HYDRA

Dove eravamo rimasti?

Elias ha trovato nell'abitazione presenze ostili. Proseguiamo con lo scontro e scegliete il personaggio fondamentale del prossimo capitolo: Branko Domen (Tortura). (75%)

Sono Morto. Solo La Vendetta Può Resuscitarmi.

Nora – Ore 5:30 PM

Elias, sentendo alle sue spalle i colpi esplosi dal suo amico, si gettò istintivamente a terra iniziando a muoversi rapidamente attraverso la sterpaglia. La sabbia che si era depositata nel giardino dei Marongiu, era mista a baccelli appiccicosi ed i frammenti di ramoscelli, pietre ed erba, non erano sicuramente un riparo sicuro qualora dalla porta principale fosse uscito un uomo armato. Zaccaria continuò a concentrare il fuoco del suo MP 5K verso la finestra al secondo piano dell’abitazione, mentre il suo amico, strisciando, cercò di avvicinarsi il più velocemente possibile al muro di cinta della casa.

“L’effetto sorpresa è da escludere” pensò Elias mentre si rialzava da terra cercando riparo contro la parete dell’abitazione dei Marongiu. Un riparo destinato a non durare a lungo, senza un piano d’attacco. Ma questo Elias lo sapeva, quello che non sapeva, era con quanti uomini doveva scontrarsi. Se anche avesse buttato giù la porta principale alla sua destra, l’incognita dell’eventuale superiorità numerica dei terroristi non era da sottovalutare. Poi un colpo di fucile proveniente dall’interno della casa tuonò nell’aria cancellando la maniglia della porta, ed un secondo colpo apri uno squarcio grande come una noce al centro della stessa.

“Grazie pivelli per avermi segnalato la vostra posizione” disse a sè stesso Elias, poi sporse il braccio verso la porta e puntando la sua 92mm verso il foro, sparó diversi colpi in tutte le direzioni che gli furono consentite dalla rotazione del polso. Zaccaria lanciò uno sguardo d’intesa al suo amico ed iniziò anche lui a sparare colpi verso la porta correndo simultaneamente verso di essa.

«Dentro, dentro, dai… » gridò quindi il Comandante Marras sfondando la porta con un calcio.

Zaccaria entrò rapidamente e puntò il suo MP 5K in ogni angolo della casa. Elias lo seguì subito dopo facendo altrettanto con la sua 92mm dirigendosi verso le scale dell’abitazione. Le stanze al secondo piano non erano completamente immerse nella luce, ma la visibilità era comunque sufficiente per esplorarle. Elias si diresse in quella che in linea d’aria doveva essere la stanza dove il primo uomo cercò di ucciderlo, ma non appena la punta della sua pistola superò la soglia della camera, il calcio di un fucile colpì la 92mm gettandola prepotentemente a terra. Un uomo uscì poi allo scoperto ed Elias schivò un secondo colpo che sembrava diretto al suo volto, rispose immediatamente con un calcio diretto allo stomaco, che allontanò il terrorista di qualche centimetro.

“Incassa bene il figlio di puttana” pensò Elias lanciandosi velocemente contro l’uomo afferrando prepotentemente il suo fucile e colpendolo più volte sul viso con lo stesso. Con un secondo calcio, piu potente del primo, allontanò questa volta l’uomo di qualche metro strappandogli contemporanemanete l’arma dalle mani.

«Se non mi servissi vivo, saresti già morto» disse rabbioso Elias lanciando l’arma lontano da entrambi. Quindi cercò di assestare due diretti al volto dell’uomo che riuscì a schivarne solo uno, il secondo lo colpì alla tempia facendolo vacillare per qualche secondo. Elias aprì quindi la sua mano e con il palmo diresse un definitivo colpo al naso del suo avversario che cadde a terra privo di sensi.

Nora, Casa Marongiu – Venti Minuti Dopo.

