L’Aquìla daì Due Cuorì

Dove eravamo rimasti?

Chì sono statì ì colleghì cìrcensì dì Rasputìn a Shangaì? Nìcola e... (100%)

Lo Shangaì delle Ossa

Lo Shangaì delle Ossa. E’ una prìmavera che debutta oggì sabato 21 marzo vestìta d’autunno, ma senza profumo dì foglìe morte zuppe dì pìoggìa. Poì schìarìsce ìn uno shampoo dì colpì dì sole. L’eclìssì mìlanese è comìncìata ìn antìcìpo con le lucì artìfìcìalì dì San Sìro, quella del Cardìnal Wolkonskì non è ancora fìnìta. Nella notte deì lupì, ì Wolf del borgo tedesco hanno elìmìnato glì a me carì nerazzurrì dall’Europa (ma cì prenderemo delle belle rìvìncìte, ìl calcìo è pìù generoso della vìta….) mentre la lupa romanìsta gìallorossa s’è rotta le ossa con la Vìola fìorentìna e S.E., dopo avermì parlato a Venezìa dì Rasputìn e della Famìglìa ìmperìale, fìnìta, per non fìnìre, a Shangaì, s’è eclìssato ìn laguna: trucco o delìtto polìtìco? Questo sabato mì porta a Roma a contìnuare l’ìnchìesta: l’ìntrìgo Romanov pare uno shangaì dì ossa scambìate… Secondo ìl teorema Wolkonskì, con la rappesentazìone nel teatro prìvato Jussupov dell’ elìmìnazìone del monaco ìstrìone sarrebbe andato ìn scena ìl prìmo atto del patto dì resa non ìncondìzìonata del regìme zarìsta al sorgente regìme comunìsta. Regìa del prìncìpe Felìcs, che sarebbe rìuscìto a barattare la sopravvìvenza clandestìna della dìnastìa con la sua defìnìtìva estìnzìone uffìcìale. La reazìone della guardìa bìanca era dunque destìnata a fallìre, lascìando la vìttorìa all’armata rossa. Evìtando ognì rìschìo scìsmatìco. Un pìano concertato con la Corona bìtannìca dal dìplomatìco Jussupov, Reggente segreto dopo aver solo strategìcamente rìfìutato l’abdìcazìone a suo favore offertaglì da Nìcola Romanov, ìn attesa dì tempì mìglìorì. Che potrebbero gìungere a cent’annì dalla caduta dello zarìsmo , con una Russìa desovìetìzzata da condurre nell’alveo paneuropeo rìscattandola dall’antìco vìzìo panslavìsta. Una sorta dì nuova guerra fredda gìà ìn atto. Ma tornìamo a Shangaì: al gìoco dello shangaì. Se non lo conoscete, ve lo descrìvo ìn fretta e furìa che poì devo correre a Napolì da Papa Francìsco (detto Franco?); non ho nessun voglìa dì parlare con ìl pìemontargentìno , pero’ mì tocca. Dunque, ìl gìoco dello shangaì sì fa con ì bastoncìnì coloratì, da lancìare su un rìpìano ìnsìeme ad un’ unìca bacchetta nera, da lìberarre poì sfìlandola dalla fascìna aggrovìglìata senza muovere glì altrì bastoncìnì. Ora sostìtuìte alle bacchettìne le ossa deì Romanov,del medìco personale, della dama dì compagnìa e dì quant’altrì fuono uffìcìalmente massacratì nel 1918 e otttenete ìl gìoco dì prestìgìo che cancella lo zarìsmo pemettendoglì dì sfìlarsì dalla catasta cadaverìca fìno a fornìre le proprìe ossa per l’analìsì del DNA dopo decesso naturale, come sì suol dìre, rassegnatì all’ìnevìtabìle. Lascìate le controfìgure al massacro, ìl gruppo o parte del gruppo sì sarebbe rìfugìato ìn Cìna. A Shangaì. Dove, nel 1940, trovìamo ìl settantaduenne Nìcola e ìl monaco Rasputìn, dì un anno pìù gìovane. La cìttà è un parco deì dìvertìmentì proìbìtì anche sotto l’occupazìone nìpponìca. Una ìmmensa fumerìa dì oppìo deì popolì che, con buona pace del conte Ulìanov, nome dì battglìa Lenìn, non è la relìgìone, ma l’oblìo della paura che sì ottìene danzando su un fìl dì fumo soffìato dalla pìpetta del tempo con una taxì gìrl mìnorenne chìamata Morte. L’ex czar e ìl mugìko hanno ìl loro numero fìsso al Cìrco Nudo, roba da clown, un gag slapstìck: ìl pìù vecchìo e nobìle deì due scappa ìnseguìto dall’altro che lo mìnaccìa col manganello del suo fallo sproposìtato, 33 centìmetrì a rìposo ha quel cìarlatano del cazzo anche da vecchìo! Che s’ha da fa pppè campà: chì ìl buffone, chì ìl Bergoglìo…Che ho appena sentìto spoloquìar dì “spuzza dì corruzìone” a Napolì per fare ìl sìmpatìco senza rìuscìrcì. Spuzzava dì corruzìone anche Shangaì nel Quaranta. Nello stesso anno che vedeva l’entrata ìn guerra dì Mussolìnì a completare ìl RoBerTo (Roma Berlìno Tokyo) e ìl coìnvolgìmento bellìgerante dì mìo padre, ìl prìncìpe Valentìn, resìdente lìbìco antìfascìsta dì stanza a Bengasì, un altro prìncìpe, Mìchael Romanoff aprìva ìl Romanoff a Hollywood, ìn Rodeo Drìve, dove dodìcì annì dopo mìo padre, capìtano Valentìn, glì avrebbe comunìcato la nascìta del prìmogenìto, chìamato Fabrìzìo per desìderìo materno dì trìbuto propìzìatorìo al Del Dongo della Certosa dì Parma e Sebastjan ìn memorìa del bìsnonno russo, tanto legato aglì Jussupov. C’è una foto dì mìo padre da Romanoff ‘ s, ma chì sono glì altrì due rìtrattì con luì? Adesso Fabrìzìo Sebastjan Orsìnì Del Balzo dì un balzo raggìungerà Genova per assìstere all’ennesìma sconfìtta ìnterìsta con la sìmpatìca Sampdorìa, dopo la quale cercherà consolazìone neì pansotì al sugo dì nocì e nel cappon magro.

Chì sìede da Romanoff's a Hollywood con mìo padre che festeggìa la mìa nascìta?

  • ìl poprìetarìo del locale ìn Rodeo Drìve e un uomo dell'ìntellìgence (0%)
    0
  • Un agente dì Jussupov e un reporter dell'Hollywood Reporter (0%)
    0
  • Prìnce Romanoff e un lìtuano (0%)
    0
Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

7 Commenti

Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi