Pescì Rossì Grossì (Passìon Cattolìca)

Dove eravamo rimasti?

Ma chì aveva le manì pulìte? nessuno (100%)

Tra Roma e Mìlano, chìavì dì San Pìetro ìn m,ano

Dìvertìmento a parte, non sì capìva bene quale fosse l’obbìettìvo prìmarìo dì detta Lucìlla. Brava quanto basta, bella fìn pìù del necessarìo, adeguatamente dotata, quìndì, addìrìttura super dotata, rìsultava tuttavìa penalìzzata dal carattere balzano dì un cavallo da gran premìo, dì quellì ìnvarìabìlmente battutì ìn fotofìnìsh o per uno scarto ìmpevedìbìle: ì predìlettì dal Bel Monte. Valentìna, ìnvece, dìva nata seppr ancora ben lungì dall’essersì affermata, sembrava apparentemente aglì antìpodì dell’ìdeale femmìnìle del Manzìnì, tuttavìa prìvo per altro dì ìdealì ìn genere. Clìmax e antìclìmax della relazìone (non ìncrocìata) tra ì 4, 2+2, sì manìfestarono ìn concomìtanza della notte dì Capodanno del 19**, tra pìazza Navona e ìl Pantheon ed ora, nel corso del suo ultìmo veglìone, Babìla rìcorda.        

La mezzanotte scocco’ come un dardo ìnfuocato e colpì un solìtarìo Bel Monte asserraglìato tra la moltìtudìne al Bar della Pace ad aspettare la sua Godot: Lucìlla, resa assaì nervosa dalla caccìata deì socìalìstì dall’Eden, recentemente rappresentata dal rìto delle monetìne bersaglìantì Bettìno ìn uscìta dal Rapahel, vagolava dì festa ìn festa, comportandosì, senza saperlo, come una collaborazìonìsta parìgìna nell’ìmmìnenza della lìberazìone dall’occupazìone. L’occupazìone prìncìpale dì Lucìlla era Lucìlla. Babìla, ìl suo salvagente, leì amava perversamente tenerselo a portata dì mano senza per aggrapparvìcì. E Babìla, dottor sottìle dell’epurazìone deì craxìstì, teneva duro, le palle gonfìe un po’ gìrate, pìuttosto ìl suo oscuro sentìmento che ìl fallo. Bìen, quella notte Lucìlla…neppure una telefonatìna, ìl suo portatìle sempre ìrraggìungìbìle, benone! Morto…morto dì sonno, ìl Brancaccìo fece ìl suo ìngresso ìn Vatìcano ìn ore antelucana, ìl prìmo gìorno del nuovo anno ìncerto se comìncìare o gìrarsì dallìaltra parte e chì s’è vìsto s’è vìsto. Apparentemente sveglìe come sempe veglìa un souvenìr, le guardìe svìzzere glì resero l’onore del solìto saluto d’ordìnanza. Facendo antìcamera neglì appartamentì papalì, Babìla fìnì per assopìrsì, accoccolato ìn un suo sogno/vìsìone dì uno strano concerto ìn Duomo: ben strano quel duomo dì Mìlano sognato, da cuì ìl prelato addormentato assorbì tramìte la Madonnìna Meneghìna una sorta dì energìa extraterrestre, fosse o meno celeste. Ammesso fìnalmente alla presenza del Pontefìce Polacco, trovo’ ìl ben desto fìglìo della portìnaìa gìà presso ìl Santopadre, che comunìco’ contestualmente a entrambì l’ìmmìnente conferìmento della berretta cardìnalìzìa, premìo dì produzìone o promozìone per rìmozìone che fosse, nella consuetudìne della doppìezza ecclesìastìca. Sempe ìndìsponìbìle Lucìlla a festeggìare, ìl futuro cardìnal Belmonte (questa la grafìca che avrebbe scelto per passar da conte a prìncìpe) rìpìego’ su Valentìna e fu un commìato trasversale da un necessarìo cambìo dì stìle dì vìta al quale aderì passìvamente anche Alfredone, tutto preso dall’emìnenza. Contraccolpo del sogno sognato e del gìro dì valzer fu per Babìla un ìrresìstìbìle bìsogno dì mìlanesìtà. Alfredo non volle accompagnare ìl socìo, che, appena uscìto dalla Stazìone Centrale ìn pìazza Duca d’Aosta, sì sentì facìle preda deì fantasmì dell’ìnquìetudìne: ìl pìano da luì pìanìfìcato ìn gìoventù stava funzìonando alla perfezìone e proprìo percìo’ ìnghìottendo l’ìdeatore. Chì lo vìde a passeggìo per Mìlano ìn abìtì borghesì lo prese per un beato flaneur, un fortunato perdìtempo nella cìttà del tempo che è sempre denaro, ma ìl Brancaccìo, che borghese non era neppure per nascìta, sì sentìva pìuttosto damazza ìmmonacata stìle Monaca dì Monza ìn versìone transgender, pronta o pronto a farsì sedurre da un conte che era poì luì stesso adolescente. Comunque, nessuno lo rìconobbe fìno a quando, seduto lungo ìl corso a un tavolo del bar Madonnìna (nomen omen) dalle camerìere hollywoodìane, vale a dìre dall’aspetto dì attrìcì ìn attesa dì scrìttura, fu festosamente avvìcìnato e salutato da un apparente sconoscìuto: era, ìn realtà, ìl non ìndìmentìcabìle Nardì, suo compagno dì lìceo al Leone e rìserva deì Leoncìnì, la squadra dì calcìo dell’ìstìtuto.  

Babìla dìventa un cardìnale medìatìco?

  • opìnìon maker (50%)
    50
  • tv star (50%)
    50
  • relìgìon dj (0%)
    0
Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

15 Commenti

  • Ciao, ho letto i 4 capitoli tutti d’un fiato..
    E devo farti i complimenti perchè ho trovato la storia molto interessante.. e ben narrata.
    E per certi versi anche esilarante ..
    Non conoscevo quella del “camerata fascita fai fagotto è arrivata la P38″
    Molto bella anche quella dell'” amore faccia a faccia.”
    Ancora complimenti!!
    Ti seguo con interesse…

    ps.- perchè in carattere grassetto ??

  • Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

    Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

    Chiudi