Zaccaria uscì dal seminterrato dove erano tenuti in ostaggio Giuseppe Marongiu ed i suoi figli, insieme a loro poi, visibilmente provati, si diresse verso il giardino.
«Se la sente di rispondere a qualche domanda Sig. Marongiu?» chiese Zaccaria.
«Si… si, certo…» rispose balbettando.
«Bene… aspettatemi fuori» suggerì il comandante indicandogli il giardino. I quattro seguirono il consiglio varcando lentamente la porta principale.

«Fai presto, qualcuno avrà sentito gli spari e chiamato la polizia, non abbiamo molto tempo» disse Marras al suo amico prima di chiudere la porta dietro di sè.

Il terrorista era già brutto prima dello scontro fisico, ma ora con il naso rotto, un dente spezzato ed il sangue su tutto il volto, era anche peggiorato.

«Lascia che ti illustri la situazione…» disse Elias all’uomo legato alla sedia afferrandogli con forza il collo.

«Hai ucciso due poliziotti, uno di loro era anche padre di una bambina di appena tre mesi…» continuò Elias stringendo con più vigore la morsa.

«Dipendesse da me, ti uccidereiora… ma devo riportare a casa due persone, quindi te lo chiederò una sola volta, chi sei e per chi lavori?».

L’uomo non rispose.

Elias mollò quindi la presa del collo, estrasse un coltello dalla cintura e lo conficcò su una gamba del terrorista che urlò per il dolore, poi prese la sua 92mm e la puntò sul ginocchio della gamba ancora sana.

«Per favore… continua a non rispondere» disse arrogantemente Elias premendo il grilletto della sua Beretta e bucando da parte a parte il quadricipite del terrorista.

Non È Finita Finchè Non È Finita. Nell'Ultimo Capitolo, Scegliete La Priorità:

  • Vendetta (50%), Perdita (40%), Rivelazioni (10%) (20%)
    20
  • Perdita (50%), Rivelazioni (40%), Vendetta (10%). (20%)
    20
  • Rivelazioni (50%), Vendetta (40%), Perdita (10%). (60%)
    60
Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

114 Commenti

  • Titolo azzeccatissimo e finale da brivido. Avendo letto la versione estesa, si sente che manca qualcosa, sfumature che hai dovuto tagliare per necessità. Questo però non ha penalizzato in alcun modo la conclusione del tuo racconto che, a mio modesto parere, avrebbe meritato più attenzioni su questa piattaforma.
    Complimenti.

    • Ciao Anna, prima di tutto grazie per i tuoi complimenti, per aver seguito fin dall’inizio HYDRA e per qualche piccolo (grande?) suggerimento nel corso della storia (l’evoluzione del personaggio di Greta in una quasi “love story”, é anche un po’ merito tuo). Riguardo il titolo del capitolo, credo che “HYDRA Apocalypse” ci stava tutto, magari é la premessa per un sequel… chi lo sa? Anche per le sfumature hai ragione, qui qualcosa si perde, ma nella versione “estesa” (che ha letto) sia il finale, che i capitoli, acquistano spessore. Sulla “maggiore attenzione” del racconto, invece, non mi esprimo più di tanto, ma credo che il mio pensiero sia ormai cristallino. Sono un sostenitore che non sempre i “grandi numeri” significano grande qualità, se così fosse, i fast food avendo migliaia di clienti sarebbero i migliori ristoranti della Terra! HYDRA comunque è piaciuto a lettori “esterni”, é in ogni caso un racconto complicato (forse non adatto a questo sito) ed io non ho “seguito” le regole (?) del sito, quelle regole che molte, tantissime persone, hanno piegato per acquistare punteggio, commentando tutto e tutti (come possono piacere tutte le storie del sito? Mi sembra strano) per avere visibilità (ho ricevuto anche E-Mail private da Autori che “ti ricordavano” di commentare le proprie storie). In più mettici altre variabili che penalizzano alcuni racconti (come HYDRA) in generale, come far aspettare il lettore settimane tra un capitolo e l’altro (dimenticando magari i dettagli) ed il quadro è completo. Giocare così già mi convinceva poco con “Sotto Assedio”, ma ora con questa storia alla quale ho dedicato tempo e risorse, ne sono convinto! Almeno che non cambino alcune regole, difficilmente tornerò a scrivere qui, in ogni caso come lettore non sparirò, di tanto in tanto farò la mia apparizione commentando, in fondo The Incipit mi ha permesso di conoscere scrittori validi… come te. A presto Anna 😉

