Tutta colpa del rum

Dove eravamo rimasti?

cosa trova la nostra sfortunata amica? un mezzino con un numero di telefono (67%)

Mezzino

Mi ritrovo in mezzo alle lenzuola un piccolo cilindretto di plastica. Cavolo un mezzino! E chi ha messo un mezzino sul mio letto? Penso subito al ragazzo, ma è impossibile che abbia saputo dove abitavo. 

Dentro il mezzino ci sta un bigliettino, con un numero di telefono.

Troppi pensieri per il mio cervello. Mi scoppia la testa per pensare. Forse al momento è il caso di dormire e capire solo dopo una bella dormita cosa è successo.

Affondo la mia testa sul cuscino. 

Ma i pensieri mi martellano ancora di più il cervello. 

Come faccio a dormire col pensiero che qualcuno sia entrato in camera mia e che quel qualcuno molto probabilmente era sconosciuto che c’ha provato con me la sera prima?

Ok, allora svegliamoci.

Prendo il mezzino e esamino il bigliettino al suo interno.

La scrittura non mi sembra femminile, ma ovviamente non ci metterei la mano sul fuoco. Forse è il caso di richiamare, ma con quale cellulare?

Dovrei prima capire se ho effettivamente perso il cellulare.

Mi alzo dal letto, esco dalla mia stanza e mi incammino verso la camera dei miei genitori. Dovevo prendere il cellulare di mia madre e capire se qualcuno avrebbe risposto al mio cellulare e sperare in un colpo di fortuna.

Entro in camera. Mio padre russa, mia madre è pietrificata.

Bene, allora posso rubare il cellulare posizionato sopra il comodino.

Provo a chiamare, e fortunatamente squilla.

Anzi, sfortunatamente squilla a vuoto. Bene, chissà dove è il cellulare.

Forse è il caso di chiamare il numero del bigliettino. Può essere di chiunque, ma è l’unico indizio che ho per capire cosa è successo ieri sera.

Digito il numero.

Squilla.

Anche questo a vuoto.

Bene. Sono al punto di partenza. Forse è il caso di dormire e rimandare il tutto a dopo. 

Entro di nuovo in camera dei miei, rimetto il cellulare sul comodino e me ne vado a letto.

Crollo in un sonno profondo nel giro di un secondo.

Chi mi chiama a quest’ora?!”

Sento mia madre urlare dal corridoio. MA che ha da urlare poi. 

entra in camera mia con una tale  brutalità da far tremare il letto.

Oh mio Dio. Menomale che sei qui. 

Sento che si siede accanto a me, mi abbraccia forte forte. 

“O Mio Dio MAMMA! LASCIAMI DORMIRE!”

Mi lascia andare

“Amore mio! mi sono preoccupata come non mai! Non farmi mai più prendere spaventi di questo tipo!”

Trovo la forza di aprire gli occhi. 

“Mamma lo so che ho fatto tardi, ma è tutto ok”

“Sul fattore orario ne parliamo dopo, ma lo spavento di cui parlo io non ha niente a che vedere con questo, riguarda chi mi ha chiamata poco fa!”

Spalanco gli occhi. 

“Chi ti ha chiamata?”

“Mi hai chiamata tu, ma ovviamente mi sono spaventata perchè non mi hai risposto tu”.

Tremo.

“Chi era al telefono?”

“Era una ragazza.  Molto probabilmente sarà partita la chiamata da dentro una borsa. All’inizio non parlava, si sentivano solo dei rumori strani. Poi ha iniziato a dire qualcosa, ma le uniche cose che sono riuscita a capire sono state andare a letto, sconosciuto, me lo sono fatto ecc ecc”

Cazzo. 

E chi ha il mio cellulare?

Chi è questa ragazza che ha il cellulare?

“Mamma scusami, non volevo farti preoccupare,  ma ieri sera abbiamo fatto tardi e nella confusione ho pure perso il cellulare. Ho cercato di chiamare poco fa col tuo cellulare, ma non rispondeva nessuno. Sicuramente sarà partita la chiamata dalla sua borsa. Comunque veramente non volevo farti spaventare”

“Non ti preoccupare. Ora però dobbiamo capire chi ha preso il tuo cellulare ed eventualmente fare la denuncia ai carabinieri. Comunque sono contenta che tu stia bene amore mio ” e mi da un grosso bacio in fronte. 

Si dirige verso la porta, portando il cellulare con sè. 

“Mamma, potrei avere il tuo cellulare per il momento? Vorrei capire se riesco ad individuare la voce della ragazza. E’ probabile che sia un’amica che riconoscendo il cellulare lo abbia portato con sè.”

“Va bene tesoro. Fammi sapere”.

Poggia il cellulare sul letto e esce dalla stanza. 

Provo a richiamare, per capire se riesco a rintracciare quest’altra sconosciuta ladra di cellulari. 

Squilla ovviamente anche questa volta a vuoto. 

va be, prima o poi vedrà le chiamate. Se si tratta di una brava persona, proverà a richiamare. 

affondo nuovamente la testa sul cuscino. 

Driin

Balzo in aria. Rispondo senza vedere chi è.

“Pronto?”

“Allora sei tu, scemotta amante del rum”

Rabbrivisco. Il ragazzo di ieri sera. Il numero nel bigliettino è il suo. 

Come è arrivato il mezzino in camera sua?

  • è stata la nostra eroina, ma non sa come (50%)
    50
  • è stata la sua amica Robi (50%)
    50
  • Il ragazzo si è intrufolato in camera di lei (0%)
    0
Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

9 Commenti

Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi