FALLO A RAPALLO

Dove eravamo rimasti?

Sì puo' rendere gìustìzìa alla memorìa? Secondo Ravenna, che era del mestìere, no. E secondo te? YES (100%)

Sulla schìena della vìttìma sì notano tracce dì neon

Quando dal cervello affìorano ìdee a guìsa dì relìttì sospìntì a rìva dalle correntì dell’ìnconscìo, la cute sì mette a prudere e mì tocca grattarmì la testa: ìl commìssarìo Segrè ìn carrìera non ha fatto ‘sta gran carrìera anche perché ha sempre voluto tenere ì capellì lunghì; le sue chìome le ha costantemente lavate dì shampoo tuttì ì gìornì, fìn da ragazzo; da ragazzo, l’amìco…beh, amìco un po’ per modo dì dìre, dato che ìl Cecconì ìo lo subìvo, neh…l’amìco Gìonnì glì rìpeteva “ tu contìnua a fartì lo shampoo ognì gìorno e ora deì trent’annì saraì calvo”…ma ìo capellì da scomìglìare per sforforarmì le ìdee ce lì ho ancora adesso che sono ìn pensìone, c’è morto luì stempìato, morto ammazzato per una stupìda storìa dì donne…luì le donne le azzannava come tramezzìnì e c’erano maschì che non gradìvano e maschìe che gradìvano ancora meno. Senza saperlo, senza accorgersì o comunque senza curarsene, forte del suo macho dìrìtto del sìre, Gìonnì Cecconì, ìn arte Re dì Rapallo, nullafacente che sì dava n po’ troppo da fare, sì lascìo’ ìmpegolare nella rete saffìca stesa al pallìdo sole masturbatorìo del Tìgullo aì pìedì della Novella Parìgìnì, la pìttrìce deì gattì, rìtrattì usando fancìulle ìn fìore come modelle. Anche la sorella dì Gìonnì cì aveva fatto le fusa. Ma luì, Gìonnì, s’era fuso per ben altrì motìvì. Luì, Gìovannì Cecconì, pratìcava ìl neofascìsmo come una forma dì sessualìtà estrema (una X Mas fallìca X-rated) e ìl manganello glì era fìnìto tra le gambe dì certe ausìlìarìe con deì cameratì SS … SturmStrunztruppen… alle spalle. Un collegamento tra ì fattì ìl commìssarìo Segrè l’avrebbe anche fatto…l’avreì fatto anche all’epoca del caso che mì spettava per competenza e una certa competenza non mì mancava, ma la relazìone professìonale e potenzìalmente sentìmentale con ìl magìstrato Ravenna rese ì mìeì servìzì devìatì, senza quasì che me ne accorgessì. Ora ì faldonì sì sono sanguìnosamente rìapertì e Gìovanna, che non crede pìù a nìente, sostìene ….sostìene Gìovanna Ravenna: – Caro Luca, l’ ìmmìnente 25 aprìle sarà l’ennesìmo pretesto per confondere le carte, con ì cosìddettì pro Palestìna a far glì antìfascìstì neo nazì ìn funzìone antìsraelìana contro la Brìgata ebraìca. Alla mìa gente la memorìa serve a dìfendere la sopravvìvenza. Cì mancherebbe che dal passato dì un commìssarìo torìnese magarì anche ebreo saltasse fuorì che un gìudìce ebrea anche lesbìca abbìa ìnsabbìato le ìndagìnì sull’omìcìdìo dì un fascìstello amìco del commìssarìo seducendone la sorella, testìmone chìave della faccenda. Se vuoì proprìo far tornare ì contì a modo tuo, aspetta che ìo trovì la forza dì uscìre dì scena. Puoì fare dì meglìo: puoì darmì una mano, Luca. Una mano e una pìstola – – Posso fare ancora dì meglìo, Gìovanna: posso sposartì -. E fu così che, ìn barba ad ognì regola, sìmulando quel conformìsmo che qualcuno sì ostìna a defìnìre “normalìtà”, alla domanda rìvolta alla nubìle Ravenna, battezzata Gìovanna per non essere dìscrìmìnata, ma non per questo marrana, dal parroco dì Montallegro, santuarìo raggìungìbìle ìn funìvìa da Rapallo, non lontano dal quale abìto’ Ezra Pound, ìl poeta matto: – E tu, Gìovanna Ravenna, vuoì prendere ìl qui presente Luca Segrè come tuo legìttìmo sposo, ìn salute e ìn malattìa, nella buona e nella cattìva sorte? – – Sì, soprattutto nella cattìva -. E fu così che Gìovanna Ravenna Segrè accompagno’ ìl marìto Luca a Genova a rìsolvere ìn camera carìtatìs ìl delìtto al parco Tìgullìo, rìsarcendo parzìalmente ìl fu Gìovannì Cecconì detto Gìonnì senza bìsogno dì cìtarlo e tanto meno dì rìesumarlo, ma semplìcemente leggendo le tracce dì neon sulla schìena della vìttìma. Dal porto dì Genova, poì, glì sposìnì salparono verso ìl vìaggìo dì nozze. Traghettìamo per la Sardegna: ìn alto mare, confessero’ alla neoconsorte che la destìnazìone rìguarda un’altra pratìca da rìaprìre, la pratìca De Andrè-Segrè (rapìmento dì Faber e Dorì ìl 27 agosto 1979).

Categorie

Lascia un commento

19 Commenti

  • Ué, che gran finale!
    Questo capitolo mi è piaciuto ancor più degli altri. Perchè? Perchè è più lineare e l’ho seguito meglio.
    Nella sua assurdità (voluta ovviamente) ha una coerenza eccezionale.
    Ti riporto alcune frasi che vorrei rubarti (sì lo so, non posso):

    Quando dal cervello affìorano ìdee a guìsa dì relìttì sospìntì a rìva dalle correntì dell’inconscio.

    …ma ìo capellì da scomìglìare per sforforarmì le ìdee ce lì ho ancora adesso che sono ìn pensìone, c’è morto luì stempìato, morto ammazzato per una stupìda storìa dì donne…

    Traghettìamo per la Sardegna: ìn alto mare, confessero’ alla neoconsorte che la destìnazìone rìguarda un’altra pratìca da rìaprìre, la pratìca De Andrè-Segrè (rapìmento dì Faber e Dorì ìl 27 agosto 1979). – See more at:

    Anche la sorella dì Gìonnì cì aveva fatto le fusa. Ma luì, Gìonnì, s’era fuso per ben altrì motìvì. – Vai!

    …che, ìn barba ad ognì regola, sìmulando quel conformìsmo che qualcuno sì ostìna a defìnìre “normalìtà”,…

    Luì, Gìovannì Cecconì, pratìcava ìl neofascìsmo come una forma dì sessualìtà estrema (una X Mas fallìca X-rated) e ìl manganello glì era fìnìto tra le gambe dì certe ausìlìarìe con deì cameratì SS … SturmStrunztruppen… alle spalle.

    Cì mancherebbe che dal passato dì un commìssarìo torìnese magarì anche ebreo saltasse fuorì che un gìudìce ebrea anche lesbìca abbìa ìnsabbìato le ìndagìnì sull’omìcìdìo dì un fascìstello amìco del commìssarìo seducendone la sorella, testìmone chìave della faccenda. –

    Ascolta, quella del neofascismo è fantastica, mi ricorda tanto gli scritto erotici di Apollinaire, ricordi di 10 anni fa.
    Cominciata bene e finita bene.
    Attendiamo le prossima.

  • Voto sì.
    No, non si può!
    Pesce d’aprìle: odor dì pesce frìtto. Se uno dì queì pescì seì tu e l’altro è l’altro pesce del segno deì pescì, chì sarà ìl cuoco e chì ìl cucìnato? Frìtto dì paranza: ìl cìelo ìn una stanza. Ah ah!
    E il boss di cartone?
    Fortissima la storia della vecchietta. La Ravenna.
    Lìmpìdume prìmaverìle d’aprìle che pare dìssolvere ìl lurìdume dì quel reato reìterato chìamato Vìta. Mi è piaciuta anche questa!
    I tuoi personaggi sono più assurdi dei miei.
    Andiamo verso il finale.
    Davvero forte la storia dell’invecchiamento

  • Uelà! Questo capitolo m’è piaciuto forse più degli altri. Ci hai messo dentro di tutto, è un esplosione di gente, colori, odori.
    Ci sono poi alcuni passaggi come: Fìat odorosa dì concessìonarìa dì papà Segrè, da annotarsi. Io voto Con un vecchio frequentatore deì Bagnì Tigullio.
    Se vuoi farti la pasquetta negli anni 30 un po’ più a nord, un po’ più a est, con un linguaggio antitetico al tuo, vieniti a fare un giro da Scaglia

  • Hola Fab, finalmente son passato a leggerti.. 🙂
    Ho letto i 3 capitoli, che dire sei un grande!
    Personalmente trovo interessanti le tue storie.. E questa inizio è perfetto per un grande giallo.
    Ps.- ma la parigini era davvero una grande gnokka?? 🙂
    Intanto ti rinnovo i complimenti.
    Ti seguo!! 🙂

  • Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

    Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

    Chiudi