Castleville

Dove eravamo rimasti?

E voi quale pensate che sia la cosa migliore da fare ora? Seguire l'auto nera fino al Castello (60%)

Il Signore Di Castleville

I due uomini stettero per cinque minuti a osservarsi in silenzio. Fu Ben a romperlo per primo:
– Io credo che…dovremmo tornare indietro…Kin- Disse pallido come un cencio.
Ma il detective non lo stava ad ascoltare fissava il castello pensando che mai più gli sarebbe capitata un’occasione come quella e, mentre una flebile goccia di sudore scendeva dalla sua fronte come una goccia di rugiada alle prime luci dell’alba, premette il piede sull’acceleratore dirigendo l’auto verso il castello.
– Kin, ma che fai ?- Esclamò Ben
– Ora o mai più! Credo che i fantasmi di questo posto non ci saranno utili amico mio! Mai,! quanto potranno esserci utili degli uomini in carne e ossa capaci di spifferare tutto se ben interrogati – Rispose Kin con un’ aria di follia mista a eccitazione.
– E la copertura? – Domandò Ben più cercando una scusa per tornare indietro che una risposta.
– La copertura? Quella è già saltata l’esatto momento in cui la nostra macchina ha fatto ingresso in questa città maledetta – Risposte Kin accendendosi una sigaretta – Lo sanno che gli seguiamo! L.’ innaturale silenzio di questo posto ha fatto da eco al nostro motore… Ragion per cui, amico mio, non solo penso che sanno di essere inseguiti ma anche che stiano preparando un comitato d’accoglienza per noi – Concluse Kin in una risata forzata.

La Opel bianca dei due detective, così tanto rumorosa nel silenzio di quella notte, giunse nella vicinanze del castello e spense il motore. Attorno ad essa non vi era l’ombra di anima viva… nessuno … neppure l’auto nera che i due avevano perso di vista nell’attimo di esitazione.
– Ben, apri il cruscotto!- Intimò Kin all’amico perdendo ora la sua consueta calma.
 Ben si affrettò ad aprire il cruscotto e ne tirò fuori due pistole caricate con venti cartucce da 9mm l’una e ne passò una al detective
– Come pensi di entrare nel castello? – Domandò Ben
– Pensavo di bussare!- Scherzò Kin – A meno che non ti voglia arrampicare sul muro di cinta come in uno di quei dannati videogiochi che tanto piacciono ai tuoi figli!! E ora seguimi – Concluse poi uscendo dalla macchina.

La prima cosa che colpì i due uomini appena usciti dalla macchina non fu il gelo della notte inglese, non fu l’imponenza del castello medievale che dall’alto della collina regnava signore sopra tutta la cittadina ma fu l’odore di morte che si respirava attorno a quel luogo oscuro. Sarà dovuto in parte al fatto che una bassa coltre di nubi coprisse la luce della luna, in parte alla voce degli animali  notturni che risuonava così chiara in quel profondo silenzio ma ciò rendeva quel luogo ancora più spettrale di quel che fosse quasi un luogo appartenente ad un’ altro mondo nel quale sarebbe stato meglio non mettervi piede . Le due ombre dei detective si mossero fulminee e a passo felpato lungo la scalinata in pietra che portava all’ingresso principale, sempre guardandosi da ogni parte, ogni secondo temendo che qualche figura poco amichevole gli si parasse davanti con intenzioni poco amichevoli.
Ma non fu così. I due riuscirono infatti a raggiungere il pesante portone in legno senza essere disturbati . Il portone era alto più di 4 metri e si ergeva intatto da chissà quanto tempo ormai, forte contro le intemperie e gli assalti di antichi nemici … l’unica modifica che gli era stata fatta, era quella di intagliare in esso una piccola porta, per permettere ai turisti di accedervi, senza dover muovere i pesanti cardini dell’antico portone. E fu dinnanzi a questo antico portone che i due detective si fermarono, tolsero la sicura dalle pistole, e con una spallata aprirono la porta che diede loro accesso al castello.

Kin e Ben si ritrovarono nel salone principale del castello. Esso era di forma ovale, ampio e lussuoso e su di esso padroneggiava un enorme candelabro , composto da 8 cerchi concentrici, contenenti 20 candele accese, che rilasciavano nell’aria quell’odore antico di cera sciolta, che normalmente si sente nelle chiese.
Ad un lato del salone vi era una mezza scala a chiocciola che portava al primo piano del castello.
I due amici si guardarono intorno, senza mai abbassare le pistole, sebbene non ci fosse anima viva ad attenderli. Dopo che si guardarono attorno per un poco fu Ben a rompere un’altra volta il silenzio:
-Sembra non ci sia nessuno … nemmeno i fantasmi del tempo che fu- disse riacquistando un poco di coraggio.
-Non sono i fantasmi a farmi paura Ben- disse Kin – Ma coloro che son sicuro si stiano nascondendo da qualche parte nel castello.
I due fecero un passo avanti dirigendosi al centro della sala e fu allora che accadde qualcosa che non si sarebbero mai aspettati …
Il pesante candelabro cominciò a discendere dal soffitto contro di loro, come una pesante gabbia pronta a catturarli
– Attento Ben- Urlò Kin mentre si buttava da un lato per  evitare di finire sotto il candelabro. Ma fu invano poiché entrambi i detective finirono nella morsa della pesante gabbia e persero i sensi …

Dove si ritrovano i due detective quando si risvegliano?

  • Si Ritrovano In Un Laboratorio Sotterraneo (50%)
    50
  • Si Ritrovano Nelle Prigioni Del Castello (50%)
    50
  • Sono Ancora Dentro La Gabbia (0%)
    0
Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

87 Commenti

  • Segue John
    Oops, il fratellino ha qualche problema di schizofrenia acuta? Ammazza oh! Lo salva per poi farci uno spiedino? Interessante e originale questa ambivalenza. Ma i miei dubbi sono quelli di Kin: cosa possono fare da soli contro uno che disintegra città, anzi, cittadini a migliaia?
    Ciao ciao

  • Voglio capire subito chi l’ha liberato, sono curiosa.
    Ciao Luxuria,
    L’intreccio si fa fitto, la curiosità aumenta.
    Ho trovato un po’ fuori luogo il linguaggio a tratti ricercato della parte iniziale del capitolo.
    Questione di gusti!
    Ciao Ciao

  • Ciao!
    Ho letto nel tuo profilo che sei una fan di Stephen King (ne ho beccata un’altra!!), lo sono anche io, sto aspettando ottobre con ansia per poter leggere l’ultimo capitolo della trilogia di Mr. Mercedes.
    A parte questo, si vede che sei una fan, in certi passaggi mi è sembrato di scorgere lo stile del Re, certe frasi rimandano troppo a ciò che lui è solito dire o al modo in cui si pone con il lettore (” Il castello era ovviamente aperto al pubblico, che era ben contento di pagare quelle 25 sterline per poterlo visitare da cima a fondo”, “E si ragazzi perche’ nel giro di 24 ore qualcosa di strano e misterioso pare essersi abbattuto su di essa” solamente nel primo capitolo, giusto per fare due esempi tra i tanti), per non parlare del grande mistero che è la trama in sè, un evento di così grandi proporzioni!
    Sai scrivere bene, giusto ogni tanto mi è parso di notare qualche ripetizione, ma roba da poco!
    Ah, un’altra cosa, i numeri se puoi (a meno che non indichi una data, o un orario) scrivili a lettere, non in cifre! 🙂
    Complimenti, la tua storia mi piace! Ti seguo, a presto!
    Ah, ho votato “scopriamo l’identità del suo liberatore”.

    • Diciamo che sono una sua gran fan, e in un certo senso traggo ispirazione dal suo modo di scrivere . Ultimamente, poiche’ mi trovo in Inghilterra per lavoro, ho riniziato a leggerlo in inglese sebbene sia un po’ complesso, ma mi sta aiutando ad apprendere molti nuovi termini 😀 Cio’ che mi affascina di lui, oltre ovviamente al fatto che per la maggior parte compone racconti d’orrore ,e il fatto che fa un sacco di paragoni tra la vita che vivono i suoi personaggi e altri personaggi che sono realmente esistiti : si e’ insomma documentato su fatti e personaggi veramente approfonditamente e spesso arrivo a farmi una cultura su cose che non so solo attraverso I suoi romanzi. 🙂 grazie per il voto e a presto 🙂

  • Si ritrovano in un laboratorio sotterraneo.
    Ciao,
    Storia intrigante e originale, fai le cose in grande: la popolazione di un’intera città che sparisce! Leggendo ho avuto il dubbio che abbia qualcosa di impostato male nel computer o nella tastiera, perché le ‘I’ sempre maiuscole sono tipiche dei word processor impostati per la lingua inglese. Una tastiera inglese spiegherebbe anche la mancanza degli accenti, sostituiti da apostrofi.
    Curiosa di scoprire cosa ci riserva il seguito.
    Ciao ciao a presto!

    • Credo che il laboratorio ormai sia l’opzione piu’ cliccata 😉
      E si purtroppo sto adoperando un computer inglese percio’ devo costantemente usare un apostrofo la dove dovrebbe andare un accento 😀 so che la tastiera si puo’ regolare all’italiana ma ormai ho fatto l’abitudine alla scrittura inglese e a volte non ci faccio caso 🙂
      Grazie mille e a presto 🙂

  • Ti lascerei un mega commentone, ma non posso! C’è chi si legge i miei commenti per farne un uso improprio. Quindi se vuoi sapere cosa veramente penso ti invito a scrivermi in privato….Indirizzo sotto ai commenti nella mia storia. Hai reso interessante e molto investigativa questa parte lasciandoci con il fiato sospeso. Bene. Ho scelto parla con il capo cantiere.

  • Mi piace molto il tuo incipit… Anche io sono un amante delle ambientazioni medievali. Poi la sparizione di un’intera città non può che creare una grande suspense 🙂 Seguirò il racconto e aspetto il seguito 🙂

  • WOW. Mi piace. Mi piace perché è ambientata, in parte, a Londra. Mi piace perché fin da subito c’è una vena horror. Mi piace perché sono curiosa di sapere cosa sia successo a tutta quella gente. Penso proprio che affiancherò Kin nelle indagini, quindi andiamo subito a parlare con l’ operaio. Cosa avrà visto?
    Ti seguo volentieri 🙂

  • Ciao Luxuria,
    benvenuta su TI. Spero ti troverai bene.
    Il tuo incipit è molto bello e dettagliato, mi piace l’ambientazione inglese (lo sono di adozione è la mia seconda patria).
    E’ una avventura intrisa di giallo e questo è molto accattivante. Scrivi bene.
    Ho cliccato segui storia anche se mi ero promessa di non seguire più nessuno ma poi questa sera non c’è nessuno dei vecchi che ha pubblicato ed io ho un forte raffreddore.
    Ero troppo curiosa, non potevo abbandonare questa sfida.
    Ora ti invito a guardare su come funziona gli incipoints. Non pubblicare di fretta gli autori amano pubblicazioni settimanali o di dieci giorni circa.
    Al momento ci sono tante bellissime storie, la mia è un poco disordinata nei primi capitoli scritta con dita e rabbia, è vera.
    TI è un pochino impegnativo, devi rispondere ai commenti e cercare di leggere anche gli altri autori e commentare sinceramente così, ci aiuti a crescere.
    TI auguro tanta bella lettura e scrittura. Ciao

    • Ciao grazie mille
      Ho scelto un ambientazione inglese perche’ anche fino a poco empo fa vivevo in Inghilterra 🙂 amo lo scenzrio medievalieggiante e gotico presente nella maggior parte
      delle costruzioni . Essendo io un’amante del gotico non potevo non farne
      parte di questo racconto 😉 grazie per i consigli e ti prometto che appena ho un po’ di tempo libero leggero’ la tua storia … Ho visto che e’ a buon punto percio’ ho un bel po’ da leggere e ho bisogno di avere la mente fresca 🙂 son sicura che leggendo tra le storie presenti nel sito trovero molti spunti per quando continuero’ la mia storia , sto gia’ seguendo qualche racconto ma come gia’ detto appena avro’ un po’ piu’ tempo potro’ seguire di piu’ gli autori e le varie storie di TI

  • Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

    Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

    Chiudi