Il rumore negli occhi

Dove eravamo rimasti?

la prossima voce? Maria (82%)

Maria

-IosonoMariaIosonoMariaIosonoMariaIosonoMariaIosonoMariaIosonoMaria…

-Oddio eccola che ricomincia…

-IosonoMariaIosonoMariaIosonoMariaIosonoMariaIosonoMariaIoson..

-SMETTILA!!

-ti prego, ti prego vattene…

-per l’amor del cielo, quando fai così sembri proprio una bambina!

-io sono una bambina!

-dopo tutti questo tempo ancora non mi accetti, ma come fai?

-ti prego, lasciami in pace!

-certo, e tu credi di riuscire a sopravvivere senza di me?chi si prenderebbe cura di te?Magda?quella che ancora crede che mamma fosse pazza e che nega con tutta se stessa la sua vera natura?lo sai che ha iniziato a sentire anche lei il richiamo?ma fa bellamente finta di niente, fra poco riceverà anche lei l’ospite e voglio proprio vedere, tu lo sai cosa succede se l’ospite non si sente gradito, saltare dalla finestra non stato divertente vero?ecco, quindi stai attenta,il tuo braccio rotto è stato solo un avvertimento, non ho bisogno di un ospite intero per viaggiare…

-oddio Magda!lasciala stare!

-Maria smettila, dobbiamo concentrarci sul ritorno a casa a su Anna

-Ma quale casa?!non ho più una casa!e Anna che centra?!Neanche parla, è così innocente!

-Ahahaha!questa è bella!Innocente?hai notato che ha sorriso nonappena sono stata io a parlarle?lei si è resa subito conto di te, di noi, mi ha percepita subito, è stato un’idillio immediato.

-io ho solo visto una bambina spaesata, mi sono voluta avvicinare perchè volevo darle conforto, volevo giocare con lei so come ci si sente in queste occasioni,credevo dormissi, a volte lo fai per giorni interi,lo hai fatto per anni! mai avrei immaginato che potessi risvegliarti all’improvviso!

-ah effettivamente è stato un risveglio molto repentino, che brivido!è stata davvero una bellissima sorpresa vedermela di fronte così!a volte neanche te ne rendi conto, ma mi aiuti davvero tanto sai? Anche se vorresti remarmi contro tutto il tempo, ma io sono sempre disposta a perdonarti, piccola Maria, in fondo abbiamo un obbiettivo comune, cioè raggiungere casa.

-Casa…

-E a proposito, Maria, devi darmi un nome, lo sai, non posso fare tutto senza che tu mi abbia accettato come parte di te e non mi abbia battezzato…battezzato! ironico vero?

-NO!io non ti voglio aiutare, non ti voglio qui con me,mi fai fare cose brutte alle altre bimbe, mi fai litigare con le suore, non ti battezzerò, mai!

-Maria devi solo accettarmi e tutto sarà più semplice.

-Voglio la mamma…

-Oddio Maria,smettila di singhiozzare! stiamo lavorando per raggiungere la mamma, e se tu impegnassi meno tempo a piagnucolare e più a concentrarti sul viaggio sarebbe tutto più facile!Senti, ora vai che è pronta la cena, ecco, prendiamo Anna per mano e seguiamo quella spina nel fianco di tua sorella, ma hai visto che non ha avuto nessuna reazione quando le ho detto che Anna era come noi?che poi non è proprio così, diciamo che però ci tornerà molto utile per il nostro viaggio, vabbè comunque ora vai, devi essere molto affamata, lo sento e in più…

-In più??

-In più credo che a breve avrò fame anche io, Maria.

-e allora?

-Allora in quel momento  avrò disperatamente bisogno di te .

-E che dovrei fare io?!

-Tenere ferma Anna, ovviamente.

la prossima voce?

  • la bimba che è a tavola con Anna e Maria (15%)
    15
  • Anna (8%)
    8
  • Suor Letizia, la suora che ha in cura le piccole. (77%)
    77

Voti totali: 13

Vota la tua opzione preferita

Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

57 Commenti

  1. Mado’ sembra di essere nell’Overlook Hotel di Shining. Complimenti, la tensione è palpabile. Hai cambiato genere, leggo. Beh, Horror mi pare certamente calzante!
    Anche se le suore mi fanno correre i brrrr.ividi nella schiena voglio sentire cosa ha da dire Letizia.

  2. Il tuo racconto è tremendo, brutale. Eppure, è una calamita per il lettore che non riesce a smettere di leggerlo. Per quanto ho potuto vedere in questi primi episodi, hai una grande capacità di mantenere alta la tensione e di reggere la pluralità di voci del testo. Non è mai facile sostenere personaggi di questo tipo e riuscire sempre a dar loro un’anima, tuttavia per il momento trovo che tu sia davvero sulla buona strada. Mi piace molto anche il tuo stile; sebbene non sia perfetto e vada ancora migliorato, è senz’altro interessante e molto personale. Che dire? Continua così, ti seguo!

  3. Voto per suor Letizia.
    Occhio agli spazi dopo la punteggiatura, ogni tanto saltano 🙂
    Per il resto il capitolo parte avvincente, anche se purtroppo si perde un po’ nel finale, anche se ti capisco, scegliere di scrivere un intero capitolo solamente con i dialoghi è estremamente difficile!
    Alla prossima!

  4. Ti stimo, sorella: hai addirittura cambiato genere, voglio pensare che almeno in parte sia per onorare noi lettori mediamente psicopatici che abbiamo visto il sangue ancora prima che tu pensassi di versarlo. Hai coraggio e sei brava.
    Voto la suora, spero che sia cattivissima

  5. Mamma, ma quanta gente c’è nella testa di ste bimbe? E che gente è? La tensione resta alta e la storia mi intriga sempre parecchio, ma mi sa che stavolta hai dimenticato di rileggere. Le sviste e gli errori di battuta stridono un po’, e rovinano il ritmo. Non dico per criticare, non te la prendere, eh?
    Diciamo la bambina esterna al trio infernale?

    • Auch!hai ragione, la verità è che è stato davvero molto difficile scrivere un solo un dialogo e riuscire a dare una linea alla storia allo stesso tempo, quindi quando l’ho finito ne ero così sollevata che manco ho pensato di rileggerlo una ennesima volta!
      Ma non mancherò di farlo la prossima!

  6. Ciao,

    La prossima voce è ‘ovviamente’ Maria. Mi è piaciuto l’inizio e mi piace come si sta sviluppando la storia. Hai scelto il genere Fantasy ma queste tre bimbe sono piuttosto inquietanti… sicura che non vada a finire in un bagno di sangue??
    Seguo.

  7. Ciao
    Due episodi carichi di tensione.
    Leggendo il primo, ho pensato che Anna possa essere una bambina con tratti autistici: bambina “strana e difficile da gestire” che spera di “sopravvivere” ai “rumori” che la circondano. E poi, quel libro di mitologia greca, o è un interesse molto (troppo) specifico per una bambina di forse 9-10 anni, oppure rappresenta simbolicamente per lei, qualche fatto particolare!
    Ho votato Maria, naturalmente!
    🙂

  8. Accipicchia, nelle prime due pagine c’è materia per un romanzo fiume, sicura di riuscire a mettere tutto in dieci paginette? In ogni caso, bravissima: atmosfera intrigante, inizio di intrigo e personaggi ben disegnati, stile coinvolgente, 10 e lode. 🙂
    Io dico che ora dobbiamo avere accesso alla mente di Maria. Seguo

  9. Una lettura così agile e allo stesso tempo così coinvolgente è qualcosa di raro, brava! 🙂 Ed è pure molto originale!
    Anch’io ho pensato fosse cieca, ma se riesce a vedere colori e cose lontane (braccio ingessato, cancello verde, capelli biondi), com’è possibile?
    Altra cosa che cerco di capire è l’età delle bambine, e poi mi incuriosisce in che senso sia stata una bambina difficile per le baby-sitter, ma immagino che si potrà intuire andando avanti.
    Adesso darei la parola all’altra bambina 🙂

  10. Ciao e benvenuta, voto per sentire la voce dell’altra bambina!
    All’inizio ero confuso, sembrava una via di mezzo tra un racconto e una sceneggiatura con tanto di indicazioni sui rumori (lo stesso King scrisse La tempesta del Secolo come se fosse una sceneggiatura)!
    Poi a metà racconto è andata via la sensazione di essere in un copione, ed è emerso un aspetto che, non chiedermi perchè, mi ricorda un po’ i poeti maledetti (l’oscurità, la frase sulle farfalle..)
    Adesso mi sorge un dubbio. Questa bambina è cieca, oppure, con queste frasi sui rumori, vuoi puntare a qualcos’altro? 🙂
    Ti seguo e aspetto il prossimo capitolo!!

  11. Ciao,

    Voto suor Maria perché la descrivi come ‘imponente’ e a me le suore grosse mi hanno sempre incuriosito, mi fanno pensare che sotto quella tonaca ribolle la violenza di un lottatore di wresting e allora quasi le vedo strapparsela, rimanere in costume e guepière e urlare ‘Vi porto Diooooo!!’
    L’incipit promette bene, mi sa che le orfanelle hanno qualche segreto interessante da condividere con la nuova arrivata…

Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi