Vita,Morte e Miracoli di Nitto Bezzi

Dove eravamo rimasti?

Siamo arrivati alla fine. Cosa c'è dietro la porta? Zio Peppino (67%)

Lo strano caso dello zio scrittore

-“Avanti!” gridò una voce austera ma serafica.

Strano… mi sembrava una voce familiare… Ah…apparteneva sicuramente a quel fellone del creatore… stavo giusto andando a dirgliene quattro, o cinque…

Entrai nella casupola e mi ritrovai in una saletta piccola piccola in cui tutto ciò che i miei occhi potevano vedere erano un camino ed una poltrona di pelle nera. Non riuscivo a vedere chi ci fosse seduto poichè la poltrona era girata verso il camino…

-“Bene, bene…”- esordì l’individuo misterioso -“ti stavo aspettando da tanto!”

-“Sono venuto a riconsegnarti il libro della mia vita: prendilo, fanne ciò che vuoi… uccidimi, se necessario… non ho più voglia di vivere, ora che so chi sei ed anche dopo tutto quello che mi hai combinato! Hai vinto, caro creatore, fai di me ciò che vuoi…”

Ci fu il silenzio.

*

**

*

L’uomo si alzò dalla poltrona.

Ravvivò la fiamma.

Perfetto… non mi rispondeva nemmeno…

-” Tu credi veramente di sapere chi io sia?” disse l’individuo

-“Credo di si…”

L’uomo aveva un cappuccio nero in testa ed una voce ansimante…

-“Nitto… Io…sono… (e si tolse il cappuccio)…”

Qualche istante di silenzio.

-“Io sono… tuo ZIO!” (E si girò)

-“Zì, ma che ci fai qua?”

-” Non ti aspettavi di vedermi, vero?”

-“No… Anzi, se magari mi spiegassi qualche cosina….”

-” Si, credo che qualche spiegazione sia doverosa! Qualche anno fa andai in pensione… puoi immaginare quanto sia stato difficile, per un lavoratore come me, abituarsi al non far nulla… quindi decisi di cominciare a scrivere: romanzi, poesie… qualsiasi cosa… Un giorno, mentre navigavo su internet, mi imbattei in un sito di scrittori, credo che si chiami TheIncipit, o qualcosa del genere. Mi piacque l’idea che stava alla base di tutto: erano i lettori a decidere come sarebbe proseguita la storia, un pò come faceva Dickens agli inizi della sua carriera! Avrei voluto scrivere qualcosa di interessante ma non avevo idee… Ma… all’improvviso, l’ispirazione! In quei giorni, mia cognata, era incinta di un figlio,lo avrebbero chiamato Benedetto… Idea! Avrei scritto la storia di questo bambino, mio nipote…sembrava interessante… Cominciai… scrissi qualche puntata ma… i lettori non apprezzavano il mio lavoro: continuavano a dirmi che sbagliavo la punteggiatura, che sbagliavo ad inserire il testo e cose simili… Non mi è mai piaciuto non essere apprezzato quindi decisi che era meglio interrompere la storia… e così feci!”

-“Per la barba di mago merlino!”- esclamai – “ma in tutto questo io non ho capito chi sono: se sono vivo, morto, se esisto, se non esisto… non potevi dedicarti ad un altro hobby, invece che cominciare a scrivere? che ne so…alle bocce o all’ornitologia… guarda quanti problemi hai causato!

-“A tutto c’è una soluzione, caro mio… Vieni, siediti sulla mia poltrona…”

Mi sedetti.

-” Chiudi gli occhi e pensa: puoi continuare a vivere nel mondo meraviglioso ma irreale dell’immaginazione, continuando a vivere fra le righe di una pagine, oppure decidere di tornare nella mia mente, ed essere un ricordo, un’idea, un pensiero… Puoi decidere: O essere ciò che sei destinato ad essere oppure essere ciò che TU vuoi essere… Non rispondermi… Prendi una decisione, sentila nel tuo cuore… e quando avrai deciso apri gli occhi, e ti ritroverai lì dove hai scelto di essere…”

Chiusi gli occhi.

Feci un respiro…

…un profondo respiro…

*

**

***

**

*

Sogno o realtà? Seguire il mio destino, il destino che lo zio scrittore aveva scelto per me oppure lottare per un mio mondo personale, per una storia mia e solo mia… per un futuro deciso da me? 

*

**

***

**

*

Fidarmi di qualcuno o fare di testa mia?

*

**

***

**

*

Avevo deciso…

*

**

***

**

*

Aprii gli occhi e…

Categorie

Lascia un commento

80 Commenti

  • L’amletico quesito “essere o non essere”, altro non vuole che includere tutte le domande esistenziali che ognuno di noi si pone nel corso della vita: seguo il flusso o seguo me? Mi fido o non mi fido? Tu hai abilmente dimostrato che non conta come le cose vanno, in quale direzione sembrano spingerci, ma che si può alzare la testa – anche in corso d’opera – e aprire gli occhi. Prendere una decisione e dire…

    Bravo. Ti vengo a cercare in Ovunque Andrai.

  • Ciao a tutti.
    Dopo tanto tempo questa mia prima avventura su theincipit è conclusa… certo, ammetto che non sono soddisfatto: avrei potuto fare di meglio, ma ringrazio lo stesso voi che avete seguito il racconto dall’inizio alla fine. Se vorrete continuare a seguirmi siete i benvenuti nella mia nuova storia (https://theincipit.com/2015/05/ovunque-andrai-federico-bronzo-giunta/) altrimenti vi saluto calorosamente e vi ringrazio, ancora, per aver seguito le avventure del nostro caro Nitto.

    Salute ed ogni tipo di bene,
    F. G.

  • FINALegeNIALE ! Si poteva intuire; immaginavo che lo zio Peppino avesse combinato un guaio per svegliare all’azione pratica Nitto e destarlo dal limbo in cui pareva caduto
    Ma va bene così, ciò che ho detto mettilo pure sopra i puntini finali di sospensione.
    Alla prossima.
    Ciao

  • Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

    Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

    Chiudi