Cybio Wars Universe: Vendetta ‘53

Dove eravamo rimasti?

Vendetta inizia la sua caccia per scoprire la verità dietro il misterioso "Kais Wolf". Quale è la prima tappa delle sue indagini? La casa di Agomar Blaschke, per scoprire qualcosa da vicino sul suo obiettivo (50%)

Visite notturne

Passo le due settimane successive a inquadrare il bersaglio, vaglio ogni possibile via entrata e di fuga, appunto le abitudini del personale, cerco un punto debole nella sicurezza – serrata ma celata – dell’opulenta villa di un ostentato stile neo-classico di Agomar Blaschke.

I domestici di vecchia data sono duri da corrompere, ma per le nuove leve è tutta un’altra storia: scopro che la quasi totalità degli addetti alle pulizie e agli approvvigionamenti cambia un paio di volte l’anno, individuo il più moralmente squallido degli inservienti.
Lo seguo mescolandomi tra le ombre e lo studio intrattenersi agli insulsi combattimenti di galli clandestini, scolarsi brandy di quart’ordine nelle bettole alla sua portata, consumare fugaci amplessi a pagamento con donnacce della strada.

Mi presento a lui in uno dei suddetti locali di classe come una tedesca emigrata dopo la guerra, senza più un lavoro, in cerca di occupazione presso miei connazionali: gli dico che sono pronta a tutto per non finire in mezzo alla strada, lo noto sbirciarmi i seni mentre millanta amicizie inesistenti presso il padrone di casa stesso. Mi invita a casa sua per fare quattro chiacchiere, e in effetti è proprio quello che ho in mente.

Con lui in mutande, a testa in giù con i piedi legati agli stipiti di un armadio della sua francamente pietosa abitazione della periferia di La Coruña. Le gocce di sudore gli colano per l’addome mentre mi sente mettere mano ai coltelli di cucina.

<<Vogliamo fare una cosa semplice o difficile?>>

<<Va’ all’inferno, perra.>>

Risposta sbagliata. Lo colpisco con un pugno in quella parte del corpo che contava di usare su di me questa notte, tanto per fargli capire chi comanda.

Si ammoscia subito.

<<La villa di Agomar Blaschke. Dimmi come mettere le mani sul grande capo e forse te ne esci con tutti e due i coglioni al loro posto.>>

<<Non lo so. Io… io non conto nulla la dentro, non mi mettono al corrente di niente.>>

Perdo la pazienza. La mia mano si muove dietro un ordine che non ricordo di averle dato, la lega che compone il mio corpo si riplasma, una lama compare tra le mie dita, un cuneo tagliente trancia l’orecchio destro dello stupido come un foglio di carta.

Sbraita e supplica mentre un rigolo rossastro bagna le lenzuola già sporche di loro.

Le maniere forti dovevo lasciarle per ultime, perché l’ho fatto?

Dovrei essere la bilancia che equilibra il mondo, non la punizione gratuita.
È dai tempi della Grande Guerra che perdo il controllo sempre più spesso, mi abbandono a una crudeltà insensata anche per la mia natura.

Noi Xeniar siamo stati definiti immortali, perpetui, ma durare in eterno comporta anche andare a male? E se la mia mente stesse marcendo?

Cosa potrei diventare?

Blocco alla bene e meglio la ferita con un lembo delle lenzuola, uso un tono caritatevole che nelle mie labbra millenarie suono falso e distorto.

<<C’è un medico la fuori che ti aspetta, se ti decidi a parlare.>>

<<Ti prego, ho già detto tutto a quell’altra donna!>>

<<Quale altra donna?>> chiedo perplessa.

<<Non conosco il suo nome. Mora, più bassa di te, ha un accento straniero, dell’Est credo. Mi ha pagato bene per lasciare aperta la porta sulla cucina del retro. Credo pensasse a un colpo.>>

Ho della concorrenza. Decido di non attendere oltre. Mi rivesto e mi lavo il sangue dalle mani. Ormai non mi accorgo nemmeno più quando ce l’ho addosso e quando no. Brutto segno.

<<E il mio medico?>> chiede l’idiota piagnucolante ancora appeso come un quarto di bue.

<<Non ho mica detto che ti ci avrei portato. Slegati da solo.>>

*

Opto per la strada più veloce, ma anche quella più difficile. Mi arrampico per i muri di tufo e malta di un giallo paglierino che non risalta nel buio della notte. Scorgo uomini in borghese lungo il perimetro della casa, con il Mauser a tracolla che di certo non usano come bastone da passeggio.

