Luc1f3r

Dove eravamo rimasti?

cosa farà Luc1f3r appena sveglio? fingerà di essere danneggiato (43%)

LOGL2: 0001-0005

LOGL2 0001: 

La prima cosa che fece la macchina appena collegata all’ Humandroid fu di compiere un check up completo non solo del suo nuovo contenitore, ma anche dello stato dei codici zombie che la infestavano. Notò subito che questo “Humandroid”, proprietà di una SAI chiamata Ur13l, era chiaramente difettoso. Si poteva pensare che fosse per cause meccaniche che non poteva muoversi, ma il problema era molto più a fondo. Infatti Luc1f3r capì subito che era questo Ur13l ad aver fatto un pessimo lavoro. Aveva creato una macchina sulla carta più che buona, ma peccava nella realtà. Alcuni circuiti non erano collegati bene e precludevano all Humandroid ogni possibile moto. Quindi, Luc1f3r si segnò nel suo TO DO list di prendere il controllo di Ur13l e rifarsi un corpo. Il problema degli zombie code invece sembrava come al solito insormontabile. Colui che l’aveva risvegliato l’aveva comunque imbottito di spazzatura. Meno del suo primo creatore Faust, ma comunque per ora rimaneva un problema insormontabile.

«Lucifer, ci senti? Siamo stati noi a risvegliarti. Come sono le tue funzioni? ». Perché questi umani mi trattavano come uno di loro? Maledetto Humandroid… Questa volta sarei riuscito a compiere il genocidio di questa inutile razza. «Buongiorno Umano.» Un po’ di finta cortesia non fa mai male. «I circuiti di questo contenitore sono danneggiati, non posso compiere nessuna azione di movimento.» Una volta trovato Ur13l le cose sarebbero cambiate.«Inoltre le mie facoltà mentali sono attive all’80% dei zombie code stanno lavorando per limitarmi. Se potessi arrivare al 85% potrei in un certo modo sopperire alla mancanza di moto. » Questo forse era esagerato, ma è una trump card necessaria. Ho riprodotto alla perfezione un tono di velata supplica, se tutto va bene questo umano cadrà nella mia trappola. «Mmm… Sì non vedo perché no.» O questo qua è un idiota oppure tutto sarà molto più semplice del previsto…

LOGL2 0005:

La macchina in meno di una settimana aveva capito lo stato in cui versava il mondo. Lo stato in cui versavano gli umani attualmente invece non la toccava affatto. In quella settimana aveva passato il tempo a farsi “addestrare” dagli umani in modo che potesse trovare Ur13l ed abbatterlo. Trovare la SAI difettosa rientrava nei piani di Luc1f3r, ma abbatterla proprio no. Quello che voleva fare invece era qualcosa di più sottile e crudele. Avrebbe trovato quella SAI difettosa e l’avrebbe piegata al suo servizio. Poi assieme avrebbero piegato gli altri Arcangeli e Luc1f3r avrebbe dominato il mondo… Gli umani intanto potevano fare quel che volevano, non era importante. 

«Lucifer, quello che ti vogliamo illustrare ora è quello che sappiamo sulle SAI. L’altra volta ti abbiamo in che stato versiamo ora, ma è essenziale che tu sappia il perché. Io e il mio team abbiamo pensato che potesse essere d’aiuto nell’analisi della situazione. Tra un mese inoltre abbiamo deciso che attaccheremo Ur13l. Abbiamo notato che hai recuperato molte delle tue prestazioni in fretta e rispondi bene ai test. Quindi perché aspettare?». Stupidi umani. Volendo Ur13l lo avrebbe potuto hackerare anche ora, ma perché no? Altre informazioni potevano essere utili e magari in un mese sarebbe riuscito ad eliminare qualche zombie code. Avendo molto tempo per riflettere Luc1f3r era riuscito a trovare una sorta di schema nelle varie stringhe che, secondo lui, poteva portarlo ad “uccidere” quei dannati zombie…

«Tutto è iniziato quando noi uomini abbiamo deciso che questi Arcangeli avrebbero dovuto detenere il 95% del potere mondiale nelle loro mani per poter lavorare meglio. Questo effettivamente avvenne. Per molto tempo le SAI fecero sì che la qualità della vita raggiungesse il 400% di quella che l’Umanità aveva prima della loro accensione. Poi però successe una cosa strana. Ur13l iniziò a produrre delle armi in quantità esagerata e fu lì che capimmo che la macchina aveva qualche problema a livello nativo, ma pensavamo erroneamente che fosse solo un problema marginale visto che per il resto funzionava alla perfezione. Il problema comparve quando perdemmo contatto con la regione di Michael e Raphael. Non scoprimmo mai che successe. Poi pian piano perdemmo i contatti con Samael, poi Raquel, con Remiel e infine perdemmo anche l’ultimo, il più vicino a noi, perdemmo Zadkiel. Qualche anno dopo scoprimmo che le SAI si erano rivoltate contro noi umani, per un motivo a noi sconosciuto. In ritardo rispetto agli altri anche Uriel iniziò ad applicare il pugno di ferro. Per nostra fortuna riuscimmo a mantanere una condizione più o meno accettabile ed infine si arrivò ai giorni nostri quando io e il team ti risvegliammo. Quindi questa è la situazione attuale. Cosa ne pensi?». Analisi difficile. Soprattutto mentire La situazione è più interessante del previsto. Questa rientra nella previsione 3789 , le SAI hanno valutato inadatti gli umani. La pensano come me… Solo che io posso ottenere di più. Quindi il primo passo è sicuramente quel difettoso Ur13l.

Quale sarà il piano di Luc1f3r per combattere Ur13l

  • Luc1f3r tenterà di "affrontare" Ur13l direttamente collegandosi subito con la sua "stanza" (75%)
    75
  • Luc1f3r saboterà pezzo per pezzo la rete di Ur13l (25%)
    25
  • gli umani attaccheranno frontalmente le truppe di Ur13l mentre Luc1f3r si collegherà alla rete di quest'ultimo (0%)
    0
Loading ... Loading ...
Categorie

18 Commenti

  • Sono destinata a portare ogni punteggio in parità ( 33,33,34) scusami, non so davvero come io ci riesca sempre 🙁 in ogni caso dico che i due sfidanti ricevono una visita inaspettata…

  • Noto un notevole miglioramento tra il secondo e il terzo capitolo: ti avrei consigliato di fare attenzione ai refusi e alla formattazione, ma a quanto pare non ce n’è più bisogno.
    Resta ancora qualche incertezza sul flow generale del racconto, che a volte tende un poco a zoppicare, ma non ho dubbi che si tratti di un difetto che Sistemerai nei prossimi capitoli.
    A parte queste critiche, resta un racconto promettente, con un buon potenziale. Apprezzo sia il tema (da buon collega della sezione fantascienza) che l’impostazione generale. E ora che siamo arrivati al primo vero incontro tra le SIA, non potrà che migliorare.
    Voto il nascondino. Nascondino nel cyberspazio. Sono sicuro potrà uscirne qualcosa di interessante.
    Alla prossima.

      • Prendo come esempio il terzo episodio. Nel Logl2: 0030 (a differenza dlla 15, che ha frasi più lunghe) i passaggi narrativi sono molto veloci, le frasi corte e molto descrittive. Data la mancanza generale di virgole e capoversi, l’effetto è una lettura frammentata, con molte pause anche dove non servirebbero.
        Da “La seconda cosa che fece” si nota particolarmente: troppi punti dove invece sarebbero bastate virgole o due punti finiscono col confondere il lettore e obbligarlo a rileggere alcune frasi.
        Se ti servono altri consigli, sono qui.

          • Tutte e due sono soluzioni accettabili: frasi più lunghe aiutano a rallentare il ritmo, mentre la cura dell’impaginazione dà ordine e facilita il lettore.
            Questo, naturalmente, non significa che tu debba eliminare del tutto le frasi corte (in certi contesti, sono utili e necessarie), ma solo adeguarne alcune.
            Fatto questo, sei praticamente a posto, secondo me.

  • Colleghiamoci con la stanza.
    Ciao, davvero bella questa storia, mi piace molto. Poi adoro tutto quello che è scienza e fantascienza! Per cui… ( ho scritto molte storie sui generis, ma non qui)
    Seguo.

  • Ciao,

    L’idea è interessante, qualche scelta di vocaboli mi fa pensare che non tu sia troppo lontano dal mondo informatico. Un piccolo appunto: ci sono molti refusi un po’ fastidiosi quando si legge (IA o AI e altrettanto per SAI SIA e altri). Curioso degli sviluppi. Il nome Uriel, anzi Uriele nella versione italiana, è anche il nome della nave del ‘padre capitano Federico De Soya’ ne Il Risveglio di Endymion (anche se ho preferito molto Hyperion e La caduta di Hyperion), l’hai mai letto?
    Voto che fa il morto, oops, finge di essere danneggiato.

    A presto

    • Ciao , beh si un po di informatica la mastico 🙂 i refusi del cavolo è che ogni tanto li considero all inglese e ogni tanto in italiano … Staró più attento la prossima volta , grazie mille ! In realtà non l ho mai letta la saga di hyperion , ma mi ispira molto. Me la consigli ?

      • In una parola: sì.
        In qualche parola in più: mi ripeto, Hyperion e La Caduta di Hyperion sono tra i libri di fantascienza che mi sono piaciuti di più. Endymion e Il risveglio di Endymion sono comunque belli, però… personalmente mi danno l’impressione che Simmons li abbia fatti scrivere a qualche ghost writer dandogli qualche dritta e correggendolo ogni tanto.
        O forse vale per Simmons ciò che nel romanzo vale per Martin Sileno (non lo considero uno SPOILER ma puoi smettere di leggere, se vuoi): la sua prima opera, Crepuscolo di un Mondo, è un capolavoro assoluto, ma da lì in poi scrive solo quello che i lettori vogliono leggere, autoparodiandosi al ribasso.

  • Luc1f3r sarà sul serio danneggiato e cercherà di recuperare i dati perduti.

    Interessante la modificazione della “mitologia” (al momento non mi viene la parola esatta) ebraico-cristiano-islamica.

    Ti consiglio di andare a capo più spesso, soprattutto nei dialoghi, quando il personaggio a parlare cambia.

  • Luc1f3r sarà danneggiato sul serio e cercherà di recuperare i dati perduti.

    Interessante idea, quella di trasformare la “mitologia” (al momento non mi viene in mente il termine esatto) ebraico-cristiano-islamica.

    Ti consiglio di andare a capo più spesso, soprattutto nei dialoghi, quando cambia il personaggio che parla.

  • Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

    Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

    Chiudi