    • Eccola ancora qui la mia amica Serena… 😉 Sembra che “Rivelazioni” abbia la quota maggiore e probabilmente il prossimo capitolo si concentrerà su questa scelta. Per quanto riguarda il finale con il botto… bhè… io ci provo. Vediamo che succede! A presto e grazie per il voto.

  • Ormai devo concludere la lettura del tuo racconto, ed eccomi qui a leggere in una volta sola, questi ultimi due capitoli prima del finale. È un giallo complesso (altrimenti non si chiamerebbe così) ed ho riletto qualcosa. Tutto si lega, un esempio su tutti arriva dal capitolo 5: “dal lato opposto della carreggiata Elias dopo aver assistito impotente al massacro..”. Ora nel Capitolo 9 noi lettori sappiamo che Elias sta interrogando proprio Branko. Quello che non sappiamo è se parlerà sotto tortura. Quindi? Come finirà Hydra? Ottima storia. Bravo!

    • Si, è un giallo non facile da leggere, ma come ho scritto più volte qua e là nella piattaforma, l’influenza cinefila “Made In Hollywood” mi porta a scrivere storie complesse stile oltreoceano, piuttosto che racconti (con tutto il rispetto per chi li pubblica) all’Italiana più “leggeri”. HYDRA qui è quasi al capolinea, ma come ho risposto a qualcuno/a, la versione “Extra” è nel cassetto in PDF e pronta per la pubblicazione in altre sedi. Per il (gran… spero) finale qui invece, tutto è possibile, magari sarà un po’ aperto, o forse no… intanto rimani da queste parti per il Capitolo 10 e grazie per voto.
      Alla prossima.

    • Ciao Anna, grazie per il tuo commento e per il “bentornato”. Purtroppo per la storia, ma fortunatamente per me, sono stato molto impegnato ultimamente, complici anche le festività di Dicembre. In più mettici che già da tempo stavo valutando di abbandonare la piattaforma per una serie di motivi e di continuare altrove HYDRA ed altri racconti. Quindi ho rallentato. Ma poi ha prevalso il “rispetto” verso chi mi legge, verso te, così ho deciso di scrivere questi ultimi due capitoli per concludere la storia.
      La scelta delle “percentuali” poi è stata d’obbligo e doverosa appunto verso il lettore, che mi dirà qual è la sua priorità. In 5000 battute difficilmente riuscirò a metterci tutto, dove per “tutto” intendo sfumature che con pochi caratteri a disposizone non potrò permettermi e che dovrò conservare per la versione estesa della storia.
      Comunque grazie come sempre per essere qui e sfrutto il mio racconto per fare i complimenti al tuo appena concluso, PAURA, che ho sempre ritenuto una gran bella storia. Appena ho qualche minuto verrò sicuramente a leggere quella nuova. See U Soon 😉

    • Ciao Anna e ben tornata! Il tuo commento mi fa particolarmente piacere perchè ho notato, anche da alcuni commenti sparsi qui e li su questa storia, che sono riuscito a far “passare” Branko come il buono del racconto quando in realtà è il villan del racconto (non dimentichiamoci che ha assassinato due poliziotti). Ma chissà… i voti sono ancora aperti e tutto può accadere. Grazie per essere sempre qui.
      PS: Alla fine, accidenti a te, ci’ho dovuto da mette pure un principio di storia d’amore… la tua idea m’è subito piaciuta… Thanks per la dritta 😉

  • Ho perso due capitoli, ma oggi li ho recuperati entrambi. Di questo in particolare (il 7) ho apprezzato il mix dialoghi/descrizioni che continua a rendere l’intera storia avvincente. Voto l’abbandono dell’aeronautica. Ciao.

  • Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

    Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

    Chiudi