SILENT STREET

SILENT STREET

ORE 3:00 SILENT STREET

-no!! Non voglio morire-

-non ho sssscelta-

iniziai a correre nella nebbia della notte,pensavo di aver seminato il mio inseguitore,così rallentai,mentre diminuivo la velocità inciampai in un tombino e mi ritrovai di fronte ad uno spettacolo terrificante

-chi siete ??-

-la tua morte…-

erano 8 terribili…

ORE 15:00 SILENT STREET

-un’altra ragazza morta a silent street,c’è stata qualche testimonianza? qualcuno ha sentito qulacosa ?-

-il nome di questa via non ti dice niente signor capo ?-

-hmm  impronte ?-

-niente-

-causa della morte ?-

-sconosciuta,rinuncia non scoprirai niente,come tutti del resto-

-io non sono un vigliacco,riuscirò in questa impresa impossibile-

-prova pure capo,però sappi che colui che ha iniziato il caso prima di te è morto nello stesso modo in cui sono morte le vittime,con gli stessi simboli sul petto,con la stessa espressione tetra e con quello strano coltello infilato nel petto-

-non mi metti paura derrick,nessuno ci riesce-

ORE 20 DIPARTIMENTO DI POLIZIA DI FORKS

mi chiusi la porta alle spalle per evitare che qualcuno possa curiosare,attaccai su una parete di sughero gli unici indizi che avevo: le foto dei corpi e il luogo del delitto. Presi in considerazione ogni indizio anche stupido o insignificante. Mentre ero intento nei miei pensieri un rumore mi riportò alla realtà.. era solo il mio telefono:mi era appena arrivato un messaggio:

“io abito a milano “

chi era colui che mi aveva mandato il messaggio? Non gli diedi importanza e ritornai sulla lavagna di sughero,le luci saltarono di colpo così fui costretto ad uscire fuori dalla stanza per attivare le luci d’emergenza,quando rientrai vidi una scritta fatta con il sangue  “rinuncia al caso se non vuoi morire”

al posto di spaventarmi andai in bagno,riempii una bacinella d’acqua e pulli il muro.

wishhh wishhhhhhhh

-è solo il vento john,tranquillo –

sentii dei rumori provenire dall’atrio,eppure stavo da solo dentro il dipartimento,mentre camminavo le luci si spensero

-no,non ci voleva!-

arrivai all’atrio ma non vidi nessuno,era troppo buio per i miei occhi così di ritornare nella mia stanza per prendere una torcia,quando entrai mi sentii osservato da mille occhi,stavo con la torcia in mano,ma non avevo il coraggio di accenderla,niente mi aveva mai spaventato fino ad ora.

-ora conta John,al tre accendi la luce-

1

2

3

clic

non c’era nessuno,era stato solo un frutto della mia fantasia,il telefono vibrò intensamente,lo guardai e trovai mille notifiche,guardai e scoprii che era lo stesso messaggio,inviato però mille volte:

“abito a milano in via gluck civico 3”

mi venne un lampo di genio,guardai dove abitavano le vittime

-non è possibile,non può essere-

cosa ha scoperto l'investigatore john ?

  • le case delle vittime si incontravano in un'unico punto (14%)
    14
  • le case delle vittime collegate tra di loro formavano un pentacolo (71%)
    71
  • le case delle vittime collegate tra di loro formavano una rosa (14%)
    14
Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

72 Commenti

  1. A parere mio, la storia è appena iniziata, consiglio di continuare a descrivere tutto ciò che succede nel passato di John, per poi far esplodere tutto in un finale degno, magari con qualche tradimento da parte di qualcuno molto fidaato… chissà…

  2. Purtroppo siamo alla fine :-((( in attesa dell’ultimo capitolo voto per 11anni dopo che sicuramente svelerà anche chi è l’essere di luce ! Grazie per la tua bella storia e sono sicuro che non sarà anche l’ultima !!!

  3. sempre più interessante. mi dispiace che siamo arrivati alla fine, ma al tempo stesso sono contento, perché così dipanerò i miei dubbi. ora siamo al clou, i nodi si sciolgono. l’atmosfera è carica al punto giusto.. e credo, anzi sono sicuro il finale non deluderà, ma sarà capace di creare ulteriore aspettativa che durerà almeno fino….al prossimo racconto. ti aspettiamo Sissi!!!

  4. Oddio, non so proprio cosa votare. L’unicorno è l’unico che ho escluso. Non so proprio che fare. Credo che voterò per il mago e l’essere di luce.
    Una cosa non ho capito: ma l’essere di luce è maschio o femmina?
    A presto

  5. wow…sempre più intrigante…ci siamo, la matassa è quasi dipanata, manca poco. due puntate e finalmente conosceremo il futuro di John. dai continua così…anelo il seguito, mi toccherà aspettare però 🙁 ;-)))))

  6. Diventa sempre più interessante ed intrigante. Ora che le maglie del racconto si incominciano a dipanare il tutto assume un sapore più pieno e gustoso. Ci avvicinano alla fine è l’ansia cresce. I personaggi si cominciano a delineare e il ritmo cresce. Complimenti anche per lo stile che non lascia pause

  7. Affascinante! Sono curiosissima, più di una scimmietta :-)))
    Ho votato per il cimitero, l’uccellino è lilith che lo porta lì per veder realizzata la profezia……
    Vediamo se mi sono avvicinata 🙂

  8. io voto per l’attacco a sorpresa!
    il risultato è che John viene posseduto, intervengono Lilith e Rungadard che combattono insieme per salvarlo, Rungabard muore e Lilith perde i suoi poteri, ma John viene liberato dal demone che cerca di svelare tutta la profezia, ma sul più bello ecco che arriva il mago……..
    beh, in questo modo ho scelto tutte e tre le risposte, che dici?
    ho esagerato? scusa se l’ho fatto, ma mi sono fatta prendere dall’emozionante storia in cui ci hai trascinato.
    ed ora vediamo anche gli altri che rispondono per poter andar avanti, ti aspetto

  9. Concordo a pieno con te Sissi e Angel Romdraghi e orchi molto scontato anche se con la vasca si rischia di emulare Harry Potter! Qui però siamo sul genere horror e sono proprio curioso di vedere come segue e scelgo anche io la vasca !!!

  10. Come potrei rinunciare ad un’enorme vasca d’acqua? L’impulso di buttarmi dentro una piscina c’è sempre……..ma John farà bene a farsi un bagno o si infilerà in altri guai? Aspetto di leggerti, sono curiosa.
    Ciao

  11. ebbene, non nascondo di aspettare con ansia il seguito della storia; ogni volta un racconto nel racconto, un’evoluzione dinamica e senza fine. Una spirale di colpi di scena che alla fine riportano la trama ad un nuovo inizio…incomincio il conto alla rovescia per la prossima puntata e… ovviamente faccio il tifo per l’arrivo dei draghi 🙂

  12. Ciao a tutti,scusate se non ho risposto ai vostri commenti e non ho scritto il seguito,in questi giorni sono stata molto occupata.. Spero di scrivere il seguito il più presto possibile.Grazie a tutti per il sostegno che mi date ogni giorno,grazie ai vostri commenti mi sono venute in mente nuove fantastiche idee.
    Il mago con la faccia bruciata,chi sarà???

  13. Jhonny in realtà non appartiene alla razza umana ma é una entità superiore combattente ed ora é giunto il momento che venga a conoscenza della verità e del suo ruolo addestrandosi per una guerra più grande contro l’esercito del male di cui Lilith é solo uno dei generali!!!
    …. Jhon chi é un semplice soldato di qualcosa di più….
    Sissi continua a trasportarci ancora nel tuo fantastico racconto, e complimenti ancora per come stai crescendo!!

  14. Ciao Sissi veramente i miei complimenti! Condivido pienamente le riflessioni di Moneta i suoi consigli vedo ti sono di immenso aiuto. Tu non aspetti molto a dimostrare di aver capito a pieno la correzione e il consiglio bravissima hai un vero talento nello scrivere!
    Mi piace tantissimo il tuo modo così di getto di scrivere e narrare in maniera molto completa da catturare alla grande la nostra attenzione, la tua fantasia e libertà anche di renderci partecipi. Bella Impasse ora scegliere come continuare ……come Moneta mi intriga il personaggio del mago, ma anche dare il mio contributo ha il suo bel perché….
    Scelgo di commentare

  15. Scusa per il pareggio ma mi intriga il mago bruciato.
    Ciao Sissi!
    Veramente complimenti, hai rimosso alcuni elementi che rendevano più difficoltosa la lettura, stai riuscendo a scremare e raffinare la scrittura senza rinunciare al tuo stile personale. La domanda è: se questo grosso salto è avvenuto nel corso di un capitolo, quanto ancora puoi migliorare? Non darti limiti!
    Ciao ciao!

  16. …l’uomo incappucciato era il lato oscuro di john, la sua metà d’ombra, il lato materiale e cupo; la figura di luce era la sua metà pura, la sua parte eterea e angelica.John doveva capire che solo riunendo le sue due metà avrebbe trovato la strada per uscire e la forza per affrontare Lilith. Lui stava in un limbo in sospeso tra la luce e l’ombra, prigioniero delle sue paure eppure spinto da una forza che non conosceva, ma che sapeva appartenergli. Lui era l’unica speranza di sconfiggere il male assoluto tornato sulla terra per inquinare con i suoi malefici ogni dove ed ogni anima.. ma prima doveva trovare se stesso e spiccare il volo, sconfiggere la sua insicurezza, le sue paure più intima. Trasformare le sue debolezze in forza, un aforza pura, possente ed infinita, una spada di luce in grado di trafiggere il buio del male assoluto di cui Lilith era composta e di cui si nutriva…:-)

    • Enzik…. bella idea, ma se vuoi un consiglio non invadere troppo la scena (ci sono troppe descrizioni e troppo ampie le vedute, rischiando di spostare l’attenzione di Sissi e di noi che leggiamo il suo racconto), , scrivi il tuo libro così ci farai tremare con le tue storie. ti piace la mia proposta?
      ciao

  17. ciao!
    ecco la mia proposta
    il telefono fa biiipp biiipp, John si sbriga veloce per spegnerlo, schaicciando il pulsante…….ma improvvisamente sotto ai suoi piedi si apre il pavimento e cade giù lungo un tunnel…….
    dove arriverà? chi sarà stato? un amico? o i demoni che lo hanno scoperto?
    a te dirci dove e cosa succede
    bella sfida eh?

  18. chi è Lilith? è un caso che sia chiama come la donna prima di Eva? stai preparando qualche sorpresa? sono proprio curiosa
    e LUI chi è? un nuovo personaggio?
    aspettiamo tutti di sapere…….
    bello, mi piace!

  19. a proposito, mi piace molto il tuo modo di scrivere, appare come un qualcosa che esce da dentro, ecco perché suppongo gli errori grammaticali a volte o l’impaginazione disordinata .-)
    un consiglio, ma non sono nessuno per dirlo, quindi non mi ascoltare 🙂
    non rinunciare mai alla tua freschezza, scrivi d’impulso come ti senti, non abbandonare il tuo stile, resta originale e coerente con le tue idee, resta “disordinata” nel tuo disordine, ma poi rileggi e correggi il necessario, cosicché chi legge non deve perdersi dietro gli errori, ma nel tuo racconto per sognare con te insieme alla tua fantasia

    aspetto presto di leggere il nuovo capitolo, ciao

  20. ciao,
    anch’io scelgo la mia alternativa, che però racchiude le altre due:

    Lilith ed i demoni scompaiono all’improvviso….. John (magari con la lettera maiuscola :-)))) fa un sospiro di sollievo perché era convinto lo avessero sentito, controlla intorno la situazione e convinto che non c’è più nessuno va a vedere la macchia di sangue nero per cercare di capire.
    appena al centro della stanza si guarda intorno come in trance….si solleva da terra volteggiando su se stesso, non è padrone di se stesso e dei suoi movimenti, ma consapevole di tutto intorno a lui. eccolo che comincia a sgranare gli occhi di paura……sente dell’aria fredda ed un sibilo che fa “…….LUIIIIIIIIIIIIIIIIIII” e poi un coro di voci a seguire “E’ LUIIIIIIIIIII”
    Lilithe ed i demoni lo hanno scoperto…….

    ed ora continua tu Sissi 🙂

  21. Propongo: qualcuno trascina via John prima che venga scoperto e gli dà informazioni su ciò che ha visto.
    Ciao Sissi, rispondo qui alla tua richiesta di consigli, tieni presente che non sono certo un’autorita nel mondo della scrittura, quindi non considerarmi tale.
    Premetto che ho visto già una maggiore attenzione nel terzo cap. rispetto agli altri due. I consigli sono un po’ i soliti: leggi molto, tutto ciò che ti piace. Cerca di essere critica con ciò che leggi, ossia ragiona sul perché certi passaggi ti piacciono e altri no, ti permette di ragionare sulla struttura di ciò che stai leggendo e di capirla meglio. Leggi e rileggi molte volte ciò che hai scritto, anche a distanza di tempo, perché se leggiamo di fila più volte le letture oltre la prima tendono ad ‘assecondare’ la prima lettura: il nostro cervello tende a correggere automaticamente i refusi. Leggi lentamente, facendo marcate pause in corrispondenza della punteggiatura, ti aiuta a capire il ritmo di ciò che scrivi ed eventualmente a correggerlo se non ti soddisfa. Il resto è al di là delle mie capacità di esposizione. Se ti piace raccontare sarà tutto più facile. Personalmente, te l’ho già scritto, non amo le rigide regole di composizione, mi piacciono gli esperimenti, la punteggiatura relativamente libera, le assonanze nascoste che danno alla frase una musicalità che per molti rimane misteriosa. Ecco, la parte più difficile del cammino è proprio questa: trovare uno stile proprio, rendere coerente e costante il tuo modo di raccontare. Se ti piacciono le frasi lunghe e articolate e con ritmi particolari (ossia punteggiatura ‘strana’) cerca di capire cosa ti piace di esse. Leggile, rileggile allo sfinimento e prova a capire come renderle più incisive, più calzanti con ciò che vuoi ottenere.
    Ciao ciao
    P.S.: Sarei felice se qualche altro autore commentasse criticandolo questo mio prolisso commento, sarebbe molto utile, anche a me!

  22. La statua e ti levo dal pareggio.
    Ciao sissi.
    Altri ti hanno fatto notare di prestare attenzione ai refusi, consiglio fondamentale, purtroppo ciò che posti non lo puoi correggere in un secondo momento. Vorrei però aggiungere qualcosa: il tuo stile ha quello che definirei un ‘ritmo’ particolare. Quello che a prima vista mi sembrava semplicemente una scelta sbagliata di punteggiatura invece è più profondo, rispecchia l’agitazione e la concitazione della voce narrante in quei momenti. Tu scrivi ‘jazz’, inteso come ‘improvvisazione e ritmo’, ma ATTENZIONE: il jazz ha regole precise e stringenti e ciò che arriva alle nostre orecchie è il risultato di istinto e disciplina. Tu hai un modo di scrivere istintivo, interessante. Io ti propongo o ti suggerisco di approfondire questo aspetto, individuare degli schemi nel tuo ritmo e utilizzarli consapevolmente. Però, RI-ATTENZIONE, io sono molto aperta per quanto riguarda punteggiatura e licenze verbali, me ne concedo molte anch’io. Ma tutto deve essere coerente, per cui per farti un esempio: se metti un punto poi la maiuscola ci va. E se non ci va facci ‘capire’ perché non la stai mettendo.
    Ciao Ciao, secondo me hai moltissime possibilità di crescita, fammi sognare.

    • Grazie mille moneta,è la prima volta che scrivo,mi sono da poco affacciata su un un nuovo mondo,grazie a te ho aperto una porta verso il futuro. È proprio grazie a questi commenti bellissimi che non mi faccio scoraggiare ma anzi ogni giorno divento piú forte.Anche tu mi fai sognare… Grazie dal profondo del cuore,grazie anche che sei onesta con me: oltre a dirmi le osservazioni positive mi fai notare anche le osservazioni negative. Sono proprio quest’ultime che mi orientano sulla via della crescita.

      P.s
      Posso chiederti qualche consiglio per migliorare ancora di più i miei racconti ???

  23. Buona Seraaaaa…

    Or si dunque, che abbiamo qui?

    Allora, mi piace la tua storia. E parecchio. E’ semplice e basilare, nulla di troppo complesso eppure mi ispira, sappi che ti seguo 😉

    Unica noticina: occhio a certi orrori grammaticali 😉

    Ma per il resto, se può fare per me.

    Voto la statua, aloha

  24. Suspence e attimi di terrore psicologico, fantastico il non vedo e immagino, tutto ambientato nella notte e in ambienti nebbiosi che non lasciano nulla di scontato.
    Bella l’idea del detective così naturale nelle sue paure seppur paladino della giustizia. Continuo a seguirti Sissi !!!!

    • Un pentacolo è una stella a cinque punte,spesso associata ai riti satanici o ai riti riguardanti la magia,per capirlo basta vedere le punte,se alla base c’è solo una punta allora è utilizzat nei riti satanici altrimenti se ha due punte é utilizzata nei riti di magia bianca. Per adesso non posso svelare niente sulla storia… Mistero

Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi