Un corso di decupage

Dove eravamo rimasti?

Quali parole segneranno il prossimo episodio? Incantesimo e Seta (100%)

E’ un’arte

Sul viso di Monica apparve un’espressione confusa. Alice non aveva mai fatto cenno ad una donna di nome Deborah, e le sfuggiva anche il senso dell’appellativo di “miss”. Suonava come il nome di un blog, piuttosto che di una persona vera e propria.
– Miss Deborah? – ripeté.
Alice posò il bicchierino vuoto sul bancone. – E’ un segreto. Te ne parlo perché sei una delle mie migliori amiche, ma non dovrai dirlo a nessuno, okay?
Monica annuì, troppo curiosa per non cedere a qualunque patto per togliersi lo sfizio di saperlo.
Alice abbassò la voce. – Frequento un corso di Burlesque! – rivelò, nel sussurro tutta l’eccitazione di chi non vedeva l’ora di condividere un segreto.
Monica sgranò gli occhi. – Burl …? Ma cosa? Lo spogliarello?
– Non è un semplice spogliarello! – fece, stizzita – E’ un’arte! E Miss Deborah è la migliore. Pensa che ha vinto una gara a Parigi a livello internazionale, quest’anno!
– Quindi tu vai a questo corso e … ti insegnano a spogliarti?
– Ti insegnano a sedurre!
– E … funziona?
– Assolutamente! Angelo impazzisce quando faccio in camera le cose che ci insegnano al corso.
Monica tacque, dubbiosa.
– Perché non ci vieni anche tu? – la incalzò Alice, raggiante.
Monica rise imbarazzata – Oh, non avrei mai coraggio di fare uno strip-tease davanti a Claudio! Mi vergognerei troppo!
– Lo pensavo anche io, all’inizio, ma poi le cose sono cambiate. Ti farebbe bene, per l’autostima. Ti fa sentire … sexy!
Un paziente suonò il campanello, che starnazzò nel cucinino.
– Il corso ricomincia tra una settimana, sei ancora in tempo ad iscriverti, se vuoi! – disse Alice, prima di sparire nel corridoio.

Seduta sulla sua metà del letto, Monica aveva abbandonato ogni tentativo di proseguire la lettura. Sebbene il libro fosse nella sua lista dei preferiti, leggere di Claire e Jamie che facevano l’amore l’aveva portata fuori dalla realtà del romanzo e si erano inevitabilmente insinuati i suoi pensieri tra le pagine.
Claudio sedeva accanto a lei e sfogliava una rivista di motori, mentre la tv, accesa davanti al letto, andava per nessuno. A Claudio piaceva tenerla accesa, diceva che “teneva compagnia”, come se ci fossero tanti invitati a casa.
Dopo lo stacco pubblicitario, la fiction di turno riprese dal punto in cui si era interrotta, mostrando una camera da letto illuminata di sole candele. Scenario che poteva alludere ad una sola cosa, vista la bellezza inenarrabile dei due protagonisti e la prevedibilità delle fiction italiane.
Avendo perso ogni voglia di leggere, Monica si mise a seguire con superficialità la programmazione e gli scontati dialoghi tra i due. Lei si era sciolta i capelli dorati su una spalla ed un lembo della vestaglia era scivolato giù per il braccio, scoprendo una pelle bianca e perfetta. “Ma chi le indossa più le vestaglie?” Lui, inebriato, faceva per slacciarle il nodo della veste, ma lei glielo impedì con dolcezza, preferendo invece sollevarsi in ginocchio sul letto per farsi ammirare, mentre lei stessa apriva la vestaglia per rivelare seni sodi e perfetti. Lui ansimava. “Grazie al cacchio, sei perfetta!”
Forse per pudore o per irritazione, Monica si voltò in quell’istante dall’altra parte. Il tempo necessario per scoprire che Claudio non stava più leggendo, ma che i suoi occhi scrutavano famelici la televisione da sopra la rivista.
Quando Alice le aveva parlato di Burlesque, la prima cosa a cui aveva pensato era che lo spogliarello era una cosa che agli uomini non interessava più. Fra l’ostentata pseudo nudità in tv e la fin troppo facile accessibilità al porno su internet, pensava che l’interesse per una donna che si spoglia si fosse smorzato nei maschi, ora che con un click potevano accedere direttamente alla “parte interessante”.
Invece Claudio era lì, rapito quanto il protagonista della fiction, quasi fosse la prima volta che vedeva una donna nuda.
Pensierosa, Monica estrasse da in mezzo al libro il biglietto da visita che Alice le aveva dato e se lo rigirò tra le mani, indecisa.

