Guida per diventare la moglie perfetta

Dove eravamo rimasti?

La vecchietta, dopo essersi presentata, annuncia in cosa consisterà la prima sfida... ...come preparare una torta di mele. (43%)

La vera torta di mele piace ai beduini. Anche a me, se la cucinano gli altri.

-ehi Cing Ciang- disse la vecchietta sulla sedia a rotelle. Aveva i capelli di un bel bianco vispo, due occhi blu luccicanti e un sorriso sdentato. Probabilmente con il “cing ciang” si riferiva al povero Mao. Gli sorrisi compassionevole.

-sono queste le 5 candidate?- chiese lei divertita. Le lunghe mani affusolate sulle rotelle. Mao annuì sobrio.

-allora bambine care, dovete sapere che quando decisi di sposarmi- e per la successiva ora e mezza, raccontò di come si era decisa a sposare un boss mafioso, di quanto fosse stata insicura, di quanto era stata impegnativa la sua vita, di quanti figli aveva avuto, di quanto litigasse con il suo primogenito. Dopo un ora e mezza, la tipa dalle unghie laccate aveva appoggiato la testa sul tavolo e sembrava in coma, quella al suo fianco sbadigliava, quella al mio fianco si guardava le doppie punte e l’ultima invece aveva tirato fuori uno specchietto si stava sistemando il trucco. Tsk, non avevano mai partecipato a una riunione della mia famiglia, mantenere la concentrazione nell’ascoltare una simpatica vecchietta era da principianti.

-…perciò il mio caro nipote mi ha dato la possibilità di sottoporvi alla prima prova, decisa interamente da me- disse facendo una pausa e guardandoci una ad una. Improvvisamente anche le altre 4 sembravano molto più attente.

-…dovrete fare una torta di mele, la preferita del mio adorato nipote.- disse lei incrociando le mani in grembo. Beh se era questa la prima prova, io che non ero in grado di cucinare l’avrei persa di sicuro. Guardai velocemente le mie avversarie. Beh forse invece avrei stra vinto. Con quegli artigli rossi probabilmente a mala pena riusciva a scrivere.

-ma con cosa la facciamo vecchia?- disse Miss Artiglio.

-si, dovete fare una torta di mele- ripetè la vecchietta sorridente.

-si, ma come si fa?- chiese la mia vicina stizzita.

-Cing Ciang controllerà che non vi copiate l’un l’altra- continuò la vecchietta guardandoci sorridente.

-ma non capisci? Non sappiamo come si fa una torta di mele! E’ a questo quello che servono gli chef di casa!- esclamò la vicina di Miss Unghie Dell’Anno.

-esatto! Non c’ho mica scritto “chef” in faccia!- disse l’ultima.

-no infatti, c’hai scritto “genio”- dissi tra me e me. Mi alzai divertita e cominciai a gironzolare per la cucina. Vedendo che cominciavo ad armeggiare con i pochi ingredienti che conoscevo, anche le altre 4 Miss Mondo cominciarono a copiarmi. Non avevano capito, che in realtà nemmeno io sapevo come fare. Decisi così di mettere alla prova il loro già provato cervello.

-mmm…qui serve di sicuro il curry- dissi a voce alta. Presi il curry e feci finta di metterlo. -Beh è fondamentale anche la salsa barbeque per dare quell’aroma dolce…- presi la salsa barbeque e feci nuovamente finta di aggiungerla. Come delle ochette, dopo cinque minuti tutte le altre 4 buttarono quantità industriali di curry e salsa barbeque nei loro recipienti. Dopo aver sbucciato la mela, ed essermi fatta un po’ risate alle loro spalle, aggiunsi.

-ragazze mi sento magnanima…il segreto per una buona torta alle mele, e date retta a me che sono una poveraccia e che quindi so cucinare bene per forza, è un pizzichino di Wustrensaft.- dissi io annuendo. -peccato non ci sia qui…-

-e che roba è? Non ne ho mai sentito parlare!- sbottò Miss Unghie da Arpia.

-come non ne hai mai sentito parlare? Ma è ovvio, che tutti noi popolani la usiamo per condire tutti i dolci che prepariamo! Altrimenti non riusciremmo nemmeno a mangiarli! Ciò che serve è il Wustrensaft, dal tedesco succo di Wustren. E chi è che non conosce il Wrustren?- mi chiesi divertita. Me lo sono inventate idiote.

-beh, sei sicura che questo “Wustren” non ci sia qui? D’altronde è la cucina di uno chef!- disse la amica a fianco.

-beh…in teoria il Wustren è una salsa ricavata da fagioli, piselli e cioccolato. Se ci aggiungete del latte diventa il cosiddetto Wustrensaft…però io il latte non lo trovo…- aggiunsi io dispiaciuta. Mi rimisi al lavoro, conscia del fatto che queste era più idiote del tacchino di mia nonna. Dopo un ora, eravamo tutte pronte, e le miss puntavano il nasino verso l’alto, fiere di aver cucinato qualcosa in vita loro per la prima volta. Beh, la forma di quella sbobba nei loro piatti ricordava vagamente una torta. Ricordava, appunto. In quel momento entrò in cucina, quello che sembrava un kebabbaro vestito bene, e si grattava il naso disgustato.

-cosa è questo odore?- esclamò agitato. -Alì non vuole più fare giudice- disse Alì, il kebabbaro elegante a Mao. La vecchietta continuava a guardarci sorridente, come se fosse una statua di cera, idem per Mao.

Vedendo che non lo consideravano Alì sospirò e si voltò verso di noi. Mi sembrava di essere a Masterchef versione beduini.

-io voglio assicurazione su vita. No è possibile, io cucino carne, kebab e bistecche! no ho coragio, nonna. So che no capisci, ma non ho coragio. Sembra stufato di camelo di zio Mustafà!- disse dopo essersi portato un cucchiaio vicino al naso.

Dopo aver eliminato una delle 4 Miss, Alì annuncia la successiva sfida:

  • prova di velocità (0%)
    0
  • prova di resistenza psicologica (29%)
    29
  • prova di seduzione (71%)
    71
Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

92 Commenti

  • Bel finale. Ironico. Mi dispiace solo che non ci siano altri caratteri. 🙂

    E così Miss Artiglio chi si prenderà ? Chi lo sa ? Sta di fatto che non credo sia della famiglia.

    Alessandro, lo sapevo.

    E di certo anche lui ha gusto in fatto di donne! 🙂 Evviva gli sposi anche se mafiosi (che rima eh ?)

    Ciao e grazie del tuo simpatico racconto! 🙂

  • Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

    Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

    Chiudi