IL CODICE MAIGRET-MALERBA

Dove eravamo rimasti?

Nel dopo partìta, la sìgnorìna Maìgret consumerà solo una spumeggìante cena? Solo una cena "ostrìche e champagne" (50%)

FATE LA NANNA COSCETTE DI POLLOCK

 E ì carosellì? Toccandosì le palle per scaramanzìa, ma se dovessìmo poì vìncerlì ‘stì Europeì, se ìl buon gìorno sì vede dal mattìno e vìa dìscorrendo dìscorsì da bar sport, come la mettìamo con ì carosellì a Venezìa? Sìrene dì vaporettì a tutto andare, d’accordo, ma ìn gondola come sì fa ìl paparapapa?”: e vìa ponzando ìl Lambertì gasato dalla vìttorìa suì Belgì, fìn che, tutto d’un tratto, così, all’ ìmprovvìso, con la spìnta propulsìva dì hoolìgans ìnfurìatì/ìnfoìatì le ostrìche ìn precedenza ìngoìate (fossero state dì Ostenda?) sì rovescìano dalla dìgestìone dì Duchìno su ìn bocca, tanto che ìl malcapìtato non rìesce a trattenerle e le rovescìa fuorì ìn un’epìca eruzìone vomìca da set dì comìca muta…non è proprìo ìl prelìmìnare seduttìvo che sì aspettava Margot Maìgret! Sveglìatosì sul dìvano televìsìvo dell’ amìco presso Santa Marìa Formosa con manì da sogno o son desto ìnfìlate ìn ognì accesso/anfratto della dì cognome omonìma cugìnetta Pauly, ìl Leon, ìn preda ad urgenza creatìva, sì precìpìto’ al suo studìo poco dìstante dal palazzo Venìer deì Leonì, gìà abìtazìone della Peggy Guggenheìm eppoì sede della sua collezìone. Approdato al suo antro bohemìen, ìl pìctor con una mano se lo meno’, con l’altra preparava la tela e ìntanto con la fervìda mente se la menava sul cìtazìonìsmo: la merda d’ artìsta del Pìero Manzonì, gran collega a suo tempo omaggìato con un fìore strappato da un’ aìuola comunale e deposto sotto la lapìde ìndìcante lo studìo del Maestro Mìlanese ìn vìa Fìorì Chìarì, a Brera, allusa da altra sostanza corporale ìncorporata con lo zampìllare della fontana fallìca al total whìte stìle Lucìo Fontana (altra stazìone della Vìa Artìs: lo studìo dell’argentìno spazìale ìn corso Monforte) corredato dì taglìo vagìnale. Pìttando e perfromando, Leon Pauly rìcordo’ un’altra tappa del tour meneghìno: Casa Marìnettì ìn corso Venezìa, dove spesso sì rìtrovavano chez Fìlìppo Tommaso la Sarfattì e altrì futurìstì e futurìbìlì, tra cuì ìl Malerba. L’esìle, apparentemente fragìle, solìdìssìma Margot Maìgret, non dìversamente dalla stragrande maggìoranza della compagìne femmìnìle dell’umanìtà, sublìma la coazìone, quando non coerìcìzìone, alla maternìtà con presunta, ìndotta vocazìone alla pronta assìstenza ìnfermìerìstìca al maschìo ìn dìffìcoltà: ecco Lambert rìpulìto e coccolato. – Cose che capìtano, Lambert –                                                            – Mì capìta per vìa dì una…-                                                                                                                                                 – Non devì gìustìfìcartì, Lambert –                                                                           -… dì una…non mì sto gìustìfìcando: spìego…. per vìa dì una ìntossìcazìone da ostrìche occorsamì a Mìlano parecchì annì fa, dove la mìa seconda moglìe ed ìo…- ed è così che acrobatìcamente ìl Duchìno rìesce a recuperare con l’allusìone conìugale un certo clìma mìnìmamente sessuale con la crocerossìna dì turno, che tuttavìa cambìa dìscorso.                                                                                                                                – Mì sa che dovremo andare quanto prìma a Mìlano, a proposìto dì Mìlano, Lambert -. “Se rìpete un’altra volta Lambert…”.                                                                  – E’ per vìa del Malerba, Lambert -. “Ecco!”.                                                                                                             – Che freqentava, ìl Malerba, dìco, Margherìta Sarfattì, la pìgmalìona del Duce Mussolìnì, chez Marìnettì a Mìlano: tu haì compreso, Lambert? – . “Quello che non ho ancora compreso, francesìna, è che cosa o chì stìamo cercando”. Leon Pauly… ma chì è questo Leon Pauly? Un pìttore ebreo venezìano epìgono dì Jackson Pollock e basta? E Sophìa Pauly…e prìma ancora l’altra Cugìna Pauly …chì sono queste due, solo due belle donne dallo sguardo bìrìchìno?                                                                                                         – Quello che non mì è ancora chìaro, Margot è chì o che cosa stìamo cercando –                                                                                                             – Non te l’ha detto Leon?-. “Almeno ha smesso dì chìamarmì Lambert”.                                                                                     – E Palearì, non haì parlato con Palearì, Lambert?-. “Eh no, non puo’ proprìo farne a meno”. – Forse Leone Palearì cì ha precedutì e adesso è gìà a Mìlano. Te la sentì dì partìre subìto, Lambert?- – Com’è che conoscì Palearì, Margot ? Per caso conoscì anche una certa Shìrley? – – Solo dì fama, lavorìamo ìn campì sìmìlì, ma dìversì – – Come haì fatto a capìre subìto a quale Shìrley alludevo, Margot?- – Staì davvero meglìo, detectìve: possìamo partìre-.                           Ma davvero a Roma davantì alle Maschere del Malerba questì due sì sono ìncontratì per caso?

Ma davvero a Roma davantì alle Maschere del Malerba Margot e ìl Duchìno sì sono ìncontratì per caso?

  • sì e no (100%)
    100
  • no (0%)
    0
  • (0%)
    0
Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

34 Commenti

  1. Solo una cena…
    scusa, ho portato in parità il verdetto… ma puoi sempre sbloccarlo tu col tuo voto. 😉
    Splendide descrizioni … dovresti smettere di seguirmi in silenzio e lasciarmi un commento dei tuoi, per come scrivi sarei curiosa di scoprire come interpreti una scrittura così povera rispetto alla tua… cioè la mia 🙂

  2. Ho votato “sarà il Duchino ad avere un problema.”
    Duchino quindi è nerazzurro? E già mi è simpatico allora.

    “Come capìta sempre con glì Azzurrì, all’ìnìzìo del match seì tentato dì parteggìare per glì avversarì: forza Belgìo , che ì “nostrì” son solo deì gobbaccì ìn Nazìonale, a partìre dal Buffon; poì, pero’, al prìmo passaggìo azzeccato, ìl tìfo sì accede dì patrìottìca emozìone e ìl 2 a zero rìfìlato aì fìammìngo-vallonì scateno’ la commozìone che cì fa tuttì Mamelì.”
    Qui hai colto proprio nel segno!

  3. Leon Pauly. Mi piace davvero il modo in cui scrivi, è un barocchismo intriso di una leggera punta di narcisimo e tanto gioco della scrittura. Uso il termine barocchismo nella sua accezione più positiva, è un complimento cribbio ! Per me vuol dire che c’è la giusta armonia di gioco e talento =)

Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi