Quando il suono sorpassa le parole

Dove eravamo rimasti?

Quale sarà il titolo del prossimo episodio? La triste e dura realtà (70%)

La triste e dura realtà

Le ultime parole del Cavaliere colpirono Aileen al cuore; provò all’istante delle fitte dolorosissime. La sua pelle divenne bianca come il latte, trattenne il respiro: il suo volto era colmo di dolore. La sua mente era come pietrificata: Aileen non sapeva più cosa pensare, cosa credere. Rimase muta con lo sguardo vuoto. Vacillò impercettibilmente, ma per fortuna Clark lo notò e la sorresse sul dorso del drago, mentre volavano ancora a più di mille metri di altezza.

Dopo un breve, ma intenso silenzio, fu Clark a rompere il ghiaccio: “Dobbiamo tornare a Weeping Willow Village!” urlò al Cavaliere, che si girò a guardarlo. “Non possiamo, lo sai!” gli rispose costui, senza girarsi. “Invece sì! Torniamo a casa. Dobbiamo risolvere la situazione!” ribatté Clark, deciso.

In quell’istante Aileen finalmente alzò lo sguardo e scosse la testa: “Sono d’accordo! Dobbiamo tornare indietro! Non ci hai neanche detto dove ci stai portando!”

Il Cavaliere strattonò il drago facendogli perdere quota e rispose: “Vi sto portando in salvo, nella Terra di Nessuno, dove nessuno può trovarvi. Tornare indietro sarebbe come buttarsi tra le braccia ai nuovi Sovrani Assoluti dei Sette Regni!”

Clark non volle demordere: “Pensavo che tu, fra tutti, dopo tutto quello che hai passato emarginato in un mondo sperduto del quale nessuno era a conoscenza avessi capito! Weeping Willow è la nostra città, la nostra casa. Tutti i nostri amici e familiari si trovano ancora là, in pericolo!”

Aileen fu scossa da un brivido. Chissà cos’era successo a tutti i suoi amici.. Si ricordò dell’allagamento di casa sua, durante la tempesta.. e le venne la pelle d’oca. “Clark ha ragione. La nostra vita è unita a quella degli abitanti di Weeping Willow. E non solo! Dobbiamo tornare per fermare Lucas e Marcus prima che distruggano anche gli altri Regni!” urlò, trattenendo a stento le lacrime che le stavano bruciando gli occhi.

Il Cavaliere non rispose. Continuò a fissare il cielo sempre più scuro davanti a sé e a guidare Zampa verso la sua meta lontana, come se nulla fosse. Finché..

Clark tirò il Cavaliere per i capelli, trascinandolo all’indietro. Il Cavaliere urlò e cercò di liberarsi. Il drago scattò anch’esso all’indietro facendo fare a tutti e tre il giro della morte.

Aileen capì l’intento di Clark e lo aiutò a tenere fermo il Cavaliere, che continuò a dimenarsi, furioso. Il drago era confuso, sbraitava, non capiva che strada doveva seguire. Clark fece segno ad Aileen di tenere il Cavaliere immobilizzato e di tenersi il più stretta possibile al dorso del drago. Dopodiché si alzò in piedi e con non poche difficoltà riuscì a prendere il posto anteriore sul dorso del drago, potendo adesso pilotare Zampa di nuovo verso Weeping Willow.

“Voi siete pazzi! Ci farete uccidere!” gridò il Cavaliere, irritato. “Non ci hai lasciato altra scelta!” gli rispose Aileen, molto determinata. Il Cavaliere sembrò rassegnarsi: “E va bene. Fate come volete, a me ormai non interessa più vivere o morire. Cercavo semplicemente di riportarvi in salvo, soprattutto te, ragazzo. Dopo tutto quello che hai combinato, sai bene che adesso che i tuoi cari amici sono diventati più forti, non ti risparmieranno per il tuo tradimento.”

Aileen guardò Clark, confusa. Era vero, mancava ancora un pezzo di storia, che non le hanno raccontato. Il Cavaliere aveva detto, che tre ragazzi hanno trovato un libro e che hanno deciso di fare l’incantesimo. Se Lucas e Marcus erano diventati Sovrani Assoluti.. il terzo chi era? Clark?!

“Clark, dimmi la verità, subito!” lo incitò, tremando di paura e dolore.

Clark strattonò il drago, che cominciò a volare molto più veloce. “Ci stiamo avvicinando alla nostra città!” disse, evitando l’occhiata addolorata e la domanda disperata di Aileen.

“Per favore!” gemette Aileen. Le lacrime le rigarono il volto. Clark, sentendo il tono della sua voce, non riuscì più a trattenere il segreto in sé.

Con voce molto scossa, raccontò: “Io, Lucas e Marcus abbiamo trovato il libro. Marcus volle fare l’incantesimo e anche se all’inizio ero contrario, dopo tutte le sue parole mi sono lasciato convincere. E così gli ho seguiti. Avevamo iniziato le prime fasi dell’incantesimo, quando ho notato che Marcus e Lucas stavano diventando sempre più spregevoli. Parlavano di distruggere città, di schiavitù.. Io mi ribellai. Mi conosci! Devi fidarti di me, se ti dico, che sono diverso da loro. Per un po’ cercai di farli ragionare, ma non mi ascoltarono! Così mi arrabbiai e dissi loro che volevo interrompere il mio incantesimo. Non la presero molto bene.. fecero cambiare le leggi della città e mi bandirono, inventandosi una serie di menzogne. Quando è scoppiata la tempesta, loro hanno fatto cadere i mondi.”

Quando concluse si voltò verso Aileen, preoccupato. Lei lo guardò con un’espressione che lo fece rabbrividire. Oh, cosa aveva combinato!

“CLARK, ATTENTO!”

Zampa sbraitò fortemente  e smise di volare. Cominciarono a roteare in tondo, cadendo sempre più velocemente, precipitando incondizionatamente verso il suolo.

Nel prossimo capitolo:

  • Il Cavaliere si prenderà cura di Zampa e litigherà con gli altri due personaggi perché non lo hanno ascoltato fin dall'inizio (55%)
    55
  • Aileen, Clark e il Cavaliere proveranno a salvare Zampa, ma verranno attaccati (9%)
    9
  • Aileen, Clark, il Cavaliere e Zampa riporteranno una serie di ferite, a causa delle quali un personaggio non riuscirà a proseguire la storia (36%)
    36
Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

89 Commenti

    • Grazie mille TiaShe!! 🙂 Sei sempre stata gentilissima e non ti sei persa neanche un capitolo, perciò ti ringrazio davvero tantissimo!! 😀
      Sono felice che ti sia piaciuta quella scena, è anche una delle mie preferite 😉
      Quando avrò un po’ più di tempo (dopo gli esami hihi) scriverò un nuovo racconto! 🙂
      Alla prossima 🙂

  • Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

    Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

    Chiudi