Week-end di paura

Tweettami ancora

-Sofia noi stiamo partendo…- urlò la madre di Sofia dal pianerottolo del pian terreno, invitando la figlia a scendere per salutarli.

-Ciao Mà! Fate buon viaggio!- rispose la ragazza dalla sua camera al primo piano. Poi la voce cessò lasciando il posto alla musica e alle voce di Chad Kroeger:

“Never made it as a wise man
I couldn’t cut it as a poor man stealing
Tired of living like a blind man
I’m sick of sight without a sense of feeling”

Sofia si avvicinò alla finestra quel tanto che bastava per vedere i suoi genitori attraversare il vialetto, salire in auto e allontanarsi oltre il cancello.

-Finalmente!- Sbuffò.

-Sono andati?- chiese Laura con le mani giunte in grembo, impaziente.

-Sì!- rispose Sofia.

-Yeah- urlarono tutte e quattro insieme.

-Dove sono le birre?- domandò Federica alzandosi -nel frigo?-

-Dovrebbero essere in cantina. C’è un altro frigo che usa mio padre quando vengono i suoi amici- rispose Sofia

-Perfetto- concluse Federica incamminandosi per le scale.

-Bene ora che i miei sono andati ci devi raccontare tutto- disse Sofia rivolta a Marisa -tutto sin nei minimi particolari-

-Va bene- rispose Marisa -Insomma, l’altro giorno siamo andati al cinema…e mentre c’era la scena del discorso ai soldati, Carlo mi ha baciata!-

-No!- rispose incredula Laura con un sorriso di complicità.

-E com’è stato? Racconta dai? Carlo bacia bene?- incalzò Sofia.

-Beh, direi di sì- rispose Marisa imbarazzata -sicuramente meglio di Giorgio- aggiunse cambiando tono -quello era tutto lingua- rise, -ma Carlo è diverso. E’ stato dolce, dolce e avvolgente-

-Ehi, voi tre! Avete cominciato senza di me!- urlò Federica di ritorno dalla sua retata in cucina con un pacco da sei birre fredde tra le mani.

Subito la ragazza corse a sedersi vicino alle amiche. Diede loro una birra a testa ed insieme le stapparono e brindarono al club delle streghe mondane.

Marisa fece un breve riassunto di ciò che aveva appena raccontato e poi riprese entrando nei dettagli -Poi quella stessa sera, mentre ero a letto e ripensavo a quel bacio mi è arrivato il suo tweet!-

-Che bello! E’ cosa ti ha scritto?- chiese curiosa Federica.

-Mi ha scritto che aveva ancora il sapore delle mie labbra sulle sue- rispose Marisa abbassando lo sguardo e arrossendo.

-Ma che dolce!- disse Laura -Lo avessi io uno così!- dichiarò affranta -Invece Giacomo sta sempre dietro alle partite, altro che sapore delle mie labbra-

-Beh per fortuna direi, visto quello che hai fatto con Giuseppe domenica pomeriggio, mentre Giacomo era allo stadio- aggiunse Sofia con aria sorniona.

-Ma facci leggere il tweet- chiese Federica a Marisa.

-No dai, mi imbarazzo- rispose l’amica.

-Non hai scelta. Ormai ci hai detto troppe cose per tirarti indietro- rispose Federica irremovibile.

-E va bene- concluse Marisa.

La ragazza si frugò nelle tasche alla ricerca del suo smartphone ma non lo trovò. Anche osservandosi intorno non lo vide in giro, così pensò bene di andare a cercarlo nella sua borsa.

-Avete visto il mio cellulare? Non riesco a trovarlo!- chiese alle altre.

-No- rispose Sofia.

-No. Mi spiace- rispose Federica.

-Non trovo neanche il mio- rispose infine Laura che stava cercando il proprio dispositivo.

A quel punto anche Sofia e Federica si resero conto che i loro cellulari erano spariti.

-Ma dove sono?- si chiesero le ragazze.

-Forse di sotto- conclusero. E scesero a vedere se i cellulari erano stati lasciati nel salone dove, poco tempo prima, avevano assaporato dei pasticcini della madre di Sofia, sdraiate sui divani mentre discutevano tra loro.

-Qui non ci sono- disse Federica alle altre.

Che fine hanno fatto i cellulari?

  • Le ragazze sentono dei rumori provenire dalla cantina (30%)
    30
  • Le ragazze decidono di chiamare i genitori di Sofia per chiedere se hanno spostato loro i cellulari e dove (0%)
    0
  • Le ragazze sentono uno dei cellulari squillare al piano di sopra (70%)
    70
Loading ... Loading ...
Categorie

51 Commenti

  • Marisa urla all’esterno o potremmo dichiarare la storia finita, con lei che va alla polizia e arrivano gli aiuti dall’esterno. Non è il massimo dell’originalità ma si potrebbe fare una cosa diversa. Marisa è spaventata e ferisce il misterioso maniaco. Marisa trova Federica morta o svenuta in giardino. Marisa viene inseguita dal maniaco ma riesce a rientrare in casa. Buon lavoro per il prossimo capitolo (e scusa la parità.) 🙂

  • Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

    Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

    Chiudi