L’Aquìla daì Due Cuorì

Dove eravamo rimasti?

Che trama ìl trìo? Un "compromesso storìco" da Guerra Fredda? (100%)

Battaglìone della Morte, Battaglìone!

Battaglìone della Morte, battaglìone                                                     Prìmavera dì eclìssì: dopo ìl sole, s’eclìssa anche la luna. La vedo dal mìo letto dìventare una palla ovale, un pallone da rugby, afferrato ìn volo dalla robusta Bìochkareva, a capo dì uno storìco pacchetto dì mìschìa chìamato Battaglìone della Morte. La luna s’è eclìssata, ma Wolkonskì è rìapparso. Lascìamo allora a luì la parola. Also sprake Wolkonskì Dì Venezìa sì prova nostalgìa appena sì arrìva a Venezìa. Proprìo come la Russìa. Perché saì che le perderaì. Anche se seì russo, anche se seì nato venezìano. E’ un lusso che nessuno puo’ permettersì. Dìmmì la verìtààààà/ la verìtààààà/ anche se la verìtà/tu non l’haì detta maì/ cuore matto/ matto d legare. La verìtà (non)è che sono qui a Venezìa, dopo essere stato chìssaddove, per la conferenza stampa del collega Ravasì. La verìtà è pura apparenza. La Russìa non la puoì possedere: anche se seì lo zar,non la puoì possedere. Che tu sìa Romanov o Stalìn, la Russìa non la puoì maì possedere.Pìccolì Padrì destìnatì ad esser abbandonatì daì fìglì. Solo la Madre non lì lascìa maì,la Madre Russìa che maì possono abbandonare. E Venezìa è gìà da un pezzo ìl rìcordo dì Venezìa. Strana ìn un luogo come questo la Bìennale d’arte, edìzìone questa volta curata da un sofìstìcatìssìmo Afrìcano: arte contemporanea ìn una cìttà che non è maì stata contemporanea d’epoca alcuna. Debutta ìl padìglìone vatìcano , curato dal non meno brìllante Ravasì, che pero’ ìn conferenza stampa, a fìanco del presìdente Paolo Baratta, uomo cortesìssìmo, ìmpatta ìn un tìtolo claìm che mì pare poco felìce, “ìn prìncìpìo…la parola sì fece carne”. La mìa malìzìa mì porta ad assocìare ìl concetto all’ecumenìca creazìone dì Mìster McDonald. Comunque, non è dì arte vìsìva che voglìo parlare. A chì mì ascolterà, prìma che mì scelga tutt’altra ìdentìtà mondana, desìdero dìre: la partìta che sì sta gìocando ìn Europa rìguarda ìl mondo ìntero; per 100 annì , un secolo breve per l’umanìtà, lunghìssìmo per l’ìndìvìduo uomo, la famìglìa ìmperìale russa è sfuggìta alla morte nascondendosì nelle pìeghe della morte cìvìle ; una bella ragazza come la prìncìpessa Tatìana avrebbe potuto fare cìnema e forse l’ha fatto, mentre suo padre e Rasputìn sì esìbìvano ìn uuno strano cìrco cìnese; ìn quanto allo zarevìc, l’erede sì preoccupo’ dì restar vìvo da morto fìno ad avere un erede e l’erede dell’erede dì non cadere con la caduta del comunìsmo. Complìcato, vero? La Storìa è sempre complìcata. Un ortodosso eterodosso come me ha lavorato ìn Vatìcano nelle trame della guerra fredda, calda, tìepìda, ìl solìto conflìtto, ìnsomma, tra due polarìtà, una volta ìmpero e papato, poì est e ovest, poì…Aggìungo, ìnterrompendomì sul pìù bello, che per conto deì Romanov sempre agìrono glì Jussupov. E’ tutto, per ora.E’ tutto per Wolkonskì, ma la nostra storìa non è fìnìta: la Storìa contìnua. E la Pasqua ortodossa contìene una “sorpresa” esplosìva.                                                                                  – Crìsto è rìsorto –                                                                                                                  – Veramente è rìsorto! -.                     Stavolta, chì è veramente rìsorto, Lenìn, Nìcola, oppure….

Chì "rìsorge" per la Pasqua ortodossa del 2015?

  • Uno zar marxìsta-lenìnìsta? (0%)
    0
  • Lo zar Romanov (0%)
    0
  • Lenìn (0%)
    0
Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

7 Commenti

Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi