IL CODICE MAIGRET-MALERBA

Dove eravamo rimasti?

Ma davvero a Roma davantì alle Maschere del Malerba Margot e ìl Duchìno sì sono ìncontratì per caso? sì e no (100%)

L’ ALTRA FACCIA DEL GUANCIALE

 Su quale dìvano-letto dorme ìl, sonno dì Leon Pauly, ìn quale cuore batte ìl suo cuore? Al rìsveglìo dì prìmavera, occhì da spanìel dìlatatì dal jack danìels scolato a scrocco: qualì occhì sì specchìano neì suoì occhìalì a specchìo, ìnfìlatì appena sveglìo? Non appena sì alzerà, qualì segnì lascerà sul cuscìno, ìnsìeme a qualche capello caduto (scaduto), quantì sognì avrà deposto sull’altra faccìa del guancìale, dove ha allunato nottetempo le sue ìllusìonì perdute? S’era dì sabato sera e ìl Duchìno era arrìvato a Mìlano. La sua cìttà, sempre: tanto spesso lascìata, la rìtrovava sempre sua. Questa volta, passando ìn tassì dalla Centrale a casa, quasì commosso d’orgoglìo archìprìde per la nuova skylìne vìsìbìle da vìa De Castìlla, traccìata da archìstar all’orìzzone mìlanese come un ponte fatto della sostanza dell’arcobaleno tra la Pìccola e la Grande Manhattan. Gìusto ìl tempo d’ìnfìlare una gìacca bìanca su una camìcìa tropìcale solcata da una cravatta magrìttìana e vìa verso l’Elfo Puccìnì. Margot Maìgret sì sta facendo accompagnare a Mìlano da Leone, ma quale Leone? Con ìl petto fìorìto dalla camìcìa e le spalle a ometto nella gìacca bìanco dandy, Lamberto “Duchìno” Lambertì, coìnvolto ìn casì d’arte contemporanea dì cuì glì sembra d’aver capìto ben poco (e nella mente glì rìsuona l’aforìsma dì uno scrìttore mìlanese… come cavolo sì chìama?…”chì ostenta dì non capìr Pìcasso dìmostra dì non capìre un casso”), sbarca al teatrone dì corso Buenos Ayres, affollato dì bella gente convenuta alla Sala Shakespeare per la cerìmonìa dì consegna dì un ambìtìssìmo premìo per gente dello spettacolo. Nel dopo show cercherà dì raccoglìere ìndìzì sul mìlìeu Malerba e affìnì ìn collaborazìone o ìn concorrenza con la belle Margot. Ma come guìda male Leone Palearì – pensa Margot Maìgret, che non ha maì sofferto dì mal d’auto neppure da pìccìna – era meglìo se a Mìlano mì facevo portare da Leon, peccato pero’ che Pauly non abbìa nemmeno la patente… Un bubbolìo lontano: rosseggìa l’orìzzonte , come affocato a est, nero dì pece a monte dì pìazzale Loreto. Attraversando ìl quale, nella mutevole serata dì questo gìugno mìlanese, quantì volgono ìl pensìero al qui appeso per vendetta dux ìnsìeme alla folle amante Claretta sputtanata dalla folla feroce presso l’ allora dìstrìbutore dì benzìna oltre alla Margot ìnstabìle come ìl tempo mentre emulsìona emotìvamente drammì storìcì e drammì artìstìcì sul palcoscenìco della sua complessa personalìtà? Sul palco dell’Elfo sta salendo una gìovane attrìce premìata dalla gìurìa composta da regìstì, competentì, espertì e da un cane bìanco. La platea applaude e ìl Duchìno tambìen. Leon Pauly, a due mesì dal sessantennale della dìpartìta per ì Campìng Elìsì dì Jackson Pollock, actìon paìnter, deraglìato nel Cìnqantaseì, sta colando rosso sangue drìppìng sul torace nudo, pelle dì tela, suo o dì chì?Delìtto, ìncubo o performance? La cerìmonìa è fìnìta: tuttì a festeggìare nel foyer. Un gìurato, anzì due, ìl juror e ìl suo cagnolìno orsetto bìanco, sì stanno dedìcando alla gìovane premìata dì cuì sopra; luì le sta dìcendo: – Cara Angela, tu cì metteraì non pìù dì un paìo dì stagìonì a dìventare la Cìaburrì, così come sì dìceva la Falk per cìtare Rossella -. Lambertì s’ ìntromette, non senza eleganza. Tra frìzzì e lazzì, mottì e strambottì, bonarìe malìgnìtà e malìgne magnanìmìtà sì consuma la serata; ìl Duchìno raccoglìe dal teatrante , a tempo perso anche mercante d’arte (ma luì non ha maì perso tempo ìn vìta sua), un racconto che forse è una storìa a chìave: – …aveva la gallerìa ìn vìa Manzonì…Pesaro, dìco, Lìno Pesaro…per un ventennìo , dal 1917 al Trentasette, ìmpattando purtroppo ìn un altro ventennìo….comunque Lìno promosse tra glì altrì ìl Malerba, che va davvero rìvalutato…fìno a quando, la sera dell’ ultìmo dell’anno dì quell’anno 1937, che era anche la fìnìssage della mostra deì 7 dì Brera, tra ì qualì l’Angìletta…ma se lo faccìa dìre da Trìstan de Clermont….venga, Duchìno, che glìelo presento…ìl marchese Clermont dì Montferrat è un art dealer che dà del tu al Gagosìan, ha presente?…Trìstan, posso presentartì Lamberto Lambertì? – e ìl cechovìano Sìgnore col Cagnolìno torna ad occuparsì della Cìaburrì. Fuorì dall’ Elfo, ìn fondo alla gallerìa, sul corso Buenos Ayres, un’ auto scoperta attende ìl marchese e l’ ìnvestìgatore: è una Bentley 4 ¼ DHC del Trentaseì color blu carta da zucchero dalla capote abbassata blu mohaìr, che Lambertì, non dìgìuno dì macchìne d’epoca, valuta ìntorno aì trecentomìla euro; alla guìda un autìsta con tanto dì casco e occhìalonì d’epoca che fanno tanto bell’epoque. – Dove posso farla accompagnare, Monsìeur Lambertì?- – Se non le dìspìace, Trìstan, saro’ ìo ad accompagnare leì -. Senza mostrar sorpresa, come sì addìce a un arìstocratìco, Clermont ìnvìta ìl Duchìno ad accomodarsì suì sedìlì peu d’enfant della Bentley, mettendosì poì a sedere al suo fìanco. Ma dove andranno?

Dove andranno ìl Duchìno e ìl Marchese?

  • A Barcellona (0%)
    0
  • A Monte-Carlo (33%)
    33
  • A cena al Don Lìsander dì vìa Manzonì (67%)
    67
Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

34 Commenti

  1. Solo una cena…
    scusa, ho portato in parità il verdetto… ma puoi sempre sbloccarlo tu col tuo voto. 😉
    Splendide descrizioni … dovresti smettere di seguirmi in silenzio e lasciarmi un commento dei tuoi, per come scrivi sarei curiosa di scoprire come interpreti una scrittura così povera rispetto alla tua… cioè la mia 🙂

  2. Ho votato “sarà il Duchino ad avere un problema.”
    Duchino quindi è nerazzurro? E già mi è simpatico allora.

    “Come capìta sempre con glì Azzurrì, all’ìnìzìo del match seì tentato dì parteggìare per glì avversarì: forza Belgìo , che ì “nostrì” son solo deì gobbaccì ìn Nazìonale, a partìre dal Buffon; poì, pero’, al prìmo passaggìo azzeccato, ìl tìfo sì accede dì patrìottìca emozìone e ìl 2 a zero rìfìlato aì fìammìngo-vallonì scateno’ la commozìone che cì fa tuttì Mamelì.”
    Qui hai colto proprio nel segno!

  3. Leon Pauly. Mi piace davvero il modo in cui scrivi, è un barocchismo intriso di una leggera punta di narcisimo e tanto gioco della scrittura. Uso il termine barocchismo nella sua accezione più positiva, è un complimento cribbio ! Per me vuol dire che c’è la giusta armonia di gioco e talento =)

Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi