: erano Vex, circa una ventina. Il più possente di loro, di certo un Minotauro, avanzò per primo verso il disarmato Jalaal: «voi non siete nessuno, qui» sibillò prima di stringergli il collo con la mano destra, forte, sempre più forte, fino a tagliarla prima ancora che il generale morisse asfissiato; i fiotti di sangue fecero rabbrividire Aron, rimasto davvero solo ed indifeso. Cercò disperatamente la saccoccia che aveva legato alla propria cinta: fortunatamente era ancora lì, ma pensò fosse inutile estrarre il pugnale; d’altronde non aveva mai ucciso un moscerino in vita sua, figurarsi adesso che il moscerino in trappola era lui.

Gomis, intanto, sapeva di dover ritrovare il ragazzo. Ma in quella piccola e buia cella non poteva che aspettare: l’unica speranza erano i suoi fratelli. Tutto stava fuggendo di mano e lui non aveva mai avuto tanta paura. In effetti, di tempo per essere uomo, prima di allora, non ne aveva mai avuto. 

Cosa riserverà il destino di Aron e dei suoi aguzzini Vex?

  • I Vex cattureranno Aron ma, insoddisfatti, torneranno presto sulla terra. (14%)
    14
  • I Cabal entreranno in gioco, tentando di appropriarsi del giovane umano. (54%)
    54
  • Aron verrà schiavizzato dai Vex, ma scoprirà molte cose. (32%)
    32

Voti totali: 37

Vota la tua opzione preferita

Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

164 Commenti

  1. L’attenzione, la descrizione e i particolari sugli altri personaggi, la visualizzazione dei luoghi e dell’atmosfera rendono bene l’idea del vuoto che c’è in Aron e dello spaesamento che sta vivendo. Bravissimo! Continua così, sei grande!

  2. Alla faccia! ma quante volte l’hai condiviso sto racconto? ihihihi è la prima volta che vedo 900 e rotte condivisioni facebook 🙂
    complimenti, scrivi molto bene! non conosco il videogame a cui ti sei ispirato quindi per me è una storia originale e affascinante, mi piace davvero!

      • Questi incipoints, ma la gente legge senza votare, non vuole dare le costole al big data… Dai svincoliamoci, sapessi quante persone mi leggono e mi scrivono in privato, non a tutti piace entrare con Facebook o Google plus, cambiare il finale… Scrivere l’accidenti di commento… Te lo scrivono, o te lo dicono quando ti vedono, se è stata messa in share 902 volte vuol dire che i lettori sono tre volte tanto gli incipoints, sai io come algoritmo non ci capisco un tubo, faccio la maestra ma come addizione e sottrazione mi pare la so fare…. Statistiche e probabilità…. Albè, vai forte…. Woff woff

  3. Stanco anch’io dell’insolenza di Jalal, vediamo che succede se i Vex prendono in pugno la situazione.
    Una nota di merito, tra le altre cose, al monologo iniziale e al quasi-monologo a metà. Naturale, manco una parola di troppo! Sembra di sentirlo parlare per davvero.

    • Ciao Nicola, hai fatto decisamente bene! Grazie del complimento e della partecipazione…spero sia una buona idea dato la buona posizione.in classifica..penso piaccia come racconto fantqscientifico e spero sia lo stesso per te! Io nn so ancora cosa scrivi, darò un’occhiata ed un parere presto! 😉

  4. Ciao 🙂
    conosco Destiny… lo sai che il videogioco continene un sacco di sottotesto? Una trama basata su più strati narrativi. Se riesci – oltre all’ambientazione e alle atmosfere – a centrare anche quelli, hai vinto! 🙂
    qui voto per il Vex. Bell’idea, comunque! 🙂
    seguo…

    • Ciao! Grazie della partecipazione e dei complimenti! Mmm se quello di cui parli è quello che penso, ovvero con descrizioni e storia del mondo destiny extra durante lo svolgimento della storia, penso che su the incipit, per via dello spazio non sia possibile…e quindi cerco di integrare queste nella narrazione stessa tramite personaggi terzi come titano o Gomis..però, avevo pensato a far parlare (prossimamente) molto lo spettro che avrà proprio questa “funzione” nel racconto 😉

  5. Ho scelto l’opzione dell’Exo perchè sono la mia razza preferita xD Cmq la storia,rispetto al capitolo precedente,si sta riprendendo di più e sta avendo anche più enfasi. Sarà l’elemento del misterioso guardiano a giocare un ruolo decisivo. Cmq se ti va dai uno sguardo anche alla mia storia che però è a tema fantasy. Fin’ora ho scritto solo il primo episodio ^^

    • Ciao! Sicuramente il ritmo di questo capitolo è molto alto, ma purtroppo ci saranno capitoli amche descrittivi come il 3, poichè bisogna far anche conoscere I personaggi ai lettori che non conoscono il gioco… e lo spazio come al solito è molto poco 😉 per quanto riguarda il tuo racconto conto di leggerlo presto, e ti lascerò scritto li un mio parere 😉 grazie mille!

  6. Cuiao Albert, come promesso sono venuto a fare un salto a de te e non me ne pento. Conosco bene la trama del gioco e devo dire che gli ambienti e le vicende li riportate si fondono con maestria nel tuo racconto e quindi non è possibile trovare punti dolenti in ciò che fai, l’unica cosa che mi viene da dirti è un continua così grande come la mappa di destiny…o anche di più 🙂

  7. Vex catturerà Aron. Sta calando come narrazione rispetto ai due capitoli precedenti.
    Ma forse è solo una mia impressione. Con te sono un pochino infastidita non scrivo la parolaccia perché poi il commento va in monitoraggio e mi da fastidio. Tu schifi la mia storia ? Bho…. Può essere…. Nel caso la leggerai fammelo sapere. Puoi saltare i primi tre capitoli non ne vado fiera.

    • Hai ragione, l’avevo letto anche io. Però, come speso ripeto, il mio problema su the incipit è lo spazio: troppe poche battute per il progetto che ho in mente, e spesso devo fare delle sostanziali modifiche. Altro appunto: ogni forma di dialogo non ha mai portato a nulla, non si dice che non ci sia mai stato eheh…ed in questo caso continua a non portare a nulla, poichè trattasi di una vera e propria minaccia da parte dei vex 😉 spero comunque che ti sia piaciuto per il resto..fammi sapere! grazie!

    • Come sempre la mancanza di spazio fa si che debba scegliere in fretta, in questo caso avrei sempre fatto accettare questa cosa ma.dopo un dialogo più articolato e scene descritte decisamente meglio…quindi hai ragione.perchè è la parte che mi piace meno, ma hanno scelto di preservare la città e di evitare ulteriori morti 😉

  8. Qualcuno ha sfondato le porte della città. Da giocatrice, ti dico che vorrei vedere Aron nei panni di cacciatore, visto che di costituzione mi sembra abbastanza magrolino (almeno a quanto ho capito). E vorrei che il titano lo vedesse in azione, magari con un bel fucile da cecchino. Così impara, lo sbruffone!

  9. Albert Cyrus ormai è una garanzia a livello internazionale per trovare scrittori di racconti cosi bisogna andare indietro quando sulla scena c’erano nomi del calibro di Fedro Orazio Virgilio ed Omero davvero un grande ! Sono suo estimatore da almeno 7 anni e penso che andrà avanti tanti auguri

  10. Racconto bello, ispirato ad un gioco di grande prospettiva ed in grado di fornire al lettore un punto di vista alternativo e più romanzesco.
    Mi pare chiaro che, con il dovuto impegno e l’adeguata propaganda, questo racconto possa dare il la ad un testo di più spessa levatura.
    Spero di leggere più di un seguito. I migliori auguri dal tuo coinquilino preferito (spero).

  11. Molto bello complimenti….un consiglio? il reietto viene ucciso da un guardiano quasi morto che dopo aver ucciso il reietto gli da tutto il suo equipaggiamento e gli chiede di fare una promessa…di onorare il potere e la responsabilita che quel guardiano gli ha dato…..avendo un coltello d’argento fallo cacciatore …gli da un aria piu solitaria e mistica….per il resto complimenti bellissimo racconto e spero arriverai fino alla fine

  12. Il Reietto viene ucciso da qualcuno proveniente alle spalle di Aron.
    Sarò sincero: il genere fantascienza non mi ha mai attratto particolarmente rispetto ad altri generi quali il giallo e il romanzo, perché io legga una storia fantascientifica, è necessario che questa riesca a catturare la mia attenzione enormemente: è il caso della tua storia, della quale sono ansioso di leggere il seguito! Ho sempre avuto un debole sulle ambientazioni futuristiche ben strutturate, magari, malgrado la tua storia sia ispirata ad un videogioco, potresti introdurre elementi innovativi che la rendano più avvincente.

    • Grazie mille per la partecipazione e per I’ll complimento! Mi state fornendo grandi stimoli e soddisfazioni! Spero di farvi sempre più contenti! Di certo posso dirvi che se da un lato la trama, I tipi di personaggi e altri elementi sono tratti dal videogame, la storia sarà unica e speciale, arricchita dal mio stile e da elementi nuovi che inserirò insieme a voi!

  13. Ciao, bellissimo romanzo, mi ha proprio preso, e ha un bel ritmo incalzante che ci sta per un romanzo di azione e avventura, ma ricordati che anche gli avventurieri più tosti hanno bisogno di pause 😉
    Leggi tanto il grimorio per avere un idea bella chiara del back-ground di Destiny
    Poi per il resto non vedo l ora di sapere come andrà avanti

  14. Uno. Che favola. E sì che in fantascienza son molto esigente. Tu sei riuscito a catturarmi in queste righe. In genere seguo la natura del personaggio ma ultimamente seguo più che altro i miei desideri di lettore. Quindi voglio un Aron coraggioso ed audace con il pugnale. Seguo la storia volentieri. Bravo ma attento a non rilevare troppo. 😉

  15. Bravo Albert! 🙂 Ho scelto che il Reietto viene ucciso da qualcuno. Un aiuto o un’altra minaccia per Aron. Sarebbero tutti sviluppi interessanti. 😉
    Adesso il mio umile consiglio è di non pubblicare velocemente i capitoli. Lascia un po’ riposare così tutti avranno modo di conoscerti e leggerti. E, ovviamente, interagisci anche con gli altri autori e le loro storie. Le leggi, le voti e lasci un commento così si “scopre la tua esistenza”! eheh. 😀
    Ciao!

Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi