LA CONSEGNA

Dove eravamo rimasti?

Come prosegue la storia? I ragazzi continuano a parlare con la Morte (100%)

La Consegna - 8 (Follia)

-Che cazzo vuoi tu?!?!-

Andrea non poteva credere alle sue orecchie. Erano tre anni che quella quatr’ossa, coma la chiamava lui, gli stava vicino suggerendolo, salvandolo nei momenti più difficili, confortandolo nei momenti più cupi, e solo ora che era imprigionata da un rosario bianco vicino un camino spento si decideva a sputare fuori il rospo. Il giovane aveva chiesto molte volte perché la stessa Azrael, l’angelo della morte, colei attraverso cui il Signore punì gli egizi con la settima piaga, avesse così a cuore la sua vita.

Lei ripeteva sempre “Perché sei speciale, sei il figlio della Consegna”, e dopo questa risposta puntualmente spariva per rifarsi viva quando voleva.

-Un figlio, Andrea. Voglio un figlio da te.-

-Ma perché voi angeli potete avere figli?-

-Io posso, e DEVO.-

Andrea si alzò dalla sedia, aprì la dispensa per prendere un bicchiere e una bottiglia di amaro Montenero, poi si versò un bicchiere quasi colmo.

-Lo vedi che faccio? Sono quasi le sette di mattina e mi frego un bell’amaro, alla faccia tua. Pensi che potrei essere un buon padre?-

-Non essere idiota! Non sai quanto tutto ciò sia importante. Abbiamo bisogno di te, di un tuo figlio, di NOSTRO FIGLIO.-

-Ma vaffanculo cammina. Stefano! Digli tu qualcosa, altrimenti la caccio a zampate in culo.-

-E dai cazzo pure tu, è comunque una donna.- gli rispose il fratello maggiore, che era rimasto appoggiato ad una parete a braccia conserte. Andrea pose anche a lui un bicchiere di amaro, però pieno solo per metà. 

Stefano gradì l’offerta, poi chiese alla prigioniera: -Capisco che sono brutto, pelato, con la barba e la faccia cattiva, ma mi spieghi perché proprio lui e non io? Perché mi vuoi morto? Hai ancora problemi con i primogeniti?-

-Perché ti dispiace che quella vuole andare a letto con me e non con te?- gli rispose Andrea facendosi una risata.

-Smettetetela di fare i coglioni, voi non avete idea di quanto il destino del Creato dipenda dalla nostra unione!- urlò Azrael, con le lacrime agli occhi.

-Voi due non dovreste neanche esistere, siete nati per mezzo di un libro che non dovrebbe esistere. Il Padre e quel suo folle gesto di dare tutto quel potere ad una sola donna… A un essere umano elevato al di sopra tutti gli spiriti nobili del cielo! Sapevamo che prima o poi sarebbe accaduto, che da quel maledetto libro sarebbe stata generata una progenie con lo stesso potere di quella donna, e non potevamo tollerarlo, non dal Padre!-

Andrea non capì quello che Azreael aveva appena detto. Una donna aveva scritto la Consegna? Una donna elevata sopra tutti gli angeli del cielo? Che diavolo stava dicendo?

-Ora capisco…- rispose Stefano, -Tu non vuoi solo un figlio, tu vuoi un nuovo Dio.-

-Un nuovo Dio? Ma tra l’unione di un angelo e un essere umano non dovrebbe nascere solo un mezzosangue? E poi chi cazzo è questa donna che ha scritto la Consegna?!- chiese Andrea sempre più confuso.

-Certo che dei quel libro non c’hai mai capito un cazzo. E’ Maria, la donna che fu scelta da Dio come madre di suo figlio sulla Terra perché priva del peccato originale, assunta poi in cielo e posta dal Signore più in alto dello stesso arcangelo Michele nella lotta contro il male. La Consegna l’ha scritta lei.-

-Ah… E perché proprio noi saremo i figli della Consegna? Il libro è custodito dalla nostra famiglia da non ricordo quanto tempo, neanche so come ce lo siamo ritrovati in mano. Dopo tutti questi secoli proprio a noi deve rompere palle questa?.-

Stefano non sapeva cosa rispondere, ma a questo pensò la stessa Azrael: -Per secoli la vostra famiglia ha custodito il libro, sapendo quanto fosse importante e pericoloso. Ma cadere in tentazione è inevitabile per gli essere umani, come lo fu per i vostri genitori. Non potevano avere figli, il Padre aveva negato loro questa possibilità, ma trovarono in quel libro la soluzione al proprio desiderio. Voi siete nati per mezzo della Consegna, siete figli della parola del Signore scritta per mano di quella donna.-

-Aspetta un attimo,- gli rispose Andrea, -com’è possibile che la Madonna abbia scritto la parola del Signore su un libro? Un libro di esoterismo poi? Non vale la più storia che la parola del Signore può essere proferita solo oralmente e che quello che viene scritto è opera del diavolo? O qualcosa del genere, non mi ricordo.-

-Non per chi è senza peccato.- rispose Stefano, -La Madonna poteva scrivere direttamente ciò che il Signore gli ha passato perché ha ricevuto il permesso di farlo. Lei era  ed è al di sopra a tutti gli esseri mai creati, i poteri che le sono stati concessi sono secondi solo a quelli di Dio stesso. Solo una cosa non mi è chiara…-

Stefano prese una sedia e si sedette di fronte Azrael: -Visto che siamo nati dalla parola di Dio scritta dalla Madonna la nostra unione con un angelo non genererebbe un comune Nephilim, ma qualcosa di più giusto? Però perché hai scelto mio fratello e non me? E soprattutto, visto che prima parlavi al plurale, tu e chi altri state progettando questa follia?-

Altri 2 episodi e il racconto finalmente concluderà (scusate l'infinita assenza, ma l'ispirazione è tornata solo ora.) Come prosegue?

  • Decide l'autore (0%)
    0
  • Appaiono gli altri 3 angeli dell'apocalisse (33%)
    33
  • Appare il diavolo (67%)
    67
Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

23 Commenti

  • Ok ho sbagliato, non è 3 ma 4 ovviamente XD

    Comunque, chiedo scusa per il forte ritardo nel pubblicare il quarto episodio ma a causa di motivi personali non ho potuto dedicare tempo al racconto.
    Spero di di poter essere perdonato e riprenderò a pubblicare con più regolarità.
    Grazie a tutti!

      • Scoprire nel senso far apparire 😉 non esiste mai un troppo presto in un romanzo 😛
        Su l’uomo nero, cercavo di dargli un volto mentre leggevo e me lo sono un po’ immaginato come un demone , poi non so era solo una mia impressione da lettrice di Horror 🙂 Ognuno interpreta ciò che legge a suo modo, il nostro compito è quello di appassionare le persone con il nostro racconto, e tu in questo ci sai fare 🙂 a pesto 😉

  • Mi scuso per il ritardo e per non aver risposto a tutti, ma in questi ultimi 10 giorni sono stato molto impegnato col lavoro. Ora però mi sono rimesso all’opera, ringrazio tutti per i voti e i commenti e spero che il seguito della storia possa continuare a piacervi!

  • uao,che dire, è semplicemente mozzafiato,mi piace molto come scrivi … complimenti 🙂 riesci a farmi immedesimare nella scena,e, a farmi provare terrore ed angoscia pura … non vedo l’ora di leggere il seguito,questo racconto è meglio di un film horror.Bravissimo,ti seguo

  • Ero indeciso tra “Sì” e “Arriva il fratello”. Nonostante io abbia votato per la prima, spero che ci sia un pareggio tra le due, perché mi immagino che il protagonista pronunci il nome poco prima dell’arrivo del fratello. O forse era questa, la tua idea per il sì?

  • Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

    Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

    Chiudi