KITSUNE

Dove eravamo rimasti?

Cosa farà Tabihta? Deciderà di seguire la volpe per riprendersi il guanto... (100%)

IL GUANTO

Seduta a cavalcioni sul nero e ruvido ramo del grande albero, Tabihta osservava la volpe dileguarsi nel fitto bosco lasciando, sulla neve, una scia di minuscole impronte.

Un’altra folata di vento le scompigliò i lunghi capelli, lasciandovi appiccicati dei piccoli fiocchi di neve.

La ragazza si guardò le mani: unghie laccate di un blu così intenso da fare male agli occhi risaltavano su dita rosse, più giù la pelle sulle nocche e sul dorso della mano si era spaccata creando taglietti doloranti. Le portò alla bocca facendone una coppa ed iniziò a respirarci dentro per riscaldarle, strofinandole fra loro di tanto in tanto. La discesa si prospettava più difficile del previsto.

Dopo aver recuperato un po’ di sensibilità alle mani decise di provare a scendere; guardò in giù e subito si strinse contro il tronco dell’albero, emettendo un lieve rantolio: ora le sembrava di essere molto più in alto. Con un piccolo lamento portò il piede destro oltre il ramo su cui era seduta e, facendo attenzione a non guardare in giù ancora, iniziò la discesa. Tremante per il freddo ed il terrore di precipitare, Tabihta affondò le unghia nella ruvida corteccia, mentre con i piedi testava, ramo dopo ramo, quello più sicuro. Ma, non guardare, non rendeva certo la discesa più semplice e l’appoggiare il piede su un ramo marcio lo fece rompere. La ragazza lanciò un grido disperato mentre, in preda al panico più totale, graffiava l’aria agitando le mani cercando un appiglio per non precipitare. Con un tonfo sordo cadde nuovamente nella neve.

Riaprì gli occhi, stretti per la paura, e guardando in alto si rese conto di essere caduta da poco più di un metro. Il ramo spezzato pendeva appeso da un lato del grande albero come fosse un impiccato; una risata isterica invase l’aria: poteva essere più sfortunata di così? Che giornata pessima, pensò triste; e se ne restò lì, con un’espressione da ebete dipinta sul volto, ad osservare il suo ennesimo fallimento. Mentre pensava che in fondo, stare distesi a pancia in su, su quel morbido manto bianco, non era poi così male, un brusio sommesso fra gli steli di un arbusto secco la fece voltare di scattò. Si girò con tutto il corpo, rotolando nella neve: occhi dorati la fissavano, un guanto in bocca, puntini bianchi facevano capolino su un’arruffata e folta pelliccia rossa. Era di nuovo lei.  Tabihta si alzò piano da terra mostrando i palmi delle mani: “Ferma…Ti prego…”, disse con voce cauta, iniziando ad avvicinarsi alla volpe. Ma appena fu a circa un metro da lei quella si voltò e riprese a correre. In fretta e furia, la ragazza, raccattò il guanto superstite, ficcandoselo in tasca, e la macchina fotografica, mettendosela a tracolla, e prese a correrle dietro: i suoi anfibi affondavano pesantemente nella neve rallentando di molto la sua corsa fra gli alberi. “Vieni qui!”, gridò alla volpe che, intanto, continuava a saltellare leggera fra la neve mentre fiocchi sempre più grandi andavano cadendo pigramente. Cercò di starle dietro scattando qualche foto di tanto in tanto, ma era davvero troppo veloce per lei. Si fermò al centro di una radura, poggiando le mani sulle ginocchia leggermente piegate, mentre dalla bocca le usciva un fumetto. Aveva il fiatone e l’aveva di nuovo persa, perdendo, così, anche il suo guanto e la speranza di riuscire a scattarle una bella foto. Stava per darsi per vinta, quando, si ricordò delle impronte che le aveva visto lasciare nella neve quando era sull’albero e decise di seguirle: prima o poi anche lei si sarebbe stancata di correre.

Piccole impronte a quattro dita continuavano oltre una collinetta fra i pini argentati. Vi si inerpicò aiutandosi con le mani e faticando non poco. Arrivata in cima si rese conto che le impronte stavano cambiando: ora sembravano più grandi e andavano allungandosi verso la fine come a formare un piccolo tallone. Forse, un altro animale l’aveva inseguita dopo che l’aveva persa di vista, e le loro orme si erano sovrapposte. Le impronte continuavano tutte intorno ad un grande albero e proprio ai suoi piedi notò una piccola macchia scura sulla neve: era il guanto! Neanche questa volta era riuscita a scattarle una bella foto ma, almeno, aveva ritrovato ciò che le apparteneva. Corse verso il guanto e inginocchiandosi lo prese fra le mani, notando che era proprio quello macchiato di sangue. Proprio mentre stava per tirare fuori l’altro dalla tasca, una mano calda e bianca, quasi quanto la neve, le afferrò il braccio mentre sottraendole il guanto con l’altra: occhi dorati la fissavano. A carponi, di fianco a lei, stava un ragazzo nudo come un verme. Un cespuglio di capelli  color rame arruffati e coperti di neve gli incorniciavano il volto, che a dire il vero aveva un’ espressione abbastanza divertita, mentre reggeva il suo guanto in una mano.

Tabihta non riusciva a staccare i suoi occhi da quei due pozzi di luce color oro.

Le cose iniziano a farsi strane! Ed ora cosa succederà a Tabihta? Ps: sentitevi liberi di dare consigli sui prossimi sviluppi della storia!

  • Scatta una foto e la volpe si infuria... (33%)
    33
  • Sviene e si risveglia sul portico di casa... (58%)
    58
  • Fugge via in preda al panico... (8%)
    8
Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

101 Commenti

  • Ciao, bella storia dalle mille sorprese! Bella la narrazione poetica e le continue descrizioni che creano una vivida rappresentazione della realtà he ti sei immaginata. La storia appare chiara e ben scritta sin da subito, ma il divagare di alcune frasi ti fa perdere in mezzo all’immaginazione.
    Inoltre il risvolto finale di questa storia forse poteva apparire poco scontato, ma era sicuramente ciò che i personaggi si meritavano. Adoro questo tipo di conclusioni. Sai perché? Perché sono quelle che ti fanno pensare, a volte alcune fanno arrabbiare, altre piangere. Sei lí che ti dici che non poteva finire così, ma alla fine ti accorgi che la narrazione ha centrato il punto. Perché vuol dire che ti sei affezionata a quei personaggi, ed a quel punto la storia ti chiede una conferma del coinvolgimento che hai avuto leggendo.
    Apprezzo le storie di questo tipo con finali “sbilanciati” perché sono reali. Non il solito lieto fine. È una fine, certo, la più giusta. E di questo ti faccio i miei complimenti. Non dico che ci voglia in tutte le storie, ma qui ci stava molto.
    Bella la trama, adoro le trasformazioni.
    Peccato però che non abbia avuto il tempo di votarla anche io!
    Un saluto sperando di leggere di nuovo qualcosa di tuo al più presto (così lo voto anche io),
    Fant

  • Una sola parola, coinvolgente. Mi è piaciuta molto la cura che hai nella descrizione dei dettagli, i colpi di scena, la connessione emozionale tra Tabihta e Kitsune. Che dire, mi dispiace solo che il racconto sia finito.
    Non vedo l’ ora di leggere un altro tuo racconto, complimenti e alla prossima! 🙂

  • Ciao NorahEmme. Ma… hai scritto due capitoli a breve scadenza? Ho avuto la notifica solo oggi. Un bel finale, un bello stile. Se dicessi che ricordo perfettamente gli altri otto capitoli mentirei, ma ricordo bene le atmosfere delicate e magiche.
    Complimenti, alla prossima

    • Si, ho scritto i capitoli a forse un paio di settimane di distanza! Ripeto che purtroppo ho avuto poco tempo e parecchi intoppi quindi scrivere sereni, prendendosi il tempo dovuto non è stato possibile…mi dispiace per quelli che, come te, mi hanno seguita ma ho avuto tempo solo ora! Grazie per i complimenti 😀

  • Insieme…
    Ciao NorahEmme, mi sono mancate Tabihta e la tua bella favola. Il capitolo è ricco di colpi di scena, ma di altrettanti refusi sicuramente dovuti alla mancanza di tempo. La storia, però, merita una particolare attenzione secondo me, tanto da poterla trasformare in un romanzo o addirittura in una saga 🙂 ovviamente sei tu a decidere. A me non resta che attendere l’ultimo capitolo 🙂

  • D’istinto ho votato “La volpe difende Tabihta”.
    Cavoli, di solito sparisci per un sacco di tempo e invece adesso mi sono ritrovata con due capitoli da leggere di seguito! Non che sia un male, intendiamoci: mi ha fatto piacere 🙂
    Il settimo è quasi cinematografico: tutta la visione, così veloce e sorprendente, sembrava proprio mostrarsi davanti agli occhi come la scena di un film. E in questo capitolo, l’ottavo, è bella la connessione che si è instaurata tra la “volpe” e Tabihta (d’altra parte, il titolo è “Legami”).

    • Ciao cara! Per il nono vi sto facendo un po’ penare causa impegni fuori casa e uno smartphone molto poco smart (per cui si capisce che scrivere con questo catorcio non è cosa)… Ma prometto di pubblicare in settimana, se non proprio in serata! Sono comunque molto felice che le mie idee per questi due capitoli ti siano piaciute…
      Il titolo di questo ha una doppia valenza! 😉

  • Cara Norah, bellissima favola con tanti innesti giappo, complimenti per l’originalità! Trovo molto dolce la possibilità di scambiare sensazioni e ricordi nell’ultimo capitolo. Dà anche un’idea del rapporto animale-padrone, che spesso con il linguaggio del corpo supera le barriere della comunicazione tramite parole.
    Ti seguo e ho votato che i due vengono salvati! 😉

    • Grazie per le belle parole e per aver votato!
      Il loro condividere voleva ricordare esattamente il profondo legame che spesso, noi umani, creiamo con i nostri piccoli amici…diciamo che il mio cane è stato d’ispirazione (fra l’altro è un volpino)!
      In questo caso la volpe è un essere soprannaturale ma vedo che l’idea è stata recepita e ne sono davvero felice 🙂

  • La volpe la difende.
    Bella l’idea di condividere due menti, ricordi, sentimenti. Addirittura sensazioni.
    Non avevo capito che Tabitha avesse vissuto un lutto recente, forse mi è sfuggito, immaginavo che la madre fosse separata e risposata o ri-impegnata.
    Ciao a presto

      • Oddio, norah,
        Avevo già letto nei commenti precedenti cosa significa Kitsune. Scusami se mi sono espresso in modo goffo, provo a spiegarmi: è chiaro che se intitoli il tuo racconto Kitsune dai molta importanza a ciò che questa parola rappresenta. Per questo mi è sembrato un po’ strano il modo in cui hai iintrodotto l’argomento: una sentenza buttata lì, senza che la ragazza se ne interessi minimamente, ottiene, almeno con me l’effetto di una frase del tipo: ‘Come ti ho detto più volte, Ambrogio, nella cultura giapponese vi sono delle volpi in grado di prendere sembianze umane. Sono chiamate Kitsune.’
        Tutto qui, mi spiace se ti sono sembrato polemico, non era mia intenzione. Mi sono chiesto molte volte quando saresti tornata, quindi figurati se voglio farti venire il cattivo umore.

        Ciao a presto

        • Chiedo scusa se lo scorso commento è risultato brusco! Effettivamente hai ragione… Diciamo che non ho ancora grande dimestichezza con questo genere di cose… Anzi non ne ho proprio! Da questa esperienza sto cercando di trarre il massimo per poter dare il massimo e tutti voi che commentate mi date una gran mano… Grazie!

  • Ciao Norah,
    devo davvero complimentarmi con te per questo meraviglioso racconto! Adoro i fantasy molto descrittivi… quelli che davvero mi fanno “vedere” le ambientazioni e i personaggi nel dettaglio mentre leggo, sei molto brava nel fare questo! E sei anche molto brava nel creare la suspense tra un capitolo e l’altro…spero però che completerai presto il tuo racconto perché sono molto molto curioso di sapere come andrà a finire. Non mi esprimo sulla parte tecnica perchè non è il mio campo… ma posso solo dirti che a prescindere da questo il tuo modo di scrivere trasmette delle bellissime sensazioni ad un lettore come me…mi intriga e mi incuriosisce molto…e il tutto scorre che è un piacere nella lettura; perciò ti rinnovo i miei complimenti e continua cosí! A proposito io voterò “Una Maledizione” anche se adoro le Leggende… ma magari, se maledizione ci sarà, si potrebbe creare qualcosa di molto strano e inaspettato 😉 certo che in qualsiasi modo si evolverà il tuo racconto saprai cavartela sicuramente bene come già qualcuno ha scritto! XD
    Ciao e a presto 😉

  • Ehilà! Quanto tempo! 🙂 Sono molto felice che tu sia tornata.
    Trovo sempre che i tuoi paragrafi siano un po’ troppo lunghi, soprattutto quando comprendono dei discorsi diretti per cui – di solito – si va a capo. Ma, a parte questo, non trovo alcun difetto. Questo racconto mi aveva affascinato fin dall’inizio e, adesso, voto “leggenda” sicura che, qualsiasi opzione vincerà, saprai gestirla davvero bene.
    Il mondo che hai creato è una favola, dove convivono la quotidianità delle tazze di cioccolata e degli orribili cappelli e il meraviglioso degli occhi dorati di un ragazzo misterioso.
    Complimenti! Spero tornerai presto 🙂

    • Grazie per aver commentato e votato 😉 ! Farò in modo da scrivere il prossimo capitolo al più presto e di non sparire nuovamente lasciando le cose a metà… Tecnicamente devo ancora fare progressi e, come al solito, scrivo senza poi rileggere (sono pigra, lo ammetto XD ) ma, nel complesso, sono felice di questo capitolo! Comunque, potrei anche provare ad essere meno prolissa ma credo che tutta la storia ne risentirebbe perché non riuscirei a descrivere una scena così come vorrei e tutto perderebbe di intensità…

  • Ciao Norah,
    Leggo solo ora il tuo racconto veramente particolare e suggestivo. Forse la cosa che mi spiazza di più è quanto tu riesca a descrivere in maniera molto realistica e concreta il mondo della protagonista, allo stesso tempo mantenendo aperta una finestra su un mondo fantastico. Fai convivere due mondi, li descrivi benissimo ed è un piacere leggerti.
    Complimenti!
    Ciao ciao!

  • mi piace moltisimo, complimenti, soprattutto mi piace il personaggio di Tabhita,anche io voto per una leggenda,non vedo l’ora di scoprire qualcosa in più sul ragazzo dai capelli rossi, anche se in realtà ho già capito chi è 🙂 aspetto con ansia il seguito

  • Voto una leggenda, perché maledizione non mi piace e triste storia d’amore presuppone qualcuna fuori dal quadro.
    Ciao, ben ritrovata!
    Ho iniziato a leggerti quando ero qui da pochissimo tempo. Ora finalmente posso continuare. Non ho dovuto rileggere i capitoli precedenti perché mi ricordavo bene la storia, per farti capire quanto mi ha coinvolto. Potrei aggiungere che forse mi ha influenzato più di quanto credessi perché il racconto che ho attualmente in corso ha come protagonista una bimba il cui nome ha una sospetta assonanza con la tua Tabitha, chiamandosi Tanita. Probabilmente se ne fossi stato conscio avrei scelto un altro nome, ma stando così le cose la puoi considerare come una sincera manifestazione di stima 🙂
    Continua a piacermi il tuo stile, conducici in porto o almeno carezza finalmente questa volpe!
    Ciao a presto

  • Nel centro abitato.
    Bello, scorrevole, ci sono dei passaggi che mi hanno preso molto, tipo: Al piano di sopra, dalla finestra della sua camera, poteva vedere la vallata e, di nuovo, il pensiero di ciò che era successo quel pomeriggio le pervase la mente.
    Ciao

  • Ciao! Sono molto contenta di aver iniziato a leggere la tua storia 🙂 Mi piace il tono che usi e i colori che evoca, quasi da fiaba. Dato che il titolo è “volpe” in giapponese, ti chiederei a che cosa ti sei ispirata (non sono molto ferrata, perdonami!).
    Ho qualche problemino a leggere quando i capitoli non hanno lo stacco del paragrafo, che è molto più ordinato e permette all’occhio di riposarsi e cogliere tutto con più facilità: nel mare di parole mai staccate mente e sguardo tendono a perdersi.
    Che cosa succederà ora?
    Alla prossima 😀

  • Avrei detto “nel centro abitato” per cambiare scena, ma poi ha avuto la meglio la casa per proseguire la situazione.
    Questo capitolo è stato bellissimo ^_^ La volpe che la guarda, lei che scappa, il rumore dei cassetti e dei mobili, il guanto al suo posto, la cioccolata calda sparita… entra tutto come un orologio: ,i chiedo cosa mai potrà pensare ora la nostra protagonista.

