Il Mondo di Thuenti e la Setta di Sangue

Dove eravamo rimasti?

Cosa succede? Mielik organizza un piano di salvataggio (50%)

La fuga

Di colpo, la porta della cella venne spalancata.
<< Sgualdrina! >> gridò uno degli uomini in nero della Setta, avvicinandosi ad Ester e palpandole il seno.
<< Lasciami stare, Ugor! >> urlò la fata, allontanando con forza il molestatore, che scoppiò in una fredda risata.
<< Cosa pensi di fare?! >> disse minaccioso l’uomo, schiaffeggiando la giovane, che rispose con un calcio.
Ester era in lacrime, gridava di non toccarla.
Ugor stava per tornare all’attacco, ma Peter si interpose fra lui e la fata.
<< Allontanati da lei! >> gridò il ragazzo.
L’uomo non si fece intimorire: sferrò un pugno al giovane, che cadde a terra.
<< Ritieniti fortunato che non vada oltre. Spetterà al capo farti fuori. In più, non vorrei che non fossi in forma per la tua spettacolare esecuzione. >> affermò, in tono crudele, il seguace della setta.
Quando vide che Ugor si avvicinava di nuovo verso Ester, Peter provò quel brivido che lo accompagnava al risveglio dei suoi poteri.
Ecco: un lampo di luce, un tonfo. Il molestatore era a terra, senza coscienza.
Guardandosi in modo complice, i due giovani fuggirono, approfittando della porta aperta.
Tuttavia, la prigione era un inferno di vie e corridoi: ben presto, si persero e vennero circondati dagli uomini in nero della setta.
Quella gente maligna era in procinto di arrestarli, quando il palazzo fu scosso improvvisamente da boati ed esplosioni.
Fate, elfi, gnomi e maghi invasero l’edificio. L’esercito di Mielik era all’assalto.
Una battaglia epica iniziò. Gran parte dei prigionieri furono in poco tempo liberati.
Enormi draghi irrompevano nell’edificio, creando varchi nella mura, e volavano fra i corridoi più spaziosi. Le loro lingue di fuoco creavano giochi di luce, insieme agli incantesimi lanciati da ambe le parti.
Peter ed Ester si nascosero in un ripostiglio, per decidere cosa fare.
<< Dobbiamo fare qualcosa, dare una mano. >> propose il ragazzo.
<< Con il rischio di essere catturati di nuovo? No, grazie. Cogliamo l’occasione per scappare. Se tu cadessi di nuovo nelle mani della Setta, ogni sforzo fatto dai combattenti sarebbe vano. Molto probabilmente l’offensiva ha lo scopo di consentire la tua fuga, più che la conquista di territori o la liberazione dei prigionieri. >> affermò la fata.
Peter, pur trovando scorretto quel piano, concordò con Ester di seguire quell’opzione.
Si avviarono così verso un varco sul muro, incontrando uno gnomo sul loro cammino.
<< Tu devi essere Peter. Non ti trovavamo più. Pensavamo il peggio. Ragazzo, seguimi, ti conduco nelle terre libere. Io sono Aser. >> disse quel buffo essere.
<< Lei viene con noi. >> affermò Peter, indicando la fata.
Corsero così via, non prima che lo gnomo avesse avvisato che il ragazzo era salvo. Il giovane si sentiva in imbarazzo per le attenzioni a lui riservate.
Iniziava così un nuovo viaggio, verso le terre libere.

Come prosegue la storia?

  • Aser, Ester e Peter raggiungono le terre libere (25%)
    25
  • Aser tenta di uccidere Ester (25%)
    25
  • Ester tradisce Peter (50%)
    50
Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

29 Commenti

  • Rieccoci! Ti segnalo solo alcune brevi parti che potrebbero essere rese meglio, senza ridondanza; “che portavano incise” potrebbe essere sostituito da “con incise”; “si allontanò cercando di farlo con più silenzio possibile” potrebbe essere reso più immediato da un “si allontanò il più silenziosamente possibile” , e altre cosette del genere.
    Non pensavo fossi così giovane! Ti faccio tanti i complimenti; i miei scritti a 13 anni erano terribilmente scarni e pieni di errori, mentre i tuoi filano per la maggior parte del tempo lisci come l’olio. Complimenti!!
    Voto per l’imprigionamento.

  • Ciao!

