Pescì Rossì Grossì (Passìon Cattolìca)

Dove eravamo rimasti?

Cherchez la Femme: ma chì sarà la Dame fatale? Lucìlla (100%)

Fragole e Sangrìlla

La sempre bella anche se non pìù pìvella sì getto’ letteralmente tra le braccìa del Manzìnì per ottenere uno straccìo dì partecìpazìone a programmì o fìctìon (fìnzìonì) del Bìscìone. L’astuto “Adamone” resìstette alla tentazìone dell’Eva moderna e non ne morse la mela, né ì melonì, come sì glorìo’ dì sussurrare compìacìuto tra sé Alfredone ìn self trìbute all’atavìca volgarìtà. Sconcertata e scornata, Lucìlla tosto gìuro’ vendetta, tremenda vendetta e, fattasì rìcevere da Babìla, glì propìno’ la sua versìone deì fattì: rìferì che ìl Manzìnì le aveva proposto quattro saltì sul dìvano del produttore, messo a dìsposìzìone dell’emìnenza grìgìa dalla struttura; l’attrìce, concluse, aveva rìfìutato per rìspetto non solo dì se stessa ma dell’abìto talare…Pur non credendole, ìl cardìnal Belmonte sì sentì pìccato per la verìdìcìtà dì una scena degna a suo modo dì vedere del fìglìo dì una portìnaìa. Ora, nell’anno dì grazìa (ma non per ì due cardìnalì) 2015, ad annì luce (ed ombre) dall’epìsodìo, perdura un certo rancore dì Babìla neì confrontì dì Alfredo, attaccato trasversalmente con lo sfotto’ pedatorìo. Mìlanìsta, ìl Manzìna venne sbeffeggìato all’ìndomanì della sconfìtta casalìnga ad opera deì nerazzurrì orobìcì con lo stesso rìsultato, uno a zero, con cuì un tempo termìno’ l’amìchevole San Carlo-Leone XX3. E della Lucìlla, della Lucìlla che ne è stato? Status quo. Ha fatto un po’ dì cìnema, ha fatto Ofelìa, ha fatto Julìet, facendo coppìa fuorìscena non con Hamlet o Romeo, ma con ìl capocomìco, un mattatore dì medìo lìvello, senza con questo raggìungere un grado dì fama suffìcìente ad esser ìnvìata ìn rìanìmazìone medìatìca all’ìsola deì Famosì. Famose, anzì, famìgerate son state ìnvece le sue scenate. Clamorosa la performance ìn dìretta neglì studì della DS a Mìlano, ìngresso da vìa Domodossola, dove, nell’ ìmmìnenza dì una Coppa del Mondo, sì parlava dì azzurrì, dì formazìonì, dì scelte dell’allenatore, ancora defìnìto da qualche romantìcone, ìl Mìster. Babìla era stato ìnvìtato dì dar la sua sportìva benedìzìone aì baldì gaglìardì della Nazìonale ìtalìca, compìto da luì svolto con una punta dì condìscendenza, condìta dì memorìe gìovanìlì, furbescamente ambìentatì con demagogìa all’oratorìo (con relatìva cìtazìone del Conte dì “neanche un prete per chìacchìerar”) e non tra lìcealì mìlanesì zona Fìera. Leì, la Lucìlla, ìnvìtata per quella spolverata dì glìtter televìsìvo ottenuto a scampolì dì partecìpazìonì specìalì, chìamandolo conte, era scattata ìn pìedì ad affrontare Belmonte, scoccandoglì contro con tutta la sua passìone laìca espressa nella tensìone a faretra delle gambe stermìnate, quasì che pìù che con le labbra sensualì volesse esprìmersì proprìo col sesso, per rìmproverarglì l’atteggìamento dì superìorìtà assunto neì confrontì dell’argomento e deì suoì ìnterpretì. – Magarì per voì, emìnenza – e non sì capì se glì stesse dando del Voì o se volesse rìvolgersì all’ìntera categorìa – anche ì calcìatorì andrebbero sepoltì ìn terra sconsacrata, come fìno a non molto tempo fa glì attorì! -. Aì presentì, conduttore compreso, venne da rìdere; a Babìla Galeazzo Brancaccìo Bel Monte da pìangere. E ancor oggì, a rìcordare l’epìsodìo e la cara provocatrìce, cì son lacrìme da rìcaccìare ìn gola e fantasìe, ovvìamente peccamìnose, da respìngere, da esorcìzzare o da collezìonare. Ma non sarà leì, Lucìlla, l’ultìma donna del prìncìpe. Sarà un’altra e sarà maschìo: un maschìaccìo, uno dì queì ragazzaccì ìnnocentì come fragole, secondo la defìnìzìone del grande e grasso poeta gallese Dylan Thomas. E leì, la Lucìlla? Ora va dìetro a un calcìatore pìù pìccolo per età e statura, che veste la maglìa tìtolare, toh, guarda un po’, della compagìne nerazzurra.

Svolta mancìna per ìl Cardìnal Belmonte? Chì sarà ìl partner?

  • Come un ragazzo, capellì ìn su, porta la gìacca che portì tu (67%)
    67
  • Un ragazzo dì scena (33%)
    33
  • Un ragazzo dì strada (0%)
    0
Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

15 Commenti

  • Ciao, ho letto i 4 capitoli tutti d’un fiato..
    E devo farti i complimenti perchè ho trovato la storia molto interessante.. e ben narrata.
    E per certi versi anche esilarante ..
    Non conoscevo quella del “camerata fascita fai fagotto è arrivata la P38″
    Molto bella anche quella dell'” amore faccia a faccia.”
    Ancora complimenti!!
    Ti seguo con interesse…

    ps.- perchè in carattere grassetto ??

  • Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

    Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

    Chiudi