    Ciao 🙂

  • Che dire: bello!
    Belle atmosfere e interessante il contrasto tra la prima parte, in cui domina la luce, la neve, gli spazi aperti, la caccia alla volpe rossa (vedo che commentatori più illustri di me hanno come me visto evocato – o citato? – lo spirito della grande Alice) e gli episodi successivi, chiusi in ambienti limitati (la casa, l’automobile), popolati dal ‘solito’, le piccole gelosie, i contrasti tra coniugi; insomma, la vita che più reale non si può. Alla fine del terzo i due mondi si incontrano, forse nel quarto si scontreranno?
    Scelgo sotto il cuscino, luogo di sogno e di risveglio.
    Aspetto il seguito.

    • Chiedo scusa se replico solo ora…
      Ti ringrazio tantissimo per aver lasciato questo commento 🙂 .
      In effetti, per la sua curiosità e la giovane età, Tabihta è facilmente ricollegabile ad una moderna Alice.
      In ogni caso, spero che il nuovo capitolo sia di tuo gradimento, nonostante “sotto il cuscino” sia stato un titolo poco gettonato…

  • Della tua storia apprezzo moltissimo il tono favolistico, appena ho iniziato a leggere mi hai fatto pensare subito ad Alice nel Paese delle Meraviglie – ho letto nei commenti che ti sei ispirata alla tradizione nipponica, con cui, lo ammetto, non ho grande dimestichezza, quindi temo che dovrai accontentarti del paragone occidentale 🙂 Tabihta mi intrigato fin da subito e sono curiosa di vedere come interagirà con gli altri personaggi della storia, che, devo dire, sei riuscita a definire abbastanza bene già al momento della loro comparsa – chissà che problemi ci può creare la cugina gelosa! 🙂
    Trovo però che tu debba migliorare molto il tuo stile di scrittura: la punteggiatura, le scelte lessicali, la sintassi. Stai attenta al ritmo delle frasi, prenditi del tempo per capire cosa è fondamentale dire e cosa puoi evitare di dire – il tuo testo talvolta è precipitoso e mi pare che traspaia una certa ansia di non riuscire a raccontare tutto quello che vorresti; datti delle priorità narrative mentre scrivi, così da non investire il lettore di parole, e vedrai che il tuo racconto farà davvero un bel salto di qualità.
    Sei davvero sulla buona strada, perciò non mollare! Ti seguo!

    • Grazie mille per l’incoraggiamento! Hai centrato il problema: vorrei avere più spazio per scrivere così, nel tentativo di farci entrare tutto quello che vorrei, finisco per pasticciare la storia facendo poca attenzione alla punteggiatura…
      Cercherò di impegnarmi di più e di non deludere le aspettative… Grazie ancora! Questo commento significa davvero molto per me… 😀

  • Di certo non si mette a scattare delle foto ad un ragazzo (?) nudo.
    Scappare? No. Altrimenti quando recupererà il guanto?
    Quindi sviene, per poi risvegliarsi appena fuori casa. Magari riprenderà i sensi grazie al padre (o patrigno?).

    Va bene che non abbiamo alcun tipo di restrizione sul periodo di pubblicazione, cioè che possiamo postarli quando vogliamo, ma non credo che mettere più episodi nello stesso giorno possa “giovare” alla tua storia.

    • Potrebbe semplicemente scattare una foto a vuoto per distrarlo e riprendersi il guanto(?)…
      In ogni caso, mi sono sentita in dovere di pubblicare un nuovo capitolo semplicemente perché ne avevo voglia. Per cui, capisco perfettamente ciò che intendi ma, essendo una persona profondamente istintiva, non sono riuscita a resistere! Cercherò di evitare…

  • Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

    Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

    Chiudi