Canto d’amore e di vendetta

Dove eravamo rimasti?

Anche per Ilenar è tempo di raggiungere la città. Chi incontrerà? Luna (60%)

Seline

Un bagliore in lontananza la avvisò che presto sarebbe arrivata a destinazione.

La leggenda narrava che le mura in cristallo di Amaltea, antica capitale di Korellia, furono costruite per magia in una sola notte, e rese indistruttibili dal volere divino della Dea Solmara.

Ilenar si fermò un attimo a rimirare il paesaggio, entusiasta, poi spronò al galoppo il suo destriero.

A mano a mano che si avvicinava alla meta, la via principale diventò sempre più trafficata, tanto che dovette rallentare per procedere poi a passo d’uomo.

Con il Festival d’Estate alle porte, non c’era da stupirsi di quel sovraffollamento.

Arrivata nei pressi della porta occidentale della città, Ilenar non riuscì a trattenere un moto di meraviglia osservando da vicino l’imponente Monte Fiamma, il vulcano inattivo ai cui piedi sorgeva il più importante tempio di Solmara.

Si era appena incolonnata dietro una carovana di gnomi, quando sentì una voce familiare chiamarla con insistenza.

“Ilenar! Ehi!”

Si guardò intorno, prima di scorgere il volto di sua sorella Seline sorriderle e agitare le braccia per farsi notare in quella calca disumana.

Seline! Scese da cavallo, sospirando di nostalgia.

L’ultima volta che si erano viste, erano poco più che ragazzine.

“Guarda un po’ chi si vede! La mia piccola peste” esclamò Seline raggiungendola.

“E’ bello vederti, sorella”

“Vedo che ne hai fatta di strada, da quando te ne sei andata… Però, sono sorpresa di trovarti qui: ti immaginavo una piratessa al servizio della Dama Rossa”

“Lo sono stata davvero, per un periodo. Poi, ho capito che la vita di mare non faceva per me. Tu invece? Da quanto sei una strega?”

L’abito nero e lo stemma della luna calante la distinguevano infatti come una dei maghi di Oris.

Seline le sorrise, dandosi un po’ di arie.

“Beh, ti dirò solo che mi hanno conferito il Primo Grado già da un paio d’anni”

“Conoscendo i tuoi esperimenti fallimentari con i gatti di nostra zia Clefis, mi viene quasi da pensare che te l’abbiano regalato”

Sua sorella fece una smorfia piuttosto contrariata.

“Ma che spiritosa! Noto invece che tu non hai perso la tua proverbiale sensibilità e cortesia”

“Le mie qualità sono sempre al tuo servizio” rispose lei, simulando un inchino.

Scoppiarono a ridere.

“Questo è un evento storico! Che ne dici di cercare una taverna dove alloggiare insieme?”

Ilenar esitò per un attimo. Non voleva coinvolgere Seline nei suoi affari, però forse un po’ di compagnia le avrebbe fatto bene.

Così si misero in cammino, ridendo e spettegolando lungo la via.

A causa del Festival, molti ostelli erano già al completo, così impiegarono diverso tempo prima di riuscire a trovare un paio di stanze libere.

Alla fine, raggiunsero una taverna piuttosto economica situata in un quartiere periferico.

“A quanto pare abbiamo fatto un ottimo affare!” commentò soddisfatta Ilenar, sorseggiando un boccale colmo di birra scura.

“O forse hanno deciso di abbassare i prezzi in occasione del Festival… spero solo che ne valga la pena. Sembra che qui non venga molta gente” rifletté Seline osservando la sala deserta.

Stettero per un po’ in silenzio, poi sua sorella decise di rompere il ghiaccio.

“Cacciatrice di taglie, eh? Sei qui per riscuoterne qualcuna?”

Ilenar guardò mesta il fondo del boccale.

“Diciamo di sì… anche se in questo caso verrò ricompensata solo con molta personale soddisfazione”

“Vendetta? Non è da te, Ilenar… Che mi diresti se ti chiedessi di rimandare per un attimo i tuoi propositi?”

“Spiegati meglio, Seline”

Lei sembrò un attimo in difficoltà, come se stesse ripensando a un evento piuttosto spiacevole. Arrossì.

“Mi è stato sottratto un oggetto magico, un talismano, per l’esattezza”

Era strano vederla in imbarazzo. Di solito Seline era, come lei del resto, molto sicura di sé…

“Fammi indovinare” esordì con un sorrisetto di scherno. “Dovevi custodirlo, non è vero? E te lo sei fatta fregare da sotto il naso!”

“Ehi! Io… non è vero! Comunque sia, ora non posso più tirarmi indietro. La mia gilda mi ha incaricato di ritrovarlo a qualsiasi costo… La responsabilità di quanto è successo è solo mia, però visto che ci siamo incontrate, e data la tua esperienza sul campo… insomma, ti sto chiedendo di aiutarmi”

“Mmm…questo talismano dev’essere parecchio importante. Sbaglio?” soppesò la questione giocando con uno degli ossi del pollo.

“Ilenar! Sono tua sorella, che diamine!!”

“Tesoro mi spiace, ma il mio lavoro ha un prezzo”

“E va bene! Avrai duecento grifoni”

Mancò poco che le cascasse la mascella.

“Due… cento?”

“Sì, hai capito bene” gongolò l’altra, ridacchiando sotto i baffi. “Allora, ci stai?”

Era la prima volta che qualcuno le offriva una somma così alta, ed era davvero un’occasione ghiotta… tuttavia, l’istinto le consigliava prudenza.

“Se non ti dispiace, ci penserei un po’ su. Se posso parlarti apertamente, non avevo intenzione di fermarmi qui a lungo, per cui devo capire come incastrare i miei impegni”

Seline fece una faccia poco entusiasta, ma non fece obiezioni.

Ilenar così sì ritiro, sola con i suoi dubbi.

Ci troviamo di fronte a un bivio... come proseguirà la storia?

  • Ilenar accetta la proposta. Seguiamo i pensieri e le azioni di Seline. (57%)
    57
  • Ilenar accetta la proposta. Seguiamo la vicenda attraverso gli occhi di Robyn. (29%)
    29
  • Ilenar non accetta la proposta. La seguiamo alla ricerca di Robyn. (14%)
    14

Voti totali: 7

Vota la tua opzione preferita

Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

43 Commenti

  1. Ciao!! 😀
    Mi è proprio piaciuto il modo in cui hai intrecciato le storie dei personaggi! Il momento del fatidico incontro si avvicina sempre di più e non vedo l’ora di scoprire come sarà!
    Ilenar accetta la proposta: seguiamo pensieri e azioni di Seline!
    Alla prossima!!

    • Ciao Writer, grazie mille per il commento e i suggerimenti! 😀
      Sì in effetti è vero che stona, soprattutto perché mi sono accorta che nel primo capitolo ho dato una certa impostazione anche alle imprecazioni. Non ho idea di come modificare la storia già pubblicata, ma ne terrò conto per i prossimi capitoli.
      Grazie 🙂

  2. Si salverà grazie all’ingegno.
    Troppo presto per iniziare a svelare qualcosa sul medaglione (potrà essere oggetto di interesse per Robyn, intenzionato a indagare su esso e sul tempio per la sua ballata?)
    Per il resto, bel capitolo.
    Ciao!

  3. Ciao, piacere di conoscerti! Con il mio voto “si salverà grazie ai poteri del medaglione” ho messo in pareggio le votazioni, vedremo chi vincerà! Complimenti il tuo intrecciare un racconto di fantasia con un movente amoroso mi piace molto. Ti seguo, anche perchè scrivi in un modo scorrevole e impeccabile che cattura. A presto!

  4. Ora vorrei leggere il punto di vista di Robyn.
    Ciao, è la prima volta che ti leggo e devo dire di non essere particolarmente propensa a leggere fantasy quando non conosco l’autore in questione 🙂 ma il tuo modo di mostrare mi piace, ti si legge in modo scorrevole e il personaggio è già ben delineato. Ti seguirò.

Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi