Ancestoria I

Dove eravamo rimasti?

Poi? Digressione sui discorsi che intercorrono tra Kito e Roland ormai lontani (60%)

Ma quando muore?

-La cosa più raccapricciante che abbia visto negli ultimi tempi- affermò Kito.

-La cosa più raccapricciante di sempre, vorrai dire. Sono certo che l’immagine di quel volto in lacrime tornerà a perseguitarmi nei miei peggiori incubi- lo corresse Roland rabbrividendo.

-Roland, abbiamo visto di peggio. Ricordi il demone lucertola che indossava gli abiti da sacerdote? o la danza della seduzione di Olaf il grasso?- chiese quindi Kito.

-Kito non ricordarmeli, ti prego-

-Beh se non altro vedere un gigante piangere ci mancava-

-Già!- Esclamò lo spadaccino.

Allora udirono delle grida provenire dalla direzione da cui stavano venendo loro due.

-Mmm, questi sembravano Gus e Josephyn- disse Kito

-Sì erano loro. Il gigante deve averli attaccati di sorpresa- rispose Roland.

-Possibile che non abbiano capito che stava fingendo?- chiese dubbioso Kito.

-No. Secondo me lo sapevano. Ormai siamo esperti in questo genere di trucchi, pensa alla missione in cui abbiamo dovuto dare la caccia a quella orchessa-

-Beh ma allora come ha fatto a coglierli di sorpresa? Cioè è un gigante, non dev’essere facile passare inosservati- ironizzò Kito.

-Se dovessi indovinare direi che hanno cominciato a discutere tra loro senza più curarsi del gigante, ad un punto tale che quello ha avuto tutto il tempo di rimettersi in piedi e di aggredirli di sorpresa-

-Dobbiamo intervenire?- propose quindi Kito.

-Naaaaaaaa. Andiamo a cercare un posto dove poterci cambiare d’abito. Ormai i miei indumenti sono ridotti a dei cenci- concluse Roland allargando le braccia per mostrare all’amico il pessimo stato dei suoi indumenti.

E d’improvviso l’edificio di fianco a loro esplose in mille pezzi. Kito e Roland subito si gettarono a terra. Quando cercarono di capire cosa fosse successo videro una figura enorme, il gigante, in fiamme che correva per le strade della città tenendosi le mani sulla testa, con la bocca spalancata in un urlo privo di suono.

-Seko!- esclamò Roland.

-…terrificante- sentenziò Kito.

Poi i due ragazzi si rimisero in piedi e osservarono i resti dell’edificio sparpagliati intorno a loro e i detriti sparsi qua e la.

-Ho come l’impressione che abbiamo causato più danni di quanti ne avrebbe causati il gigante se fosse stato lasciato in pace-

-E non è finita qui…-

Il gigante correndo all’impazzata per il villaggio, in preda al dolore delle fiamme, non riusciva a vedere la strada e si schiantava di continuo contro gli ostacoli che il percorso gli presentava: negozi, abitazioni, carri e così via, riducendoli in polvere.

Il resto del gruppo sopraggiunse.

-Josephyn hai fatto la tinta?- chiese Kito ironico, riferendosi al fatto che i capelli della ragazza erano anneriti e con le punte bruciacchiate dalle fiamme di Seko.

Lei in risposta gli sferrò un diretto in pieno volto -Oh e tu cos’hai fatto al naso?-

-Basta scherzare- intervenne Gus -dobbiamo fermare il gigante una volta per tutte-

-Ma sei una noia!- gli rispose Angel -E’ più divertente guardare Josephyn che picchia Kito-

-Ce n’è anche per te bella!- rispose Josephyn osservandola con gli occhi semi chiusi.

-Se non basta il fuoco io ho finito- si intromise Seko che non voleva perdere altro tempo.

-Ma come?- fece eco Gus -dobbiamo fermare il gigante! La gente di queste terre conta su di noi-.

-Tranquillo sono per lo più contadini,  non sanno contare. Eheh.- scherzò Angel.

Roland intanto si era già incamminato in direzione del gigante. La sfida che prima era stata interrotta tra loro due, ora l’avrebbe portata a termine.

Josephyn si accorse che l’amico si stava incamminando da solo e decise di andare con lui. Senza più rivolgersi agli altri anche lei si diresse verso il gigante.

Kito la seguì.

-Ehi aspettatemi- gridò Angel incamminandosi a sua volta.

Gus fissò Seko negli occhi con fare di supplica -Abbiamo bisogno di te! Siamo una squadra-.

-Uff. E va bene, andiamo- rispose infine Seko.

Ed insieme raggiunsero gli altri.

Come finisce la storia?

  • A sorpresa, vince il gigante (0%)
    0
  • Kito ha un'altra delle sue idee ma questa volta potrebbe non andare come previsto (14%)
    14
  • Il gruppo combatte seriamente con il gigante e si evidenziano le abilità dei personaggi nel combattimento (86%)
    86
Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

90 Commenti

  • Guanti magici, spadone…scorrono davanti ai miei occhi come se stessi vedendo un’anime o come se stessi giocando a un gdr. L’azione è veloce come dev’essere secondo il genere che hai scelto. E’ fatto proprio bene. Non ti perdi in sciocchezze. Voto per il gigante che si trascina dietro Kito e Roland 😛

  • Ciao, devo dire che riesci con grande efficacia a mediare tra l’esigenza narrativa e il rispetto delle meccaniche del gdr, sei riuscito a descrivere caratteristiche e modus operandi dei personaggi in maniera molto naturale.
    Mi intriga il discorso delle spade di Roland, spero di approfondire i rispettivi significati.
    Ti seguo e voto per Josephyn esca! ^_^

  • Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

    Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

    Chiudi