    Ora che so che hai tredici anni mi sento un po’ in colpa…! Scusami nella tua biografia non c’era scritto l’ultima volta! =)
    Passando al nuovo capitolo, molto meglio del precedente bravo.
    Ma come mai non hai seguito la scelta dei votanti? Il tunnel avrebbe dovuto chiudersi e loro trovare un’altra via d’accesso! Questo mi è dispiaciuto, mi è parso di aver votato inutilmente.
    “La porta non sarebbe dovuta essere protetta? ” direi “…AVREBBE dovuto essere protetta?”
    Qualche ripetizione di “orribile” durante l’attacco dei mostri.
    Attendo qualche dettaglio in più su Thuenti!
    Ciao a presto =)

  • Un consigliere che mira al dominio del Consiglio, più che alla lotta con la Setta di Sangue, con cui é disponibile a stringere alleanze

    La prima opzione e la terza mi sembravano troppo banali ^_^

    Mi sono preoccupato per Skitty! Elen mi sembra un po’ troppo defilata. Peter lo devo ancora definire. Le mie opinioni su Aracno le ha già espresse Peter 😛

    Ciao 🙂

  • Intrigante il racconto! In alcuni punti poteva essere più fluido. Ho votato per la seconda soluzione, proseguendo con una nuova avventura,anche se la chiusura del tunnel è un’ipotesi altrettanto affascinante! Buon lavoro!!!

  • Bello, la narrazione mi ricorda Percy Jackson!
    Ho letto la tua biografia e per avere tredici anni sei un mostro, davvero. Io alla tua età mica scrivevo così. Ti dico solo una cosa: la personalità di Peter non emerge troppo, sembra il classico ragazzo comune che diventa eroe tutto d’un tratto e non sa come comportarsi. Questa almeno è l’impressione che ho avuto io. Allora magari nei prossimi capitoli prova ad approfondire le caratteristiche della sua personalità.
    Belli anche i paragrafi brevissimi come:
    “Tocca a te aiutarci
    Seguimi”.
    Andare a capo in questi punti dà importanza alle parole e colpisce il lettore. Bella tecnica!

  • Concordo quanto detto sulla narrazione; qui il limite di battute è breve (purtroppo) quindi meglio eliminare il superfluo. Anche io spesso trovo difficile rientrare nello spazio, ma esser costretti a tagliare e modificare fa ben capire cosa è davvero importante e cosa no.
    Per il resto, scopriamo cosa succede! Voto assolutamente per la chiusura del tunnel; rimandando di un po’ l’arrivo a Thuenti potremmo scoprire qualcosa in più sui protagonisti.
    Se ti va, passa pure! Alla prossima!

  • Eccomi qui a rompere di nuovo! Comincio subito senza convenevoli…
    -il capitolo purtroppo risulta un pochino pesante per via di quel monologo/infodump di skitty nel mezzo. Tutte quelle informazioni potevi tranquillamente diluirle o alternarle con un botta e risposta con Peter.
    -la scena iniziale è d’azione, però il ritmo e la suspance sono un po’ guastati dai pensieri e commenti personali di Peter “era come paralizzato” “lo specchio era andato in frantumi” “pallore intrigante” e molte altri. Alcune cose sono ovvie, atre sono superflue. Una scrittura più secca avrebbe fatto marciare di più la narrazione. Bisogna inserire solo ciò che è strettamente necessario ai fini del racconto (e lo dico perché anche io ho difficoltà a farlo qualche volta).
    -Peter ne è uscito un pochino piatto, non è emerso nulla del suo carattere, avrei preferito vederlo sclerare alle notizie di skitty, o comunque un qualsiasi tipo di reazione. É stata un po’ troppo veloce la sua assimilazione.
    -“mezzosangue”? Non c’era un’alternativa? Questa parola è troppo legata ad Harry Potter. Leggerla provoca istantaneamente l’interruzione della sospensione della realtà.
    Detto questo voto per la chiusura del tunnel, voglio mettere Peter di fronte ad una sfida e vedere come reagirà.
    Se ti va, passa da me a vendicarti, ho bisogno di lettori critici! =)
    Ciao

  • Il capitolo è corto ma promette bene. Non vedo l’ora di vedere come proseguirà!
    Ho votato per la creatura terrificante, crea molta più tensione.
    Ti segnalo un fastidioso errore di battitura (credo): i verbi sono tutti al passato tranne “Ha ricordi confusi di quel giorno”.
    Ereditare una “corporatura normale” mi sembra un po’ scialbo, hai già fatto un bell’elenco io lo eliminerei. Poi il nome Peter Brown proprio non mi piace, sono gusti eh, però in bocca stride proprio.
    buon lavoro al prossimo capitolo
    ciao

  • Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

    Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

    Chiudi