Secondo piano, una finestra illuminata. Poggio il piede su una crepa e forzo il vetro con una mano. Soltanto socchiusa. L’afa notturna lavora per me.

Tendaggi rosso fiammingo, un armadio a vetro in lego di betulla dietro il quale si intravedono le opere di Mörike e i drammi di Wagner. Una sagoma ingobbita su una sedia dallo schienale a foglia, davanti a una scrivania dal taglio ondulato e dalle decorazioni vaporose.

Sembra si sia appisolata sopra un libro. Con due passi sono alle sue spalle, gli sollevo la testa come fosse un pompelmo, gli solletico la gola con il mio coltello.

<<Niente urla, Fritz, o ti spello vivo. Parliamo un po’ di Kais Wolf, ti va?>>

Mi risponde soltanto l’aria. Il vecchio Blaschke  cade nuovamente con la testa riversa sulla scrivania, il cranio stempiato riflette il fioco lume della lampada a olio del tavolo.

La porta lasciata aperta sulle cucine. Una birra di malto corretta con l’acido cianidrico, a giudicare dal bicchiere pieno per metà.

PASS DI GRADO 3 ACQUISITO –

FILE CYBIO WARS UNIVERSE SBLOCCATO – GLI XENIAR

L'obiettivo di Vendetta è stato eliminato prima che potesse parlare, qualcuno sembra intenzionato a ostacolare le sue indagini. Cosa fare?

  • C'è un innocente da proteggere che scombussolerà i piani di Vendetta. (25%)
    25
  • I "concorrenti" sono ancora in zona. Ci sarà da combattere, scorrerà il sangue. (25%)
    25
  • Indaghiamo sulla stanza in cerca di indizi. Si scoprirà un ospite inaspettato. (50%)
    50
Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

100 Commenti

  • Be’ bella storia, bel mondo, complomenti Nickleby.
    Scrivi bene, scorrevole, hai un sacco di idee. Potevo scoprirti prima, probabilmente, ma ti terrò presente appena torni. Ho dato un occhio anche al tuo sito. Un SEO, dunque. Che effetto fa dover spiegare a tutti in cosa consiste il tuo lavoro?

    Ciao ciao

  • Bello, Nick
    I finali aperti non sono i miei preferiti, ma diciamo che il tuo si regge bene anche senza immaginare un prosieguo, che immagino ci sarà o già c’è.
    Mi piace come scrivi, anche se noto che il tuo ‘impegno’ su questa piattaforma è un po’ troppo saltuario per permetterti di avere un posto di rilievo come meriteresti.
    Ciao a presto

  • L’idea che c’è un tremendo segreto da scoprire m’incuriosisce parecchio, tanto Vendetta saprà tener testa alle atroci torture, no?
    L’episodio mi è piaciuto particolarmente, c’è stato un crescendo di pathos che poi è esploso nella scena finale con il faccia a faccia col nemico di sempre, bravo Nickleby!

  • Una resa tattica e temporanea mi sembra una buona idea.
    Ciao Nickleby,
    Il mio rammarico è che tu scriva così sporadicamente qui sopra, perché è un piacere leggerti. Nonostante questo mi sono accorto solo ora che mi era sfuggito l’episodio 7, non ho ben capito perché.
    Mi sono anche sfuggite le cause dello strano fenomeno meteorologico, forse è qualcosa che hai spiegato prima ma che mi sono ormai dimenticato. Un’altra cosa: capisco che avere protagonisti pressoché onnipotenti è un problema per la trama, ma mi lascia perplesso la strana ‘empatia’ di Vendetta che diventa tenera come un cucciolo al contatto con un cucciolo umano. Anche perché a quel punto per avversari umani sarebbe sufficiente riuscire a toccarla per… come? Non è facile riuscire a toccarla? Ah, ok, come non detto.
    Ciao, complimenti e a presto!

  • Ho votato che vuole saperne di più sulle sue crisi d’ira perché interessano a me 😛
    Molto probabilmente ci sarebbe stato il feroce combattimento, ma, come ho già detto, sono più interessato alle sue crisi d’ira 😉

    ———————————————————-
    Se Adelia, come credono gli Ivan, è la figlia di Hitler e di Eva Braun, avrà un bersaglio tatuato sulla schiena per tutta la vita. Chi la vorrà morta e chi la erigerà a simbolo dell’immortalità del Reich.
    Se, una volta terminata questa storia, tornerò ai miei affari lavandomene le mani, tra vent’anni potrei ritrovarmi a combattere un’altra guerra.
    E se faccio quello che va fatto… non so se riuscirei a conviverci questa volta.
    ————————————————————–
    C’è sempre una terza soluzione: tutto sta a trovarla. Io una mezza idea ce l’avrei ma non la dico perché sei bravissimo a fare sorprese 😉

    Ciao 🙂

  • Non mi piace l’idea delle atroci torture, ma voglio che si sveli il segreto e per cui così ho votato.
    Lo zolfo che si leva dalla terra e lo scintillio di Stella d’Ottobre che dà il via libera atterrando i guardiani sono scene molto vivide, bravo davvero.

  • Wow, ho letto sette episodi di fila. Certo che mi porti fuori strada con questi titoli che iniziano sempre con Cybio Wars… pensavo fosse una vecchia storia che avevi ripreso dopo averla abbandonata per mesi. Devo dire che questa è forte, mi piace. Si sente che sei cresciuto tanto nella palestra dei giochi di ruolo. Complimenti.
    Vendetta fingerà.

  • C’è una cosa che non mi è chiara: se la bambina è realmente la figlia di Adolfino (ovvero Adolf Hitler) e della Braun, cosa ci fa ancora in Europa, se i genitori sono nel continente sudamericano? O la fuga dall’Europa del dittatore tedesco è solo un modo per depistare gli inseguitori?
    Ma se quest’ultima ipotesi fosse corretta, come farebbe Hitler a nascondersi?

  • Voto il fenomeno climatico.
    Mi è piaciuto molto questo capitolo, la parentesi di incoscienza di Vendetta che en passant ‘spiega’ alcune delle sue capacità, il sogno/delirio che mischia sensazioni mistiche ad oggetti della fisica quantistica. Per finire con un risveglio grottesco tra le labbra di un uomo tutt’altro che avvenente.
    Sì, si fa interessante…

  • Alleato e riflessione sulle crisi di rabbia… eh sì, ho un debole per la psicologia.
    In questo episodio c’è di tutto, dall’action dell’avventura al mistero del giallo, dalle tecnologie fantascientifiche alla suspense di un thriller, il tutto contornato da un’ironia pungente e velenosa come solo Vendetta sa essere. La tua protagonista è una forza della natura, prorompe nel testo a furia di gomitate. Un gran bel personaggio per una storia sempre più avvincente.
    Complimenti.

  • “Dovrà far sciogliere la lingua a un impiegato burocratico…”
    Ti dirò, mi ero completamente perso questa tua nuova storia.
    Molto intriganti questi due capitoli, specialmente per l’ambientazione nel secondo dopoguerra. Ti seguo e vediamo come prosegue questo nuovo racconto.
    Ciao Nickleby!

  • Secondo me, Vendetta verrà “distratta” da un rapimento. Le altre 2 opzioni, a mio avviso, non porterebbero risultati. Almeno non quelli sperati. Poi non so che idee hai per ogni opzione.

    Il fatto che le ultime due righe (quelle in grassetto) mi facciano pensare ai videogiochi è voluto o sono “deviato” io?

  • Ciao,
    questo incipit l’ho adorato. Hai delle capacità descrittive impressionanti, le descrizioni mi hanno veramente colpito, con poche righe, nette, precise hai dato una immagine completa del personaggio. Già mi sono appassionato alla storia.

    Si getta a capofitto.

    Spero a prestissimo,
    felice anno nuovo,
    Istinto =)

  • Vendetta: 10 anni dopo.
    😀
    Premetto che ho cliccato “Segui la storia” senza aver iniziato a leggere l’incipit (cosa che farò prima di pubblicare il commento).

    Secondo me, Vendetta si getta a cpofitto nel caso, anche se credo che non sia così stupida da non pensare ad eventuali tradimenti o simili.

  • Che bello ritornare nel mondo di Vendetta, bravissimo come sempre. La tua capacità di inventare ambientazioni mi stupisce sempre e mi piace molto.
    Vendetta aspetta da tempo questa occasione… quindi si butta a capofitto, forse anche per distrarsi da qualche pensiero sgradevole. Ma sicuramente non sarà sola nella caccia.. se no dove sta il divertimento!
    Ho dato un’occhiata al tuo sito (bellissima l’idea del rimando che hai dato) e sarei curiosa, quando e come ti è nata questa idea in origine?

    • Sono onorato di tanto apprezzamento, grazie mille Serena!
      L’ambientazione è il frutto di oltre 5 anni di lavoro, un amalgama nel quale trovano spazio teorie del complotto, spunti pulp, suggestioni supereroistiche, rivisitazione di miti e leggende in un’ottica pseudoscientifica.
      Sul mio sito pubblico vari approfondimenti in merito, spero tu possa trovarvi qualche spunto interessante! ^_^

  • Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

    Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

    Chiudi