IL CODICE MAIGRET-MALERBA

Dove eravamo rimasti?

A Venezìa Lambertì ìncontrerà Leone o Leon? Leon Pauly, pìttore (75%)

LE CUGINE PAULY

Quando è nato ìl Florìan, prìmo caffè d’Europa, non c’ erano pìccìonì ìn pìazza San Marco, ma c’era tutta Venezìa a drogarsì e bearsì con la nuova bevanda turchesca. Quando ìl Leon che ìn sotoportego, semìnascosto da una colonna delle Procuratìe da cuì fa capucella, osserva e spìa ìl Duchìno che sorseggìa ìl suo caffettìno al tavolìno all’aperto del Florìan era studente d’Accademìa s’ìnnamoro’ come se dìse perdutamente dì una cugìna dì Mìlano; adesso che è un pìtor bell’e maturo (per la Bìennale aì Gìardìnì o per un’eterna sìesta a San Mìchele?) s’è ìncaprìccìato dì un’altra cugìna, ragazzìna sìa rìspetto a luì che alla precedente, la Pauly zìa dì questa Sophìa. Quando a una Bìennale d’arte del dopoguerra fu ìnvìtato ìl Carpanìnì deglì arlecchìnì, Gìorgìo all’ ìnaugurazìone cì avrebbe voluto portare la Antho Colombo, ma sì dovette accontentare dì portarcì un rìtratto pìttato a memorìa della Colombo raffìgurata al Florìan ìn surreal compagnìa dì una pennuta maschera dì colombo (olìo su tela, 40×70).                                                                                                                              – Quando seì arrìvato, Lambertì?-.                                                                                         S’era così appalesato a Lamberto ìl Leon Pauly venezìano. Aveva messo subìto le manì avantì: ìl rìconoscìmento del Lambertì assìso al Florìan era avvenuto grazìe a un’ ìnformatìva (“ma come parla questo, come un pulotto?”) fotografìca (ìn formato jpg) del Lambertì stesso rìcevuta dal Palearì, con ìl quale era ìn effìmero rapporto grazìe a Margot, con la quale Margot del resto era stato messo ìn occasìonale contatto…chìssà da chì. Per arrìvare rapìdamente al dunque, luì, ìl Pauly…ìl Pauly artìsta non del tutto sconoscìuto e non abbastanza noto è entrato ìn questa faccenda, tutt’ora pìù oscura che chìara, ìn quanto cultore del Malerba, pur essendo dì suo dì tutt’altra scuola, epìgono cìoè dell’espressìonìsmo astratto e ìn partìcolare dì Jackson Pollock, dell’actìon paìntìng e del drìppìng.                                                                                                                    – Malerba me ìntrìga e ìn partìcolare le so done -: vale a dìre, le sue donne, le sue modelle, per tradurre l’accento del Leon che pareva pìù compìacìuto, voluto, ìnventato, che connaturato. Dalla seduta al Florìan con Leon Pauly ìl Duchìno rìcavo’ non poche news sulla formosa Femmìna Volgo del mìlanese Gìan Emìlìo Malerba; questo prìma dì fìlare ìn Santa Marìa Formosa, scolate alcune grappe messe ìn conto a Lamberto (-A buon rendere!-), per raggìungere a RugaGìuffa un amìco ìnsìeme al quale pìzzare e sbìrrare ìl prìmo ìmpegno dell’ ìtala Nazìonale aglì Europeì dì calcìo ìn Francìa contro la formazìone belga. Pagata la dolorosìssìma “dolorosa” del Florìan, Lambertì pure s’ìncammìna verso ìl suo hotel ìntenzìonato a seguìre la dìretta pedatorìa su Raì1, salvo esser colto dì sorpresa dalla presenza ìn camera dì Margot Maìgret, avute le chìavì dal concìerge spaccìandosì per Madame Lambertì.                                                                                                                                                     – Non tì dìspìace, vero, Lambert? Del resto, seì stato tu a dìrmì che potreì dìventare la tua terza moglìe. Ah, non preoccupartì per la partìta, che la voglìo vedere anch’ìo -.                                                                                                                                                                                                                                                                                                            Come capìta sempre con glì Azzurrì, all’ìnìzìo del match seì tentato dì parteggìare per glì avversarì: forza Belgìo , che ì “nostrì” son solo deì gobbaccì ìn Nazìonale, a partìre dal Buffon; poì, pero’, al prìmo passaggìo azzeccato, ìl tìfo sì accede dì patrìottìca emozìone e ìl 2 a zero rìfìlato aì fìammìngo-vallonì scateno’ la commozìone che cì fa tuttì Mamelì. Anche Margot, che è per lo pìù francese, sì macaronìzza d’entusìasmo. Nel dopo partìta, la sìgnorìna Maìgret consumerà solo una spumeggìante cena ìn camera, oppure anche nozze carnalì sul talamo della medesìma con ìl nerazzurro, nella cìrcostanza tutto azzurro, Duchìno?                                                               Aspìrando glì ultìmì peocì, ì due amìcì ìn Ruga Gìuffa festeggìarono la vìttorìa alla venezìana, lardellando ì commentì alle azìonì dì gìoco con frequentì esclamazìonì: che sbora! Per assocìazìone dì ìdee, ìl Leon Pauly , ormaì ebbro d’ombre, ìncubo’ una nuova opera che avrebbe cìtato ìnsìeme ìl Manzonì Pìero e ìl Fontana Lucìo. Poì magarì al rìsveglìo se ne sarebbe desmentegato. Se la sbornìa onìrìca consumerà ìl seme dell’ arte da spargere su tela monocroma ìn una polluzìone stappata ìn brìndante trìbuto alla gìovane Sophìa pìmpante.

Nel dopo partìta, la sìgnorìna Maìgret consumerà solo una spumeggìante cena?

  • Sarà ìl Duchìno ad avere un problema (50%)
    50
  • Anche le sue nozze col Duchìno (0%)
    0
  • Solo una cena "ostrìche e champagne" (50%)
    50
Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

34 Commenti

  1. Solo una cena…
    scusa, ho portato in parità il verdetto… ma puoi sempre sbloccarlo tu col tuo voto. 😉
    Splendide descrizioni … dovresti smettere di seguirmi in silenzio e lasciarmi un commento dei tuoi, per come scrivi sarei curiosa di scoprire come interpreti una scrittura così povera rispetto alla tua… cioè la mia 🙂

  2. Ho votato “sarà il Duchino ad avere un problema.”
    Duchino quindi è nerazzurro? E già mi è simpatico allora.

    “Come capìta sempre con glì Azzurrì, all’ìnìzìo del match seì tentato dì parteggìare per glì avversarì: forza Belgìo , che ì “nostrì” son solo deì gobbaccì ìn Nazìonale, a partìre dal Buffon; poì, pero’, al prìmo passaggìo azzeccato, ìl tìfo sì accede dì patrìottìca emozìone e ìl 2 a zero rìfìlato aì fìammìngo-vallonì scateno’ la commozìone che cì fa tuttì Mamelì.”
    Qui hai colto proprio nel segno!

  3. Leon Pauly. Mi piace davvero il modo in cui scrivi, è un barocchismo intriso di una leggera punta di narcisimo e tanto gioco della scrittura. Uso il termine barocchismo nella sua accezione più positiva, è un complimento cribbio ! Per me vuol dire che c’è la giusta armonia di gioco e talento =)

Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi