Le speranze di Gat

Mentre dormivo...

Ronf ronf!

-ah! Che bella dormita! Sono proprio un pigrone, quando il padrone non c’è i gatti ballano- e si produsse in una marinaresca risata.

-Penso che rileggerò la lettera che devo inviare a Gart.

Prese in mano il pezzo di carta su cui erano impresse incisioni, prodotte dagli artigli di Gat, un metodo di comunicazione ormai comune tra i gatti…

Il messaggio recitava: “Caro Gart, anzi, bastardo di un Gart. Come ben saprai i tuoi sgattozzi (scagnozzi nel gergo dei gatti) che l’ altra sera girovagavano nella Strada Ratta hanno senza indugio interfetito nei nostri piani, per altro stretti in collaborazione con la tua lega. Avevamo un patto, non ti sei nemmeno preso la briga di comunicare a tutti i tuoi affiliati l’accordo momentaneo stiputalo tra le nostre fazioni. Credo ci sia ben altro sotto e che non sia stato solamente una distrazione nella fase di organizzazione. Ti tengo d’occhio Gart d’ora in avanti, sappilo. La lisca che ci univa si è indebolità ancora di più dopo questo fatto. Non vorrei che rinizi come nella guerra del pesce per cui sappi che sei uno stronzo. Nel caso invece sei solo un deficiente mi scuso e ti comprendo, non è facile organizzarsi quando ci si ritrova il cervello nel retto, come si dice da noi, soprattutto quando si tratta di comandare un intero gruppo. Alla prossima Gart. E stammi stronz.”

-mmmh… ok, ma c’è qualcosa che non mi convince…

Appena terminò la frase sentì un tonfo proveniente dalla rampa di scale, le scale di una villa, la villa di una piccola o grande città. Piccola o grande? Gat non lo sapeva e non credo che gli imporatasse, anche perchè in quel momento aveva da pensare a ben altro. Cosa fare? Quella lettera doveva essere consegnate entro un certo termine dato che il padrone era tornato e non poteva lasciarsi sorprendere! O era semplicemente un inutile paranoia e Gat aveva benissimo tutto il tempo di aggiungere qualcosa? Che fare? Mentre Gat pensa velocemente al da farsi, si accorse che dalle scale non proveniva più alcun rumore… 

-Che strano, mi era parso di sentire arrivare qualcuno… sarà frutto della mia immaginazione…  e se invece ci fosse qualcuno??

-Merda che indecisione!

Cosa farà adesso Gat?

  • Controllerà giù per vedere se c'è effettivamente qualcuno. (20%)
    20
  • Andrà a spedire la letterà uscendo dalla finestra di fronte a lui. (80%)
    80
  • Finirà la lettera senza preoccuparsi dell'avvenuto. (0%)
    0
Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

84 Commenti

  • Un finale davvero inaspettato!! *_* Sia da come il padron si sia volto alle spalle e si sia alleato segretamente con Melfin, sia come la scena finale si sia concluso.
    Ovviamente anche nell’ultimo capitolo mi hai strappato una risata XD
    Grazie per questa storia strappa-sorriso ^^ Mi sono davvero divertita a leggerla dall’inizio alla fine

    • Grazie anche a te per avermi seguito fino a questo punto 🙂 nonostante non sia un granchè come l’ho scritta xD. Spero mi seguirai anche nella prossima avventura, che ho già iniziato, vedremo se riesco a far qualcosa di meglio. Si la storia finisce in modo aperto, i nostri protagonisti si sono spostati in questa dimensione parallela, perchè nel mondo in cui erano avevano fatto scoperte troppo grosse che avrebbero compromesso l’equilibrio di quel regno. Così si ritroveranno in un mondo nuovo con gente come loro, pieno di magia e cose strane, ovvero il teatro dove si svolgeranno tutte le storie che avrò in mente. Spero che così si capisca meglio hehe.

  • Ammetto che avrei voluto leggere il finale da te, considerato che ci hai fatto ridere tantissimo e che avevi tutte le carte in regola per concludere la storia, comunque…

    Gat iniziò una durissima lotta con Melfin, che dovette andarsene leccandosi le ferite e sputando palle di pelo lungo la strada. Se era un attira-informazioni, tanto valeva approfittarne. Gat e i suoi amici diventarono la gang del quartiere dei gatti, divertendosi a crepapelle alle spalle del vecchio e di tutti quelli che non credono nello strapotere del micio! E in sottofondo ci metterei pure 44 Gatti, già che stiamo.

  • “Il padrone di Gat è tranquillissimo e porge il bicchiere al Vecchio, cosa avrà in mente?”
    Questa e’ stata la mia scelta… Sono troppo curiosa cosa avra’ in mente con quella scena apparentemente tranquilla *_*
    Siamo quasi alla fine, come finira’ questa storia del nostro micio a quattro zampe? Aspetto con ansia il tuo ultimo capitolo!! ^^

  • Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

    Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

    Chiudi