LA CONSEGNA

Dove eravamo rimasti?

Altri 2 episodi e il racconto finalmente concluderà (scusate l'infinita assenza, ma l'ispirazione è tornata solo ora.) Come prosegue? Appare il diavolo (67%)

La Consegna - 9 (Tu sei mio)

La luce sembrò improvvisamente essere inghiottita da una profonda tenebra fredda. Fu un attimo, una sorta di salto temporale che portò Stefano e Andrea nella peggior situazione che forse avevano mai vissuto. I loro corpi furono sbattuti alle pareti della stanza, con le braccia distese come se fossero crocifissi. Le spalle pressavano così forte ai muri da strozzare il respiro ad entrambi. Un istante, e Azreael fu libera, faccia a faccia con Stefano.

-Tu dovevi morire.-

Il ragazzo respirava con così tanta fatica da non riuscire neanche a parlare.

-Dovevi sparire, solo così tuo fratello sarebbe caduto in una disperazione tale da concedersi finalmente a me. Non dovevi sopravvivere al capanno nel bosco, avresti fatto meglio a rimanere lì dov’eri finito.-

La mano dell’Angelo della Morte si posò sul petto di Stefano. Sentì il suo cuore battere con una forza tale da rimbombargli quasi nel cranio. Mentre provava la sensazione della vita che lentamente abbandonava il suo corpo sentì quel debole e tremendo sussurro che fin da bambino aveva udito nei suoi sogni più oscuri.

Tu sei mio… TU SEI MIO…

Andrea si fece forza e iniziò a imprecare e contorcersi nel tentativo di svincolarsi da quella morsa. Nonostante il torace sembrava schiacciarsi a soffocare i suoi polmoni, tentava con tutte le sue forze di staccarsi da quella maledetta parete per correre a salvare il fratello, ma era tutto inutile.

TU SEI MIO!!!

Nel mezzo della stanza vi era lui, Lucifero, con in mano il rosario che Azrael aveva  avuto addosso, in fiamme.

A Stefano finalmente fu tutto chiaro. La sua morte, il volere dell’Angelo della Morte di concepire un figlio da un uomo senza peccato originale, la volontà del Diavolo di fare suo un’essere dall’anima immacolata da poter corrompere con l’essenza più oscura del peccato originale, rendendolo il suo servo più forte.

-Stefano, Andrea… Figli della Consegna, è questo il vostro destino. Voi siete il tramite per un nuovo inizio, il NOSTRO INIZIO. Per mezzo di voi questo mondo sarà ricreato, con l’oscurità portata sull’umanità dal fratello maggiore e il frutto della conoscenza del minore che, unito al frutto della vita dell’angelo che ha il potere della morte, ci darà un nuovo Dio. E’ tempo di far sparire il nostro Padre e di cancellare tutti gli errori da lui commessi. Il suo grande giardino, l’intero Creato, sarà distrutto per fare posto a un mondo puro e senza la feccia del genere umano. Voi, esseri così miseri a cui è stata data la capacità di SAPERE nonostante l’effimera vita che vi attende, sparirete per sempre. Il Padre vi voleva custodi di questo giardino, ma ciò che avete fatto è stato di sfruttarlo senza rispetto fino a portarlo alla distruzione Credete davvero che la mia tentazione verso Eva fosse la causa del peccato originale? Oh no, non è così che è andata. Quando il Padre donò al genere umano il frutto della conoscenza non si rese conto di cosa potesse accadere se questo frutto si fosse unito al nostro, il frutto della vita. Allora mi mossi troppo in fretta, e il Padre marchiò voi uomini col peccato affinché questi frutti non potessero mai unirsi, per questo i Nephilim non furono mai divini, ma solo degli insulsi incroci tra angeli e esseri umani. Ma non fu quello il PECCATO ORIGINALE. Il vero peccato fu il mio, IL TRADIMENTO. Io, il primo tra i figli, tradii la fiducia di mio Padre e fui condannato al supplizio eterno per questo. Fui condannato perché avevo visto cosa avreste fatto al Creato, e lui per tentare di redimervi addirittura si è incarnato tra voi permettendo ad una miserevole donna di nascere senza peccato e partorire se stesso tra gli uomini, per poi farsi crocifiggere come il più misero degli schiavi. Che schifo. Per troppo tempo ho pagato per colpe che non ho meritato, ma ora finalmente a pagare sarà LUI.-

Stefano riuscì a spiccicare quattro parole: -Azrael, tu non puoi…-

-IO DEVO.-, rispose l’angelo, -Io sono la Morte, l’unica ad avere il potere di decidere chi vive e chi muore e a portare le vite di coloro che muoiono dal Creato al Regno Eterno. Ma ciò che sta accadendo ora è che l’intero Creato sta morendo, e non posso permettere che accada, NON VOGLIO, anche se questo significa andar contro il volere del Padre. Tutta questa creazione, il grande Giardino, non è un dono che meritate. Il Padre è vecchio e stanco, ed è dovere dei figli prendere il suo posto. Ora MUORI, e rinasci dagli Inferi come spirito distruttore dell’umanità.-

-Alla fine quella donna che doveva sconfiggermi ha commesso il peggiore degli errori,- disse Lucifero, -dare la possibilità a chi fosse stato in grado di usare il suo libro di nascere senza peccato. Dopo centinaia di migliaia di anni di esilio, ho dovuto attendere solo due millenni per avere la mia vendetta, LA MIA REALIZZAZIONE. E ora, con voi, finalmente il mio disegno sarà compiuto.-

Azrael fece pressione con le dita sul petto di Stefano, iniziando ad affondare la sua mano nel torace del ragazzo.

-TESTE DI CAZZO.-

Lucifero e Azrael non poterono credere ai loro occhi.

La storia arriva finalmente alla sua conclusione: cosa accade ora?

  • Appare l'arcangelo Michele (33%)
    33
  • Intervengono Vittorio e Francesco, gli amici di Stefano e Andrea (33%)
    33
  • Andrea è riuscito a liberarsi (33%)
    33
Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

23 Commenti

  • Ok ho sbagliato, non è 3 ma 4 ovviamente XD

    Comunque, chiedo scusa per il forte ritardo nel pubblicare il quarto episodio ma a causa di motivi personali non ho potuto dedicare tempo al racconto.
    Spero di di poter essere perdonato e riprenderò a pubblicare con più regolarità.
    Grazie a tutti!

      • Scoprire nel senso far apparire 😉 non esiste mai un troppo presto in un romanzo 😛
        Su l’uomo nero, cercavo di dargli un volto mentre leggevo e me lo sono un po’ immaginato come un demone , poi non so era solo una mia impressione da lettrice di Horror 🙂 Ognuno interpreta ciò che legge a suo modo, il nostro compito è quello di appassionare le persone con il nostro racconto, e tu in questo ci sai fare 🙂 a pesto 😉

  • Mi scuso per il ritardo e per non aver risposto a tutti, ma in questi ultimi 10 giorni sono stato molto impegnato col lavoro. Ora però mi sono rimesso all’opera, ringrazio tutti per i voti e i commenti e spero che il seguito della storia possa continuare a piacervi!

  • uao,che dire, è semplicemente mozzafiato,mi piace molto come scrivi … complimenti 🙂 riesci a farmi immedesimare nella scena,e, a farmi provare terrore ed angoscia pura … non vedo l’ora di leggere il seguito,questo racconto è meglio di un film horror.Bravissimo,ti seguo

  • Ero indeciso tra “Sì” e “Arriva il fratello”. Nonostante io abbia votato per la prima, spero che ci sia un pareggio tra le due, perché mi immagino che il protagonista pronunci il nome poco prima dell’arrivo del fratello. O forse era questa, la tua idea per il sì?

  • Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

    Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

    Chiudi