Purtroppo il capitolo che avevo in mente era troppo lungo e ho dovuto dividerlo in due parti. Come conosceremo Miss Deborah?

  • Monica si iscriverà al corso e lo frequenterà con Alice. (17%)
    17
  • Monica parteciperà alla prima lezione, solo per curiosità. (50%)
    50
  • Indecisa, Monica cercherà informazioni su Miss Deborah in internet. (33%)
    33
Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

148 Commenti

  1. dopo un lunghissimo periodo di assenza, stasera ho visto nella home il link del tuo racconto e mi ha incuriosito…volevo leggere il finale della tua storia…non volevo perderlo…ed eccomi qui anche a commentare…
    finale tenero e dolce…mi è piaciuto…brava come sempre!

  2. Elisa sparirà.
    Mi sembra sempre molto misteriosa e credo nasconda tanto dolore dietro i suoi pizzi e il suo trucco. Adesso che ha soddisfatto in qualche modo il desiderio suo e di Monica, sentirà di aver portato a compimento un obiettivo: Monica ha riscoperto se stessa e si riavvicinerà a Claudio.
    Brava, un episodio molto sensuale.

    • E’ proprio così. Mi piacciono i personaggi che fingono indifferenza per mascherare il dolore che si portano dietro, Elisa è uno di quelli, anche se la sua storia non verremo mai a saperla; possiamo immaginarla.
      Eh sì, tolto lo sfizio, passato il momento, si torna alla realtà rinati 😉
      Grazie ^^

  3. Mi piacerebbe che venisse coinvolto Claudio.

    Uga, sinceramente questo episodio mi è sembrato un pò frettoloso e ho trovato alcune disattenzioni che di solito non commetti…poi attenta ai periodi inutilmente lunghi: la rese allo stesso tempo più incuriosita = la incuriosì.

    La tensione erotica è però molto viva, mi piace che abbia mostrato la debolezza di una donna apparentemente sicura di sé: Monica attrae Miss Deborah che si morde il labbro perché non le resiste. Puoi giocare con questo, mi piace 🙂

  4. ehi! ma sei sicura che l’eros non sia il tuo genere?

    funziona alla grande questo tuo modo di scrivere, schietto e credibile come è giusto che sia.

    Rinnovo l’apprezzamento e dico ancora BRAVA

    La storia è godibile, ma sei in un momento pericoloso perché hai solo due capitoli a disposizione e oltre l’agognato e irrinunciabile rendez vous che i lettori stanno aspettando come cuccioli affamati… dovrai necessariamente far succedere qualcosa d’altro per raccontarci un finale che stupisca.

    un saluto
    gieffe

    • Eh, tra harmony, diana gabaldon e ken follett ho avuto una buona palestra per l’eros ahahah. Grazie mille ^^
      Per lo spazio, tranquillo, stilo sempre un piano a più opzioni, quando arrivo a capire cosa sto raccontando. L’importante è che non mi perda in descrizioni che poi non ho cuore di tagliare, mi portano sempre via tante parole e la narrazione ci rimette.
      A presto ^^

  5. si, forse ci vuole un po’ di Claudio per ravvivare la storia – voto anche io così e, accidenti mi ero perso la puntata precedente (avrei scelto “inaspettata”

    ciao
    gf

    P.S. non ricambi la lettura e i commenti perché non ti piace la mia storia? per me non c’è problema, ma se fosse vero sarebbe utile a maggior ragione un commento, sennò il gioco si inaridisce

  6. Miss Deborah ha dato ottimi consigli a Monica. Se si vuole trovare autostima, dobbiamo prima di tutto enfatizzare quel che di buono possediamo. Che si tratti del nostro aspetto che della personalità. Dosare senza esagerare, ma sicuramente migliorarsi sempre. Brava Uga per il messaggio che trasmette questo tuo racconto. Io credo molto nel Burlesque, sai? Credo nella seduzione e nell’amore verso se stessi.
    Voto qualcosa di inaspettato.

    • Il burlesque è un mondo affascinante. Non so se io lo farei mai, ma è al tempo stesso una forma di spettacolo per gli altre e una terapia all’insicurezza per se’. Un po’ come il teatro, ma con la magia dell’erotismo.
      Sono contenta che il racconto ti stia piacendo 🙂 grazie di aver votato

    • Grazie Danio ^^ beh, uno spogliarello ben descritto mi sembrava d’obbligo, se non altro per nutrire la componente eros del racconto. Inoltre era il modo migliore per descrivere Miss Deborah, quello che insegna e il potere che cio’ esercita 🙂

  7. Da in mezzo al libro?
    Bel capitolo Uga, hai aperto un bell’argomento: la nudità ostentata dai media uccide la libidine maschile? No. Affatto.
    E la proposta di Alice è intelligente 🙂 Credo che Monica parteciperà alla prima lezione, e poi certamente si iscriverà al corso perché piacerà molto anche a lei.

  8. Monica si iscriverà al corso e lo frequenterà con Alice…
    ho molto gradito la parte finale del capitolo…la scena in cui i due sono a letto e la fiction è in onda…
    non c’è nulla da fare…gli uomini amano guardare le donne che si spogliano.. 😉
    questa scena mi ha ricordato un pò il mio racconto MAI DIRE MAI, quando Carmen la protagonista si spoglia in web cam per giocare a sedurre Marco.
    bravissima come sempre!

  9. ok, scelta praticamente obbligata per un erotismo soft = incantesimo e seta

    …se posso, il secondo capitolo scende un po’ nel livello descrittivo e nello spessore della coprotagonista, nel senso che Alice resta molto sul vago e banale, è imperscrutabile e persino atona… insomma se Monica risveglia i sensi Alice li spegne… come diavolo farà ad essere di aiuto? (a meno che sia un’acqua cheta, una ninfa insospettabile)
    – quindi la trappola te la sei fatta da sola 🙂
    aspetto con curiosità e grande aspettativa la situazione/soluzione nel prossimo capitolo

    buon lavoro

  10. faccio bene a seguire le orme di Trix… il pedinamento mi porta spesso a conoscere racconti scritti bene.

    Un incipit come si deve, non manca niente di quello che ci vuole: immediatezza, chiarezza, spontaneità, credibilità e linguaggio tutto adeguato al genere – quello che adoro, senza fronzoli e metafore!
    Passo al secondo step e mi spiace non aver potuto votare (avrei scelto la sconosciuta, ma solo per mettere alla prova la tua abilità essendo una situazione molto meno credibile)
    a fra poco
    gf

  11. Incantesimo e seta perché mi sa tanto di Le Mille e Una Notte.
    Dunque Monica e Alice fanno le OSS, lavoro ingrato che solo se hai passione riesci a portare avanti.
    Siamo in eros, dunque parti con qualcosa di erotico almeno al terzo…Monica, morbida e sinuosa come seta, appunto, non avrà difficoltà a incantare più di un uomo 🙂

    • Monica e Alice sono due persone adorabili e volenterose, mi è sembrato il lavoro più adatto a loro, e poi volevo lavorassero in un ambiente tranquillo e abitudinario.
      Ovvio, dal prossimo capitolo l’eros entra in scena 😉 Ma mi dispiace, stavolta non hai azzeccato il significato nascosto delle parole nell’opzione. Sarà una sorpresa anche per te ^^
      Grazie giorgia ^^
      PS: avverto anche te però che il fattore erotico sarà molto soft, in questo racconto. L’ho scelto come genere, rispetto al rosa, perché la storia parlerà più di sesso e provocazione che di amore e di romanticismo. Non aspettarti le 50 sfumature, insomma, ecco 😉

  12. Io sto leggendo La Straniera di Diana Gabaldon…come la mettiamo? 🙂
    Però, oh, l’amore non lo si chiede…si fa! Agli approcci è più difficile rispondere “no”, non credi? 😉

    Mi piace, Uga, e ho cliccato su segui storia ancora prima di iniziare la lettura.
    Scopriamo che mestiere fa Monica.

    • La mettiamo che lo sto facendo anch’io ahahahah alla fine ho ceduto, perché la serie tv mi è piaciuta tanto 🙂
      Ehi! Non spoilerarmi il mio racconto! “l’amore non lo si chiede, si fa”, lo sai che una cosa simile la dirà Alice, nel prossimo capitolo? (sempre che l’opzione vinca).

      Grazie mille, speravo di riaverti al seguito! ^^ a presto.

    • Ciao fedele Red ^^, anche te, devo avvertirti che non sarà propriamente “erotico”, quanto più “passionale”. Non me la sentivo, però, di catalogarlo come Rosa, perché sarà più incentrato sul sesso e sul desiderio che sul romanticismo e non ci sarà assolutamente nulla di melenso. Mi è sembrato più oppurtuno inquadrarlo come un “eros soft”
      Grazie mille! A presto!

    • Ciao, Flavia, grazie di aver votato ^^ Non preoccuparti se non è il tuo genere per la lettura, non è nemmeno il mio per la scrittura, ma sto provando tutti i campi per tenermi in eercizio.
      Tuttavia, devo avvertirti che non sarà propriamente “erotico”, quanto più “passionale”. Non me la sentivo, però, di catalogarlo come Rosa, perché sarà più incentrato sul sesso e sul desiderio che sul romanticismo e non ci sarà assolutamente nulla di melenso.
      Mi è sembrato più oppurtuno inquadrarlo come un “eros soft”

      PS: non seguo Beautiful. Ho scelto Miss Myrna per il libro “The Help” che ho appena finito di leggere (a proposito, consigliatissimo! anche il film ben fatto!)

      • Io invece sto scrivendo un rosa, ma è un genere che non amo particolarmente leggere, perché molte volte lo trovo quasi stucchevole. Eppure proprio il mio racconto è a tratti volutamente “sdolcinato”, perché, visto il tipo di storia che sto raccontando, volevo evidenziare proprio il lato sentimentale, che il più delle volte, quando se ne parla, è volutamente ignorato.

        The Help non l’ho mai visto/letto, ma più di una volta me ne hanno parlato bene!
        Per quanto riguarda Beautiful, riassumo brevemente: Rick era fidanzato con Caroline ma, in un momento di crisi conobbe una ragazza di nome Maya e si invaghì di lei. Caroline, che snobbava la rivale, cominciò a storpiare in vari modi il suo nome, e la ribattezzò Myrna. Successivamente Caroline e Rick si sposarono ma, a causa di un tradimento di lei, Rick è tornato con Maya. Però recentemente si è scoperto che Maya in realtà è una transessuale.
        Per questo ho sorriso quando tra le opzioni ho letto “Miss Myrna, rubrica per sole donne”. L’avevo detto che era una fesseria! 😛 (Anche se ovviamente anche le transessuali sono donne e meritano di essere trattate e rispettate come tali).

    • Ciao, emacemb! Grazie del commento e della fiducia ahah 🙂
      Non preoccuparti se non è il tuo genere per la lettura, non è nemmeno il mio per la scrittura, ma sto provando tutti i campi per tenermi in eercizio.
      Tuttavia, devo avvertirti che non sarà propriamente “erotico”, quanto più “passionale”. Non me la sentivo, però, di catalogarlo come Rosa, perché sarà più incentrato sul sesso e sul desiderio che sul romanticismo e non ci sarà assolutamente nulla di melenso.
      Mi è sembrato più oppurtuno inquadrarlo come un “eros soft”
      Grazie di seguirmi, spero di non deluderti 😉

Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi